Gaia Bottà

Netizen cinesi smontano la propaganda di stato

La foto icona della nuova Cina è un collage digitale. Lo denunciano i netizen e i media di stato porgono le proprie scuse

Roma - Antilopi in corsa sollevano polvere sotto un ponte della ferrovia del Qingzang: una foto propagandistica del regime per far ingollare agli ambientalisti l'amaro boccone della monumentale infrastruttura. Antilopi posticce, ha puntato il dito la società civile digitale. Antilopi posticce, hanno riconosciuto mestamente i media sui quali la foto era stata pubblicata.

Antilopi sovrapposteLa foto avrebbe dovuto essere un'icona di una Cina moderna e attenta all'ambiente. CCTV, l'emittente televisiva di stato, l'aveva premiata come miglior foto dell'anno nel 2006, proprio nel momento in cui si stava concludendo la costruzione della ferrovia, oltre 2,5 miliardi di euro per un impatto ambientale potenzialmente devastante per gli ecosistemi incontaminati che i suoi binari fendono. Una dimostrazione esemplare del fatto che le antilopi, elette a simbolo dei prossimi giochi olimpici, proliferano sull'altopiano tibetano, convivono in armonia con il nuovo che avanza.

L'immagine è opera del fotografo Liu Weiqing: interminabili peregrinazioni in Tibet gli avevano consentito di immortalare il galoppare delle antilopi in concomitanza dello sfrecciare del treno. L'immagine era rimbalzata sui media locali, era esposta ovunque, si moltiplicava in rete. E proprio un netizen, appassionato fotografo colpito dall'immagine, ha svelato il trucco: l'opera di Liu Weiqing è un collage, ritoccato sapientemente con un programma per l'editing fotografico.
Lo rivela una linea sospetta nella parte bassa della fotografia, ha spiegato dajiala, il primo a smascherare l'inganno. Alla sua rimostranza è seguita una sollevazione in rete: chi ha analizzato la corsa composta del branco di antilopi e ne ha sottolineato l'incompatibile tranquillità con lo sferragliare del treno, chi ha sottolineato come alcune delle antilopi fossero gravide, fatto altamente improbabile per il periodo dell'anno nel quale avrebbe dovuto essere stata scattata la foto.

Il fotografo ha chinato il capo, ha ammesso il trucco: la foto sono state sovrapposte a mezzo Photoshop. Liu Weiqing ha ammesso contrito di non essere degno di continuare nella propria carriera e ha rassegnato le dimissioni dal giornale presso cui lavorava, dimissioni seguite da quelle del direttore responsabile.

Viste le proteste dei cittadini della rete, è toccato poi ai media di stato chinare il capo, come responsabili della celebrazione della fotografia: l'agenzia di stampa di stato Xinhua ed altri periodici che avevano dato spazio alla foto si sono scusati con i cittadini.

"Stiamo tutti sbagliando a focalizzare la questione - ha avvertito Wang Yangbo, redattrice di un quotidiano di Hong Kong - I fotografi non contano nulla in queste dinamiche". Che la foto fosse stata sollecitata dal governo o fosse frutto dell'ambizione di Liu Weiqing è ancora oggetto di discussione.

Gaia Bottà
55 Commenti alla Notizia Netizen cinesi smontano la propaganda di stato
Ordina
  • C'è un bel fumo nero che esce dal treno che si vede nella foto del blog, l'avete notato?
    non+autenticato
  • A me all'inizio sembrava una nuvola, poi ho cliccato sopra e sono finito in un blog cinese dove la foto e' ingrandita e in effetti il fumo si vede bene cosi' come il punto di emissione. Mancano anche tutte le linee elettriche aeree, possibile che la distribuzione sia su linee a terra?

    Detrattore, non avevi detto che il treno era elettrico e che tu l'hai utilizato e che faceva poco rumore? Stiamo parlando dello stesso treno?
    non+autenticato
  • il treno e' elettrico.

    che esca del fumo non saprei, ma non ricordo proprio episodi del genere, lo avrei notato in 48 ore (!!) di treno...

    sicuramente la foto non e' quindi solo un fake sulle antilopi ma c'e' di peggio.

    magari il fumo l'ha aggiunto per dare dinamicita' all'immagine.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > il treno e' elettrico.
    >
    > che esca del fumo non saprei, ma non ricordo
    > proprio episodi del genere, lo avrei notato in 48
    > ore (!!) di
    > treno...
    >
    > sicuramente la foto non e' quindi solo un fake
    > sulle antilopi ma c'e' di
    > peggio.
    >
    > magari il fumo l'ha aggiunto per dare dinamicita'
    > all'immagine.

    Se il treno è elettrico ci sono due considerazioni da fare:
    - ha il generatore a bordo e quindi inquina come qualsiasi diesel-elettrico di altre nazioni...

    - hanno usato i binari come linea di alimentazione in barba a qualsiasi elementare normativa di sicurezza...

    Vorrei capire.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 febbraio 2008 10.11
    -----------------------------------------------------------
  • non ti so dire, non sono un esperto di treni...

    e' un treno di classe "T" comunque, e mi risulta sia elettrico come tutti gli altri Txx in cina.

    ma ripeto, ma a te che cazzo te ne frega ?
    a ogni costo bisogna arrampicarsi sugli specchi ?

    come mai in italia non ci sono i treni che vanno a 5500m ?
    forse che vi rodete d'invidia ?

    credi che un paese dove si sceglie tra un mortadella e un salame e ora l'ennesimo sgorbio Veltrusconi sia tanto meglio ?

    io in cina non ho mai visto la monnezza come a napoli e personaggi arroganti come voi.

    qui la gente e' umile e si tira su le maniche, gli stronzi li trovi solo a HK, SG, e Shanghai.
    non+autenticato
  • Si, in effetti è gente proprio umile e anche di più, che non ha neanche il coraggio di alzare la testa di fronte ai soprusi, alla cancellazione di diritti, alla morte per mano dello stato, alla mancanza di democrazia.
    Preferisco essere arrogante, libero ed europeo, piuttosto che un umile servo che non ha il coraggio di lottare per i propri diritti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Randi
    > Si, in effetti è gente proprio umile e anche di
    > più, che non ha neanche il coraggio di alzare la
    > testa di fronte ai soprusi, alla cancellazione di
    > diritti, alla morte per mano dello stato, alla
    > mancanza di
    > democrazia.

    infatti da noi la stragrande maggioranza non vuole le missioni militari, ma si fanno, non vuole le liste elettorali bloccate, ma si fanno, non vuole alcune grandi opere ne' basi militari estere, ma si fanno, non vuole certe aberrazioni sulla proprietà intellettuale, ma ci sono, non vorrebbe ogm, ma per legislazione europea se li trova nel piatto, utile la democrazia !

    quanto alle morti di stato, ci sono sia come pena (per fortuna non in italia) sia in altro modo (aldovrandi, altri morti in carcere per percosse ecc) e di cancellazione dei diritti dopo le rendition, abu grahib, guantanamo, patriot act vari facciamo anche noi la nostra parte

    > Preferisco essere arrogante, libero ed europeo,
    > piuttosto che un umile servo che non ha il
    > coraggio di lottare per i propri
    > diritti.

    imho non sei arrogante, solo confuso, anch'io sono contento di essere europeo ma penso che la tua confusione contribuisca a rendere l'europa meno libera, non gli stati canaglia più liberi
    non+autenticato
  • Randi,
    vai te ad alzare la testa in Cina va...
    Sparire in carcere, licenziato, ritorsioni sulla famiglia.. li mica si scherza! Qui puoi scrivere sul muro "il presidente è stronzo" se lo fai lì sono cazzi...
    Fai il rivoluzionario dove i rivoluzionari sono una fascia di mercato, ti vorrei vedere in Cina dove davvero rischi tutto.
  • Qui in Europa molti sono morti, licenziati, spariti in carcere e torturati negli ultimi tre secoli per arrivare dove siamo ora. Di certo non erano gente come te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore

    > come mai in italia non ci sono i treni che vanno
    > a 5500m
    > ?
    > forse che vi rodete d'invidia ?

    O forse che la cima più alta in Italia è 4810 metri? ]:)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > non ti so dire, non sono un esperto di treni...
    >
    > e' un treno di classe "T" comunque, e mi risulta
    > sia elettrico come tutti gli altri Txx in
    > cina.
    >
    > ma ripeto, ma a te che cazzo te ne frega ?
    > a ogni costo bisogna arrampicarsi sugli specchi ?

    Chi si arrampica sugli specchi sei tu: o è elettrico quindi ci sono cavi piloni a quant'altro, oppure è un diesel-elettrico e dire che non inquina nei posti dove passa è alquanto sbagliato...
    Asserire poi che su quel treno ci sei stato e non ti sei accorto di nulla al riguardo puzza alquanto: direi che se il locomotore è alimentato tramite linea elettrica è abbastanza evidente a meno di non essere orbi in toto...
    >
    > come mai in italia non ci sono i treni che vanno
    > a 5500m
    > ?
    Forse perché in Italia il monte più alto arriva a 4848m?

    > forse che vi rodete d'invidia ?

    Per invidiare qualcosa occorre che questo sia al di la del meglio in casa propria: e se trattasi di elettrotreno non è nulla di diverso se non nella forma da un qualunque treno nostrano...
    >
    > credi che un paese dove si sceglie tra un
    > mortadella e un salame e ora l'ennesimo sgorbio
    > Veltrusconi sia tanto meglio
    > ?
    >
    > io in cina non ho mai visto la monnezza come a
    > napoli e personaggi arroganti come
    > voi.
    >
    > qui la gente e' umile e si tira su le maniche,
    > gli stronzi li trovi solo a HK, SG, e
    > Shanghai.

    A me personalmente fa girare le scatole il fatto di essere preso in giro con false informazioni da chichessia...e dato che non mi incantano i politici nostrasi, figurati se mi faccio incantare da quelli cinesi!

    Tu vedi persone umili, io vedo servi della gleba che dal tempo di Marco Polo hanno cambiato solo chi comanda ma non quello che sono.

    Probabilmente sarà vero che non c'è monnezza per strada, anche se colleghi che lavorano in Cina mi raccontano altro, però ti obbietto che forse è meglio una bistecca in un piatto di legno alla cipolla nel piatto d'oro.
  • con il mondo occidentale il taroccatore che coprì la pelata dell'ex premier non si è dimesso, il taroccatore che buttò il cormorano di proposito nel catrame per simboleggiare il disastro ambientale della prima guerra del golfo non si è dimesso, i videooperatori che hanno incollato applausi a relatori italiani all'onu con platee desertoe e che hanno coperto gaffes internazionali non si sono dimessi, i rispettivi giornali e tv si sono ben guardati dal chiedere scusa
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonymous
    > con il mondo occidentale il taroccatore che coprì
    > la pelata dell'ex premier non si è dimesso, il
    > taroccatore che buttò il cormorano di proposito
    > nel catrame per simboleggiare il disastro
    > ambientale della prima guerra del golfo non si è
    > dimesso, i videooperatori che hanno incollato
    > applausi a relatori italiani all'onu con platee
    > desertoe e che hanno coperto gaffes
    > internazionali non si sono dimessi, i rispettivi
    > giornali e tv si sono ben guardati dal chiedere
    > scusa
    Gia' se non si dimetteva lo facevano sparire..
    non+autenticato
  • - Scritto da: jnz
    > - Scritto da: anonymous
    > > con il mondo occidentale il taroccatore che
    > coprì
    > > la pelata dell'ex premier non si è dimesso, il
    > > taroccatore che buttò il cormorano di proposito
    > > nel catrame per simboleggiare il disastro
    > > ambientale della prima guerra del golfo non si è
    > > dimesso, i videooperatori che hanno incollato
    > > applausi a relatori italiani all'onu con platee
    > > desertoe e che hanno coperto gaffes
    > > internazionali non si sono dimessi, i rispettivi
    > > giornali e tv si sono ben guardati dal chiedere
    > > scusa

    > Gia' se non si dimetteva lo facevano sparire..

    no, si sono democratizzati per le olimpiadi, hu jintao ora lo faceva licenziare durante un viaggio in bulgaria come usa da noi
    non+autenticato
  • solito articoletto razzista nonche' imperialista, probabilmente partorito sulla tazza del w.c. con laptop collegato in wifi...

    1) si puo' dire quello che si vuole dei treni cinesi ma non che non spacchino il minuto e siano nel 95% dei casi PUNTUALISSIMI, puliti, ed efficenti.

    2) prima di bollare "propaganda" il poster in questione (nient'altro che un normalissimo poster divulgativo..) mi farei prima due risate sui posters di Trenitalia che offrono a costi oramai piu' cari dell'aereo servizi da quarto mondo, ritardi inauditi, treni cancellati, biglietti non rimborsati, etc

    3) patetici, ora e' di moda spalare letame sulla Cina, ma un giorno forse in Cina ci metterete piede e vedrete treni in orario, strade pulite, e servizi di prim'ordine, se non altro nella maggiori citta', e vi renderete conto che l'italia e' un paese del terzo mondo.

    4) eviterei inoltre questa martellante propaganda anti-cinese, dopotutto ci potrebbero essere dei lettori cinesi nati in italia che giustamente sarebbero offesi da questi articoletti scopiazzati da altre fonti ben note.

    se proprio volete insistere trovatevi un inviato a pechino
    (studenti, o expats, basta cercare in qualche forum sino-italiano) che studia cinese o lavora li', se non altro evitera' di scrivere corbellerie come fate voi.

    Fate pena, vi brucia che la Cina puo' fare ferrovie a 5500m d'altitudine che persino gli svizzera avevano liquidato come "impossibile", mentre in italia ci vogliono 20 anni per fare un passante di Mestre o trivellare una galleria.

    E' anche grazie a quelli come voi che la disinformazione in materia di Cina regna sovrana e sfido qualunque lettore che abita o lavora in Cina a darvi ragione.



    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • Detrattore calma, in ogni articolo sulla Cina vedi attacchi.
    E' un articolo su come grazie ad internet si sia svelato un falso.
    Poteva accadere ed accade spesso anche in altri paesi.
    Non vedo proprio tutto questo accanimento sulla Cina, tantomeno contro i treni cinesi. Anzi c'e' perfino una buona notizia, c'e' chi si e' scusato e questo fa onore al merito.

    Tu sei convinto che PI abbia il dente avvelenato sulla Cina, pero' tu di fatto ci mostri sempre la tua dentiera velenosissima sugli articoli di PI.
    Accusando questo semplice articolo (una scemenza di poco rilievo, mi si permetta) di imperialismo, mostri un modo di pensare che fa assolutamente paura, sembri tu piu' propagandisticamente cinese dei cinesi stessi, votato ad una causa er la quale ti batti il petto piu' forte di tutti.

    Di italiani in Cina ce ne sono tanti e si rendono ben conto delle cose positive e negative di questo paese. Se vuoi ti mando le mie foto delle strade sporche cinesi (e ovviamente anche di quelle pulite).

    Vuoi che parliamo dei passeggeri di pullman che gettano le immondizie dai finestrini e di come sono ridotti i cigli delle strade di lunga percorrenza? Non dirmi che sono bugiardo o che attacco la Cina, e' un fatto che ho verificato io e che puoi verificare anche tu, come il servizio da terzo mondo dei treni italiani.
    Ma non c'e' niente di male, sia l'Italia che la Cina hanno pregi che possono ben competere con queste cose, per cui non serve accanirsi.

    Ti va un po' di moderazioe e obiettivita' sul tema, o hai sposato la Cina e la sua causa cosi' tanto che e' diventata fede e ogni accenno alla Cina e' per te un attacco iperialista e razzista?

    Recupera razionalita' ed equlibrio se puoi.
    Altrimenti smetti di leggere PI, che ti fai del male a fare... vivi nel tuo mondo come ogni buon fanatico.
    non+autenticato
  • > Detrattore calma, in ogni articolo sulla Cina
    > vedi attacchi [...]
    > Non vedo proprio tutto questo accanimento sulla
    > Cina[...]
    > Tu sei convinto che PI abbia il dente avvelenato
    > sulla Cina, pero' tu di fatto ci mostri sempre
    > la tua dentiera velenosissima sugli articoli di
    > PI.

    effettivamente anch' io che guardo questi articoli dal punto di vista delle tecniche di comunicazione più che in difesa del governo cinese, ho notato un certo modo di parlare non solo della cina ma di tutti gli stati canaglia sui media occidentali

    > Accusando questo semplice articolo (una scemenza
    > di poco rilievo, mi si permetta) di imperialismo,
    > mostri un modo di pensare che fa assolutamente
    > paura, sembri tu piu' propagandisticamente cinese
    > dei cinesi stessi, votato ad una causa er la
    > quale ti batti il petto piu' forte di
    > tutti.

    in effetti lo trovo un po' sopra le righe ma meno subdolo del tono di certi articoli e comunque riequilibra l'informazione che commenta

    > Ti va un po' di moderazioe e obiettivita' sul
    > tema, o hai sposato la Cina e la sua causa cosi'
    > tanto che e' diventata fede e ogni accenno alla
    > Cina e' per te un attacco iperialista e
    > razzista?

    beh vedo talmente poca moderazione e obiettività quando si parla di "stati canaglia" che farne una colpa a lui ...

    > Recupera razionalita' ed equlibrio se puoi.
    > Altrimenti smetti di leggere PI, che ti fai del
    > male a fare... vivi nel tuo mondo come ogni buon
    > fanatico.

    io direi usa toni meno retorici, enfatici e sii meno suscettibile, quanto a obiettività e razionalità imho il detrattore supera le notizie che commenta
    non+autenticato
  • Eh, è vero Il Detrattore esagera coi toni, però è anche vero che PI tende spessimo a fare articoli molto poco obiettivi sulla Cina anche perché parlarne male fa avere più visite che essere oggettivi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Garibaldi la sa lunga
    > Eh, è vero Il Detrattore esagera coi toni, però è
    > anche vero che PI tende spessimo a fare articoli
    > molto poco obiettivi sulla Cina anche perché
    > parlarne male fa avere più visite che essere
    > oggettivi.
    Non posso che confermare. Il modo di dare certe notizie riesce davvero a dare fastidio, quindi capisco l'irritazione del Detrattore.
    Purtroppo non sono d'accordo sui suoi toni, spesso un po' guerriglieri. Detrattore, non mi prender male. Ammetterai che spesso si va un po' oltre...Occhiolino
    non+autenticato
  • > effettivamente anch' io che guardo questi
    > articoli dal punto di vista delle tecniche di
    > comunicazione più che in difesa del governo
    > cinese, ho notato un certo modo di parlare non
    > solo della cina ma di tutti gli stati canaglia
    > sui media
    > occidentali
    >

    quoto

    > in effetti lo trovo un po' sopra le righe ma meno
    > subdolo del tono di certi articoli e comunque
    > riequilibra l'informazione che
    > commenta

    quoto

    >
    > beh vedo talmente poca moderazione e obiettività
    > quando si parla di "stati canaglia" che farne una
    > colpa a lui
    > ...

    quoto molto!
    (ma l'obbiettività assimmentrica è, haimè, un Morbo Instillato, non una colpa personale)

    > io direi usa toni meno retorici, enfatici e sii
    > meno suscettibile, quanto a obiettività e
    > razionalità imho il detrattore supera le notizie
    > che
    > commenta

    imho a volte, non sempre...
    cmq quoto.
  • A me l'articoletto non e' sembrato tanto razzista.

    In sintesi hanno sgamato un fotomontaggio ed e' finita che fotografo e direttore si sono dimessi e che i celebratori si sono scusati. Dal confronto con quello che succede in Italia, dove nessuno si dimette mai qualunque cosa succeda, direi che la Cina ne esce piu' che bene, ancor di piu' visto che e' considerato uno stato dove la censura e' molto attiva.

    Riguardo a alle tue considerazioni sull'ambiente naturale

    "il cosiddetto ambiente naturale circostante sono solo ghiacciai a 4000-5500m di altitudine, altopiani del tutto deserti, qualche filo d'erba, fango, ruscelli, yak, muli, e cavalli.
    non c'e' una sola foresta ne' alberi per centinaia di km ma solo roccia, sabbia, e deserti alternati a vallate alpine.

    sembra che tu ne abbia un'idea piuttosto elementare. Perche' altrimenti non vedo perche' proteggere l'Antartide dove ci sono solo pinguini tanto ghiaccio e qualche roccia solo in alcuni punti.

    Sulle conseguenze della costruzione della ferrovia io non mi sbilancerei ma eseguirei degli appositi studi. Forse hai ragione tu, l'impatto sara' veramente minimo.

    Per quanto riguarda la campagna razzista sulla Cina a me sembra che ricalchi quella di decenni passati sul Giappone.
    non+autenticato
  • la campagna diffamatoria anti-cinese ormai e' TOTALE !

    persino i media complottisti e di contro-informazione
    sono del tutto anti-cinesi.

    gli unici che ancora difendono la Cina sono sparuti gruppuscoli di marxisti-leninisti, filo-maoisti, e stalinisti, di solito vicini piu' a Diliberto che Bertinotti.

    perfino il Manifesto e' abbastanza anti-cinese in quanto a loro dire la cina e' ora troppo capitalista.

    tutti hanno ottime ragioni per usare la cina come capro espiatorio di ogni male, come se il problema fossero i contadini cinesi che dopo una vita di fatica si fanno casa, famiglia, e automobile, e non fosse l'occidente che e' ormai un cadavere marcio in putrefazione.

    tra l'altro i piu' virulenti anti-cinesi sono proprio i cinesi di HongKong, taiwan, e singapore...genuflessi ai loro padroni americani con la bava alla bocca...
    non+autenticato
  • Taiwan è indipendente, Singapone è indocinese ma soprattutto meno cinese della Thailandia, Hong Kong è diventata cinese nel 1997. Allora, chi è il propagandista?
  • Cosda ne pensano i tibetani di quel treno?
  • i tibetani QUALUNQUE cosa si faccia daranno colpa alla cina.

    e' una loro prerogativa, stanno sempre a lagnarsi, ricordano i napoletani diciamo..

    ma poi te lo dicono che loro per "principio" odiano TUTTO quello che e' cinese, e anche nei fatti si rifiutano di adottare la tecnologia, perfino i cessi o l'acqua calda sono rari in gran parte di lhasa ma a loro va benissimo cosi', c'e' chi ha il mulo e il carretto e il pozzo nel cortile, non si lamentano.

    del treno dicono che porta milioni di turisti di merda (che loro odiano!) etc etc

    non sanno assolutamente trattare coi turisti, tutto di guadagnato per i cinesi che hanno hotels e ristoranti ...
    non+autenticato
  • GROSSOLANO errore !

    La ferrovia si chiama QingHai-Tibet o QingHai-XiZang :
    il nome "QingZang" non esiste ne' geograficamente (forse intende un misto di QingHai+XiZang?) ne' a livello ferroviario, dove casomai si usa la nomea "Beijing-Lasa (senza "H")) o "treno T27".

    D'altronde se vi fidate di Wikipedia questi sono i magri risultati....

    QingHai == provincia (etnicamente tibetana) a nord del Tibet
    XiZang == Tibet
    Lhasa == LaSa



    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • Per quanto riguarda Lasa, dipende dalla trascrizione. Se scegli il pingyin è una, se sceglie wade giles è l'altra. Oltretutto potrebbe derivare direttamente dal tibetano, ma non conoscendolo non vorrei dire castronate.
    non+autenticato
  • LA-SA e' il nome vero in tibetano ma e' anche uguale in pinyin (mandarino, cinese semplificato).

    puo' essere che in cantonese sia LHA-SA (ergo in wade giles pre-1951).

    nei cartelli stradali vedi "Lasa".
    il treno ha il cartello "Beijing-Lasa"
    il biglietto del treno, idem.

    puo' anche essere sia una anglofilia, ma rimane il fatto che il nome e' Lasa e non Lhasa.
    non+autenticato
  • A Hong Kong è scritto Lhasa. È che in cantonese continuano a usare il sistema inglese, nonostante le indicazioni governative di usare il sistema jyutping (che sanno solo quelli che fanno l'università).

    Lo noto quando scrivo ai miei amici di Hong Kong: io traslittero con lo jyutping (perché su internet giustamente si trova quello adesso) e loro mi rispondono correggendomi col loro metodo strano all'inglese: quando faccio loro notare che quello è il metodo ufficiale non ci credono nemmeno, non l'hanno mai sentito. Di loro, solo un'amica laureata in letteratura cinese mi conferma che il mio metodo è quello giusto, ma che non lo usa nessuno.
    non+autenticato
  • beh ma non e' mai stato un mistero che quelli di HK si credono una razza a parte e vedono i cinesi della mainland come straccioni.
    non+autenticato
  • Ma dai detrattore...
    Sono altri i motivi percui gli HKghini odiano i mainlanders. Li nota anche chi non è cinese. Non è perchè "sono straccioni" ma perchè, e in questo non voglio mettere nessuna critica ma solo osservazioni, i mainlanders sono maleducati, ignoranti, insensibili al prossimo.
    E su questo a HK hanno perfettamente ragione.
    I mainlanders hanno subito un tale lavaggio del cervello che di cinese non gli è rimasto nulla. Sono molto piu cinesi a HK o Singapore o TW.
    Gli sguardi inorriditi degli HK quando il mainlander spinge e non fa la fila in un negozio, oppure quando butta la cicca a terra all'interno di posti pubblici.
    A casa mia a pechino i condomini sputano in ascensore... ed è anche casa loro!
    Non li considero inferiori per questo, ma solo inariditi da quel sistema di sfruttamento piramidali, dove l'unica libertà che hai è quella di fare soldi, corrompere, inquinare e sfruttare il prossimo.
    W HK!!! W TAIWAN!!! W SINGAPORE!!!
    (anche se pure queste sono dittature, ma almeno la gente è civile, sorride, ringrazia e fa la fila)
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > LA-SA e' il nome vero in tibetano ma e' anche
    > uguale in pinyin (mandarino, cinese
    > semplificato).
    >

    Fai il boss e poi non sai le cose. Il pinyin NON è il mandarino semplificato (che si chiama pu tong hua, lingua comune), ma è la traslitterazione standard in caratteri latini.

    > puo' essere che in cantonese sia LHA-SA (ergo in
    > wade giles
    > pre-1951).
    >

    wade giles che è, una lingua? vedi sopra: è un sistema di traslitterazione.

    > nei cartelli stradali vedi "Lasa".
    > il treno ha il cartello "Beijing-Lasa"
    > il biglietto del treno, idem.
    >
    > puo' anche essere sia una anglofilia, ma rimane
    > il fatto che il nome e' Lasa e non
    > Lhasa.

    Lana caprina. Avanti un altro...
    non+autenticato
  • Teniamo questa foto sull'hard disk, magari la possiamo utilizzare per la futura "grande opera" italiana... che ne so, la Torino-Lione.

    Bellissimo il passaggio: "La foto avrebbe dovuto essere un'icona di una Cina moderna e attenta all'ambiente. CCTV, l'emittente televisiva di stato, l'aveva premiata come miglior foto dell'anno nel 2006, proprio nel momento in cui si stava concludendo la costruzione della ferrovia, oltre 2,5 miliardi di euro per un impatto ambientale potenzialmente devastante per gli ecosistemi incontaminati che i suoi binari fendono"

    Quanti miliardi mesiamo di spendere, per la Torino-Lione? Ovviamente senza impatto ambientale alcuno? (mica siamo cinesi, noi)
    non+autenticato
  • ma quale impatto devastante ?
    e' un treno ELETTRICO, mica a carbone !

    milioni di turisti hanno visitato il tibet da quando c'e' la ferrovia, me compreso per 3 mesi, e Lasa e molti altre localita' ora vivono ampiamente anche solo col turismo e l'indotto, mentre prima avevano patate, yak, e the' al burro di yak.

    senza contare che grazie al treno arrivano merci dal QingHai e dal Sichuan che quindi costano infinitamente meno di prima quando c'era solo il trasporto su gomma su quella sgangherata strada che collega Lasa a Geer'mu.

    e' anche per far morire di invidia l'occidente che la ferrovia e' stata fatta, e hanno fatto bene, buon pro vi faccia, italioti.




    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > ma quale impatto devastante ?
    > e' un treno ELETTRICO, mica a carbone !
    >
    > milioni di turisti hanno visitato il tibet da
    > quando c'e' la ferrovia, me compreso per 3 mesi,
    > e Lasa e molti altre localita' ora vivono
    > ampiamente anche solo col turismo e l'indotto,
    > mentre prima avevano patate, yak, e the' al burro
    > di
    > yak.
    >
    > senza contare che grazie al treno arrivano merci
    > dal QingHai e dal Sichuan che quindi costano
    > infinitamente meno di prima quando c'era solo il
    > trasporto su gomma su quella sgangherata strada
    > che collega Lasa a
    > Geer'mu.
    >
    > e' anche per far morire di invidia l'occidente
    > che la ferrovia e' stata fatta, e hanno fatto
    > bene, buon pro vi faccia,
    > italioti.
    >
    >
    >
    >
    > Il Detrattore,
    > Pechino

    L'impatto ambientale lo si ha quando qualcosa di artificiale viene costruita in un ambiente naturale,in questo caso è molto alto!
    Beati coloro che hanno visitato il tibet senza queste cagate iperveloci...
    non+autenticato
  • se avessi preso il treno in questione sapresti che il cosiddetto ambiente naturale circostante sono solo ghiacciai a 4000-5500m di altitudine, altopiani del tutto deserti, qualche filo d'erba, fango, ruscelli, yak, muli, e cavalli.

    non c'e' una sola foresta ne' alberi per centinaia di km ma solo roccia, sabbia, e deserti alternati a vallate alpine.

    il treno passa in mezzo a tutto questo, non vedo proprio dove stia il problema, si tratta di 2-3 rotaie, ponti, e collegamenti elettrici, ed e' pure molto silenzioso come treno.

    intorno al treno non c'e' NULLA di NULLA per centinaia di km, ho visto in tutto 5-6 villaggi di fango e mattoni nell'arco di 1200km...

    forse preferisci la strada Geer'mu-Lasa dove passano giorno e notte camione e trattori che vanno a nafta con motori anni '50....
    non+autenticato
  • Hai pienamente ragione, confermo tutto.
    non+autenticato
  • Eh, ma si sa. Coi cinesi è sempre così! Se usano i motorini elettrici in città invece che quelli a benzina come da noi, allora si andrà a sottolineare che in un solo quartiere a Canton sono vietati titolando la notizia:"In Cina sono vietati i motorini elettrici".
    C'è tanta ignoranza in giro e tanta ma tanta disinformazione. Non so se avete visto nel forum di cinaoggi questa orrenda discussione sulle Olimpiadi basata sulla disinformazione assoluta:

    http://www.cinaoggi.it/cms/index.php?option=com_fi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tigerman
    >
    > L'impatto ambientale lo si ha quando qualcosa di
    > artificiale viene costruita in un ambiente
    > naturale,in questo caso è molto
    > alto!

    Sai, con queste logica dovresti abbattere qualsiasi costruzione fatta dall'uomo, a partire da casa tua.
    non+autenticato
  • Con i giusti materiali è possibile ridurlo l'impatto ambientale,io preferisco la natura
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > ma quale impatto devastante ?
    > e' un treno ELETTRICO, mica a carbone !
    >
    > milioni di turisti hanno visitato il tibet da
    > quando c'e' la ferrovia, me compreso per 3 mesi,
    > e Lasa e molti altre localita' ora vivono
    > ampiamente anche solo col turismo e l'indotto,
    > mentre prima avevano patate, yak, e the' al burro
    > di
    > yak.
    >
    > senza contare che grazie al treno arrivano merci
    > dal QingHai e dal Sichuan che quindi costano
    > infinitamente meno di prima quando c'era solo il
    > trasporto su gomma su quella sgangherata strada
    > che collega Lasa a
    > Geer'mu.
    >
    > e' anche per far morire di invidia l'occidente
    > che la ferrovia e' stata fatta, e hanno fatto
    > bene, buon pro vi faccia,
    > italioti.
    >
    >
    >
    >
    > Il Detrattore,
    > Pechino
    Qualcuno ha chiesto il parere e l'autorizzazione ai tibetani, popolo autoctono occupato militarmente dai cinesi o hanno fatto tutto i cinesi da soli?
    non+autenticato
  • - Scritto da: def
    > - Scritto da: Il Detrattore
    > > ma quale impatto devastante ?
    > > e' un treno ELETTRICO, mica a carbone !
    > >
    > > milioni di turisti hanno visitato il tibet da
    > > quando c'e' la ferrovia, me compreso per 3 mesi,
    > > e Lasa e molti altre localita' ora vivono
    > > ampiamente anche solo col turismo e l'indotto,
    > > mentre prima avevano patate, yak, e the' al
    > burro
    > > di
    > > yak.
    > >
    > > senza contare che grazie al treno arrivano merci
    > > dal QingHai e dal Sichuan che quindi costano
    > > infinitamente meno di prima quando c'era solo il
    > > trasporto su gomma su quella sgangherata strada
    > > che collega Lasa a
    > > Geer'mu.
    > >
    > > e' anche per far morire di invidia l'occidente
    > > che la ferrovia e' stata fatta, e hanno fatto
    > > bene, buon pro vi faccia,
    > > italioti.
    > >
    > >
    > >
    > >
    > > Il Detrattore,
    > > Pechino
    > Qualcuno ha chiesto il parere e l'autorizzazione
    > ai tibetani, popolo autoctono occupato
    > militarmente dai cinesi o hanno fatto tutto i
    > cinesi da
    > soli?

    sì l'autorizzazione è sul rovescio del documento con cui i pellerossa permettevano la costruzione della ferrovia

    penso che in calce si troverà anche l'autorizzazione dei valsusini a fare la tav
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > ma quale impatto devastante ?
    > e' un treno ELETTRICO, mica a carbone !

    Sarà, ma ingrandendo la foto si vede benissimo fumo ed il punto da cui esce....

    mancano poi le palificazioni per l'alimentazione elettrica, a meno che considerando la cronica mancanza di normative di sicurezza non abbiano provveduto a costruire la linea elettrica usando i binari....

    >
    > milioni di turisti hanno visitato il tibet da
    > quando c'e' la ferrovia, me compreso per 3 mesi,
    > e Lasa e molti altre localita' ora vivono
    > ampiamente anche solo col turismo e l'indotto,
    > mentre prima avevano patate, yak, e the' al burro
    > di
    > yak.
    >

    E' stato chiesto il parere ai tibetani? Sei sicuro al 100% che loro volevano "quello"?


    > senza contare che grazie al treno arrivano merci
    > dal QingHai e dal Sichuan che quindi costano
    > infinitamente meno di prima quando c'era solo il
    > trasporto su gomma su quella sgangherata strada
    > che collega Lasa a
    > Geer'mu.
    >
    > e' anche per far morire di invidia l'occidente
    > che la ferrovia e' stata fatta, e hanno fatto
    > bene, buon pro vi faccia,
    > italioti.
    >
    >

    Devo invidiare un treno elettrico di facciata?


    >
    >
    > Il Detrattore,
    > Pechino

    Uno che ragiona con la sua testa e non con quella della propaganda, qualunque e di chiunque essa sia.