Microsoft regala tool agli studenti

Il big di Redmond ha avviato un programma riservato agli universitari che permette loro di ottenere gratuitamente licenze di Visual Studio e altri tool di sviluppo

Redmond (USA) - Con la consapevolezza che molti degli studenti che oggi utilizzano i suoi tool di sviluppo domani potrebbero diventare clienti (paganti) dei suoi prodotti, Microsoft ha avviato una nuova iniziativa, chiamata DreamSpark, che prevede l'accesso gratuito a Visual Studio 2008 ed altri tool da parte degli studenti universitari di USA, Europa e Cina.

Tra gli strumenti messi a disposizione da Microsoft agli studenti vi sono Expression Web e XNA Studio, rispettivamente dedicati alla progettazione di siti e servizi Web e allo sviluppo di giochi e applicazioni per Xbox 360. Gli studenti possono poi ottenere copie gratuite di Windows Server e del database SQL Server.

Va detto che gli studenti possono già accedere a licenze scontate di molti software venduti da Microsoft, e scaricare le edizioni "express", gratuite ma limitate, di prodotti come Visual Studio. Quelle ora offerte dal big di Redmond sono invece copie integrali dei propri software, nell'edizione standard.
Nel corso dell'anno, Microsoft conta di estendere il proprio programma anche ad altri paesi e agli studenti delle scuole primarie superiori, raggiungendo in totale circa un miliardo di ragazzi.
138 Commenti alla Notizia Microsoft regala tool agli studenti
Ordina
  • Da questo splendido articolo:

    http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/scienza_e_...

    " La competizione tra Microsoft e le politiche federali in favore del software libero non è nuova e ha conosciuto in passato momenti di alta tensione. L'Istituto federale della tecnologia dell'informazione, presieduto da Sergio Amadeu, ha avviato da tempo un piano per l'adozione del software libero nella pubblica amministrazione e nelle scuole. In risposta, l'azienda di Bill Gates ha donato copie gratuite di Windows ad amministrazioni locali (spesso governate dalla destra), scuole e organizzazioni non governative. A questa mossa, nel marzo 2004 Amadeu aveva risposto che il governo brasiliano non aveva bisogno di regali che somigliavano "a quelli degli spacciatori", che sarebbero solo "un cavallo di Troia per assicurarsi una massa critica di utenti". Nel giugno 2004, la Microsoft aveva denunciato Amadeu per diffamazione. Il programma PC Conectado è l'ultimo capitolo di questo braccio di ferro. "

    Che tra l'altro somiglia al "Computador Bolivariano" anch'esso con Linux, che Chavez ha promosso in Venezuela.

    Insomma le regalie di Microsoft sono ben note in molti paesi nel mondo per quello che realmente sono: latecnica della "prima dose" di uno spacciatore di droga o di qualcosa che crea dipendenza e quindi un ritorno economico ad una categoria/azienda...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 febbraio 2008 17.54
    -----------------------------------------------------------
  • e quindi?
    qual è il problema?
    anke il salumiere ti fa assaggiare i prodotti.
    Uh, e le sagre di paese allora cosa sono? maxi raduni di spacciatori?
    insomma ovvio. è uno strumento di mercato.
    non+autenticato
  • ╚ uno strumento di distorsione del mercato, specie se colui che regala è monopolista.

    ╚ stato spiegato più volte che è pratica scorretta e in alcuni paesi anche fuorilegge.
  • Lascia perdere.. per loro è ORO che cola...
    Per un programmatore con i controcazzi è tutta m#rda!
    non+autenticato
  • - Scritto da: enneci
    > Lascia perdere.. per loro è ORO che cola...
    > Per un programmatore con i controcazzi è tutta
    > m#rda!

    un programmatore con i contro.... usa la m#rda e la fa rendere bene.

    Visto poi il costo, per uno studente può andare bene.
  • > Visto poi il costo, per uno studente può andare
    > bene.

    Questo è il problema più critico: gli studenti, che stanno imparando e che diventeranno dipendenti dai prodotti commerciali del monopolista e, una volta arrivati nel mondo del lavoro, si porteranno dietro questa dipendenza con relativi costi di licenza. E' una categoria strategica da colpire.

    Devo dire, però, che negli ultimi anni ho notato una enorme migrazione a linux da parte degli studenti di ingegneria informatica della mia città, sta diventando praticamente lo standard e, oltretutto, in più di una materia i sistemi linux sono argomento d'esame. In un'occasione mi è pure capitato di assistere a una lezione in cui il professore ha speso un po' di tempo a spiegare i vantaggi di linux e open source.

    E questo fa molto ben sperare.

    TAD
  • > Questo è il problema più critico: gli studenti,
    > che stanno imparando e che diventeranno
    > dipendenti dai prodotti commerciali del
    > monopolista e, una volta arrivati nel mondo del
    > lavoro, si porteranno dietro questa dipendenza
    > con relativi costi di licenza. E' una categoria
    > strategica da colpire.

    ma potrebbe essere una scusa per le altre ditte per rilasciare versioni ( non dico gratis ma ) economiche dei loro prodotti per usi non lucrativi.
  • Si ma come ti ha spiegato TAD, Micro$oft lo sta regalando per scopi lucrativi suoi. Sta pianificando, ossia investendo in "finta perdita" (perché comunque una copia di un software non ha un costo reale specie se l'utente se lo scarica da se) per raccogliere domani quando gli utenti studenti saranno diventati una categoria pagante di utenti professionisti.
  • - Scritto da: Mr.Mechano
    > Si ma come ti ha spiegato TAD, Micro$oft lo sta
    > regalando per scopi lucrativi suoi.

    intendevo lucrativi per chi lo usa, quelle che vengono dette versioni "personal".
    Se non gratis, un costo molto basso.


    > pianificando, ossia investendo in "finta perdita"
    > (perché comunque una copia di un software non ha
    > un costo reale specie se l'utente se lo scarica
    > da se)

    se il personale non lo paghi, sicuramente il SW non ha costo.
  • I programmatori costano è vero. La struttura costa è vero. Ma dato che una volta prodotto un software non ha più costi di duplicazione come per gli oggetti fisici, i costi di produzione dovrebbero essere ammortizzati molto prima che per una fabbrica di oggetti fisici.

    Eppure non solo il software non diminuisce col numero di copie vendute, anzi ogni anno aumenta pure... Per non parlare della sempre presente nuova versione con funzioni inutili, che fa sparire quella vecchia che ormai avrebbe dovuto avere un prezzo molto molto basso che tanta gente avrebbe trovato conveniente e sufficiente ai propri bisogni.

    L'industria del software commerciale è quanto di più fumoso esista al mondo. Ma solo io riesco a percepire questa cosa?Sorride
  • > dovrebbero essere ammortizzati molto prima che
    > per una fabbrica di oggetti
    > fisici.

    dovrebbero, dici bene.

    > Eppure non solo il software non diminuisce col
    > numero di copie vendute, anzi ogni anno aumenta
    > pure...

    lo stipendio lo vuoi costante oppure ogni tanto vuoi un aumento?

    > Per non parlare della sempre presente
    > nuova versione con funzioni inutili,

    le funzioni inutili le vuole il mercato, secondo te tutte le lucine sugli amplificatori a cosa servono?

    > avrebbe trovato conveniente e sufficiente ai
    > propri bisogni.

    per venderti la nuova versione, devo farti vedere qualcosa di nuovo ( legge di mercato sempre funzionante ).


    > L'industria del software commerciale è quanto di
    > più fumoso esista al mondo. Ma solo io riesco a
    > percepire questa cosa?

    e secondo te quello delle macchine fotografiche con megapixel interpolati e megazoom digitali?

    tutti i mercati sono pieni di fumo.
  • ...e lo usavo alla grande nell'università di trento...
    non+autenticato
  • grazie microsoft per le tue briciole gratis
    grazie
    grazie davvero
    te ne saremo tutti gratis per sempre


    ah robin hood...ma...
    non+autenticato
  • Bello vedere la gente che si lamenta per il gusto di lamentarsi.
    Perchè va di moda o perchè è un piccolo ragazzino dei centri sociali.
    Ora puoi tornare a protestare davanti al mc donald travestito da mucca pazza.
  • Tu torna a sbavare per quei 4 software malprogettati che ti costringeranno a vita ad usare Win... eppur di gente come te è pieno... infatti siamo in Italia, dove conta il marchio o dove conta chi riesce a "craccare" prima un software..

    Che ridere... prima o poi arrivera un bel trojan e te lo metterà in c##o!
    non+autenticato
  • cito da DreamSpark:

    we will be adding more countries throughout the year.

    e poi ancora:

    # Get verified as a student. The system is linked to schools and organizations around the world that can confirm student status. Simply choose your country and school, enter your info and hit submit.

    Con buona probabilita' l'Italia non e' ancora attiva perche' non ha ancora "systems linked" con la microsoft... Occhiolino
    Speriamo sia davvero possibile in futuro.
    non+autenticato
  • IBM lo fa da sempre, tutto il software completamente gratis
    sconti sull'hw per le facoltà e sconti sui costi di certificaione. si chiama Academic Initiative. In uni a Pavia da me la usiamo assolutamente senza costi
  • > IBM lo fa da sempre, tutto il software
    > completamente
    > gratis
    > sconti sull'hw per le facoltà e sconti sui costi
    > di certificaione. si chiama Academic Initiative.
    > In uni a Pavia da me la usiamo assolutamente
    > senza
    > costi
    E vi "regala" eclipse?A bocca aperta
    non+autenticato
  • No, ti regala tutto il software IBM fino a che lo usi dentor l'ambito accademico....
    Rational
    tivoli
    DB2
    WebSphere
    Lotus

    + software per server tipo i - p - x - z....

    Eclipse non è IBM, è gia gratis....
    prima di commentare informarsi per favore..
    grazie
  • Lo fa anche Autodesk se non ricordo male, basta contattarli con la mail dell'università e ti danno una licenza student di autocad...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)