E se fosse il momento dell'UMTS?

di Filippo Cadore - Se gli operatori diramano i primi annunci sui futuri servizi wireless veloci è lecito attendersi che questi partano, in realtà, tra molti mesi. Un sintetico quadro della situazione

Roma - L'attesa per il sistema di telecomunicazioni di terza generazione sta diventando frenetica. I titolari di licenza per l'UMTS assicurano che entro l'anno avremo il lancio del sistema di telecomunicazioni che dovrebbe rivoluzionare la vita di tutti i giorni. In effetti, diversi operatori hanno già annunciato l'imminente commercializzazione, primo fra tutti Hutchinson (in Italia H3G) che offre già servizi di terza generazione a Hong Kong e si appresta a lanciarlo, seppur in via sperimentale, anche in Europa. Restano, in ogni modo, numerosi ostacoli da superare prima dell'affermazione di detto sistema: le infrastrutture di rete non sono ancora sufficientemente sviluppate; la disponibilità ed il prezzo dei terminali sono misteri non ancora svelati.

La responsabilità, pertanto, ricade quasi interamente sui produttori che stanno rallentando sia lo sviluppo della rete sia la diffusione di terminali.

Qualche giorno fa Nokia ha dichiarato che l'avvento dell'UMTS è un avvenimento superfluo in quanto la rete GSM, con opportuni ritocchi, può già fungere da veicolo di servizi di terza generazione (come gli MMS). Effettivamente, per consentire un decollo immediato delle comunicazioni di terza generazione i produttori dovrebbero investire enormi energie e capitali nello sviluppo di questa nuova tecnologia abbandonando il mercato attuale che, seppur meno redditizio di qualche tempo fa, è ancora in grado di assicurare importanti profitti. Nokia ha, infatti, conseguito nel secondo trimestre del 2002, a fronte di un calo del fatturato del 6%, un aumento del margine operativo del 17.6%.
Inutile affermare che la richiesta di cellulari di seconda generazione (o di 2,5° generazione come sono definiti i cellulari GPRS) è ancora alta. È di qualche giorno fa, in ogni caso, la presentazione del primo terminale compatibile UMTS (NOKIA 6650), ma molti ricorderanno che in occasione dell'introduzione del protocollo WAP nel 1999, Nokia presentò il suo prodotto (7110) alla fine dell'estate, mentre nei negozi è arrivato solo nella successiva primavera; così facendo la società leader del mercato mondiale dei "telefonini" ha potuto vendere, nel frattempo, un grosso numero di quei modelli di cellulare che non supportavano tale protocollo di comunicazione.

In definitiva i produttori non trarrebbero alcun vantaggio economico dall'immediata affermazione dell'UMTS. In aggiunta anche gli operatori di rete titolari di licenza GSM sperano in un rinvio del lancio del sistema di terza generazione per poter così sfruttare i guadagni derivanti dai servizi multimediali da poco lanciati.

È alquanto improbabile, quindi, che "sotto l'albero di Natale" potremmo trovare un cellulare UMTS. È realistico pensare che in Italia sarà possibile acquistare un terminale di terza generazione dopo la metà del 2003 quando il mercato avrà assorbito l'attuale offerta di terminali GSM/GPRS compatibili con gli MMS.

Filippo Cadore
www.filippocadore.it
20 Commenti alla Notizia E se fosse il momento dell'UMTS?
Ordina
  • E' di questi giorni la pubblicità su diversi network nazionali, riguardo un non meglio precisato sistema di collegamento tra portatile e una rete informatica (internet) pubblica, attivabile presso aereoporti e alberghi di una nota catena.
    L'UMTS è nato vecchio, con i suoi, circa, 2Mbits al secondo ormai è vecchio prima ancora di nascere, largo ad altri sitemi come WiFi ad esempio, che in condizioni particolari può arrivare snche al doppio delle frequenze utilizzate da UMTS in trasferimento dati.
    non+autenticato
  • Hiihhihi ma dove???? Ma quando????? I giapponesi insegnano... e se è fallito da loro che sono maniaci malati tecnologici figuriamoci da noi dove per non spendere si fanno gli squilli... ahahah dai dai voglio vedere qualche provider finire sul lastrico trascinato nel baratro dell'umts.... Chi sarà il primo?
    non+autenticato
  • Mi dispiace per tutti coloro che continuano a credere nell'UMTS. Probabilmente partirà, ma cercate di essere realisti, a parte coloro che ne avranno veramente bisogno, chi sarà disposto a pagare 3 ? per vedere il gol di Totti sul terminale ?

    La storia degli USA (Boston e San Francisco coperte in wireless per il 30%) insegna, sarà il "senza fili" a spuntarla. Cavi e cavetti moriranno e forse anche l'UMTS.

    La verità è che le aziende non lo vogliono ammettere dopo aver speso miliardi per le licenze.
    non+autenticato
  • Tratto dall'articolo:
    "ma molti ricorderanno che in occasione dell'introduzione del protocollo WAP nel 1999, Nokia presentò il suo prodotto (7110) alla fine dell'estate, mentre nei negozi è arrivato solo nella successiva primavera; così facendo la società leader del mercato mondiale dei "telefonini" ha potuto vendere, nel frattempo, un grosso numero di quei modelli di cellulare che non supportavano tale protocollo di comunicazione."


    Nel complesso un bell'articolo, ma il lancio del 7110 non è stato ritardato per vendere più telefonini non wap, in quanto anche nei mesi successivi dal debutto di questo protocollo le vendite di cellulari wap hanno raggiunto a stento il 5-6% e gli introiti degli operatori dal wap non raggiungevano l'1%.
    La commercializzazione del 7110 è stata ritardata per tre motivi: la scarsa affidabilità del software del telefono, che comparve sul mercato già con diverse release software alle spalle, la mancanza di unificazione dei protocolli supportati dalle reti nazionali (alcuni tipi di telefono funzionavano in certi stati ed in altri no), e la sfiducia di fondo in una rivoluzione "on line" della telefonia gsm.

    non+autenticato
  • Avete scritto: "È di qualche giorno fa, in ogni caso, la presentazione del primo terminale compatibile UMTS (NOKIA 7650)"

    In realtà il telefono è il 6650, il 7650 non è UTMS!

    saluti
    non+autenticato
  • Scusate l'imprecisione, il terminale che intendevo indicare era effettivamente il Nokia 6650, ho riportato erroneamente il modello 7650 che è quello compatibile MMS già in commercio.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)