Alfonso Maruccia

Riconoscimento del volto, siamo alla svolta?

La promettono alcuni studiosi scozzesi, che dichiarano di aver scovato il segreto per il riconoscimento degli individui dal loro volto. Con successi nel 100 per cento dei casi

Roma - La biometria facciale, la capacità degli apparati tecnologici di individuare le persone partendo da immagini e algoritmi di sintesi su una base di volti noti, potrebbe presto acquisire una maggiore efficacia. Uno studio dei ricercatori della Università di Glasgow, Scozia, lascia intravedere la possibilità di un drammatico incremento della capacità di riconoscimento dei volti grazie all'implementazione di immagini intermedie, sistema che a parere degli studiosi mima quello impiegato dalla mente umana.

riconoscimento del voltoIl lavoro degli universitari scozzesi metterebbe dunque fine alle perduranti polemiche sulla crescente pervasività degli apparati biometrici facciali, adoperati dalle autorità nonostante la loro efficacia sia tutto fuorché a prova di errore e non sia nemmeno lontanamente paragonabile a quella umana.

Prima di applicarsi ai software di riconoscimento biometrico, i ricercatori inglesi hanno lavorato a uno studio secondo il quale il cervello basa la propria capacità di individuazione dei volti sulla sintetizzazione di una media tra tante immagini della stessa faccia. Partendo da "scatti" mnemonici diversi degli stessi tratti somatici, sostengono i ricercatori, la mente umana genera una figura composita in grado di eliminare i possibili fattori di disturbo nel riconoscimento, come un diverso angolo di visione o i mutati riflessi luminosi dell'ambiente.
Per il loro nuovo lavoro appena pubblicato su Science, gli esperti inglesi non hanno fatto altro che applicare i risultati ottenuti in precedenza a un noto software biometrico, aumentando a loro dire "l'accuratezza di un algoritmo di riconoscimento facciale standard dell'industria dal 54% al 100%, portando l'eccellente performance della consueta familiarità umana a un sistema automatizzato".

riconoscimento del voltoPiuttosto che pensare a sviluppare un software personalizzato, i ricercatori hanno dunque applicato il frutto delle loro ricerche a una versione online del sistema FaceVACS, sviluppato dalla tedesca Cognitec Systems e impiegato nei sistemi di riconoscimento biometrico installati negli aeroporti. Per i test sono state utilizzate circa 500 immagini di 25 individui diversi.

Impiegando immagini singole, sostiene lo studio, l'accuratezza del sistema è largamente dipendente da quante immagini della stessa persona sono presenti nel database: con sette immagini l'accuratezza del riconoscimento è stata calcolata nel 16% del totale, mentre con 28 la percentuale di successo arriva al 90%.

Il discorso cambia quando entrano in gioco le immagini intermedie, ognuna delle quali generata da 20 scatti diversi dei 25 individui presi come riferimento: in questo caso la percentuale di successo è cresciuta enormemente, arrivando a un minimo del 55% fino all'accuratezza completa del 100%. A ulteriore riprova della validità della teoria, un secondo test è stato condotto sui volti non riconosciuti nel caso delle immagini singole: per ognuno di essi è stata creata un'immagine intermedia che è stata poi data in pasto al software, che in questo caso ha risposto con una capacità di riconoscimento all'80%.

Secondo gli autori della ricerca, l'implementazione di immagini intermedie nei sistemi preesistenti di riconoscimento dei volti è relativamente semplice, e potrebbe in definitiva rappresentare un miglioramento sostanziale del livello di efficienza delle tecnologie biometriche attualmente impiegate da autorità e organizzazioni private.

Alfonso Maruccia
42 Commenti alla Notizia Riconoscimento del volto, siamo alla svolta?
Ordina
  • "un drammatico incremento della capacità di riconoscimento dei volti "

    DRAMMATICO in italiano non ha lo stesso significato che in inglese... si traduce con drastico
    non+autenticato
  • cioé io devo far firmare le liberatorie in giro e questi si tengono un casino di foto mie?

    ma scherziamo?
    non+autenticato
  • Ma insomma, se uno vuole evitare di farsi beccare viaggia nascostamente.
    Se poi e' pure un professinista gli basta modificare la struttura facciale con componenti ad hok e nemmeno difficili da trovare in commercio.
    Cosa faresti quindi con sto sistema?Controlleresti le persone sonmali ed ignare...per sapere dove vanno, cosa fanno, a che ora lo fanno...con chi si vedono...insomma li PROFILERESTI a loro totale insaputa.
    Bella figata...complimenti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ricky
    > Ma insomma, se uno vuole evitare di farsi beccare
    > viaggia
    > nascostamente.
    > Se poi e' pure un professinista gli basta
    > modificare la struttura facciale con componenti
    > ad hok e nemmeno difficili da trovare in
    > commercio.
    > Cosa faresti quindi con sto
    > sistema?Controlleresti le persone sonmali ed
    > ignare...per sapere dove vanno, cosa fanno, a che
    > ora lo fanno...con chi si vedono...insomma li
    > PROFILERESTI a loro totale
    > insaputa.
    > Bella figata...complimenti...

    Le persone normali ed ignare perche mai dovrebbero essere in un database ?? MI spiego: un sistema di riconoscimento visi dispone di almeno una foto di un soggetto da riconoscere, quindi il sistema in un aeroporto per esempio funzionerebbe segnalando un possibile sospetto.
    Di sicuro un ricercato non si potrebbe nascondere il viso, sarebbe beccato subito, non puoi certo girare in aeroporto come un bandito.
    Di sicuro qualsiasi trucco , pur perfetto, non puo alterare alcune caratterisctiche fondamentali del viso , pensa alla posizione degli occhi....
    E poi nessuno pretende che esista un sistema assoluto e infallibile, ma un qualsiasi modo per limitare i danni è benvenuto.
    E poi non ci sono solo gli aeroporti, il riconoscimento del viso è applicabile in tanti ambiti, ed è una comodità, in altri casi una sicurezza.
    In altri casi, purtroppo, un risparmio per lo stato.
    Queste paranoie sul controllo totale non le capisco.... non perchè non ci siano ma perche ormai peggio di cosi! Se non vuoi essere 'profilato' non usare il bancomat, non usare la macchina (targa), non usare la tessera coop o simili, non passare col rosso, abbatti i satelliti militari.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: faceRecogni tor

    > Le persone normali ed ignare perche mai
    > dovrebbero essere in un database ??

    è obbligatorio.
    vai negli usa o in inghilterra e ci sarai pure tu, con tanto di impronte digitali.



    > E poi nessuno pretende che esista un sistema
    > assoluto e infallibile, ma un qualsiasi modo per
    > limitare i danni è
    > benvenuto.

    purchè non ne crei altri diversi in numero maggiore di quanti ne risolva in un ambito

    > E poi non ci sono solo gli aeroporti, il
    > riconoscimento del viso è applicabile in tanti
    > ambiti, ed è una comodità, in altri casi una
    > sicurezza.

    in tutti comunque è una identificazione alla quale io non ho dato esplicito consenso

    > Queste paranoie sul controllo totale non le
    > capisco....

    vedo

    >non perchè non ci siano ma perche
    > ormai peggio di cosi! Se non vuoi essere
    > 'profilato' non usare il bancomat, non usare la
    > macchina (targa), non usare la tessera coop o
    > simili, non passare col rosso, abbatti i
    > satelliti
    > militari.....

    le cose non vanno accettate se brutte ma cambiate in meglio
    non+autenticato
  • >
    >
    > > E poi nessuno pretende che esista un sistema
    > > assoluto e infallibile, ma un qualsiasi modo per
    > > limitare i danni è
    > > benvenuto.
    >
    > purchè non ne crei altri diversi in numero
    > maggiore di quanti ne risolva in un ambito
    >
    Certo, 11 settembre, ma per te la violazione della privacy è un danno peggiore.....

    >
    > > E poi non ci sono solo gli aeroporti, il
    > > riconoscimento del viso è applicabile in tanti
    > > ambiti, ed è una comodità, in altri casi una
    > > sicurezza.
    >
    > in tutti comunque è una identificazione alla
    > quale io non ho dato esplicito
    > consenso
    Comincia a dare il consenso allora a tutti quegli ambiti in cui sei gia tracciato. Visto che ci sei dai l'esplicito consenso a tutta la gente che incroci per strada. Ma fammi il favore...


    >
    > > Queste paranoie sul controllo totale non le
    > > capisco....
    >
    > vedo
    Il senso era un altro come hai potuto constatare se no ti fermavi a leggere questa frase a se... fai come i giornalisti.

    >
    > >non perchè non ci siano ma perche
    > > ormai peggio di cosi! Se non vuoi essere
    > > 'profilato' non usare il bancomat, non usare la
    > > macchina (targa), non usare la tessera coop o
    > > simili, non passare col rosso, abbatti i
    > > satelliti
    > > militari.....
    >
    > le cose non vanno accettate se brutte ma cambiate
    > in
    > meglio

    Certo , torniamo indietro di 2000 anni. La tecnonologia offre possibilità che prima non avevamo. Se una donna viene violentata, se una persona viene derubata ecc. io preferisco che ci sia una telecamera che riprenda il malvivente, che se ne frega della mia privacy, IO non ho niente da nascondere, secondo me chi si lamenta ha qualcosa da nascondere.
    non+autenticato
  • Leggi cosa ha scritto MeMedesimo, che fa lo 'stuart' nei campi di calcio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: faceRecogni tor
    > Certo , torniamo indietro di 2000 anni. La
    > tecnonologia offre possibilità che prima non
    > avevamo. Se una donna viene violentata, se una
    > persona viene derubata ecc. io preferisco che ci
    > sia una telecamera che riprenda il malvivente,
    > che se ne frega della mia privacy, IO non ho
    > niente da nascondere, secondo me chi si lamenta
    > ha qualcosa da nascondere.
    Giusto... TU non hai nulla da nascondere... ma puoi decidere solo per TE, non per ME: e se IO invece AVESSI qualcosa "da nascondere"?
    Se, poniamo, volessi uscire con la ragazza B mentre frequento la A e quest'ultima venisse informata da uno dei controllori che mi vede tramite questi gioielli tecnologici?
    Saranno pure caxxi maledettamente miei eh?
    Poi tu sei libero anche di girare con una scopa nel cu£0, per quel che mi riguarda: io in uno Stato di polizia non ci voglio vivere.
    Forze dell'ordine e cittadini devono essere nelle corrette proporzioni onde fornire un SUPPORTO, non un CONTROLLO: voglio poter ricorrere al supporto quando mi serve, non esser scansionato "a prescindere".
    Se a te piace vivere in una boccia di cristallo, sotto gli occhi di tutti, ti consiglio vivamente di sostituire le pareti di casa TUA con muri in vetro... in fondo non hai nulla da nascondere, no?
    (per cortesia: evitiamo di offendere l'intelligenza della gente con della triste demagogia eh)
    885
  • - Scritto da: Sky
    > - Scritto da: faceRecogni tor
    > > Certo , torniamo indietro di 2000 anni. La
    > > tecnonologia offre possibilità che prima non
    > > avevamo. Se una donna viene violentata, se una
    > > persona viene derubata ecc. io preferisco che ci
    > > sia una telecamera che riprenda il malvivente,
    > > che se ne frega della mia privacy, IO non ho
    > > niente da nascondere, secondo me chi si lamenta
    > > ha qualcosa da nascondere.
    > Giusto... TU non hai nulla da nascondere... ma
    > puoi decidere solo per TE, non per ME: e se IO
    > invece AVESSI qualcosa "da
    > nascondere"?
    > Se, poniamo, volessi uscire con la ragazza B
    > mentre frequento la A e quest'ultima venisse
    > informata da uno dei controllori che mi vede
    > tramite questi gioielli
    > tecnologici?
    Certo, secondo te ora stanno a monitorare queli che escono con l'amante....


    > Saranno pure caxxi maledettamente miei eh?
    > Poi tu sei libero anche di girare con una scopa
    > nel cu£0, per quel che mi riguarda: io in uno
    > Stato di polizia non ci voglio
    > vivere.

    PARANOIA

    > Forze dell'ordine e cittadini devono essere nelle
    > corrette proporzioni onde fornire un SUPPORTO,
    > non un CONTROLLO: voglio poter ricorrere al
    > supporto quando mi serve, non esser scansionato
    > "a
    > prescindere".
    Come fai a beccare un mavlivente, vai dalla chiromante che ti dice di accendere la cam a quellora e in un certo posto....


    > Se a te piace vivere in una boccia di cristallo,
    > sotto gli occhi di tutti, ti consiglio vivamente
    > di sostituire le pareti di casa TUA con muri in
    > vetro... in fondo non hai nulla da nascondere,
    > no?
    > (per cortesia: evitiamo di offendere
    > l'intelligenza della gente con della triste
    > demagogia
    > eh)

    in questo caso ne vedo davvero poca di intelligenza da offendere.
    non+autenticato
  • > in questo caso ne vedo davvero poca di
    > intelligenza da
    > offendere.

    Ti quoto in tutto, a partire dalla prima risp.
    C'è troppo squilibrio tra i vantaggi di un maggior controllo (quindi maggiori possibilità contro reati vari, stupri, omicidi ecc.) e i suoi svantaggi (amanti? privacy?).
    Mi stupisco di come alcuni si facciano vere e proprie paranoie per difendere la loro scappatella quando ci sono cose ben più gravi da tutelare, come l'incolumità fisica delle persone.
    non+autenticato
  • Ma guardate che nessuno vi vieta di andare a vivere nella vaschetta del pesce rosso eh... lì "di certo" vivrete in un ambiente più sicuro (lol).
    L'importante è che non ci mettiate ME, là dentro.

    Quanto alle indagini: mi risulta che ne facciano anche ora e, udite udite, perfino dove non ci sono telecamere... mah... misteri della Maga Ornella eh. Occhiolino

    Ah... le battutine sull'intelligenza altrui ve le potete anche mettere nella vaschetta del pesciolino rosso eh.
    885
  • - Scritto da: Sky
    > Ma guardate che nessuno vi vieta di andare a
    > vivere nella vaschetta del pesce rosso eh... lì
    > "di certo" vivrete in un ambiente più sicuro
    > (lol).
    Forse sei tu che dovresti trovarti un isoletta


    > L'importante è che non ci mettiate ME, là dentro.
    >
    Ci sei che tu voglia o no.

    > Quanto alle indagini: mi risulta che ne facciano
    > anche ora e, udite udite, perfino dove non ci
    > sono telecamere... mah... misteri della Maga
    > Ornella eh.
    > Occhiolino
    Anche se fosse vero, vuoi mettere la spesa di un indagine rispetto alla semplice e indiscutibile realtà di un video ?? Gia soldi ne abbiamo pochi...


    >
    > Ah... le battutine sull'intelligenza altrui ve
    > le potete anche mettere nella vaschetta del
    > pesciolino rosso
    > eh.

    Comincia col dimostrarne un po se non vuoi sentire certe battutine.
    non+autenticato
  • - Scritto da: faceRecogni tor
    > - Scritto da: Sky
    >> Ma guardate che nessuno vi vieta di andare a
    >> vivere nella vaschetta del pesce rosso eh... lì
    >> "di certo" vivrete in un ambiente più sicuro
    >> (lol).
    > Forse sei tu che dovresti trovarti un isoletta
    Perchè dovrei? Sto bene dove sto. Vai pure tu nel Grande ed Irrinunciabile Show... vai vai...

    > > L'importante è che non ci mettiate ME, là
    > > dentro.
    > Ci sei che tu voglia o no.
    Se me lo dici così non posso far altro che crederci: prove in-con-fu-ta-bi-li... ma lol.

    > > Quanto alle indagini: mi risulta che ne
    > > facciano
    > > anche ora e, udite udite, perfino dove non ci
    > > sono telecamere... mah... misteri della Maga
    > > Ornella eh.
    > > Occhiolino
    > Anche se fosse vero, vuoi mettere la spesa di un
    > indagine rispetto alla semplice e indiscutibile
    > realtà di un video ?? Gia soldi ne abbiamo
    > pochi...
    "semplice e indiscutibile"... ahahah... forse nel tuo universo parallelo.A bocca aperta
    (a meno che tu non ci guadagni qualcosa, a dire 'ste panzane: allora, anche se in leggero conflitto d'interessi, potrei capirti)

    > > Ah... le battutine sull'intelligenza altrui ve
    > > le potete anche mettere nella vaschetta del
    > > pesciolino rosso
    > > eh.
    > Comincia col dimostrarne un po se non vuoi
    > sentire certe battutine.
    La ritengo una fatica inutile: capisci quello che puoi.
    885
  • Siamo fottuti, così sapranno chi a sputato per terra e dove, e chi ha offerto una caramella ad un ragazzino, finendo nelle segrete a vita per pedofilia.
    E soprattutto conosceranno i nostri spostamenti, le nostre abitudini ecc, vi ricordate il film Minority Report?
    Tom Cruise viene bersagliato di pubblicità su misura perchè riconosciuto da dispositivi per il riconoscimento della retina installati nei cartelloni pubblicitari a schermo digitale.
    Bella roba.
    E' la fine della libertà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vincent Vega

    > Bella roba.
    > E' la fine della libertà.

    Esatto. La privacy è morta nel momento stesso in cui la tecnologia ne ha reso possibile l'annientamento.

    Poichè il livello di tecnologia a disposizione di un'entità è direttamente proporzionale alle disponibilità economiche di quest'ultima, i governi e le grandi società avaranno SEMPRE un vantaggio incolmabile nei confronti dei cittadini.

    Le nostre "libertà" saranno ripensate dietro porte chiuse e a tempo debito conosceremo le nuove disposizioni a proposito del nostro futuro.

    E' il progresso. Non c'è scampo. Chi non vuole vivere nel nuovo mondo meglio si butti da un ponte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vincent Vega
    > Siamo fottuti, così sapranno chi a sputato per
    > terra e dove, e chi ha offerto una caramella ad
    > un ragazzino, finendo nelle segrete a vita per
    > pedofilia.
    > E soprattutto conosceranno i nostri spostamenti,
    > le nostre abitudini ecc, vi ricordate il film
    > Minority
    > Report?
    > Tom Cruise viene bersagliato di pubblicità su
    > misura perchè riconosciuto da dispositivi per il
    > riconoscimento della retina installati nei
    > cartelloni pubblicitari a schermo
    > digitale.
    > Bella roba.
    > E' la fine della libertà.

    Per quanto la pubblicità su misura non mi spaventi così tanto (magari sono altre le preoccupazioni sulla privacy) temo che questo "male" (lo è?) esista già, senza fare appello alla fantascienza ed a sistemi di riconoscimento biometrico. E' semplice fare la pubblicità su misura, appositi algoritmi sono creati per studiare le nostre abitudini o rispondere intelligentemente a parole contenute nei testi che noi scriviamo o leggiamo. Questa tecnologia è già presente in gmail ad esempio. Un po' meno facile è disattivarla, sempre che si preferisca ottenere comunque un bombardamento pubblicitario non mirato piuttosto che uno a nostra misura. E' cadere nella rete attentiva del banner che ci inquieta? E' il fatto che potremmo prestarle attenzione più del solito? O la cosa che da fastidio è che un computer legga i nostri testi? Sinceramente finché lo fa un software non mi da fastidio, ma dubito che dove stia l'artificiale non si celi anche il meno asettico homo sapiens.
    Per quanto riguarda il riconoscimento dei volti non è tanto la tecnologia che mi preoccupa, quanto chi ne fa uso. Ma visto che abito in Italia ancora non ho molto di che preoccuparmi, molti carabinieri ho visto che non usano nemmeno il computer a bordo della vettura e preferiscono chiamare un collega per qualsiasi accertamento, come probabilmente alcuni di loro neanche sanno di avere installato sul tetto della gazzella un lettore ottico che analizza tutte le targhe che incontra alla ricerca di auto rubate. Per il momento dormo sonni tranquilli... almeno finché qualcuno non inonderà di spot anche quelliOcchiolino
  • - Scritto da: Vincent Vega
    > Siamo fottuti, così sapranno chi a sputato per
    > terra e dove, e chi ha offerto una caramella ad
    > un ragazzino, finendo nelle segrete a vita per
    > pedofilia.

    Eh già.... Quale puntata dei Simpsons era?
    non+autenticato
  • L'80% di riconoscibilita' e' un dato bassissimo.

    Un sistema di riconoscimento volti con affidabilita' del 99% in un aeroporto dove passano 100.000 persone al giorno darebbe 1000 segnalazioni errate.

    Gianni
  • - Scritto da: Yogasadhaka
    > L'80% di riconoscibilita' e' un dato bassissimo.
    >
    > Un sistema di riconoscimento volti con
    > affidabilita' del 99% in un aeroporto dove
    > passano 100.000 persone al giorno darebbe 1000
    > segnalazioni
    > errate.
    >
    > Gianni

    Questo è proprio il problema dei sistemi attuali.
    Quel sistema a immagini intermedie invece sembra poter arrivare senza troppe difficoltà al 100%, il che annullerebbe gli errori di identificazione.

    E' molto interessante...
    non+autenticato
  • Ancora non mi convince. A parte che un sistema esatto al 99,9% comporta ancora 100 errori al giorno in un posto come un areoporto da 100.000 passaggi, dove sono i database con decine di foto di ogni terrorista?

    L'articolo parla di percentuali di successo dal 55% fino al 100%. A parte che basta fermarsi al 99% per avere un numero assoluto di errori molto elevato, in che condizioni arriva al 100% di successo?

    Teniamo presente che un sistema di riconoscimento efficace al 98% non e' "quasi ottimale": e' disastroso, per l'enorme numero di falsi positivi generati nei luoghi molto frequentati. Se un sistema non garantisce un'efficacia al 99,999% in un aereoporto, non solo e' inutile ma e' anche dannoso.
  • Dipende da cosa ne fai dei "positivi", veri o falsi che siano: dover controllare l'1% del traffico "riconosciuto" è probabilmente meglio di doverne controllare il 100% (o anche solo il 50%).
    Non credo che la valutazione finale la possa fare un sistema automatizzato (che magari fa poi intervenire Robocop che ti stermina, LOL).
    Questi strumenti sono un "ausilio"... a gente in carne ed ossa che, individuati i "possibili sospetti" provvede (o meno ovviamente) a far diventare 100% il 99%.
    Alla fine la validità non sta nel trovare i "(veri o falsi) positivi" ma nello scartare i "negativi".
    885
  • - Scritto da: Sky
    > Dipende da cosa ne fai dei "positivi", veri o
    > falsi che siano: dover controllare l'1% del
    > traffico "riconosciuto" è probabilmente meglio di
    > doverne controllare il 100% (o anche solo il
    > 50%).

    e il falso positivo come lo identifichi? ovvero se il sistema su 100 volti ne scazza 1, mica ci scrive sopra "ehi dico che e' caio ma ho sbagliato" devi cmq ricontrollare tutti i 100
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeMedesimo
    > - Scritto da: Sky
    >> Dipende da cosa ne fai dei "positivi", veri o
    >> falsi che siano: dover controllare l'1% del
    >> traffico "riconosciuto" è probabilmente meglio
    >>di doverne controllare il 100% (o anche solo il
    >> 50%).
    > e il falso positivo come lo identifichi? ovvero
    > se il sistema su 100 volti ne scazza 1, mica ci
    > scrive sopra "ehi dico che e' caio ma ho
    > sbagliato" devi cmq ricontrollare tutti i
    > 100
    Chiaro... ma vorresti dirmi che sbatti dentro la gente su semplice segnalazione del sistema?
    Non son mica nato ieri eh. Occhiolino

    Io la vedo così, poi magari sbaglio: 1.000 persone passano per una porta. TUTTE vengono "semplicemente guardate" (diciamo "controllo leggero": giusto per evitare che uno si porti in spalla un bazooka e passi dicendo "è una mazza da golf" Occhiolino)
    Il sistema le "guarda meglio" e ne segnala 100 ai "controllori" (polizia, ecc. ecc.).
    Si fanno controlli più approfonditi (confronto con ulteriori foto, controlli incrociati, interrogatori) su questi 100.
    I 4 o 5 "falsi positivi" vengono rilasciati con tante scuse: non capita solo ai sistemi informatici di sbagliare, capita anche alle persone.

    Credo che far controlli approfonditi su 100 persone su 1.000 sia meglio che (1) far controlli approfonditi su 1.000 persone o (2) non far controlli approfonditi su nessuno.

    Questo da un POV tecnico... poi io sono per la libertà di girare liberamente e parecchio di quel che capita oggi lo considero (1) paranoia e (2) marketing.
    Paranoia perchè le spinte maggiori vengono proprio da un popolo che ha sempre parlato e straparlato di libertà a 360°. Ed ora si sono accorti del problema solo perchè è successo casino a casa loro (mentre noi i terroristi li conosciamo da più di 50 anni).
    Marketing perchè buona parte di 'sto casino serve unicamente a risanare un'economia in caduta libera, dove il "terrorismo" maggiore l'hanno fatto proprio loro (v. Enron, speculazioni in borsa, ruolo delle banche centrali, ecc. ecc.).
    Ovviamente poi, siccome nessuna economia è un'isola (in un certo senso "purtroppo") il problema si globalizza (v. la crisi dei mutui subprime, che crea problemi anche in UE dove la cosa nemmeno esiste).
    Fermo qui il discorso, prima che prenda velocità di fuga lungo una tangente troppo diversa dal topic originale.
    885
  • - Scritto da: Yogasadhaka
    > L'80% di riconoscibilita' e' un dato bassissimo.
    >
    > Un sistema di riconoscimento volti con
    > affidabilita' del 99% in un aeroporto dove
    > passano 100.000 persone al giorno darebbe 1000
    > segnalazioni
    > errate.
    >
    > Gianni


    sono anni che lavoro (o meglio passo il tempo) la domenica come stiuart (o come vogliono farci chiamare lo san son loro) allo stadio per una squadra di serie C

    hai presente i diffidati? quei tali che presi con una caramella di troppo (che i sbirri so sempre animali non dimentichiamlo, anche se spesso TUTTI sono animali) che NON potrebbero entrare allo stadio. Le foto segnaletiche di tali individui le ha la digos QUANDO se le ricordaA bocca aperta e le tiene nel bagagliaglio. In 5 anni li' so che c'e' gente diffidata perche me lha ndetto loro (anche le frange piu violenti che con gli animali in divisa ci fan a botte un giorno si l'altro pure facendo gli animali pure loro, il giorno dopo passati a firmare in questura se ne arrivano belli belli)

    questo per dire la privacy e morta? con quel sistema staran fuori, se applicato? IMPOSSIBILE! SIAM IN ITALIA!

    le foto segnaletiche le dovresti inserieA bocca aperta te figurati se i sbirri cianne vogliaA bocca aperta campa cavallo che l'erba cresce
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)