Cuba legalizza i computer

Il nuovo presidente cubano, Raul Castro, ha firmato il provvedimento

Roma - Computer, lettori DVD ma anche grandi televisori. I beni elettronici di consumo fin qui vietati dal regime di Fidel Castro potranno ora trovare posto sugli scaffali. Questa la svolta voluta dal neopresidente cubano Raul Castro, succeduto a Fidel (insieme qui nella foto), che ha firmato nelle scorse ore un provvedimento di legalizzazione.

Cuba libera DVD e computerLa ragione ufficiale citata dai papaveri di L'Avana è la maggiore disponibilità di energia elettrica nel paese, che permette di aprire le porte all'elettronica nelle case.

In particolare, Castro ha acconsentito a permettere la vendita di lettori DVD, computer, televisori da 19 e 24 pollici, forni a microonde, motori elettrici da bicicletta e gli altri dispositivi fino ad oggi ufficialmente vietati alla libera distribuzione, sebbene spesso rimediati sul mercato nero.
Difficile dire, evidentemente, se questo provvedimento sia il primo di una serie di attese misure che potrebbero aprire il mercato cubano, ma da oggi per le famiglie recuperare almeno qualcosa sul fronte dell'alfabetizzazione informatica diventa più facile.
42 Commenti alla Notizia Cuba legalizza i computer
Ordina
  • a installare un server Tor
    non+autenticato
  • Il tuo intervento contiene una serie di inesattezze ed errori che evidenziano il fatto che a Cuba non ci sei mai stato e parli di cose che non conosci.

    1) non è assolutamente vero che in ogni classe di ogni scuola c'è un computer (è una vecchia propaganda del regime)

    2)neppure molti studenti della scuola di computazione sono in grado di fare quello che in un paese libero fanno i ragazzini di 15 anni, ho conosciuto studenti di queste scuole che non avevano nessuna padronanza del pc, lo sapevano accendere e spegnere ma poco più di questo, dopo anni di pessimi studi sapevano fare le più semplici operazioni e niente di più.

    3) anche se trovi annunci sui siti per single fatti da cubani (che vogliono scappare da Cuba trovandosi un marito nel 100% dei casi) quegli annunci sono messi in rete dai centri internet pubblici (e controllati )oppure dai computer degli uffici pubblici, che poi sono anche i posti da dove chattano gli impiegati statali che hanno accesso alla rete. Ma ricorda che internet a casa dei cubani per uso privato è vieatissimo e permesso solo per alcuni stranieri (ambasciate ecc ecc) che lo pagano salato.

    4) il cubano normale non ha nessuna idea di cosa sia o a cosa serva un computer, per lui è solo un ogetto sconosciuto del valore di decine e decine di suoi stipendi. A Cuba il problema è procacciare cibo ogni giorno non luccicanti computer, visto oltre tutto che internet a casa non si può avere.

    Cuba è una dittatura, se vuoi liberarti di un sacco di balle che ti hanno messo in testa vacci una santa volta, prendi un volo charter e vacci.....poi quando torni dimmi se ogni cubano ha una cultura informatica superiore alla nostra, poveri italiani costretti alla democrazia e alla libertà!

    saluti
    non+autenticato
  • E’ finito il socialismo a Cuba. Potete crederci, lo dice Vittorio Zucconi su Repubblica di oggi: “E’ l’elettricità ad annunciare la fine ormai inevitabile dell’ultima isola rossa del mondo”. E nelle pagine interne esultano i soliti Omero Ciai e Carlos Franqui.

    Che è successo di tanto clamoroso? Che il governo cubano ha autorizzato l’acquisto di computer e lettori DVD.

    Tutto qui? Direte voi. Sì, tutto qui. I cubani chiedono una qualità della vita un po’ più ricca, anche di beni di consumo, e il governo autorizza la vendita di computer e DVD.

    Ad Haiti o in Ruanda non ce l’hanno il computer, né chiederebbero di poterselo comprare. Anche se avessero qualche dollaro lo spenderebbero per non morire di fame o per comprarsi qualche medicina.

    A Cuba invece, paese che farebbe la fine di Haiti e del Ruanda se dipendesse da Omero Ciai o dai simpatici vicini del nord, il problema della gente è comprarsi il computer o il DVD.

    Gabriele Carchella, una nuova entry del Tirreno, si affretta a spiegarci che il computer “resta per i cubani un perfetto sconosciuto”. Manca solo che ci racconti che per le strade dell’Avana la gente si veste con pelli di leopardo e per vivere caccia brontosauri.

    Peccato che in ogni classe di ogni scuola cubana c’è un computer e il livello di alfabetizzazione informatica dei cubani è senz’altro più alto di quello degli italiani.

    Ma si sa, internet è proibita... Beh, fate questa prova, andate su un sito di amicizie e chat come ce ne sono tanti in rete, per esempio www.latinamericancupid.com, e guardate se ci sono o no cubani. Forse sono inserzioni vecchie e li hanno già arrestati tutti, o sono tutti della polizia segreta del regime...

    Infine il must di questi ultimi tempi: Cuba sta seguendo il modello cinese, libertà economica e niente diritti civili. Vagli a spiegare che il modello cinese ha come presupposto fondamentale la libertà di impresa e il mercato selvaggio e questo a Cuba non ci sarà mai, a parte il fatto che in Cina lavorano da schiavi e ci sono le esecuzioni di massa in piazza (ma questo non impedisce ai paesi “democratici” di intrattenere normali rapporti diplomatici e commerciali con Pechino).

    Ci sembra che questi giornalisti non dovrebbero scambiare i loro desideri per realtà. La libertà di comprarsi un computer non ha niente a che vedere con la reintroduzione del capitalismo, che i cubani non vogliono, ma è solo un modo di permettere alle famiglie qualche bene di consumo in più. Non ci vediamo niente di male.

    Ma poi se bastava dare i computer ai cubani per sconfiggere il socialismo, perché c’è l’embargo? Perché allora gli Stati Uniti non hanno inondato l’isola di lavatrici, o magari di collanine di perle come si faceva una volta con i selvaggi? Mistero...

    Certo, il governo cubano sbaglierebbe se pensasse di risolvere i problemi della vita quotidiana solo consentendo a chi può permetterselo di riempirsi di beni di consumo. Ci sono dei rischi non indifferenti di una differenziazione di classe fra chi lavora con il turismo e i ceti professionali a reddito fisso e questo va evitato come la peste. Ma a Cuba questo lo sanno, e la speranza è che con i processi di liberazione e integrazione latinoamericana (in barba a Omero Ciai) saranno possibili ben altri miglioramenti. Altro che DVD!

    Per Senza Soste, Nello Gradirà

    14 marzo 2008
    non+autenticato
  • non è he sia proprio qst il comunismo di cui aveva parlato Marx,
    quindi ti prego di informarti prima di fare commenti!!
  • - Scritto da: er meglio
    > non è he sia proprio qst il comunismo di cui
    > aveva parlato
    > Marx,
    > quindi ti prego di informarti prima di fare
    > commenti!!

    Eppure il suo regime è famoso per essere comunista, comunista.
    non+autenticato
  • ripeto: il comunismo di Marx è qualcosa di diverso...
    ai tempi del primodopoguerra non c'era nemmeno in russia il comnismo vero!!
  • contenuto non disponibile
  • Vuoi vedere che sia un'utopia come Utopia di Thomas Moore e la citta del sole di Campanella?
    XD
    non+autenticato
  • - Scritto da: er meglio
    > ripeto: il comunismo di Marx è qualcosa di
    > diverso...
    > ai tempi del primodopoguerra non c'era nemmeno in
    > russia il comnismo
    > vero!!

    quello di cuba è invece un vero comunismo, proprio come lo aveva ipotizzato marx

    a dire il vero marx aveva teorizzato la nascita del comunismo, ma non aveva teorizzato le inevitabili conseguenze

    è proprio l'inevitabilità delle conseguenze che rende il comunismo un male ed una grande offesa alla dignità e alla persona singola, costretta a fare sempre quello che vuole il gregge
    non+autenticato
  • Ecco un sentimentale....se Marx fosse vivo si sparereppe nei cogl*** per aver teorizzato uno dei più gravi tumori della nostra epoca..al pari del nazi-fascismo!
    non+autenticato
  • anche senza embargo, computer, dvd, tv, ecc.. erano vietati punto!
    Ma che bel regime quello cubano.... ehh il comunismo e' bello, e c'e' gente che vorrebbe averlo anche in italia. Baaah
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bertinotto
    > anche senza embargo, computer, dvd, tv, ecc..
    > erano vietati
    > punto!
    > Ma che bel regime quello cubano.... ehh il
    > comunismo e' bello, e c'e' gente che vorrebbe
    > averlo anche in italia.
    > Baaah


    informati prima di trollare

    prima che chavez fornisse petrolio a prezzi di favore erano "vietati" anche i bollitori di riso elettrici, PER NON FAR CONSUMARE A POCHI PRIVILEGIATI L'ENERGIA ELETTRICA E LASCIARNE UN PO' ANCHE AGLI ALTRI

    dove non si lascia spazio al mercato quando le cose scarseggiano esiste il controllo dei consumi e il razionamento, dove esiste il mercato aumentano i prezzi e compra solo chi può,

    poi sul tipo di economia preferita il dibattito è aperto e parla l'ideologia di ciascuno
    non+autenticato
  • > informati prima di trollare

    Perchè ti riscaldi tanto? Non mi sembra abbia detto nulla di così offensivo. E poi la tua risposta non cambia lo stato delle cose: è sempre colpa del regime autoritario così inspiegabilmente osannato dai sinistroidi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Divertito
    > > informati prima di trollare
    >
    > Perchè ti riscaldi tanto? Non mi sembra abbia
    > detto nulla di così offensivo.

    nenach'io

    > E poi la tua
    > risposta non cambia lo stato delle cose: è sempre
    > colpa del regime autoritario così
    > inspiegabilmente osannato dai
    > sinistroidi.

    certo, se ci lasciavano batista sarebbe stato un vero regime democratico come il cile di pinochet portato ad esempio e mai criticato da chi sputa su cuba

    complimenti per come posti, geniale la tua intuizione: non entrare in merito alle argomentazionei,parlare per slogan. è più facile

    del resto poi perchè discutere: lo stato delle cose è quello che stabilisci te
    non+autenticato
  • > del resto poi perchè discutere: lo stato delle
    > cose è quello che stabilisci
    > te

    Hai usato la stessa frase di una mia ex.. Per caso sei una ragazza?
    :D
    non+autenticato
  • - Scritto da: Divertito
    > > informati prima di trollare

    > Perchè ti riscaldi tanto? Non mi sembra abbia
    > detto nulla di così offensivo. E poi la tua
    > risposta non cambia lo stato delle cose: è sempre
    > colpa del regime autoritario così
    > inspiegabilmente osannato dai sinistroidi.


    Cioe' gli USA hanno messo l'embargo, impedendo a cuba di avere abbondanza di elettricita' ed e' colpa dei sinistroidi ??? Spiegami un po' questa cosa...
    non+autenticato
  • LOL
    E' proprio difficile comprendere la parola "conseguenza"?
    X dà uno schiaffo a Y?
    Y prende a randellate X.

    Vedrai che la prossima volta ci penseranno 2 volte prima di puntare dei missili contro uno stato BEN PIU' GRANDE (e mi riferisco solo alla estensione del territorio).

    Morale della favola? Cuba è stata gestita da gente NON MOLTO perspicace.

    E' consentito stupirsi difronte a cotanta incapacità politica senza beccarsi un troll?

    Chiedo il permesso a voi, oh illuminati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Divertito
    > LOL
    > E' proprio difficile comprendere la parola
    > "conseguenza"?
    > X dà uno schiaffo a Y?
    > Y prende a randellate X.

    Aiuta anche chiedersi perche' X ha dato uno schiaffo a Y...

    > Vedrai che la prossima volta ci penseranno 2
    > volte prima di puntare dei missili contro uno
    > stato BEN PIU' GRANDE (e mi riferisco solo alla
    > estensione del territorio).

    E ricordi anche perche' erano stati puntati quei missili ?
    E dove lo stato ben piu' grande stava puntando i suoi ?

    > Morale della favola? Cuba è stata gestita da
    > gente NON MOLTO perspicace.

    > E' consentito stupirsi difronte a cotanta
    > incapacità politica senza beccarsi un
    > troll?
    > Chiedo il permesso a voi, oh illuminati.

    Parlavi di te vero riguardo al troll ?
    non+autenticato
  • > Parlavi di te vero riguardo al troll ?

    Hai paura che ti scoprono? LOL
    non+autenticato
  • ma come... con tutto quel sole e quel bel vento da isola tropicale perchè non usano le forme energetiche alternative, che piacciono tanto ai sinistrorsi, in modo da avere tutta l'energia che vogliono?
    Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: GGG
    > ma come... con tutto quel sole e quel bel vento
    > da isola tropicale perchè non usano le forme
    > energetiche alternative, che piacciono tanto ai
    > sinistrorsi, in modo da avere tutta l'energia che
    > vogliono?

    Gia, ma come visto che il presidente Eisenhower decretò l'embargo commerciale proibendo tutte le esportazioni a Cuba, esclusi alimenti e medicine.

    Per problemi di distanza e territorialita' l'unica potenza che avrebbe potuto fornire loro queste tecnologie era la russia, che pero' e' crollata, ora c'e' la cina: infatti dal 2007 stanno collaborando per portare il solare cinese a Cuba; perche' pensi che stiano permettendo di usare i Pc adesso ? L'energia non cresce sugli alberi.
    krane
    22544
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)