Hyundai solidifica gli hard disk

Presentata la sua prima famiglia di dischi a stato solido con formato da 2,5 e 3,5 pollici, gli stessi che offrirà come opzione in tutti i suoi futuri modelli di notebook

Roma - Anche nell'offerta di Hyundai ImageQuest Italy (HII) si fanno spazio i dischi a stato solido (SSD), che l'azienda sta introducendo sia come opzione per tutti i suoi modelli di notebook, sia come prodotti a sé stanti rivolti per lo più al mondo professionale, aziendale e industriale.

I dischi flash distribuiti in Italia da HII sono prodotti dalla coreana Mtron e adottano i due form factor oggi più diffusi: quello da 3,5 pollici, utilizzato nei server standard e nei sistemi desktop, e quello da 2,5 pollici, tipico invece di notebook, server blade e UMPC. L'interfaccia adottata è quella SATA, che rende questi dischi compatibili con la stragrande maggioranza dei PC oggi sul mercato.

Tutti gli SSD venduti dall'azienda hanno una velocità di lettura di 100 MB/s, una velocità di scrittura di 80 MB/s, e un tempo medio di accesso ai dati di 0,1 ms, che il produttore afferma essere "circa 80 volte più veloce di un buon hard disk".
Tali performance collocano questi drive nel segmento di fascia alta, ma ciò si traduce anche in prezzi non certo mainstream: i modelli da 2,5 pollici, disponibili nei tagli da 16 e 32 GB, costano rispettivamente 669 e 999 euro nella versione con chassis in alluminio e 429/799 euro nella versione in plastica. Il prezzo dei modelli da 3,5 pollici, disponibili esclusivamente con case metallico, è invece di 699 euro per la versione da 16 GB, di 1049 euro per 32 GB e di 1899 euro per 64 GB. HII indirizza quest'ultimo modello al settore industriale, elettromedicale e militare.

"Destinati a modificare le prestazioni dei computer di prossima generazione, e a sostituire i vecchi hard disk tradizionali, i nuovi drive basati su memorie flash risultano essere non solo più stabili, leggeri e veloci dei dischi meccanici, ma hanno anche una maggiore durata, un consumo di energia ridotto e una minore dispersione di calore, rendendone l'utilizzo particolarmente adatto su PC e notebook destinati ad un utilizzo professionale", si legge in un comunicato di HII.

Il prezzo degli SSD è ancora troppo elevato perché questa tecnologia possa diffondersi sul mercato consumer, ma gli analisti sono concordi sul fatto che sia soltanto questione di tempo prima che le memorie flash scendano drasticamente di prezzo e invadano anche il mercato dei notebook. Nel segmento desktop, invece, i dischi flash sono destinati a rimanere una soluzione di nicchia ancora a lungo: oltre alla questione costi, va considerato che alcuni dei maggiori vantaggi forniti dagli SSD - bassi consumi, bassa dispersione di calore e alta resistenza agli urti - sono assai meno ricercati in questo segmento.
24 Commenti alla Notizia Hyundai solidifica gli hard disk
Ordina
  • Sarebbe ottimo con linux, usare l'hd solido per gli applicativi ed i files di configurazione, ed usare un disco convenzionale come directory /home con tutte le sue sottodirectory...
    Credo che si potrebbe guadagnare molto a livello prestazionale, soprattutto di boot ed avvio applicazioni.
  • Ciao a tutti,
    per cio' che riguarda le flash, so per certo che esiste un numero massimo di scritture possibili sulle pen drive.
    Questo concetto e' valido anche per dischi a stato solido di cui si parla?
    Saluti
    M.S.
  • - Scritto da: mausan
    > Ciao a tutti,
    > per cio' che riguarda le flash, so per certo che
    > esiste un numero massimo di scritture possibili
    > sulle pen
    > drive.
    > Questo concetto e' valido anche per dischi a
    > stato solido di cui si
    > parla?

    certo... è è valido anche per gli Hard Disk "classici"... lascio a te la ricerca e il confronto dei numeri
    non+autenticato
  • PEN DRIVE (cioè SSD) da 16GB si trovano in commercio a prezzi 6 volte inferiori da quelli indicati nell'articolo.

    E' possibile che ci sia un errore di battitura e, forse, uno zero in meno nelle dimensioni dei dischi SSD che Hyundai vuole infilare nei suoi portatili?

    Oppure sono i prezzi ad essere errati?

    Scritto cosi' mi pare strano.

    Saluti

    G.T:
  • - Scritto da: Guybrush

    o forse una pen drive ha caratterische un pochettino diverse...

    > PEN DRIVE (cioè SSD) da 16GB si trovano in
    > commercio a prezzi 6 volte inferiori da quelli
    > indicati
    > nell'articolo.
    >
    > E' possibile che ci sia un errore di battitura e,
    > forse, uno zero in meno nelle dimensioni dei
    > dischi SSD che Hyundai vuole infilare nei suoi
    > portatili?
    >
    > Oppure sono i prezzi ad essere errati?
    >
    > Scritto cosi' mi pare strano.
    >
    > Saluti
    >
    > G.T:
    non+autenticato
  • - Scritto da: marotfl
    > - Scritto da: Guybrush
    >
    > o forse una pen drive ha caratterische un
    > pochettino
    > diverse...

    Cambia l'interfaccia, ma anche cosi' 700 eur per 16GB sono 23 eur/MB, troppi per competere con le offerte della concorrenza, mi sembra strano e non e' la prima volta che P.I. pubblica notizie da verificare meglio.

    Adesso non ho tempo, magari stasera.

    G.T.
  • guarda il transfert rate!
    le pendrive è tant se arrivano a 20mb/s
    non+autenticato
  • Come si rompono queste nuove memorie di massa?
    Iniziano a non leggersi piu' delle locazioni?
    Me ne posso accorgere? Oppure mi esplode il sw
    e allora devo fare badblocks per scoprire dove
    fa cilecca?
    Ha senso un raid-mirrr o finisce che deperiscono
    piu' o meno allo stesso tempo e ne "consumo" solo
    due invece che una e i dati li perso lo stesso?
    Quanto durano mediamente?

    [Polemico mode ON]
    Punto informatico potrebbe raccontare qualcosa
    di piu' degli annunci dei produttori...
    [Polemico mode OFF]
    non+autenticato
  • il raid 0 ha più senso che mai, dato che il tallone d'achille degli ssd dovrebbe essere il transfert rate (non in questo caso), e con il raid migliori la situazione non poco. anche supponendo di aumentare un poco le latenze, lo scadimento sarebbe minimo considerando i tempi di accesso infimi di questo tipo di memorie

    il raid 1 aumenta la sicurezza, quindi è adatto alla protezione di archivi di dati sensibili. io non userei questi dischi super performanti per archiviare dati!
    certo che in ambito server è un altro discorso, ma allora bisogna sottolineare che le capienze sono ancora limitate. secondo me si potrebbe fare uno stripe raid0 di questi dischi messi in raid1 con un paio di grossi dischi tradizionali
    non+autenticato
  • Ok, ma da quel che so non ha senso deframmentare le flash visto che il controller o chi per lui deve distribuire fisicamente le scritture per far "consumare" in maniera uniforme le singole unita' di allocazioni di memoria. Percio' mi chiedo se ha senso parlare di deframmentare un disco. Non di certo per aumentare la velocita' di lettura-scrittura visto che non c'e' latenza (overhead meccanico) ma forse (forse) nemmeno per un eventuale recupero di files cancellati se la rimappatura (cluster logico-cluster fisico) non e' uniforme dal punto di vista logico, overo se non solo fisicamente, ma neppure LOGICAMENTE 2 blocchi non sono consecutivi. Ho etto una cavolata? Che ne dite?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gino

    ma con chi ce l'hai? Nessuno qui ha parlato di frammentazione... inoltre la frammentazione è un concetto che per certi sistemi operativi (e con certi FS) non esiste

    > Ok, ma da quel che so non ha senso deframmentare
    > le flash visto che il controller o chi per lui
    > deve distribuire fisicamente le scritture per far
    > "consumare" in maniera uniforme le singole unita'
    > di allocazioni di memoria. Percio' mi chiedo se
    > ha senso parlare di deframmentare un disco. Non
    > di certo per aumentare la velocita' di
    > lettura-scrittura visto che non c'e' latenza
    > (overhead meccanico) ma forse (forse) nemmeno per
    > un eventuale recupero di files cancellati se la
    > rimappatura (cluster logico-cluster fisico) non
    > e' uniforme dal punto di vista logico, overo se
    > non solo fisicamente, ma neppure LOGICAMENTE 2
    > blocchi non sono consecutivi. Ho etto una
    > cavolata? Che ne
    > dite?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)