Luca Annunziata

La strana febbre dei cavi sottomarini

Ancora fibre ottiche che saltano, ventimila leghe sotto i mari. E dopo il quinto episodio, parlare di coincidenza č sempre pių difficile. Domande senza risposta, mentre si lavora al ripristino

Roma - Ci sono due navi al lavoro, una nel Golfo Persico e un'altra nel Mediterraneo, per tentare di riparare due cavi sottomarini per le telecomunicazioni saltati la scorsa settimana. Una moria iniziata alla fine di gennaio, quando il FALCON nelle acque antistanti l'Iran aveva cessato di funzionare. Di oggi la notizia che sarebbero saliti a cinque i festoni, così si chiamano a volte in gergo, danneggiatisi inspiegabilmente in meno di due settimane, compromettendo seriamente il traffico Internet mondiale.

Godzilla secondo Bobby RubioSi tratta di due tratti del SeaMeWe-4 (South East Asia-Middle East-Western Europe-4): il primo collegava Malaysia e India e il secondo nelle acque antistanti Alessandria d'Egitto. Coinvolti anche il FALCON, appunto, colpito nelle vicinanze di Bandar Abbas e il FLAG presente di fronte alle coste di Dubai. È stato reciso anche un altro ramo del FLAG, anche questa volta nei pressi di Alessandria. Tutti sono di proprietà di azienda private.

Se in un primo momento si era parlato di avvenimento casuale, cinque accadimenti del genere a distanza di pochi giorni sono un fatto davvero singolare. Le rotture, per altro, sono avvenute su infrastrutture di età differente, fatto quest'ultimo che farebbe escludere l'ipotesi che in tutti e cinque i casi si tratti di incidenti legati all'usura dei materiali.
In un primo momento, la tesi più accreditata riguardava un possibile incidente dovuto ad un'ancora trascinata sul fondo da una nave in balia del maltempo. Ipotesi tuttavia rapidamente accantonata, dopo che il governo egiziano ha smentito la presenza di qualsiasi imbarcazione nelle zone dove si è verificata la rottura; zone, peraltro, dichiarate off-limits per qualsiasi natante proprio a causa della presenza dei cavi.

Secondo il New York Times, quanto capitato dovrebbe dirottare l'attenzione sulla fragilità della rete telematica attorno al globo: il 90 per cento delle comunicazioni mondiali transita sott'acqua, ed eventi di questo tipo potrebbero avere conseguenze catastrofiche, non solo su Internet ma su ogni tipo di attività commerciale.

Una prospettiva non condivisa da Nicholas Carr, che sul suo blog pone invece l'accento sulla rapidità con cui il traffico web sia stato reindirizzato, riportando online larghe fette di popolazione per alcune ore tagliata fuori dalla rete, anche se il Governo egiziano ha comunque chiesto ai suoi cittadini di cercare di ridurre per qualche giorno le attività online maggiormente avide di banda.

Né Carr, né il NYTimes si sbilanciano sulle possibili cause di questa insolita coincidenza, mentre altrove le ipotesi più disparate prendono piede. Una delle più suggestive si basa sul blocco totale vissuto dall'Internet iraniana durante questi incidenti: le prove generali, sostengono alcuni, di quanto potrebbe accadere in caso di attacco USA. Senza rete, le informazioni su quanto starebbe accadendo impiegherebbero giorni per circolare.

Teorie della cospirazione a parte, altrove si scherza su quanto accaduto: nessuno si azzarda a fare il nome di Godzilla, ma Cloverfield, il nuovo film-reality di JJ Abrams, viene citato spesso e volentieri.



Luca Annunziata
127 Commenti alla Notizia La strana febbre dei cavi sottomarini
Ordina
  • la poesia e la letteratura dei mercato finanziario

    Nei paesi anglosassoni o negli ambienti a cultura tecnica viene da trattare i problemi finanziari piu' in termini di numeri e quantita', ma in Italia e' forte l'aspetto letterario-retorico da D'Annunzio, Croce, Gramsci in poi

    Piacciono quelli che scrivono di economia con frasi ricche di metafore e ragionamenti a cascata dove la parola si avvita su se stessa e crea richiami emotivi che soffrirebbero dalla fastidiosa verifica di alcuni dati

    Questo vale in generale, non solo per il tizio citato prima, se leggi Michele Salvati o altri economisti sul Corriere o De Cecco su Repubblica vedi tre, quattro, cinque colonne fitte di parole in minuscolo (salvo ovviamente gli inizi di frase) raramente interrotte da numeri, riferimenti, nomi, date, tabelle e grafici


    Un tizio scrive che se l'Iran smette di pagare in dollari ed usa l'euro e' una minaccia per il dollaro e l'idea piace perche' consente di infilare dietro altri ragionamenti a cascata sull'atomica iraniana, bush, la fed, la politica estera..... C'e' solo il dettaglio che

    i) il mercato dei cambi e' per il 90% fatto di transazioni finanziarie e non in conto merci e il volume dei pagamenti dell'Iran e' lo 0.0000001 del volume scambiato sul dollaro e

    ii) soprattutto del fatto che i paesi petroliferi nel 2005 ad esempio avevano circa 300 miliardi addizionali di ricavi dal petrolio e non sapendo letteralmente dove metterli e ne hanno parcheggiati molti in obbligazioni USA facendo salire il dollaro...per cui anche se come mossa propagandistica l'Iran o l'OPEC ricevessero i pagamenti in euro poi una bella fetta la investirebbe successivamente in usd anche gli ayatollah quando hanno 100 miliardi liquidi queste dettagli li notano

    ma insomma perche' rovinare subito delle belle idee con dei fatti ?
    non+autenticato
  • Presi da soli sono solo miserabili pantegane, ma in gruppo fanno sfracelli!!! DelusoDelusoDelusoDelusoCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Forse lo è anche molto... ma vabbè, sono curioso...
    http://image.guardian.co.uk/sys-images/Technology/...

    Questa è la mappa linkata da ritter...
    Ma la domanda è... questi cavi sono "adagiati" sul fondo marino, no? Come fanno allora a passare sopra le dorsali oceaniche dell'atlantico, ad esempio???
  • Proprio adagiati e basta no. C'e` una macchina che scende sul fondo e li posa in un solco che scava con delle pompette che spingono un getto d'acqua sul fondale, smuovendo la fanghiglia. Fatto un solco intorno al metro di profondita`, posa il cavo e con altri getti ci ributta sopra il materiale smosso. In teoria, poi immagino ci siano zone rocciose dove non possono scavare.
  • ottima domanda. calcolando pressione. temperatura e altre condizioni naturali avverse, e plausibile il guasto naturale.
    magari di una fesseria ma, non dimentichiamo che molti guasti alle linee telefoniche sono provocati dai Scoiattoli che rosicchiano i fili. questo succede nei boschi. e data la nostra mediocre conoscenza della fauna marina specie a simili profondita l'ipotesi non sembra cosi strampalata.
    non+autenticato
  • Questo articolo offre un interessante analisi di questa curiosa coincidenza. In soldoni avrebbero tagliato le comunicazioni per evitare che l'Iran apra la sua borsa petrolifera che come annunciato darebbe la possibilità di operare anche in EURO: una vera e propria arma di distruzione di massa nei confronti del dollaro.

    http://www.businessonline.it/1/EconomiaeFinanza/95...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gianni MO
    > Questo articolo offre un interessante analisi di
    > questa curiosa coincidenza. In soldoni avrebbero
    > tagliato le comunicazioni per evitare che l'Iran
    > apra la sua borsa petrolifera che come annunciato
    > darebbe la possibilità di operare anche in EURO:
    > una vera e propria arma di distruzione di massa
    > nei confronti del dollaro.

    > http://www.businessonline.it/1/EconomiaeFinanza/95

    Interessante... Almeno e' un'ipotesi...
    krane
    22544
  • Tanti paesi, soprattutto mediorientali/orientali, stanno iniziando a trovare interessante l'Euro... questo di certo non può far piacere agli U$A.

    Non sono nè economista nè politologo e mi farebbe piacere sapere cosa potrebbe succedere se s'iniziasse a parlare di petroeuro invece che di petrodollari.
    878
  • > Non sono nè economista nè politologo e mi farebbe
    > piacere sapere cosa potrebbe succedere se
    > s'iniziasse a parlare di petroeuro invece che di
    > petrodollari.

    l'ultimo governor che ci provò a fare la conversione fu invaso e distrutto in poco tempo, e il paese (che, per carità, non brillava certo per le libertà, ma almeno la popolazio era in -circa- pace...e la produzione di eroina punita con la morte) catapultato in una guerra civile ad oggi interminabile...

    la cosa "divertente" è che nessuno sembra più ricordare che la Scusa Ufficiale per cui fu raso al suolo si rivelò una panzana galattica...

    Triste
  • Anch'io la reputo una delle ipotesi (ricordiamoci, sono solo quello) verso cui puntare lo sguardo...Anche se in realtà nell'articolo
    http://www.energybulletin.net/7707.html
    si parla si di marzo, ma se non sbaglio 2006 (ne ho letti talmente tanti che non ricordo se sia quello) articolo che cmq è datato 2005...

    Secondo me tra una settimana una puntata di voyager a tema che da la colpa ai lucertoloidi grigi...

    Questo fa pensare (e io sono sempre stato un pro-Usa, anche se non convinto, e certamente contro-Iran) chi abbia relamente "ragione" e se di una unica ragione si può parlare...

    Aiuto!!!!
    non+autenticato
  • mah, dato che la fed ha fatto di tutto per svalutare l'usd mi sembra bizzarro che per ritardare di qualche giorno le contrattazioni, abbiano combinato 'sto casino
    non+autenticato
  • strano e .. dei cavi tagliati contemporaneamente prorpio prima della apertura della borsa iraniana ...

    si vede che gli usa esportano la democrazia anche sott'acqua ...
    non+autenticato
  • ... in grado di intercettare i dati che passano nelle fibre ottiche? (PI ne ha parlato qualche mese fa)
    Magari si sono "agganciati" male al cavo.... A bocca storta
    non+autenticato
  • 5 volte di seguito su 5 cavi diversi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ma....
    > 5 volte di seguito su 5 cavi diversi?

    Io avrei già licenziato il timoniere e l'addetto all'"aggancio" Con la lingua fuoriP

    Enrico
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)