Gaia Bottà

Sei contatti e parli con Bill

Lo hanno dimostrato due ricercatori Microsoft: la rete sociale degli utenti del servizio di IM è percorsa da 1,3 miliardi di relazioni. Tutti a sei chat di distanza

Roma - La strada più breve per arrivare a conoscere il proprio idolo? Potrebbe essere nella lista degli amici con cui si chiacchiera via instant messaging. Potrebbe a sua volta essere in contatto con il dipendente del fruttivendolo di fiducia del macellaio del personal trainer dell'amico intimo dell'idolo di cui sopra. Condizione imprescindibile per scalare questa rete di relazioni, il fatto che tutti gli anelli della catena utilizzino Messenger.

A dimostrarlo, due ricercatori Microsoft, nello studio Worldwide Buzz, che sarà presentato a Pechino nell'ambito della International World Wide Web Conference 2008. Jure Leskovec e Eric Horvitz hanno monitorato un intero mese di scambi di battute fra gli utenti del programma di messaging di Microsoft: hanno racimolato 4,5 terabyte di dati, 30 miliardi di conversazioni che 240 milioni di persone hanno intessuto in tutto il mondo. Sono serviti ad indagare le dinamiche che si dipanano fra gli utenti del servizio Microsft, le loro abitudini, le modalità di interazione.

La raccolta dei dati è avvenuta a giugno 2006: i due ricercatori non hanno avuto accesso al contenuto delle sessioni di chat, né ai dati identificativi degli individui. Hanno semplicemente monitorato i flussi delle conversazioni, correlandoli con i dati demografici relativi agli utenti. È emerso che ogni giorno sono quasi un miliardo le manifestazioni di attività attraverso Messenger: gli utenti del servizio sono soprattutto giovani fra i 15 e i 30 anni, e fra i giovani fino ai 17 anni la popolazione femminile rappresenta la maggioranza. Le relazioni che si intessono sono caratterizzate da un alto grado di omogeneità: fatta eccezione per il parametro del genere, le conversazioni sono più frequenti e durature fra persone che si collocano nella stessa fascia d'età, che vivono in ambienti simili, che si esprimono nella stessa lingua. Ma i dati raccolti dai due ricercatori potrebbero non offrire un quadro realistico della situazione. Molti degli utenti non si sono registrati indicando sesso ed età ed esistono utenti che si sono dichiarati ultranovantenni: "Non abbiamo modo di sapere se le persone si siano registrate con età che non corrispondono alla realtà - scrivono i ricercatori nel report - ma sospettiamo che coloro che hanno dichiarato di avere oltre i 90 anni abbiano mentito".
Dallo studio è inoltre emersa una mappa della comunicazione globale che si intrattiene sul canale Messenger: le aree più attive, individuate in base alla mappatura degli indirizzi IP degli utenti, sono Europa, Nordamerica e Giappone. Ma anche i paesi emergenti, le aree del mondo afflitte da digital divide, sono timidamente punteggiate dalla presenza di utenti che comunicano via instant messaging.

Gli utenti Messenger sono a sei relazioni l'uno dall'altro - MSN Microsoft - six degrees


Che aspetto ha la rete sociale? I due ricercatori hanno ricostruito un grafico di relazioni sociali innervato di connessioni: i 180 milioni di nodi della rete sociale sono collegati da 1,3 miliardi di relazioni. Raggiungere un qualsiasi nodo della rete risalendo lungo la catena di relazioni che si diramano da un individuo è relativamente immediato: basta ripercorrere in media 6,6 collegamenti, 6,6 rapporti di conoscenza, per entrare in contatto con il nodo desiderato. Un numero di connessioni che si discosta poco da quei sei gradi di separazione che lo psicologo Stanely Milgram aveva calcolato separassero due cittadini del mondo nel 1967. "Che esista uno schema ricorrente per la comunicazione sociale? - si chiede Horvitz - "credo sia proprio così, ma ci vorrà ancora molto lavoro per dimostrarlo".

Gaia Bottà
20 Commenti alla Notizia Sei contatti e parli con Bill
Ordina