Phoenix infilerà Linux nel BIOS

Il gigante americano dei BIOS per PC sta sviluppando una piattaforma Linux embedded che integrerà nei propri firmware di nuova generazione e potrà essere utilizzata prima o contemporaneamente all'avvio di Windows

Redwood City (USA) - Facendo leva sulla sua giovane tecnologia HyperSpace, che permette al BIOS di un PC di far girare un ambiente software in modo indipendente dal sistema operativo principale, Phoenix Technologies ha intenzione di sviluppare un Linux embedded da inglobare nei propri firmware.

Questo ambiente "alternativo" girerà in modo parallelo a quello principale, tipicamente Windows, e potrà essere richiamato dall'utente in qualsiasi momento per effettuare ripristini di emergenza, lanciare applicazioni o accedere ad Internet: tutto ciò anche quando Windows non è in esecuzione.

Il sistema poggerà sulla piattaforma di virtualizzazione HyperCore, in grado di isolare il sistema operativo inglobato nel firmware da quello installato su disco. Ciò rende la piattaforma di Phoenix particolarmente adatta sia per eseguire antivirus e altri software per la sicurezza, sia per consentire agli utenti di navigare sul web senza rischiare di infettare il resto del sistema con worm o altri malware.
Il firmware Linux-based di Phoenix sembra destinato a rivaleggiare, almeno in parte, con la piattaforma SpashTop di DeviceVM, recentemente implementata da Asus nella scheda madre per PC P5E3 Deluxe. La più grande differenza tra le due tecnologie, è che il sistema operativo Linux alla base di SpashTop non può essere fatto girare contemporaneamente a Windows: lo scopo di tale sistema è quello di offrire agli utenti la possibilità di avviare in pochi secondi un ambiente grafico ai minimi termini dal quale è possibile accedere ad Internet, ascoltare musica e correggere errori sul disco.

Phoenix sta sviluppando il proprio ambiente Linux embedded insieme a produttori di software e di hardware, e conta di includervi applicazioni per la posta elettronica, la messaggistica istantanea, il VoIP, la riproduzione dei file multimediali, la diagnostica e il ripristino.
211 Commenti alla Notizia Phoenix infilerà Linux nel BIOS
Ordina
  • Premessa: inutile preoccuparsi di un possibile cavallo di troia nel bios se ne fai girare un altro sopra chiamato windows...

    Detto questo a un linaro, che oltre al classico live cd si può mettere una partizione di ripristino con tutti i tools che gli servono in una chiavetta USB e avviare da lì, cosa gli frega di avere una distro nel bios? A me quello che dava openfirmware coi mac del 2001 andrebbe già piu' che bene.
    non+autenticato
  • magari questo no, ma come accade alle volte nei router, un linux o quello che è che si impalla non va bene. ovvio che non è colpa dell'os, ma della gente che spande il caffè nella tastiera mentre scrive il firmware.
  • scusa ma cosa stai dicendo?
    non+autenticato
  • A me non è mai successo di vedere un kernel panic in un router, ammetto però che se accendo il pc e dopo il POST mi da questo:

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Un pelino mi incazzereiA bocca aperta

    Ad ogni modo spero che stia in una rom, quindi credo che il rischio kernel panic sia veramente minimo, tanto quanto quello di fare crashare un firmware di un masterizzatore...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 febbraio 2008 15.07
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: AtariLover
    > A me non è mai successo di vedere un kernel panic
    > in un router, ammetto però che se accendo il pc e
    > dopo il POST mi da
    > questo:
    >
    > [img]http://slashboot.free.fr/blog/images/linux/ke
    >
    > Un pelino mi incazzereiA bocca aperta
    >
    > Ad ogni modo spero che stia in una rom, quindi
    > credo che il rischio kernel panic sia veramente
    > minimo, tanto quanto quello di fare crashare un
    > firmware di un
    > masterizzatore...
    >

    Tranquillo è praticamente impossibile, salvo che la memoria non sia bacata, o altro difetto grave hardware.

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: zio
    > - Scritto da: AtariLover
    > > A me non è mai successo di vedere un kernel
    > panic
    > > in un router
    , ammetto però che se accendo il pc
    > e
    > > dopo il POST mi da
    > > questo:
    > >
    > >
    > [img]http://slashboot.free.fr/blog/images/linux/ke
    > >
    > > Un pelino mi incazzereiA bocca aperta
    > >
    > > Ad ogni modo spero che stia in una rom, quindi
    > > credo che il rischio kernel panic sia veramente
    > > minimo, tanto quanto quello di fare crashare un
    > > firmware di un
    > > masterizzatore...

    > >
    >
    > Tranquillo è praticamente impossibile, salvo che
    > la memoria non sia bacata, o altro difetto grave
    > hardware.
    >
    > Ciao

    Ma le leggete tutte le risposte?A bocca storta Non mi sembra così difficile vedere che è la stessa cosa che ho detto io...
  • in base a questo principio dovremmo evitare di usare windows.....
    Ma che discorsi sono!! I problemi che hanno i bios attuali dovremmo eliminarli?
    Ma siete cosi impauriti del futuro?
    ciaoo
    non+autenticato
  • Ehm... Stavo scherzandoA bocca aperta

    Attualmente sto usando Gentoo, pensavo si capisse che ero sarcastica, anche perchè le prime righe dove dicevo che non ho mai visto un router andare in kernel panic e le ultime dove dicevo che la probabilità che succedesse equivaleva a quella di far crashare un firmware di un masterizzatore non le ha lette nessuno?A bocca stortaA bocca storta

    Saluti



    Fan Atari
  • - Scritto da: AtariLover
    > A me non è mai successo di vedere un kernel panic
    > in un router,

    http://forum.mikrotik.com/viewtopic.php?f=3&t=2185...

    (su hw dedicato)

    =)

    (PS:Se posso uso solo Linux sulle mie macchine, perchè casi come questo sono, comunque, eccezioni simpatiche perfino da segnalare.)
  • Io ho avuto parecchi apparati con Linux ed hanno funzionato sempre egregiamente. Non per lodare Linux sempre e comunque, ma un dispositivo embedded è quello, non subisce smanettamenti da parte dell'utente (oltre quanto previsto dall'interfaccia e dalle varie funzioni) e quando viene prodotto si lavora per rendere Linux stabile e ben ripulito.

    Poi eventuale carenza di features o funzionamento non al top non sono da imputare a Linux ma a cosa il produttore ha voluto includere come funzioni e ad eventuali limiti fisici ed elettronici dell'apparato in questione.
    non+autenticato
  • Più di un kernel panic (improbabile, via...) mi preoccupa il rischio di qualche baco di sicurezza che permetta di bypassare i controlli del S.O. che sta "sopra".
  • Un bel cavallo di troia...

    Se c'è Linux in EPROM si potrà avere un sistema Linux già utilizzabile per funzioni basilari (ma neanche tanto) e un computer potrà teoricamente essere venduto "vuoto".

    Se poi si può flashare ed aggiornare, si apre l'era dei sistemi operativi in ROM come fu negli anni '70-'80... Ma molto più potente.

    Windows con Vista ha perso totalmente la bussola, e Linux richiede risorse minime tanto che un'installazione quasi completa compressa sta in 256M. E coi costi attuali delle memorie una flash di 256/512 si può integrare facilmente anche in una motherboard di 50 euro.
  • - Scritto da: Mr.Mechano
    > Windows con Vista ha perso totalmente la bussola,
    > e Linux richiede risorse minime tanto che
    > un'installazione quasi completa compressa sta in
    > 256M.

    Haiku (ex BeOS) ne pesa solamente 60
    non+autenticato
  • Anche Linux lo puoi ridurre a pochi megabyte, io parlavo di installazione compresa di X e molti programmi utili per navigare, scrivere email e documenti...
  • Ma Linux può fare di meglio anche in versione "tutto compreso" (mentre Haiku è un progetto troppo giovane ed immaturo, meglio lasciarlo perdere): ad esempio con Damn Small Linux Occhiolino
  • - Scritto da: Il Pinguino
    mentre Haiku è un progetto
    > troppo giovane ed immaturo, meglio lasciarlo
    > perdere

    Ti piacerebbe è?
    Un pò di concorrenza farà bene anche a linux, magari qualcuno si sveglia.
    non+autenticato
  • Credo che il punto non sia migliore/peggiore, ma adatto/inadatto.
    Una distribuzione più giovane necessiterebbe sicuramente di più attenzioni (e forse anche di più soluzioni)...
    non+autenticato
  • Non è una distriubuzione e neanche nasce dal nulla.
    non+autenticato
  • Haiku non centra nulla con Linux, qui si confondono troppo.

    Comunque Haiku è ancora in sviluppo quindi meglio non paragonarlo con Linux per ora.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Haiku non centra nulla con Linux, qui si
    > confondono
    > troppo.
    >
    > Comunque Haiku è ancora in sviluppo quindi meglio
    > non paragonarlo con Linux per
    > ora.

    Che non sia linux è chiaro a tutti.
    E poi scusa, a voi piacciono tanto i paragoni dove gli altri sono munnezza e linux e fico!
    Comunque hai ragione, meglio non paragonarlo, potresti avere spiacevoli sorprese!
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > Che non sia linux è chiaro a tutti.

    C'è ancora qualcuno che non capisce la differenza. Ma non è qui, pare.

    > E poi scusa, a voi piacciono tanto i paragoni
    > dove gli altri sono munnezza e linux e fico!
    > Comunque hai ragione, meglio non paragonarlo,
    > potresti avere spiacevoli sorprese!

    Haiku è davvero spettacolare, per prestazioni e stabilità oltre che per la grafica. Come il progenitore, del resto.
    Ma il supporto hardware è ancora agli esordi ed effettivamente ci sarà da attendere (spero poco poco) per vederlo far concorrenza a GNU/Linux.
  • - Scritto da: www.aleksfalcone.org
    > - Scritto da: next
    > > Che non sia linux è chiaro a tutti.
    >
    > C'è ancora qualcuno che non capisce la
    > differenza. Ma non è qui,
    > pare.
    >
    > > E poi scusa, a voi piacciono tanto i paragoni
    > > dove gli altri sono munnezza e linux e fico!
    > > Comunque hai ragione, meglio non paragonarlo,
    > > potresti avere spiacevoli sorprese!
    >
    > Haiku è davvero spettacolare, per prestazioni e
    > stabilità oltre che per la grafica. Come il
    > progenitore, del
    > resto.
    > Ma il supporto hardware è ancora agli esordi ed
    > effettivamente ci sarà da attendere (spero poco
    > poco) per vederlo far concorrenza a
    > GNU/Linux.

    Ti quoto perchè ieri era s.valentino
    non+autenticato
  • HyperSpace è sicuramente un'ottima innovazione, permette di fare cose che prima si potevano solo immaginare o fare con alcuni trick eseguiti da software molto leggeri (che permettevano il cambio di sistema operativo in esecuzione da Linux Win e viceversa con una combinazioni di tasti). Ciò che mi rallegra vereamente di questa nuova tecnologia è l' HyperCore, che permette di avere una sicurezza in più nell'esecuzione di applicazioni pericolose per il sistema. Staremo a vedere evoluzioni, prezzi, soprattutto i vantaggi reali
  • Condivido, spero da tempo in questi sviluppi (che mi sambrano lapalissiani, cosa aspettano?) e rincaro la dose: ben venga tutto ciò, anche perchè molti faranno a meno di Windows...
    non+autenticato
  • Mi ha molto incuriosito il tuo accenno a programmi che permettono di passare da Win a Linux e viceversa addirittura quando uno dei due sistemi è in esecuzione. (se ho capito bene...)

    Me ne indichi qualcuno? Sono un grande appassionato di Linux.
    Grazie

                 Salva
    non+autenticato
  • - Scritto da: blogtecnico
    > HyperSpace è sicuramente un'ottima innovazione,

    mettere programmi dentro il PC precaricati è roba vecchia, che poi oggi li facciano più raffinati visto le caratteristiche HW, ma per il resto pè roba abbandonata a metà anni 80 ( per un certo periodo sembrava andare bene ).

    > vedere evoluzioni, prezzi, soprattutto i vantaggi
    > reali

    vantaggi reali: quasi nessuno.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 febbraio 2008 12.29
    -----------------------------------------------------------