Luca Annunziata

AI è il nuovo controllore di volo sintetico

Non ha braccia né gambe, solo circuiti. E' una intelligenza artificiale militare che manderà in pensione umani ormai superati

Roma - Si chiama GILA, che sta per Generalized Integrated Learning Architecture, ed è più furbo delle sue controparti umane. È una intelligenza artificiale (AI) sviluppata da Lockheed Martin per DARPA, l'ente di ricerca militare statunitense, e grazie alle sue doti di scolaro attento potrebbe presto sostituire i controllori di volo umani surclassando le loro capacità.

Per i passeggeri in partenza da Fiumicino e Malpensa: niente paura. Il traffico aereo civile sarà gestito ancora a lungo dalle sapienti mani dei controllori in carne e ossa. GILA si occuperà, sempre che la sperimentazione abbia successo, di coordinare i movimenti di velivoli, armi, UAV e UFO nei cieli sui teatri di guerra: un modo, spiegano dagli USA, per incrementare l'efficienza di uno spazio aereo spesso congestionato.

Le doti di GILA, a detta dei suoi creatori, sono notevoli: è in grado di acquisire conoscenza attraverso l'esperienza diretta, oppure di stabilire norme di comportamento prendendo spunto da un singolo esempio. Inoltre, GILA è anche capace di dedurre informazioni dal ragionamento: ciò significa che può servirsi di due diverse esperienze già elaborate per coniugare i dati e ricavare nuovi asserti da mettere in atto.
Non che alla Lockheed Martin pensino di mandare il loro piccolino allo sbaraglio: l'idea sarebbe quella di affiancare GILA agli esseri umani, per aiutarli nel loro lavoro. Secondo le stime, l'AI dovrebbe essere in grado di garantire una prestazione pari al 125 per cento di quella di un apprendista controllore di volo: uno strumento in più, dunque, per migliorare la pratica degli esseri umani, senza che l'inesperienza possa causare danni.

Per il momento, GILA è costato 22 milioni di dollari in quattro anni: i risultati della fase uno devono essere stati incoraggianti, visto che DARPA ha deciso di dare vita a una fase due, della durata di 12 mesi e che richiederà altri 5,2 milioni di investimenti. Tra i partner del progetto ci sono anche prestigiose università, come Georgia Tech e Stanford University.

Luca Annunziata

34 Commenti alla Notizia AI è il nuovo controllore di volo sintetico
Ordina
  • Bene, innanzitutto non si chiamano controllori di volo ma controllori del traffico aereo. Secondo, dare retta ai programmi industriali americani è come giocare a freccette...ad occhi chiusi. Creano programmi e programmi solo per avere i finanziamenti dal Governo, sempre molto generosi, ed alla fine raramente funzionano: vi ricordate le bombe intelligenti? Ci risentiamo su queste pagine tra cinquant'anni! Grazie
    non+autenticato
  • presunzione senza limiti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Rispoli
    vi ricordate
    > le bombe intelligenti? Ci risentiamo su queste
    > pagine tra cinquant'anni!
    > Grazie

    Peccato che ora le bombe intelligenti funzionino benissimo, certo le prime non erano precisissime, ma ora a forza di prove e sbagli vanno dove devono andare. sorpeso?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio
    > - Scritto da: Marco Rispoli
    > vi ricordate
    > > le bombe intelligenti? Ci risentiamo su queste
    > > pagine tra cinquant'anni!
    > > Grazie
    >
    > Peccato che ora le bombe intelligenti funzionino
    > benissimo, certo le prime non erano precisissime,
    > ma ora a forza di prove e sbagli vanno dove
    > devono andare.
    > sorpeso?

    Io no ma lui si. Tutti pensano ad uno sbaglio quando finiscono sopra casa dei civili, hihihi.
    non+autenticato
  • L'entrata in servizio di un sistema automatico significa che tutte le distanze (verticali e orizzontali) tra aeri in volo verranno drasticamente ridotte (Inremento del 120% rispetto a un controllore umano.
    Per quanto riguarda il 70% degli errori umani nei disastri aeronautici questa è una verità di comodo per coprire grossi interessi, es l'incidente di Conca di Crezzo ATR42 Alitalia era dovuto a errore umano causato da una procedura sbagliata sul manuale della macchina.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pablo
    > L'entrata in servizio di un sistema automatico
    > significa che tutte le distanze (verticali e
    > orizzontali) tra aeri in volo verranno
    > drasticamente ridotte (Inremento del 120%
    > rispetto a un controllore
    > umano.

    Per aumentare il numero di aerei gestiti e quindi il giro dei soldi.
    Che è l'unica cosa che interessa ai parrucconi.
    E comunque 120% rispetto a un controllore apprendista, ovvero l'80% di un controllore formato.
    E come impara questo sistema? sbagliando.
    Non so voi, ma io non vorrei volare sullo "sbaglio"
    non+autenticato
  • > E come impara questo sistema? sbagliando.

    E chi l'ha detto? Mi pare ridicolo.
    Magari prima c'è un addestramento simulato; e poi forse non si impara solo dagli errori.
    Forse la tua analisi è un po' superficiale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ijklmno
    > > E come impara questo sistema? sbagliando.
    >
    > E chi l'ha detto? Mi pare ridicolo.

    E' scritto nell'articolo
    "Le doti di GILA, a detta dei suoi creatori, sono notevoli: è in grado di acquisire conoscenza attraverso l'esperienza diretta, oppure di stabilire norme di comportamento prendendo spunto da un singolo esempio. Inoltre, GILA è anche capace di dedurre informazioni dal ragionamento: ciò significa che può servirsi di due diverse esperienze già elaborate per coniugare i dati e ricavare nuovi asserti da mettere in atto."

    > Magari prima c'è un addestramento simulato; e poi
    > forse non si impara solo dagli
    > errori.
    > Forse la tua analisi è un po' superficiale...

    Forse è l'analisi di uno che ha esperienza diretta nel campo e sa che nessun simulatore di traffico aereo è in grado di riprodurre una situazione reale per il semplice fatto che non esistono algoritmi in grado di simulare il reale comportamento dell'aria, ma solo quello dell'"aria tipo".
    Si può fare con un buon grado di approssimazione in un simulatore di volo, che simula le prestazioni di un solo aereo sottoposto a determinate condizioni atmosferiche, ma di qui a farlo per decine e decine di aerei su un'area vasta centinaia di chilometri quadrati, con la conseguente variazione di condizioni meteorologiche e atmosferiche, ne passa un mare e mezzo.
    non+autenticato
  • E aggiungo che non a caso il sistema viene usato in ambito militare, dove tutti gli aerei sono assimilabili a due o tre "prestazioni tipo", mentre ce lo voglio vedere questo sistema a combattere con i diversi pesi al decollo e le differenti prestazioni dei vari aerei civili.
    Finora nessun simulatore di traffico aereo che io abbia visto è riuscito a convincermi della bontà della simulazione dei ratei di salita e discesa degli aeromobili.
    non+autenticato
  • Grande fu la meraviglia per la nostra magnificenza mentre davamo alla luce I. A.”

    “I. A. vuol dire intelligenza artificiale?” gli domanda Neo.

    “La cui sinistra coscienza diede vita ad una nuova generazione di macchine" risponde Morpheus, che prosegue "Ancora non sappiamo chi colpì per primo se noi o loro. Sappiamo però che fummo noi ad oscurare il cielo. A quell’epoca loro dipendevano dall’energia solare e si pensò che forse non sarebbero riusciti a sopravvivere senza una fonte energetica abbondante come il sole. Nel corso della storia il genere umano è dipeso dalle macchine per sopravvivere. Al destino, come sappiamo, non manca il senso dell’ironia.
  • e skynet dove lo mettiamo (1984) Occhiolino

    network di computer per la difesa, nuovi potenti allacciati a tutto.
    mi dissero poi che si sono evoluti (magari letto su punto informatico ^__^)....
    non+autenticato
  • e Neuromante ed Invernomuto? (1979)
    non+autenticato
  • cosa c'entra?

    p.s. x l'autore della news: potrebbe mettere una foto senza foularino? non mi piace!
    non+autenticato
  • "Per i passeggeri in partenza da Fiumicino e Malpensa: niente paura. Il traffico aereo civile sarà gestito ancora a lungo dalle sapienti mani dei controllori in carne e ossa."

    A me fanno più paura gli esseri umani:

    Disastro aereo di Linate
    http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_aereo_di_Lin...

    Ma anche:

    Sciopero degli uomini radar, aeroporto semideserto
    http://www3.varesenews.it/gallarate_malpensa/artic...


    Per dirla tutta, oltre il 70% dei disastri aerei è causato da un errore umano ( http://www.geocities.com/khlim777_my/ashowsafe1.ht... )
    non+autenticato
  • - Scritto da: Robot
    > A me fanno più paura gli esseri umani:
    >
    > Disastro aereo di Linate
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_aereo_di_Lin

    Eh già, peccato che si tratti di un caso su migliaia di voli gestiti in sicurezza ogni giorno.
    Sicuramente fa effetto, ma quante persone sono morte in incidenti aerei nello scorso anno?
    Quante in incidenti stradali?
    Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di trasporto.

    > Ma anche:
    > Sciopero degli uomini radar, aeroporto
    > semideserto
    > http://www3.varesenews.it/gallarate_malpensa/artic

    Tu sei un robot e certe cose come i diritti costituzionali non li puoi capire...

    > Per dirla tutta, oltre il 70% dei disastri aerei
    > è causato da un errore umano (
    > http://www.geocities.com/khlim777_my/ashowsafe1.ht

    il 70% di *tutti gli incidenti* è causato da errore umano, non solo i disastri aerei.
    non+autenticato
  • > Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado
    > di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di
    > trasporto.

    non penso tu ti renda conto dell'assoluta esattezza quanto assoluta assurdità della tua affermazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: popolo miao
    > > Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado
    > > di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di
    > > trasporto.
    >
    > non penso tu ti renda conto dell'assoluta
    > esattezza quanto assoluta assurdità della tua
    > affermazione.

    ????????????
    non+autenticato
  • - Scritto da: popolo miao
    > > Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado
    > > di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di
    > > trasporto.
    >
    > non penso tu ti renda conto dell'assoluta
    > esattezza quanto assoluta assurdità della tua
    > affermazione.

    Se ti sembra assurdo un sistema di sicurezza con un grado di errore di uno su un milione, allora puoi anche spegnere il tuo PC, perche' certe parti hanno failure rate superiore a questo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luther Blisset
    > - Scritto da: Robot
    > > A me fanno più paura gli esseri umani:
    > >
    > > Disastro aereo di Linate
    > >
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_aereo_di_Lin
    >
    > Eh già, peccato che si tratti di un caso su
    > migliaia di voli gestiti in sicurezza ogni
    > giorno.

    Lo schifo di quell'incidente non fu tanto nell'errore umano (che posso anche comprendere, tutti sbagliano) ma nel pressapochismo, nella superficialità e nel menefreghismo mostrato dai controllori di volo, dimostrato dalle registrazioni diffuse al pubblico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Milanese
    > Lo schifo di quell'incidente non fu tanto
    > nell'errore umano (che posso anche comprendere,
    > tutti sbagliano) ma nel pressapochismo, nella
    > superficialità e nel menefreghismo mostrato dai
    > controllori di volo, dimostrato dalle
    > registrazioni diffuse al
    > pubblico.

    E che ne dici del fatto che quelle registrazioni non riguardavano strettamente il lavoro di controllore del traffico aereo (e stranamente sono state riprese da un fulgido esempio di giornalismo come Studio Aperto), che non ci fosse stato alcun addestramento a gestire quelle situazioni (gente che strilla isterica, mancanza di uniformità di nomenclatura, assoluta ignoranza di cosa sia un toboga e di dove si trovi), che due ore dopo l'incidente i vertici aziendali si preoccupassero solo di tenere la poltrona, che durante il processo di primo grado siano state usate delle prove appositamente modificate, che tutto sia stato gestito in modo da fare il piu' grosso rumore mediatico possibile (persino la sentenza a spazio doppio per fare 118 pagine come il numero delle vittime)?

    Io preferisco informarmi e ragionare, piuttosto che farmi intortare dalle gogne mediatiche
    non+autenticato
  • - Scritto da: Milanese
    > Lo schifo di quell'incidente non fu tanto
    > nell'errore umano (che posso anche comprendere,
    > tutti sbagliano) ma nel pressapochismo, nella
    > superficialità e nel menefreghismo mostrato dai
    > controllori di volo, dimostrato dalle
    > registrazioni diffuse al
    > pubblico.

    Per questo gli esseri umani (ancor più se italiani) tendono ad essere inaffidabili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luther Blisset
    > Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado
    > di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di
    > trasporto.

    Non si discute su questo, si discute dell'inaffidabilità degli esseri umani.

    > il 70% di *tutti gli incidenti* è causato da
    > errore umano, non solo i disastri
    > aerei.

    Appunto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Robot
    > - Scritto da: Luther Blisset
    > > Il trasporto aereo nel suo complesso ha il grado
    > > di sicurezza più elevato di tutti i sistemi di
    > > trasporto.
    >
    > Non si discute su questo, si discute
    > dell'inaffidabilità degli esseri
    > umani.

    Bene, gli stessi umani garantiscono un failure rate di uno su un milione.
    Direi che come affidabilità siamo abbastanza alti...
    Sicuramente più alti di tante macchine.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)