La polizia francese passa a Linux

La Gendarmerie rinuncia ai prodotti proprietari e sceglie un'altra via

Parigi - I computer della Gendarmerie Nationale francese girano con Windows XP ma non durerà: quest'anno tra i 5mila e gli 8mila PC saranno convertiti a Linux, nell'ambito di un piano avviato già dal 2005 per la migrazione dell'intera infrastruttura informatica della polizia transalpina all'open source. Ma è un processo che andrà avanti anno dopo anno e che riguarderà decine di migliaia di PC.

La sensazione è che si tratti della maggiore migrazione di questo tipo in Europa. Entro il 2014, ha spiegato il vicedirettore, il colonnello Nicolas Geraud, non ci saranno più computer con sistemi operativi proprietari nelle divisioni centrali e locali della Gendarmerie.

Stando ai numeri diffusi dalla direzione della polizia francese, passare a sistemi operativi aperti consentirà ad un risparmio di 7 milioni di euro l'anno oggi spesi in licenze software.
Va detto che sono ormai diverse le amministrazioni francesi che hanno abbracciato o stanno abbracciando le tecnologie aperte, con la complicità di una visione che da tempo sembra favorire in Francia l'open source sulle alternative proprietarie.
19 Commenti alla Notizia La polizia francese passa a Linux
Ordina
  • Linux Nella Polizia Locale di Brescia

    Intervista effettuata dal Meetup di Brescia e Lug Brescia, al Commissario aggiunto Polizia Locale del Comune di Brescia e referente informatico Fabio Zanotti. In questa intervista il Commissario illustra il perchè della migrazione da windows a linux e le problematiche incontrate, all'interno del nucleo di polizia Municipale di Brescia.
    La versione integrale dell'intervista la potete vedere all'indirizzo: http://meetupbrescia.blip.tv/file/3135009


    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 febbraio 2010 15.44
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 febbraio 2010 15.47
    -----------------------------------------------------------
  • Winzozz non è solo il costo del pseudo OS, ma è poi antivirus annuo, suite office, scarsa assistenza, mooooooooolte meno guide e aiuti on-line rispetto Gnu-Linux, il fatto chè è "chiuso" e proprietario.. Buggato dal kernel in poi. Non possono aprirlo per studiarlo ed adattarlo in base alle proprie esigenze... Lento, pesante, instabile... SCHERMATE BLU.. etc etc... leggere prima di scrivere.. non guasterebbe.
    non+autenticato
  • I francesi si sono sempre distinti nel prendere decisioni fuori dal coro. In ogni ambito, in ogni settore, (guerra in Iraq, la difesa della lingua nazionale...ecc ecc). In questo caso l'utilizzo di un sistema operativo open ritengo sia una scelta intelligente per diversi motivi.

    Non si dipende da altri stati (quando dico altri stati intendo dire solo ed esclusivamente USA, pagando i diritti delle licenze software).
    Per assurdo, il giorno in cui gli USA volessero creare danni, controllare, manipolare, danneggiare, bloccare tutti gli apparati francesi piuttosto che cubani o cinesi, basterebbe contattare Microsoft o Apple e nell'arco di due giorni i computer mondiali potrebbero essere forzati, manomessi o inutilizzabili.
    Fantascienza? in ogni caso meglio evitare no?

    Un sistema operativo open è molto più flessibile, plasmabile, ad un costo decisamente minore.

    In italia ricordo l'incontro tra Bill Gates e Berlusconi 31-GEN-03. Mica è venuto a mangiare la pasta il signor Bill in Italia! E' venuto a vendere i suoi prodotti ad uno stato intero, l'Italia!
    Esempio: se tutti gli uffici anagrafici italiani dovessero installare il programma Microsoft Word nei loro computer, al costo di 100EURO per ogni computer, a quanto ammonterebbe la spesa dello Stato Italiano? (noi, i nostri soldi, per capirci).
    Esiste un programma, anzi, più di uno, che fa le stesse cose di Microsoft Word e si possono utilizzare gratis, sono gratis!!

    Detto ciò è giusto che Microsoft venda i propri prodotti, ma l’mportante è sapere che si può scegliere con alternative più econimiche, o addirittura gratis, affidabili quanto Microsoft Word. Questo era solo un esempio.
  • Siamo apposto. Microsoft ha definitivamente chiuso.
    non+autenticato
  • Questa se la gioca con la storica "l'anno di linux sul desktop"
    non+autenticato
  • perchè pensavi che gli sbirri siano stupidi.
    non+autenticato
  • Ok tolgono windows, tolgono office e risparmiano 7 milioni di euro ma poi chi ci fa assistenza sopra ?
    Se veramente vogliono risparmiare quella cifra dovrebbero avere in ogni commissariato l'esperto capace di far girare tutto ma più facilmente data la visione in grande del progetto si farà un contratto d'assistenza generalizzato e quello quanto costerà ? Sarebbe possibile avere un resoconto completo ?
    non+autenticato
  • ma come... ci saranno i carabinieri italiani a fare assistenza.
    Tutti a leggere le righe di codiceSorride
    Tra l'altro sposteranno anche i terminali in cantina.
    Così hanno letto sui forum!
    non+autenticato
  • Se fossero italiani ci crederei anche ma sotto sotto dubito che i flic siano migliori
    non+autenticato
  • forse perché con windows non devi pagarla l'assistenza?
    non+autenticato
  • La paghi anche lì però in genere per le piccole cose ci si arrangia in casa.
    I flic dovrebbero aprire un siparietto e far pagare lo spettacolo il giorno che dovranno fare qualcosa e saranno lì come degli scemi a sfogliare manuali e googlare, a chiedere aiuto in un forum magari spacciandosi per "disobbedienti"
    non+autenticato
  • Ehm... se è per questo il siparietto lo aprono tutti i giorni anche con windows, i più volentoresi (pochi), praticamente tutti chiamano l'assistenza anche per il problema più semplice.
    Per chi non ha conoscenze informatiche di alcun tipo avere sul proprio pc da lavoro windows o linux è uguale, entrambi hanno un browser, una suite per l'ufficio e software specifici per il lavoro già preinstallati.
    non+autenticato
  • > La paghi anche lì però in genere per le piccole
    > cose ci si arrangia in
    > casa.

    è più che evidente che in casa ci si arrangia. invece a lavoro è un'altra cosa, ma che te lo dico a fare se non sai niente di queste cose? hai mai combattuto per telefono con una cassiera che tiene il mouse al contrario o un impiegato che ti chiama per la stampante che è spenta? linux o winzozzizzissimo non fa differenza, il "sistemista" costa uguale, le licenze no.
    non+autenticato
  • vorrei far note che in enti come questi (polizia, poste, areuffici delle imposte, ecc ecc), il parco dei software è standard, nessuno si sogna di mettere mano ad alcuna impostazione di sistema.
    Che ci sia installato linux, window, pippo o pluto l'iter per l'assistenza, anche quella "spicciola" rimane lo stesso.
    non+autenticato
  • quoto in pieno; in più faccio notare una cosa, buona parte dei soldi della licenza vanno ad un' azienda straniera, mentre i soldi spesi per l' assistenza finiscono a qualche azienda locale ed alimentano l' economia interna.
    Certo se capitasse in Italia sarebbe una manna per il moribondo mercato dell' IT
  • - Scritto da: Anonimo
    > La paghi anche lì però in genere per le piccole
    > cose ci si arrangia in
    > casa.

    E i risultati si vedono.

    > I flic dovrebbero aprire un siparietto e far
    > pagare lo spettacolo il giorno che dovranno fare
    > qualcosa e saranno lì come degli scemi a
    > sfogliare manuali e googlare, a chiedere aiuto in
    > un forum magari spacciandosi per
    > "disobbedienti"

    Questa è nuova, adesso oltre che comunisti, no-global, cancerosi, abitatori delle cantine (hic!) siamo anche "disobbedienti"
    non+autenticato
  • Con win$ non c'è bisogno di assistenza perchè quando si pianta occorre indire una novena di preghiere a Padre Pio o a qualche altro Santo...Angioletto