Elezioni, open source illustre sconosciuto?

Se lo chiedono quelli dell'Associazione Software Libero, che approfittano del momento per coinvolgere i candidati alle prossime politiche nei temi caldi del software aperto. Tutti possono soffiare sul fuoco. I buoni e i cattivi

Roma - Le imminenti elezioni politiche sono un'occasione formidabile per stanare i candidati sui temi più caldi della tecnologia e l'Associazione Software Libero ne approfitta mettendo in campo una iniziativa il cui cuore batte già nel titolo: "Vota per il Software Libero".

vota per il software libero! (banner)Secondo AsSoLi l'iniziativa è necessaria perché i temi delle libertà digitali e del software libero "sono assenti dai dibattiti in corso" in vista delle politiche. Ai candidati viene dunque chiesto che si prenda posizione in modo esplicito su alcuni punti qualificanti. In particolare, di impegnarsi a promuovere e votare normative che vincolino la Pubblica Amministrazione ad utilizzare software libero ogni volta che ciò sia possibile, ad adottare formati aperti per tutti i documenti della PA, a far girare con licenze aperte il software che la PA stessa produce, ad aumentare le risorse investite nei progetti di software libero, ad utilizzare questo genere di software anche nel sistema educativo e a coordinare gli investimenti tra i diversi enti per una migliore diffusione del software libero.

Ai candidati si chiede anche di schierarsi in modo altrettanto chiaro contro i brevetti sul software e contro il trusted computing.
Su una pagina dedicata sono elencati i candidati e i partiti che hanno manifestato un interesse. In bianco e nero i simboli dei partiti che, fino a questo momento, non hanno voluto sottoscrivere gli impegni richiesti da AsSoLi o non sono ancora al corrente dell'iniziativa.

Ma se ai politici in corsa si chiede un impegno concreto, un vincolo politico di mandato, anche i cittadini ed elettori che vogliano far sentire la propria voce per dimostrare l'interesse a sostenere candidati a favore del software libero possono ricorrere ad uno strumento online, una petizione dedicata dal titolo "Preferisco votare per il software libero".
114 Commenti alla Notizia Elezioni, open source illustre sconosciuto?
Ordina
  • L'home computer più diffuso è il commodore64.
    Bisogna far capire ai nostri politici che tutto il software va sviluppato solo per questa macchina.
    Riportiamo il basic V2.0 alla ribalta
    non+autenticato
  • - Scritto da: gianni bella
    > L'home computer più diffuso è il commodore64.


    puoi spiegarti meglio?
    non+autenticato
  • Gent. Punto Informatico,

    Leggo con piacere questo articolo relativo all'implementazione, ove possibile, di software open source nella PA e proprio in merito a questo vorrei sottolineare come il software libero possa venire utilizzato anche dai candidati politici quale mezzo di comunicazione con in cittadini.

    Infatti a Brescia, il 13 e 14 aprile, si svolgeranno anche le elezioni amministrative per eleggere il nuovo sindaco, ed è bello vedere come i candidati sindaci e consiglieri si propongano alla cittadinanza anche attraverso materiale telematico e siti web tematici: tra questi vorrei segnalarne uno in particolare, di proprietà del candidato consigliere Andrea Ghezzi, realizzato interamente con software open-source Wordpress, e strutturato in modo da proporsi agli elettori in forma di social portaling. Infatti l'obiettivo del candidato consigliere è quello di invitare i cittadini ad utilizzare il portale per dire la propria sulle necessità della città, sul programma elettorale. Insomma per ascoltare la voce delle persone e farne un'integrazione di programma da portare in Consiglio se eletto.

    Direi che in un contesto politico e sociale fatto solo di immagine e partiti, l'idea di Andrea Ghezzi fa ben sperare per il futuro: un uomo politico che chiede il sostegno dei cittadini elettori per costruire i propri punti di forza elettorali lo definirei, oltre che umile, un uomo del futuro.

    Segnalo per conoscenza il sito in oggetto: www.votaghezzi.it.
    non+autenticato
  • Non me ne voglia l'utente in questione...ma sento puzza di propagandaCon la lingua fuori

    EDIT: Il sito in questione rientra peraltro nel tuo portfolio di webmaster e webdesigner, sempre se il nome è quello tuo, poi ho notato che il signor ghezzi ha una foto con una certa Viviana Beccalossi... ma tutto in famiglia?
    Dai scherzavo un poco, seriamente però ci sarebbe da dire che la propaganda politica non è pubblica amministrazione.
    Cioè, non è futuristico pubblicizzarmi via internet, è solamente furbo.
    Futuristico è invece portare l'open source nella pubblica amministrazione, e, nonostante la differenza fra open e free software sussista, abbassare i costi di gestione informatica dello stato.
    Ciò che reputi futuristico e/o umile, è solo un modo di farsi pubblicità, utilizzato da moltissimo tempo dai partiti per raggiungere l'elettorato, soprattutto quello giovane.
    Il futuro è ben altra cosa.
    Perdona i toni aggressivi magari, ma è una precisazione che va fatta.

    EDIT 2: Inoltre il titolo del post mi sembra fuorviante, mica sono elezioni con open source, ma propaganda con open sourceCon la lingua fuori
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 12.17
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 12.18
    -----------------------------------------------------------
  • A titolo informativo Beccalossi è un nome molto diffuso a Brescia e non mi pare che ci siano parentele
    non+autenticato
  • Beh, fatto sta che ci sono un pò di coincidenze strane, basta usare google. In ogni caso una critica pertinente andrebbe fatta su un discorso più complesso e non su una semplice parentesi scherzosa di un mio discorso.

    Purtroppo il nostro amico propagandista non si è fatto più avanti. Un vero peccato.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 aprile 2008 12.03
    -----------------------------------------------------------
  • >
    >
    > Segnalo per conoscenza il sito in oggetto:
    > www.votaghezzi.it.

    per parcondicio

    http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=http%3A%2...

    è passato da linux a windows.

    http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=http%3A%2...

    ha sempre usato linux.

    Quindi Silvio è comunista e anche difensore dell'open source.

    "Meno male che Silvio c'è'"
  • 0_0

    massimo uptime winzozz: 10 giorni?

    massimo uptime linux: 400 giorni?
    non+autenticato
  • Caspita, ma è un candidato del PDL!

    scusa ma allora perchè qua sopra scrivono
    open source = comunismo?

    Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • Da un punto di vista tecnico è vergognoso che un WebMaster usi wordpress. Come in tervento nella board, direi che è una sorta di pubblicità, questi messaggi dovrebbero essere cancellati subito dato che siamo in piena campagna elettorale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: .net
    > Da un punto di vista tecnico è vergognoso che un
    > WebMaster usi wordpress.

    Perché?
  • No, lo dico solo perchè ci sono webmaster che si prendono tanti soldi dai clienti per lavori già pronti. Nella mia zona ci sono diversi "webmaster" che vivino grazie all'ignoranza della gente.
    non+autenticato
  • Che punto di vista?
  • Non facciamo l'errore di dare colore ai valori.
    L'Open Source è trasparenza, condivisione della conoscenza e molto altro che sono 'valori assoluti'.

    Sarebbe un po come chiedersi se la contrarietà alla pena di morte é di destra o di sinistra (riascoltatevi la canzone di Gaber).

    Che poi la sinistra lo sostenga più apertamente magari associando al concetto di software libero quello di 'software gratis alla faccia degli sporchi capitalisti', può anche starci.

    Personalmente sostengo con conferenze ed altro il software libero per l'universalità dei suoi valori etici.

    I valori devono essere riconosciuti tali senza connotazioni politiche.
  • Io sono scocciatissimo del fatto di non riuscire a trovare nella mia zona il succo di pera di cui sono ghiotto, è una chiara discriminazione nei confronti di una minoranza come la nostra che beve ogni giorno mezzo litro di succo di pera. E' vero che Veltroni ha assicurato pubblicamente che nel programma del PD ci saranno, DICO, Software Open Source e succo di pera pe' tutti, ma io resto scettico e se non vedo non credo. Quindi prima ci date i nostri diritti, POI forse vi votiamo, oh, e che cribbio, mi consenta! Io sulla scheda scrivo SUCCO DI PERA.
    non+autenticato
  • buono.. da più dipendenza delle pere
    non+autenticato
  • Ma meno delle mele!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cetto La Qualunque
    > Io sono scocciatissimo del fatto di non riuscire
    > a trovare nella mia zona il succo di pera di cui
    > sono ghiotto, è una chiara discriminazione nei
    > confronti di una minoranza come la nostra che
    > beve ogni giorno mezzo litro di succo di pera. E'
    > vero che Veltroni ha assicurato pubblicamente che
    > nel programma del PD ci saranno, DICO, Software
    > Open Source e succo di pera pe' tutti, ma io
    > resto scettico e se non vedo non credo. Quindi
    > prima ci date i nostri diritti, POI forse vi
    > votiamo, oh, e che cribbio, mi consenta! Io sulla
    > scheda scrivo SUCCO DI
    > PERA.

    Tu ci scherzi, ma i linari estremisti ragionano davvero così.
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    >
    > Tu ci scherzi, ma i linari estremisti ragionano
    > davvero
    > così.

    casomai quelli ignoranti.

    gli altri tuttalpiù si limitano a spiegare quali sarebbero i vantaggi del consumare succo di pera

    o a premiare chi glielo promette

    (nella fattispecie non do il minimo credito all'iniziativa, sono convinto che per la diffusione dell'opensource sia sufficiente partire dal basso ed impegnarsi in prima persona: se voglio il succo di pera mi sbatto e inizio a vedere come ci si può attrezzare per averlo nella mia zona)
    non+autenticato
  • Io sono un linaro non estremista... ho fatto una GROBE KOALITION tra Linux e Vista... compromesso storico.
    non+autenticato
  • giusto ieri sentivo al TG1 della possibilità che le elezioni vengano rinviate perché la DC di Pizza è stata riammessa. E della conseguente necessità, fra l'altro, di ristampare le schede.
    Mi è venuto spontaneo chiedermi se usando dei sistemi informatici tale problema di ristampa non si fosse potuto risolvere senza rinvio delle elezioni.
  • - Scritto da: danieleNA
    > giusto ieri sentivo al TG1 della possibilità che
    > le elezioni vengano rinviate perché la DC di
    > Pizza è stata riammessa. E della conseguente
    > necessità, fra l'altro, di ristampare le
    > schede.
    > Mi è venuto spontaneo chiedermi se usando dei
    > sistemi informatici tale problema di ristampa non
    > si fosse potuto risolvere senza rinvio delle
    > elezioni.

    Credo che tutto si sia già risolto in una bolla di sapone.
    Le elezioni si devono tenere entro 70 giorni dallo scioglimento delle camere ovvero il 16 aprile, quindi il rinvio delle elezioni è assai poco probabile.
    Uby
    893
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)