Enrico Giancipoli

FireWire oltre i record, USB sempre più indietro

Lo standard IEEE 1394 portato alla velocità di 1600 Mbit/s. Ora è 4 volte più veloce di USB 2.0. La next-gen potrebbe confermare il gap

Roma - Il produttore americano di semiconduttori Smywave ha annunciato in questi giorni il lancio del più veloce chip FireWire per il mercato desktop. Il nome tecnico è IEEE 1394b S1600 Physical Layer (PHY), abbreviato FireWire 1600.

Il dispositivo di fatto raddoppia il precedente record di velocità FireWire portando a 1600 i Mbit per secondo trasferibili. Tutto ciò garantendo retrocompatibilità: il dispositivo è in grado di supportare tutte le generazioni precedenti (800 e 400) dello standarad IEEE 1394 ed è venduto allo stesso prezzo di FireWire 800.

"Symwave è orgogliosa di guidare la migrazione al prossimo livello di velocità di FireWire, sia per i consumatori che per le applicazioni industriali" asserisce Yossi Cohen, presidente di Symwave. "Per noi è un grande passo in avanti, soprattutto nella tecnologia SERDES per l'alta velocità di trasferimento".
Aumenta quindi il gap con il "rivale" USB: la versione attualmente in commercio, USB 2.0, è ferma alla velocità di 480 Mbit/s, quasi quattro volte inferiore al nuovo FireWire. L'USB 3.0 dovrebbe decuplicare l'attuale soglia portando a 4800 i Mbit/s trasferibili, ma i primi dispositivi è previsto arrivino sul mercato non prima del 2009.

Sul sito del produttore si può leggere inoltre che è in corso lo sviluppo di FireWire 3200 (3200 Mbit/s). Nonostante la banda di FireWire 3200 sia nettamente inferiore a quella dell'USB 3.0, sono molti quelli che si aspettano un "faster real-world file transfer".

Come indicato anche dall'IEEE Trade Association, infatti, teoricamente la banda maggiore dovrebbe assicurare trasferimenti più celeri, ma in atti pratici alcune specifiche dello standard IEEE 1394, come la tecnologia peer-to-peer e l'efficienza di banda più elevata ne aumentano le prestazioni reali. Così come FireWire 400 è in molti casi più veloce dell'USB 2.0, lo si può riscontrare in diversi test di lettura / scrittura presenti sul web, anche FireWire 3200 potrebbe superare USB 3.0.

Enrico "Fr4nk" Giancipoli
24 Commenti alla Notizia FireWire oltre i record, USB sempre più indietro
Ordina
  • togliendo il supporto al networking over IEEE1394 da Vista in poi
    http://www.microsoft.com/whdc/archive/IP_1394.mspx

    se i 1600Mb/s teorici fossero anche solo reali al 25% si ha un collegamento tra due (ok, soltanto due) PC che 4 volte meglio del comune Ethernet 100Mbit
    non+autenticato
  • mi trovo meglio con la gigabit...Sorride
  • 480 Mbit è la velocità teorica massima.
    La velocità reale è ben più bassa: meno della metà!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac
    > 480 Mbit è la velocità teorica massima.
    > La velocità reale è ben più bassa: meno della
    > metà!!

    ? Dipende da che periferiche USB 2.0 utilizzi. Non tutte usano le specifiche per la massima velocità.
    Ho utilizzato degli HDU Seagate esterni su USB 2.0 che superano i 50MByte/s costanti.
    non+autenticato
  • Non esistono HD esterni USB capaci anche solo di avvicinarsi ai 50 MByte/sec di transfer rate, sostenuti o burst. Il protocollo USB 2.0 usa buona parte della banda per segnali di controllo e integrità poco efficienti riducendo così di parecchio il transfer rate effettivo dei dati utili.
    Uno dei più veloci HD esterni sfiora a malapena i 36 MByte/sec in lettura e solo in pochi casi. In scrittura il valore è ancora più basso:
    http://www.xbitlabs.com/articles/storage/display/s...
    Si può ottenere maggiore velocità formattando in FAT32 ma così si perdono i vantaggi dell'affidabilità dello NTFS (in campo Windows):
    http://www.xbitlabs.com/articles/storage/display/2...
    Al momento la cosa migliore da fare per chi non ha la Firewire e vuole il massimo dai suoi HD esterni è scegliere modelli con interfaccia SATA e munire il PC di appositi adattatori ove non siano già disponibili di serie.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > ascolta, scusa se vado un filino OT.
    > il benchmark del mio HD (sata2 credo, comunque
    > interno) è
    > questo:
    > [img]http://img185.imageshack.us/img185/1605/hdtun
    >
    > a parte i valori medi che mi interessano
    > relativamente, tu hai idea del perchè ci siano
    > quei cali
    > istantanei?
    >
    > tieni conto che il bench l'ho fatto 7 mesi fa e
    > il disco va ancora
    >Angioletto

    anche io ho avuto problemi del genere qudno ho dovutro mettere su un fileserver per l'ufficio ed ho imputato la causa alla "logica" del filesystem. questo perchè sullo stesos disco cambiando vari filsystem i picchi/blocchi repentini cambiavano parecchio.

    che voi sappiate esiste un modo per debuggare (in linux) un filesystem?

    i log del sistema non sono sufficienti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > ascolta, scusa se vado un filino OT.
    > il benchmark del mio HD (sata2 credo, comunque
    > interno) è
    > questo:
    > [img]http://img185.imageshack.us/img185/1605/hdtun
    >
    > a parte i valori medi che mi interessano
    > relativamente, tu hai idea del perchè ci siano
    > quei cali
    > istantanei?
    >
    > tieni conto che il bench l'ho fatto 7 mesi fa e
    > il disco va ancora
    >Angioletto

    hai mai notato che su xp anche quando non fai una beneamata mazza il led del disco ogni tanto lampeggia?

    ebbene il sistema operativo legge qualcosa, bufferizza, forse controlla che il disco sia ancora li, od anche si diverte a scrivere pochi bytes sullo stesso settore per ucciderti il disco col tempo... a me non è dato sapere cosa faccia ma è quella la causa dei picchi negativi
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Giuliano
    >
    >
    > > hai mai notato che su xp anche quando non fai
    > una
    > > beneamata mazza il led del disco ogni tanto
    > > lampeggia?
    >
    > Non sul mio XP.

    azz.. tutti quelli che conosco lo fa... strano sto fatto
    a me in particolare sono il log di zonealarm e l'antivirus...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuliano
    > - Scritto da: unaDuraLezione
    > > - Scritto da: Giuliano
    > >
    > >
    > > > hai mai notato che su xp anche quando non fai
    > > una
    > > > beneamata mazza il led del disco ogni tanto
    > > > lampeggia?
    > >
    > > Non sul mio XP.
    >
    > azz.. tutti quelli che conosco lo fa... strano
    > sto fatto
    >
    > a me in particolare sono il log di zonealarm e
    > l'antivirus...

    allora è normale che lampeggi il disco

    se zonealarm becca qualcosa deve scriverlo nel log ed il log sta sull'hdd quindi si accende il led...

    cmq il problema di UnaDuraLezione è diverso perchè hddtune scrive dati ma MENTRE gli scrive/legge l'hdd ha dei picchi negativi così come mostrato dal grafico.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Meglio le eSATA per gli HDD esterni... con 3000 Mbits/s già sono un'assaggio di USB 3.0 o FireWire3200... Ve lo dico per esperienza... Con il mio cheetah esterno eSata arrivo a trasferire file a 100Mbyte/s... altro che...
  • Ma poi nei fatti, ci sono veramente computer, penso in ambito consumer/semi professionale in grado di sostenere simili velocità tenendo conto di tutto un insieme di fattori quali velocità del disco, ram, cpu ecc. ?
    Alla fin fine qualcuno ha mai fatto veramente le pulci a dischi rigidi e chiavette per vedere se almeno sono stati raggiunti i fantomatici 420Mbit/s sulle usb 2 (così come i 400 sulle Fw400 e gli 800 sulle Fw800) ?
    non+autenticato
  • Io dei test li ho fatti... stesso disco - 3 interfacce (USB2.0, FW400, E-SataII).
    Il disco e' un esterno WD che appunto ha tutte e 3 le interfacce di cui sopra.
    Ovviamente la piu' veloce e' l'E-Sata... le prestazione sono le stesse che il disco avrebbe se fosse connesso internamente.
    Segue, ma il distacco non e' notevole, il FW400.
    Ultimo, con prestazioni abbastanza piu' basse del FW, l'USB2.0, certamente a causa della minore efficienza del protocollo.
    Via Esata le prestazioni sono superiori a quelle teoriche sia del FW che dell'USB2.0.
    L'efficenza del FW (ma conta anche l'implementazione dell'interfaccia del disco WD) e' cmq buona, intorno all'80% del teorico.
    L'USB2.0 fatica ad arrivare al 60/65%.
  • - Scritto da: Overture
    > Ma poi nei fatti, ci sono veramente computer,
    > penso in ambito consumer/semi professionale in
    > grado di sostenere simili velocità tenendo conto
    > di tutto un insieme di fattori quali velocità del
    > disco, ram, cpu ecc.
    > ?
    > Alla fin fine qualcuno ha mai fatto veramente le
    > pulci a dischi rigidi e chiavette per vedere se
    > almeno sono stati raggiunti i fantomatici
    > 420Mbit/s sulle usb 2 (così come i 400 sulle
    > Fw400 e gli 800 sulle Fw800)
    > ?


    ?? Di che stai parlando ?

    480Mbps = 60MByte/s

    Gli HDU SATA-II attuali oscillano fra i 65-70MByte/s ed i 115MByte/s sostenuti.
    non+autenticato
  • Con USB non sono mai andato oltre i 20 MB/s
    = 160 Mbit/s
    non+autenticato
  • - Scritto da: Overture
    > Ma poi nei fatti, ci sono veramente computer,
    > penso in ambito consumer/semi professionale in
    > grado di sostenere simili velocità tenendo conto
    > di tutto un insieme di fattori quali velocità del
    > disco, ram, cpu ecc.
    > ?
    > Alla fin fine qualcuno ha mai fatto veramente le
    > pulci a dischi rigidi e chiavette per vedere se
    > almeno sono stati raggiunti i fantomatici
    > 420Mbit/s sulle usb 2 (così come i 400 sulle
    > Fw400 e gli 800 sulle Fw800)
    > ?

    I computer si, sono in grado di sostenere quelle velocità. I dispositivi di memorizzazione, difficilmente.

    Tuttavia bisogna considerare che la banda è condivisa tra tutte le periferiche connesse a una stessa porta, per cui aumentando la banda complessiva si aumenta anche il transfer-rate tra queste periferiche e tra le periferiche e il PC (non necessariamente i dischi). Questo significa poter collegare più periferiche "veloci" contemporaneamente, senza che subiscano rallentamenti.
    non+autenticato