Webdays sposa Torino Barcamp 2008

La storica manifestazione sulla cultura della Rete si rinnova. E nella due giorni c'Ŕ spazio anche per una conferenza-non-conferenza

Torino - Torna, ed è la nona volta, Webdays. La manifestazione, organizzata da Città di Torino e CentroScienza, negli anni ha sempre avuto un obiettivo preciso: essere un "evento divulgativo rivolto ai cittadini in situazione di digital divide, quindi individui di tutte le età, ma soprattutto over 60, con lacune di conoscenza rispetto all'uso delle nuove tecnologie e di Internet in particolare".

Quest'anno gli organizzatori hanno voluto innovare e rinnovare ulteriormente l'immagine della loro creatura, promuovendo un Barcamp e affiancandolo al più tradizionale formato Webdays. Durante la due giorni si succederanno momenti più istituzionali, concentrati nella giornata di venerdì 22 febbraio, ad altri più informali durante il sabato: "Nel Barcamp i ruoli si mischiano per creare maggiore condivisione e partecipazione: il pubblico interagisce con il pubblico creando il tema e diffondendo la conoscenza in modo orizzontale".

Al centro del dibattito, come sempre, l'accessibilità della rete, con particolare attenzione al tema La seconda vita dei contenuti. E se venerdì a parlarne saranno esperti riconosciuti, confrontando opinioni e giudizi nelle tavole rotonde che si succederanno nel corso della giornata, al sabato la parola andrà ai cittadini della rete: gli iscritti al Barcamp sono oltre 200, e sono 40 gli interventi proposti che verranno discussi da tutti senza distinzione di età, esperienza e professione.
L'appuntamento è fissato per il 22 e 23 febbraio 2008, presso il Circolo dei Lettori di Torino in Via Bogino 9. L'ingresso è gratuito.

Per tutte le informazioni sul Barcamp, è a disposizione anche il blog dedicato.