Galileo verrà ripescato dal fondale

Come previsto la UE ci riprova. Il GPS europeo deve vedere la luce. Costi quel che costi

Roma - Era naufragato sotto il peso di perdite finanziarie e ritardi operativi ma i ministri europei, come previsto, hanno deciso di imbarcarsi in una costosa operazione di recupero: è Galileo, il sistema europeo alternativo al GPS, che doveva già aver visto la luce, deve vedere la luce, dovrà vedere la luce. A qualsiasi costo.

I satelliti di GalileoIn Lussemburgo ieri, come anticipato da IlVelino, il consiglio dei Ministri dei trasporti dell'Unione Europea ha dato il via libera all'operazione di recupero del relitto, nonostante le diffidenze espresse più volte da alcuni paesi membri.

A confermare che i Ministri hanno raggiunto l'accordo di cui si parla ormai da qualche tempo è stato il ministro dei Trasporti sloveno Radovan Zerjiav.
L'Italia sarà in prima linea, visto il coinvolgimento del Centro spaziale di controllo del Fucino, la struttura preposta alla gestione del lancio del secondo satellite di Galileo. Dovrebbe avvenire a fine aprile, il 27.

Da qui, dal Centro di Telespazio, verranno seguite le orbite dei satelliti della costellazione Galileo. 30 dispositivi che entro il 2013 dovrebbero essere lanciati e dovrebbero essere funzionanti.
60 Commenti alla Notizia Galileo verrà ripescato dal fondale
Ordina
  • Per che cosa, per far vedere che siamo bravini anche noi?

    Sappiamo benissimo che la vecchia Europa non può competere su certe cose: cha caspita ci sforziamo a fare, per non dare una virgola in più di quanto già da tempo abbiamo, regalatoci da chi vorremmo tanto emulare?
    non+autenticato
  • Tanto per dirne una, il GPS viene utilizzato per la navigazione aerea solo come sistema ausiliario perché il segnale non è garantito 24h/24h, 365/365g, e potrebbe mancare o essere impreciso nelle fasi delicate di atterraggio.
    La garanzia che il segnale sia presente ridurrebbe il costo dei sistemi di guida in fase di atterraggio, e non si tratta di spiccioli.
    Ciao
  • Oltre alle considerazioni geopolitiche ed economiche, bisogna considerare anche quelle tecniche.
    - Il sistema GPS è stato concepito negli anni '70, da anni si parla di migliorie al segnale, ai centri di controllo, etc. e Galileo è un GPS una seconda generazione. Infatti:
    - migliora notevolmente la precisione del segnale in modalità diciamo così "user", quella dei ricevitori palmari, per intenderci;
    - migliora la precisione in modalità diciamo "geodetica", rendendo l'acquisizione più rapida, etc.
    - aumenta notevolmente il numero di satelliti disponibili.
    Per uso marino, veicolare, hobbistico, il GPS va bene il 95% del tempo, ma per uso "geodetico" ci sono ancora molti problemi, ve lo posso assicurare.
    Saluti
  • Non sono esperto di queste tecnologie e potrei sparare cavolate, ma la cosa più sensata sarebbe di costruire una costellazione satellitare GPS in appoggio e non in opposizione a quella esistente.
    (oppure vogliamo giocare a fare i grandi quando siamo dei nanerottoli?).
    non+autenticato
  • E infatti è così, chi ha detto che Galileo si oppone al GPS?
    Sono già pronti i chip di decodifica del segnale Galileo, che ovviamente come struttura è simile al GPS. I ricevitori futuri avranno tutti due chip. Ovviamente si sono svolti incontri tra tecnici europei e americani per favorire l'integrazione tra i due sistemi (non senza qualche difficoltà) e i problemi risolti.
    Non capisco per quale motivo tutto debba risolversi in qualche forma di competizione o contrapposizione, si può anche cooperare. Tanto per dire Galileo risolverà il problema della mancanza di satelliti GPS oltre i circoli artico e antartico.
    Ciao
  • Mi baso su un fatto: l'europa non è una potenza militare per cui non disporrà di sufficienti stanziamenti militari per portare avanti il progetto.
    Un'altra possibile applicazione potrebbe essere quella commerciale, indubbiamente la tecnologia posizionale sarà una delle colonne portanti per lo sviluppo dell'economia, detto questo presumo che per poter usufruire dei dati di galileo bisognerà pagare il canone.
    Flat, a consumo, a traffico, a fasce orarie... le solite cazzate markettare insomma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cogito ergo nomic
    > Mi baso su un fatto: l'europa non è una potenza
    > militare
    L'Europa non è nemmeno un microbo militare: non esiste proprio un esercito europeo.
    Non riusciamo ad avere il mandato di cattura europeo (bloccato dalla Germania di Schultz ), come possiamo avere un esercito?
    Ma anche lo avessimo... chi lo guiderebbe? L'Ue non è politicamente unita, lo è diventata economicamente per ordini piovuti dal cielo, ma al di là dell'economia ognuno in Europa pensa a se stesso. L'opposto di quel che accade negli Usa.

    > Un'altra possibile applicazione potrebbe essere
    > quella commerciale

    > bisognerà pagare il
    > canone.
    Di sicuro. Se non è militare, si paga.

    > Flat, a consumo, a traffico, a fasce orarie... le
    > solite cazzate markettare
    Cazzate markettare? Ma che cazzate dici?
    I servizi si pagano, non sono di certo gratis. La gente che lavora per il servizio, secondo te non deve ricevere lo stipendio? Se nessuno paga, secondo te chi lo fa?

    Negli Usa ci sono gli Americani a pagare, con le loro tasse (per inciso molto inferiori a quelle che paghiamo in Italia prodi-veltroniana), ma lì assistenza sanitaria a parte funziona tutto meglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: GiancarloPD L
    > Cazzate markettare? Ma che cazzate dici?
    > I servizi si pagano, non sono di certo gratis. La

    Certo che i servizi si pagano, ma li devi pagare per quello che sono.
    Dato che di mezzo ci saranno i "markettari", strani organismi che concepiscono la vita come una lotteria gratta e vinci, faranno le solite inutili (se non per loro) soluzioni "spremi-euro dalle rape".

    > Negli Usa ci sono gli Americani a pagare, con le
    > loro tasse (per inciso molto inferiori a quelle
    > che paghiamo in Italia prodi-veltroniana), ma lì
    > assistenza sanitaria a parte funziona tutto
    > meglio.

    E' la parola 'meglio' che andrebbe ridefinita.
    Se per te "meglio" è pagare una società privata (che mira ai profitti e non ai servizi) per avere in cambio qualcosa che avresti comunque, e con minor spesa, con una buona gestione del pubblico fai pure.

    Non ti sembra strano che i nostri politici dicano sempre 'tagli alle spese','la soluzione è privatizzare', 'taglio ai dipendenti statali'?
    E non ti sembra ancora più strano che quegli stessi politici abbiano poi un legame diretto con le stesse società che offrono quel tale servizo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: cogito ergo nomic
    > - Scritto da: GiancarloPD L
    > > Cazzate markettare? Ma che cazzate dici?
    > > I servizi si pagano, non sono di certo gratis.

    > Certo che i servizi si pagano, ma li devi pagare
    > per quello che sono.

    E in base alla concorrenza che il mercato offre.

    > Dato che di mezzo ci saranno i "markettari",
    > strani organismi che concepiscono la vita come
    > una lotteria gratta e vinci, faranno le solite
    > inutili (se non per loro) soluzioni "spremi-euro
    > dalle rape".

    Gia, ma a meno di casi di guerra (specifichiamo senno qualche furbone potrebbe non capire) c'e' sempre la versione americana: quindi le soluzioni offerte dai marchettari europei dovranno essere concorrenziali con i costi della concorrenza.

    > > Negli Usa ci sono gli Americani a pagare, con le
    > > loro tasse (per inciso molto inferiori a quelle
    > > che paghiamo in Italia prodi-veltroniana), ma lì
    > > assistenza sanitaria a parte funziona tutto
    > > meglio.

    > E' la parola 'meglio' che andrebbe ridefinita.
    > Se per te "meglio" è pagare una società privata
    > (che mira ai profitti e non ai servizi) per avere
    > in cambio qualcosa che avresti comunque, e con
    > minor spesa, con una buona gestione del pubblico
    > fai pure.

    Ma visto che, appunto... L'avrei comunque... Non vedo con che scusa la soceta' di cui tu parli potrebbe farsi pagare.
    krane
    22544
  • - Scritto da: cogito ergo nomic
    > Mi baso su un fatto: l'europa non è una potenza
    > militare per cui non disporrà di sufficienti
    > stanziamenti militari per portare avanti il
    > progetto.
    > Un'altra possibile applicazione potrebbe essere
    > quella commerciale, indubbiamente la tecnologia
    > posizionale sarà una delle colonne portanti per
    > lo sviluppo dell'economia, detto questo presumo
    > che per poter usufruire dei dati di galileo
    > bisognerà pagare il
    > canone.
    > Flat, a consumo, a traffico, a fasce orarie... le
    > solite cazzate markettare insomma.

    Puoi sempre continuare ad usare quello ammericano aggratisse...
    krane
    22544
  • > Puoi sempre continuare ad usare quello ammericano
    > aggratisse...
    Quale parte del: il servizio gps può essere bloccato in qualsiasi momento
    non ti è chiara?
    In caso di conflitto, ti possono tagliare il servizio, poi tu che fai?

    Certo che ci sono proprio tante persone dure a capire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giancarlo PDL
    > > Puoi sempre continuare ad usare quello
    > > ammericano aggratisse...
    > Quale parte del: il servizio gps può essere
    > bloccato in qualsiasi momento
    > non ti è chiara?

    Se parliamo di servizio ad abbonamento e di costi e' automaticamente escluso che parliamo di conflitto.

    > In caso di conflitto, ti possono tagliare il
    > servizio, poi tu che fai?

    Personalmente penso di avere altri problemi in quel momento che non pensare ad abbonarmi al navigatore...

    > Certo che ci sono proprio tante persone dure a
    > capire.

    Si, ecco tu per esempio...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Giancarlo PDL
    > > > Puoi sempre continuare ad usare quello
    > > > ammericano aggratisse...
    > > Quale parte del: il servizio gps può essere
    > > bloccato in qualsiasi momento
    > > non ti è chiara?
    > Se parliamo di servizio ad abbonamento e di costi
    > e' automaticamente escluso che parliamo di
    > conflitto.
    Conflitto sta per guerra. E il servizio non è ad abbonamento.
    Ma sai di che parli?

    > > In caso di conflitto, ti possono tagliare il
    > > servizio, poi tu che fai?
    > Personalmente penso di avere altri problemi in
    > quel momento
    La guerra non deve necessariamente riguardare te.
    Può anche essere fra Usa e un altro Stato.
    Forse non sai che è capitato spesso in passato.

    Poi il problema non sei tu, a te basta prendere il tuttocittà o l'iPhone, per altri servizi invece il gps è fondamentale.
    Ma che parlo a fare? E' evidente la tua mancanza di informazione.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Locale
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Giancarlo PDL
    > > > > Puoi sempre continuare ad usare quello
    > > > > ammericano aggratisse...
    > > > Quale parte del: il servizio gps può essere
    > > > bloccato in qualsiasi momento
    > > > non ti è chiara?
    > > Se parliamo di servizio ad abbonamento e di
    > > costi e' automaticamente escluso che parliamo
    > > di conflitto.

    > Conflitto sta per guerra. E il servizio non è ad
    > abbonamento.
    > Ma sai di che parli?

    Si: di quello di cui si parla dall'inizio del tread: la possibilita' che i servizi di galileo siano a pagamento, tu hai letto il tread o sei giuto a meta' solo per trollare ?

    > > > In caso di conflitto, ti possono tagliare il
    > > > servizio, poi tu che fai?
    > > Personalmente penso di avere altri problemi in
    > > quel momento
    > La guerra non deve necessariamente riguardare te.
    > Può anche essere fra Usa e un altro Stato.
    > Forse non sai che è capitato spesso in passato.

    > Poi il problema non sei tu, a te basta prendere
    > il tuttocittà o l'iPhone, per altri servizi
    > invece il gps è fondamentale.
    > Ma che parlo a fare? E' evidente la tua mancanza
    > di informazione.

    Anche il tuo non leggere il tread in cui parli non e' male come disinformazione Rotola dal ridere

    >A bocca aperta

    Il che non cambia: finche il conflitto non scoppia, sara' difficile proporre per galileo servizi a pagamento che non siano concorrenziali con quelli americani; che e' poi cio' che tutti paventano qui.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 aprile 2008 13.48
    -----------------------------------------------------------
    krane
    22544
  • Galileo offre un servizio di navigazione gratuito, uno commerciale (incorpora applicazioni aggiuntive) e uno militare.
    non+autenticato
  • L'abbiamo già pagato, e con questo nuovo scherzetto lo pagheremo due volte.

    È stato pagato con i soldi delle nostre tasse, dati ai nostri governi, e da questi all'Europa.

    Chi ha quantificato il progetto ha fatto bene (o male?) i conti, e si è già mangiato tutto invece che produrre qualcosa di funzionante.

    Ed ora ci riprovano: altro giro, altra mangiata!

    Tenendo conto dell'esperienza del GPS americano, la quantificazione del sistema poteva essere fatta con una precisione al centesimo di Euro.

    E non mi vengano a dire che c'è stato l'aumento del petrolio: i missili non vanno a benzina ...
    (Sorride OK, questa è una battuta, ma cos'hanno dovuto inventare di nuovo?
    I missili sono quelli di sempre, e la tecnologia, per quanto raffinata ed ottimizzata, è sempre quella del GPS.
    Con in più il fatto che i costi della tecnologia sono scesi da quando è stato realizzato il primo GPS.

    A parer mio, è il solito mangia mangia.
    E come sempre non c'è nessuno responsabile per i soldi che ci hanno fatto buttare via.

    Una qualunque banca avrebbe chiesto fior di fidejussioni a qualunque azienda che avesse chiesto anche solo 50.000 Euro per finanziare una propria impresa, ed invece l'Europa cosa fa a fronte di decine di milioni di Euro?
    NIENTE!
    Non ha chiesto garanzie! (o, se le ha chieste, non le fa valere).

    E così chi ha mangiato ora ripassa per il secondo giro.

    E noi paghiamo. Come sempre, del resto.
  • Se ci fate caso, la Apple non fa uso del GPS sul suo iPhone.
    Per la localizzazione utilizza il metodo della triangolazione attraverso le antenne degli operatori telefonici.
    Non è male come cosa: la sua precisione è inferiore a quella del GPS, ma il suo costo è sicuramente inferiore. Almeno per applicazioni semplici quali il navigatore.

    Tuttavia per altre applicazioni è sicuramente insufficiente, senza contare che per conflitti militari (viviamo sulla Terra e i conflitti esistono) il GPS potrebbe essere interrotto in qualsiasi momento.

    Speriamo che Galileo entri in funzione presto, che abbia una destinazione civile o militare precisa e che sia fatto un controllo puntiglioso sui costi: bisogna evitare che i dissidi fra i Paesi Europei comportino ulteriori ritardi e ulteriori spese.

    Nel frattempo possiamo chiedere una cosa al Nostro Bel Paese:

    Rialzati, Italia
    non+autenticato
  • va giusto bene per orientarti a piedi o per applicazioni web location oriented, per la macchina serve una precisione sotto i 10 metri perchè se nò il navi sballa
    non+autenticato
  • No 10 metri sono sufficienti, e solo perchè il navigatore è sempre impostato come se fossi in strada.

    Prova a andare per campi spostandoti di qualche metro e vedrai che ti combina.
  • > Nel frattempo possiamo chiedere una cosa al
    > Nostro Bel
    > Paese:
    >
    > Rialzati, Italia
    ... e mettiti a 90A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ma carta e bussola no, eh?

    I tecnodipendenti. Il giorno che la vostra adorata tecnologia vi lascerà a piedi (magari col prossimo albero in Svizzera) sarete tutti divorati dagli scoiattoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rialzati Italia
    > Se ci fate caso, la Apple non fa uso del GPS sul
    > suo
    > iPhone.
    > Per la localizzazione utilizza il metodo della
    > triangolazione attraverso le antenne degli
    > operatori
    > telefonici.

    Per farlo devi conoscere qual è la cella tramite il suo ID, non tutti gli operatori (almeno in italia) danno le tabelle dove c'è scritto dove sono le celle, alcuni si fanno pagare (tim) altri proprio non te le danno, le forniscono solo alle forze dell'ordine.
    E' un peccato perchè indubbiamente è l'unica soluzione per risolvere il problema dell'indoor dove il segnale gps nn arriva.
    E cmq la precisione è inferiore al gps.
    non+autenticato
  • Se dovete fare politica andate da una altra parte e non rompete i coglioni con la vostra campagna elettorale
    non+autenticato
  • Il centro di controllo del Fucino, non e' certo la struttura da cui verra' lanciato il secondo satellite, ma come detto nell'articolo servira' a tenere d'occhio la costellazione quando sara' operativa...

    Giove B e' stato assemblato in Italia, ma adesso sta aspettando di essere lanciato dal Cosmodromo di Baikonur ( http://en.wikipedia.org/wiki/Baikonur_Cosmodrome ) in Kazakhstan.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)