Alfonso Maruccia

New Mexico, tassa antiobesitÓ sui videogiochi

Ancora strali anti-adipe negli States: per spingere i giovani al movimento fisico non c'Ŕ nulla di meglio che tassare i videogiochi

Roma - Che giocare con la console o guardare la televisione tutto il tempo favoriscano l'ingrassamento precoce è un fatto che molti danno per scontato, e c'è chi lo usa come capro espiatorio. Nello stato USA del New Mexico si vuole nascondere il problema dell'obesità dietro una nuova tassa sui videogiochi. Gli introiti, si dice, potrebbero andare a specifici programmi di educazione fisica nei parchi.

A promuovere l'idea sono 12 organizzazioni ambientaliste, scrive l'Huffington Post, ma tutto è partito da un'idea del gruppo Sierra Club: secondo gli ideatori, basterebbe tassare di un misero 1% televisione e videogame, un balzello che i diretti interessati non sentirebbero nemmeno, per raccogliere 4 milioni di dollari all'anno utili a far uscire allo scoperto i pingui fondoschiena dei ragazzini, per spingerli ad imparare la storia del faggio e sviluppare una sana e naturale allergia alle graminacee.

La situazione dell'educazione ambientale, giù nel Nuovo Messico, appare problematica: secondo le stime ufficiali, sebbene l'80% dei bimbi sovrappeso viva a mezz'ora da un parco statale, solo il 10% di loro ne ha mai visitato uno. E questo a fronte dell'indubbio effetto positivo su corpo e mente di un giro tra alberi e scoiattoli cioccolatomani.
Il movimento Leave No Child Inside ha catalizzato una certa attenzione nel corso dell'ultimo anno, e ora più di 40 organizzazioni del Nuovo Messico premono per una maggiore promozione dell'educazione "outdoor", fuori dalle aule scolastiche e a diretto contatto con la natura. Sui giornali si parla di non meglio precisati studi sui collegamenti esistenti tra "la crescente quantità di tempo che i ragazzi spendono guardando la tv o giocando ai videogame e i risultati scolastici mediocri, l'obesità, e l'aumento di disordini e deficit dell'attenzione".

Certo, visti i precedenti, il percorso di Leave No Child Inside appare tutto fuorché in discesa: delle varie iniziative che hanno provato e provano a tassare i videogame in favore di attività più salutari e istruttive fa un piccolo sunto GamePolitics.com, riportando tra l'altro il precedente del fallimento di una proposta legislativa simile proprio nel New Messico, nel 2007.

Alfonso Maruccia
12 Commenti alla Notizia New Mexico, tassa antiobesitÓ sui videogiochi
Ordina