Photoshop CS4 sarà a 64 bit. Ma solo per Windows

La prossima major release del software di fotoritocco arriverà per la prima volta anche in una edizione a 64 bit, ma supporterà esclusivamente Windows. Gli utenti Mac dovranno attendere almeno CS5: ecco perché

Photoshop CS4 sarà a 64 bit. Ma solo per WindowsSanta Clara (USA) - Adobe si prepara a traghettare alcuni dei suoi più famosi software nell'era delle piattaforme di calcolo a 64 bit. Una transizione che inizierà con l'imminente Lightroom 2.0, di cui negli scorsi giorni è stata rilasciata una prima beta, e passerà attraverso il futuro Photoshop CS4 per Windows. La prossima versione di Photoshop per Mac OS X resterà invece a 32 bit.

Logo PhotoshopA fare un po' di luce sulla roadmap di Adobe verso i 64 bit è John Nack, product manager per Photoshop, che sul proprio blog spiega che CS4 a 64 bit supporterà ufficialmente soltanto Windows Vista, sebbene dovrebbe girare - eventualmente con qualche problema minore - anche su Windows XP x64. Per godere dei 64 bit gli utenti di Mac OS X dovranno invece attendere Photoshop CS5.

Il manager di Adobe ha giustificato questa apparente discriminazione con la necessità, per il proprio team di sviluppo, di migrare Photoshop per Mac dalle attuali interfacce di programmazione Carbon a quelle Cocoa. Necessità resa inevitabile, dice Nack, dalla decisione di Apple di abbandonare lo sviluppo di una versione a 64 bit di Carbon per focalizzarsi unicamente sulle API Cocoa, con cui è possibile creare applicazioni a 32 e a 64 bit.
"Alla Worldwide Developers Conference dello scorso giugno Adobe e altri sviluppatori hanno appreso che Apple ha deciso di cessare il progetto Carbon 64", si legge nel post di Nack. "Questo significa che le applicazioni Mac a 64 bit necessitano di essere riscritte per l'uso di Cocoa al posto di Carbon (che è esattamente ciò che è stato fatto con Lightroom). Ma questo sginifica anche che dovremo riscrivere ampie porzioni di Photoshop e dei suoi plug-in, un'operazione che interessa potenzialmente oltre un milione di linee di codice".

Questo porting non coinvolgerà dunque soltanto gli sviluppatori di Photoshop, ma anche quelli di plug-in: le versioni a 32 bit di questi ultimi, infatti, non potranno funzionare con Photoshop a 64 bit.

"Nessuno ha mai migrato un'applicazione della dimensione di Photoshop da Carbon a Cocoa", ha dichiarato Nach, che ha ricordato come persino Apple non abbia ancora rilasciato una versione Cocoa-based del suo famoso software per l'editing video Final Cut Pro.

Lightroom 2Se una versione a 64 bit di Photoshop per Mac appare dunque ancora distante, i fotografi evoluti che utilizzano la piattaforma della Mela possono spremere i propri sistemi a 64 bit con Lightroom 2.0 Beta, disponibile sia per Mac OS X 10.5.x che per Windows Vista x64. Le principali caratteristiche di questo software, che nel campo del fotoritocco e della gestione delle foto rivaleggia con Apple Aperture, sono descritte in questo post.

Ma quali benefici concreti porta l'indirizzamento della memoria a 64 bit? Oltre a quello più noto, ossia la possibilità di utilizzare più di 4 GB di memoria RAM, i vantaggi non sono poi così vistosi. Nack ha spiegato che, con quantitativi di memoria standard (2-4 GB), l'incremento di velocità fornito dalla versione a 64 bit di Photoshop è tipicamente compresa fra l'8 e il 12 per cento.

Per notare davvero la differenza occorrono workstation ben equipaggiate e file grafici di grandi dimensioni: su un sistema quad-core con 32 GB di RAM, ad esempio, Photoshop x64 ha aperto un'immagine da 3,75 gigapixel 10 volte più velocemente della controparte a 32 bit. Il merito va attribuito alla capacità dell'applicazione di sfruttare tutta la memoria RAM a disposizione, minimizzando così l'uso della lenta memoria virtuale (che utilizza l'hard disk).

"Il computing a 64 bit è una parte importante della storia futura di Photoshop e Lightroom, ma non è una panacea, e non abbiamo intenzione di rivenderla come tale", commenta Nack. "Siamo contentissimi di offrire già ora una versione nativa a 64 bit di Lightroom sia per Mac che per Windows, e di fornire una versione a 64 bit di Photoshop per Windows come parte della prossima release. E per quanto riguarda Mac x64, continueremo a lavorare strettamente con Apple (come abbiamo fin qui fatto) per rendere questa transizione il più veloce ed efficiente possibile".

Sono trascorsi cinque anni dall'introduzione sul mercato delle prime CPU x86 a 64 bit, ma come si è più volte detto in queste pagine, il supporto del software a questa tecnologia è ancora lacunoso, soprattutto quando si parla di applicazioni e driver di periferica utilizzati in ambito consumer e dei piccoli uffici. Persino colossi come Microsoft si trovano ancora nel bel mezzo di questa migrazione: ad oggi BigM ha dato la precedenza ai suoi prodotti aziendali di punta, come Exchange Server, Windows Compute Cluster Server e Hyper-V.

Lo scorso anno un dirigente di Microsoft ha pronosticato che Windows Server 2008 sarà il primo sistema operativo del big di Redmond le cui versioni a 64 bit supereranno, per diffusione, quelle a 32 bit. Una previsione però considerata da più parti troppo ottimistica, persino per un sistema operativo x86 espressamente dedicato alle aziende.
329 Commenti alla Notizia Photoshop CS4 sarà a 64 bit. Ma solo per Windows
Ordina
  • ho controllato e alla data del presente post è uscito lightroom 2 e camera raw 4.5 (devo controllare se comprende il DNG converter)

    new supported camera:

    Olympus
    E 420
    E 520

    e quelle già supportate:

    Canon
    EOS-1D
    EOS-1Ds
    EOS-1D Mark II
    EOS 1D Mark II N
    EOS-1Ds Mark II
    EOS-1D Mark III
    EOS-1Ds Mark III
    EOS 10D
    EOS 20D
    EOS 20Da
    EOS 30D
    EOS 40D
    EOS 5D
    EOS D30
    EOS D60
    EOS 300D (Digital Rebel/Kiss Digital)
    EOS Rebel XT (EOS 350D/EOS Kiss Digital N)
    EOS 400D (Rebel XTi/EOS Kiss Digital X)
    EOS 450D (Digital Rebel XSi/EOS Kiss X2)
    PowerShot 600
    PowerShot A5
    PowerShot A50
    PowerShot Pro 1
    PowerShot S30
    PowerShot S40
    PowerShot S45
    PowerShot S50
    PowerShot S60
    PowerShot S70
    PowerShot G1
    PowerShot G2
    PowerShot G3
    PowerShot G5
    PowerShot G6
    PowerShot G9
    PowerShot Pro70
    PowerShot Pro90 IS
    Contax
    N Digital
    Epson
    R-D1
    R-D1s
    Fujifilm
    FinePix E900
    FinePix F700
    FinePix IS-1
    FinePix S100 FS
    FinePix S2 Pro
    FinePix S5 Pro
    FinePix S3 Pro
    FinePix S20 Pro
    FinePix S5000 Z
    FinePix S5200/5600
    FinePix S6000fd/S6500fd
    FinePix S7000 Z
    FinePix S9000/9500
    FinePix S9100/9600
    Kodak
    DCS 14n
    DCS Pro 14nx
    DCS720x
    DCS760
    DCS Pro SLR/n
    EasyShare P712
    EasyShare P850
    EasyShare P880
    Konica Minolta
    Alpha Sweet Digital (Japan)
    Alpha-5 Digital (China)
    DiMAGE A1
    DiMAGE A2
    DiMAGE A200
    DiMAGE 5
    DiMAGE 7
    DiMAGE 7i
    DiMAGE 7Hi
    Maxxum Dynax 5D (Europe)
    Maxxum 5D (USA)
    Maxxum 7D/Dynax 7D

    Leaf
    Aptus 17
    Aptus 22
    Aptus 54s
    Aptus 65
    Aptus 75
    Aptus 75s
    Valeo 6
    Valeo 11
    Valeo 17
    Valeo 22
    Leica
    D-Lux 2
    D-Lux 3
    Digilux 2
    Digilux 3
    V-LUX 1
    Mamiya
    ZD
    Nikon *
    D1
    D1H
    D1X
    D100
    D200
    D2H
    D2Hs
    D2X
    D2Xs
    D3
    D300
    D40
    D40x
    D50
    D60
    D70
    D70s
    D80
    Coolpix 5000
    Coolpix 5400
    Coolpix 5700
    Coolpix 8400
    Coolpix 8700
    Coolpix 8800
    Olympus
    E-1
    E-3
    E-10
    E-20
    E-420
    E-520
    EVOLT E-300
    EVOLT E 330
    EVOLT E-400
    EVOLT E-500
    EVOLT E-510
    C-5050 Zoom
    C-5060 Zoom
    C-7070 Wide Zoom
    C-8080 Wide Zoom
    SP-310
    SP-320
    SP-350
    SP-570 UZ
    E-410
    SP-500UZ
    SP-510 UZ
    SP-550 UZ
    SP-560 UZ
    Panasonic
    DMC-FZ30
    DMC-FZ50
    DMC-L1
    DMC-LC1
    DMC-L10
    DMC-LX1
    DMC-LX2
    Lumix DMC-FZ8
    Pentax
    *ist D
    *ist DL
    *ist DL2
    *ist DS
    *ist DS2s
    K10D (PEF)
    K100D
    K100D Super
    K110D
    K20D (PEF)
    K200D (PEF)
    Phase One
    H 20
    H 25
    P 20
    P 20+
    P 21
    P 21+
    P 25
    P25+
    P 30
    P 30+
    P 45
    P 45+
    Samsung
    GX 1S
    GX-1L
    Sigma
    SD9
    SD10
    SD14
    Sony
    DSC-F828
    DSC-V3
    DSC-R1
    A100
    A700

    in questa pagina:
    http://www.adobe.com/support/downloads/thankyou.js...
    anche se dice "and DNG converter" non c'è il dng converter ma solo il camera raw. Per ora la prova è questa.

    inoltre i system requirements non citano più sistemi operativi ma ti dicono di andare direttamente a vedere quelli della suite CS3.

    Direi che UFFICIALMENTE ora è impossibile convertire i raw se non si ha tutto nuovissimo.

    Ad esempio è impossibile scaricare il dng converter per aprire i file della Olympus E 420 , convertirli in DNG e aprirli con photoshop CS2 che usavi su win2000 con efficienza e soddisfazione ... perché il dng converter non partirà.
    Al massimo devi avere un XP apposta!Sorride
    non+autenticato
  • Photoshop è un dei peggiori software esistenti ed è diffuso solo per tradizione.
    Chiedete ad un qualsiasi grafico. Secondo me, su Mac arriverà a breve l'equivalente sviluppato da Apple che sfrutterà hardware e sistema operativo al 100%.

    Come i software professionali di Apple, diventerà nel giro di pochi anni un nuovo standard e rappresenterà un motivo in più per comprare Mac.

    L'unica alternativa per Adobe, che oggi vende software a prezzi assurdi è che venga comprata da Apple che dispone della finanza necessaria per fare questo passo (come confermano gli analisti finanziari), ma che non sembra interessata a incorporare aziende in recessione (come confermano gli stessi analisti finanziari).

    Dopo Pages, Numbers, Keynotes, iMovie, iPhoto ... Pixels, iPaint... o chissà.

    Ricordatevi che in origine era MacPaint....
    non+autenticato
  • Tu sei matto!
    non+autenticato
  • ...altrimenti cominceranno a riperdere soldi a valanga come quando hanno rallentato lo sviluppo di CS3 che girava nativa su Mac/Intel. Che lo voglia o no il grosso del fatturato Adobe arriva dal mac, e quando lo hanno trascurato hanno perso software e una barca di quattrini.

    La grafica, l'editoria, la musica e il multimedia professionali al 90% o più sono fatti su mac, e altre case hanno perso per non aver trascurato questo fatto:

    -Pagemaker non venne portato per MacOSX e ha fatto la fine che ha fatto (certo, hanno rifatto la versione CS3, ma vorrei vedere su mac quanti lo usano)
    -Quark con Xpress per aver perso tempo col PC ha perso la prima posizione di mercato che deteneva da anni
    -Avid, media 100, inSync, Adobe premiere per aver corso dietro a Windows si ritrovano con le pezze al culo folgorati da FinalCut
    -Corel... beh, quello non è mai stato niente di che, non è mancato a nessuno.
  • - Scritto da: LaNberto

    > La grafica, l'editoria, la musica e il multimedia
    > professionali al 90% o più sono fatti su mac...

    Questo è molto probabile, ma potresti fornire qualche link a qualche indagine di mercato a riguardo? Altrimenti quello che dici si perde nel nulla e diventa controproducente per la tua tesi.

    Ciao.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Infatti
    > - Scritto da: LaNberto
    >
    > > La grafica, l'editoria, la musica e il
    > multimedia
    > > professionali al 90% o più sono fatti su mac...
    >
    > Questo è molto probabile, ma potresti fornire
    > qualche link a qualche indagine di mercato a
    > riguardo? Altrimenti quello che dici si perde nel
    > nulla e diventa controproducente per la tua
    > tesi.
    >
    > Ciao.

    non è importante. io porto la mia testimonianza di professionista da quindici anni, conosco bene l'ambiente e l'ho visto evolvere. Lavorando in questo ambiente ci sis rende rapidamente conto di come girano le cose, specie a livelli medio-alti. Gli hobbisti lavorano un po' con cosa pare loro, ma possono permettersi di perdere tempo e spesso anche la faccia.
  • - Scritto da: LaNberto
    > non è importante. io porto la mia testimonianza
    > di professionista da quindici anni, conosco bene
    > l'ambiente e l'ho visto evolvere. Lavorando in
    > questo ambiente ci sis rende rapidamente conto di
    > come girano le cose, specie a livelli medio-alti.
    > Gli hobbisti lavorano un po' con cosa pare loro,
    > ma possono permettersi di perdere tempo e spesso
    > anche la
    > faccia.

    quoto

    io però ho 19 anni di esperienza nel settore

    Fan LinuxFan Apple
    non+autenticato
  • - Scritto da: LaNberto
    > - Scritto da: Infatti
    > > - Scritto da: LaNberto
    > >
    > > > La grafica, l'editoria, la musica e il
    > > multimedia
    > > > professionali al 90% o più sono fatti su
    > mac...
    > >
    > > Questo è molto probabile, ma potresti fornire
    > > qualche link a qualche indagine di mercato a
    > > riguardo? Altrimenti quello che dici si perde
    > nel
    > > nulla e diventa controproducente per la tua
    > > tesi.
    > >
    > > Ciao.
    >
    > non è importante.

    Rotola dal ridereRotola dal ridere

    Ok, ho capito. Diciamo dunque che dalla TUA esperienza deduci che buona parte dei professionisti dei settori da te citati usa Mac.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Infatti

    > Ok, ho capito. Diciamo dunque che dalla TUA
    > esperienza deduci che buona parte dei
    > professionisti dei settori da te citati usa
    > Mac.

    io lavoro in italia
  • - Scritto da: LaNberto

    > io lavoro in italia

    ah, ok. Quindi fai un'affermazione così assolutista (il 90% dei profesionisti....) basandoti sulla tua esperienza che inoltre è circoscritta all'italia.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Infatti
    > - Scritto da: LaNberto
    >
    > > io lavoro in italia
    >
    > ah, ok. Quindi fai un'affermazione così
    > assolutista (il 90% dei profesionisti....)
    > basandoti sulla tua esperienza che inoltre è
    > circoscritta
    > all'italia.....

    se lì al paese dei campanelli è diverso va bene ugualmente
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Tanti argomenti, eh?

    Mai detto che è diverso, ho solo chiesto di portare qualche dato su una tua affermazione così sicura e assolutista.

    Non mi sembra di aver chiesto troppo: insomma fai un'affermazione e come minimo porti qualche dato a sostegno di essa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Infatti
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Tanti argomenti, eh?
    >
    > Mai detto che è diverso, ho solo chiesto di
    > portare qualche dato su una tua affermazione così
    > sicura e
    > assolutista.
    >
    > Non mi sembra di aver chiesto troppo: insomma fai
    > un'affermazione e come minimo porti qualche dato
    > a sostegno di
    > essa.

    o anche no, dipende dalla voglia
  • anche io non caposco...sono un professionista e non uso mac...mi sembra che si parli un po troppo per luoghi comuni
    non+autenticato
  • qualcuno sa dirmi cosa manda a prodotti come corel/ulead per essere a livelli di photoshop.
    sto parlando sia di PhotoPaint che di PhotoImpact.


    grazie
  • - Scritto da: pippo75
    > qualcuno sa dirmi cosa manda a prodotti come
    > corel/ulead per essere a livelli di
    > photoshop.
    > sto parlando sia di PhotoPaint che di PhotoImpact.

    probabilmente niente di importante... faranno sicuramente qualcosa in meno e qualcosa in piu' rispetto a photoshop...

    versione corta:
    il problema con corel e' che guarda troppo ad un mercato che nn e' quello dell'elite del settore al quale si dovrebbe rivolgere.

    versione lunga:
    qui si parla di grafica, un programma che nn gira su mac e' in partenza cenerentola... i motivi sono tanti, ma guardiamo in faccia la realta'... quando il discorso rimane lontano dai campanili e l'argomento e' la "grafica/editoria/creativita'" non si puo' prescindere da apple, se in america il 20% del mercato consumer e' di apple, figuriamoci il settore "creativita'". e va tenuto in considerazione che e' il mercato americano a decidere cosa e come funzionano le cose in informatica...

    i motivi per cui i prodotti corel nn hanno mai penetrato il mercato "creativo" son semplici, oltre che alla fidelizzazione (funziona perche' cambiare) una mancanza di attenzione all'usabilita', le interfacce troppo "windows" per l'utente mac... se l'utente hobbista ha bisogno dei pulsanti ovunque l'utente pro vuole spazio libero per il suo lavoro e scorciatoie da tastiera... in questo adobe ha fatto "il colpaccio" per questo adobe e' leader e se ad un professionista parli di corel questo sorride... questa e' la mia spiegazione da professionista (e come me la pensano in tanti), che corel faccia prodotti validi non e' in discussione... ha fatto e fa solo scelte sbagliate in alcuni campiSorride

    ciao
    non+autenticato
  • da professionista, e avendo usato CorelDraw parallelamente ad altri software dalla 2.0 alla 6 e qualche cosa, ho sempre trovato i prodotti Corel inefficienti e poco raccomandabili, mi ricordo ancora gli infiniti errori postscript in fase di stampa.
  • su cosa e come si comporti corel con il postscript nn so... mai avuto il "piacere"Sorride
    i prodotti corel li ho sempre guardati e basta, visti usare da altri un paio di volte... desiderato freehand potesse usare le trasparenze e le sfumature di coreldraw... ma poi tutto il resto era un incubo... il fatto degli errori puo' essere dovuto a tante cose, nn tutte dipendenti da corel... alla fine della fiera c'e' solo adobe, purtroppo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bibop
    > su cosa e come si comporti corel con il
    > postscript nn so... mai avuto il "piacere"
    >Sorride
    > i prodotti corel li ho sempre guardati e basta,
    > visti usare da altri un paio di volte...
    > desiderato freehand potesse usare le trasparenze
    > e le sfumature di coreldraw... ma poi tutto il
    > resto era un incubo... il fatto degli errori puo'
    > essere dovuto a tante cose, nn tutte dipendenti
    > da corel... alla fine della fiera c'e' solo
    > adobe,
    > purtroppo!

    purtroppo la qualità del PS era proprio dovuta a Corel. Anche Freehand a volte aveva qualche "singhiozzo", e per quanto lo amassi più volte mi ha fatto dire un sacco di parolacce
  • Cosa se ne fa uno della modalità CMYK se il monitor tanto visualizza solo in RGB (visto che va per addizione e non per sottrazione di colore)?
    Grazie mille per la comprensione... sono curioso ma sono a conoscenza zero a riguardo...
  • per web e video nulla, ma se hai a che fare con tipografie e simili, i files dovranno uscire in CMYK per essere stampati.
    è vero che se fai tutto in rgb e poi mandi in stampa su un RIP (raster image processing - http://en.wikipedia.org/wiki/Raster_image_processo... ) che ti converte tutto in quadricromia "deve" venire fuori uguale, ma se lo dici ad un giovinotto che fa il grafico magari ti da ascolto, se lo dici ad uno che è 20 che fa questo lavoro ti guarda male.
    il problema è anche gestire questi files forniti da altra gente, ti adegui e utilizzi gli stessi programmi che usano loro, per non avere grane dopo, tipo "a ma te usi un'altro programma è colpa tua non pago".
  • ok ho capito grazie mille!!!
  • - Scritto da: lellykelly
    > per web e video nulla, ma se hai a che fare con
    > tipografie e simili, i files dovranno uscire in
    > CMYK per essere
    > stampati.
    > è vero che se fai tutto in rgb e poi mandi in
    > stampa su un RIP (raster image processing -


    se mandi dei file RGB in stampa su un RIP, qualsiasi RIP, ti escono in scala di grigio.
    A meno che (ma nessuno lo fa) il RIP sia settato per fare le separazioni al suo interno.
    Però nessuno lo fa, quindi le immagini ti escono stampate in scala di grigio su una sola lastra.
  • ma se la conversione avviene nel rip, o prima nel flusso di lavoro?
    nell'Harlequin puoi farlo, non so cosa salta fuori ma c'è l'opzione, e in pitstop server, usando i pdf, volendo te la fa lui.
    so pure io che si mandano i files gia in CMYK in stampa, ma non è l'unica via.
  • - Scritto da: lellykelly
    > è vero che se fai tutto in rgb e poi mandi in
    > stampa su un RIP che ti converte tutto in
    > quadricromia "deve" venire fuori uguale,

    in questo modo dimostri di non capire una cippalippa di stampa quadricromia e spazi colori

    come ti ha già corretto Pannella ti uscirebbe una lastra grigia se mandi un file RGB

    quanto al "deve venire uguale" permettimi di spiegarti che l'RGB ed il CMYK lavorano in due spazi colore molto differenti di cui il primo è enormemente più grande del secondo.

    http://www.apple.com/pro/color/tools/compare.html

    Capita quindi che, quando fai un lavoro in RGB, le sfumature che otterrai saranno comprese in un range di colore molto superiore rispetto alle possibilità fisiche offerte dagli inchiostri attuali e di conseguenza tu otterrai una stampa completamente diversa (nei casi più gravi) di quello che puoi vedere a monitor.

    C'è anche il discorso che Photoshop o un RIP non sarà mai in grado di convertire un RGB in maniera sempre corretta, l'esempio più banale è il grigio (Grigio, cioè un nero al 50%).

    Photoshop ti darà un risultato come questo:
    C=50% - M=50% - Y=50% - K=0%
    mentre un professionista lavorerà direttamente in CMYK facendo un
    C=0% - M=0% - Y=0% - K=50%

    Nel primo caso in stampa ti usciranno fuori tutti i colori del mondo fuorché un grigio, nel secondo caso ti uscirà solo un grigio.

    > ma se lo dici ad un giovinotto che fa il
    > grafico magari ti da ascolto,

    con risultati catastrofici per lui ed i suoi clienti....

    > se lo dici ad uno che è 20 che fa questo
    > lavoro ti guarda male.

    e farebbe anche bene...

    Fan LinuxFan Apple


    PS: bel forum... tutti a pontificare di quello che non si conosce...

    PPS: se vuoi capire i principi basi per un professionista che lavora con il colore ti consiglio di dare una rapida occhiata qui:
    http://www.boscarol.com/
    o qui:
    http://www.apple.com/pro/color/
    non+autenticato
  • io non pontifico nulla, ho solo risposto per quello che riesco ad esprimermi, e mi sono espresso male. non sono stato a scrivere che esistono conversioni tra i profili ecc.
    comunque ogni rip, sia per ctp che per plotter o affini si comporta in maniera diversa sulla gestione del colore, alcuni la fanno bene altri no. per le prove colore il GMG o l'EFI se gli mandi il file in rgb, te lo convertono come meglio credono, se gli mandi il cmyk dovrebbe venire fuori corretto.
    poi, sul colore tutti scrivono di tutto e di certo non vengo io a dire a qualcuno come si fanno le cose, posso solo dire per quello che so e ho capito. se dovevo rispondere ad un post tecnico non rispondevo, ho solo risposto più o meno cos'è un rip.
  • Forse ci sarò andato giù pesante Imbarazzato
    ma quel "deve venire uguale" e quell'altro "ma se lo dici ad un giovinotto che fa il grafico magari ti da ascolto, se lo dici ad uno che è 20 che fa questo lavoro ti guarda male."
    erano affermazioni pesanti, specialmente perché davi un consiglio del menga ad uno che magari ci butta dei soldi sopra (la stampa) con risultati catastrofici.

    Beh, scappo, sennò faccio tardi come al solito...

    Fan LinuxFan Apple
    non+autenticato
  • ci sei andato giu un po' troppo pesante!!Sorride

    per rispondere alla domanda iniziale di "che se ne fa della quadricromia un "pro"..."

    premessa... un professionista, anche se le tecnologie attuali sono di grande aiuto, sa che un 0c 50m 100y 0k e' e sara' un arancione di un certo tipo e in stampa se il tipografo e' bravo sara' uno splendido e luminoso arancione... 0c 50m 100y 0k

    se parti da un file rgb, che per sua natura puo' "visualizzare" piu' colori rispetto a quelli riproducibili con la quadricromia(cmyk), lo converti in quadricromia prima di mandarlo al rip quello che otterrai in stampa sara' un disastro...

    prendiamo il sopra citato arancione 50magenta 100giallo

    se lo "lavori" in un programma che supporta lo spazio colore della quadricromia quello verra' spampato (se hai una mazzetta colore di riferimento o una tavola colore fornita dal tuo tipografo di fiducia quello che vedi sul campione e' il colore che usato nel tuo file verra' stampato)

    se lavori in un programma che nn supporta cmyk tipo gimp il tuo colore arancione rgb che ti piace tanto probabilmente non puo' essere stampato perche' nn ha un corrispettivo cmyk. quindi il tuo committente si incaSSa e tu nn incassi... perche' a video il "lavoro era tanto bello" e su carta e' una schifezza morta e dai colori improbabili e fangosi, questo perche' spesso la conversione da rgb a cmyk porta ad usare percentuali di nero che a video danno un "effetto" plausibile in stampa sono un disastro...

    il discorso sarebbe lungo ma l'rgb va bene per il fotografo sotto casa e per l'hobbista... quando hai soldi, carta e responsabilita' sulle spalle l'rgb lo lasci fuori dal tuo workflowSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bibop

    >
    > il discorso sarebbe lungo ma l'rgb va bene per il
    > fotografo sotto casa e per l'hobbista... quando
    > hai soldi, carta e responsabilita' sulle spalle
    > l'rgb lo lasci fuori dal tuo workflow
    >Sorride

    il fotografo sotto casa non deve anche lui stampare ad alta qualità?

    intendo che spesso il fotografo che puoi chiamare hobbysta o amatoriale (che poi sta un attimo a fare il salto - in digitale - se è bravo, ma non è detto che sia uno stampatore esperto!) al nero-nero e ai grigi ben fatti ci tiene molto!

    Ma la macchina usa un paio di spazi colore, non "scatta" in CMYK: o adobe rgb oppure srgb.

    Inevitabilmente convertirai, giusto?

    Come ne si esce? mi interessa, da fotografo che non vuol rimanere a sapere poco.
    E non mandarmi da Boscarol che mi perdo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)