Luca Annunziata

OOXML inciampa nello standard ISO

Office 2007 avrebbe qualche difficoltà nel gestire il formato. Almeno nell'ultima versione divenuta standard. In attesa che Microsoft provveda a risolvere il problema

Roma - Office 2007 non gestisce correttamente lo standard ISO/IEC 29500, né secondo lo STRICT model e neppure per quello TRANSITIONAL. Il problema sarebbero le ultime modifiche apportate al formato, nel corso del BRM tenutosi alla fine dello scorso febbraio, e ora occorre che Microsoft provveda a rilasciare una patch per le sue applicazioni, affinché si adeguino alle novità.

Lo annuncia Alex Brown, responsabile della commissione che si occupa della gestione del neonato standard su OOXML. Sul suo blog, Brown racconta di aver messo alla prova un semplice documento docx seguendo le più recenti linee guida su ISO/IEC 29500, ma non è stato possibile validare il codice secondo i parametri di riferimento. Il risultato è stato invece un file contenente circa 122mila warning per la versione più ortodossa del modello, e 84 problemi riscontrati nella modalità più permissiva.

Nel primo caso si tratta di tutte le modifiche subite da OOXML per sottostare ad altri e precedenti standard ISO, ad esempio per il formato della data o il Vector Markup Language (VML). Nell'altro si tratta per lo più di errori veniali, ad esempio perché i campi di una variabile sono riempiti da valori non più ammessi: on e off in luogo di true e false, e così via.
Per Brown, è dunque necessario che Microsoft decida di aggiornare il suo software: "I documenti Word generati dall'attuale versione di MS Office 2007 non sono conformi a ISO/IEC 29500". Per risolvere il problema, occorrerà secondo l'esperto una modifica del codice dell'applicazione: un intervento massiccio nel caso si voglia arrivare alla validazione STRICT, un lavoro meno complesso se ci si accontentasse di quella TRANSITIONAL. Un obiettivo che per Brown sarebbe a portata di mano, viste le capacità di Microsoft, e che dovrebbe essere nelle mire dell'azienda di Redmond oggi come in futuro.

OOXML dunque non è del tutto compatibile con il nuovo standard ISO. Sulle pagine di Groklaw ci si domanda polemicamente: "Ma la procedura fast track non doveva servire per gli standard già implementati?". L'unica è augurarsi che Microsoft decida di intervenire quanto prima per risolvere il problema, ma è lo stesso Brown, su ZDNet UK, a rimangiarsi in parte le sue stesse speranze: "La domanda dentro la domanda, che sta animando molto del dibattito su OOXML, sembra essere: Microsoft farà davvero quanto ha promesso? Non resta che aspettare di vederlo".

Tra gli scettici c'è anche Tim Bray, creatore del formato XML: "Credo che si dimostreranno interessati agli incontri per discutere le modifiche (Microsoft, ndr), ma finiranno per essere incontri secondari e non manderanno nessuno di importante". Per Bray, "tutto quello che Microsoft voleva era il timbro di approvazione ISO da usare come strumento di marketing". E conclude colorito: "Come vi ha sempre detto la mamma, quando hanno avuto quello che volevano da voi probabilmente non vi richiameranno la mattina dopo".

Luca Annunziata
59 Commenti alla Notizia OOXML inciampa nello standard ISO
Ordina
  • Sono talmente abituati a fregarsene degli standard che non riescono a rispettare nemmeno quelli che loro stessi hanno definito !!!
  • Finirà che sarà OOffice and implementare per primo il formato OOXML...
    non+autenticato
  • L'unico programma compatibile con gli standard OOXML sarà OpenOffice 3.1 ?

    Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: il gelato che uccide
    > L'unico programma compatibile con gli standard
    > OOXML sarà OpenOffice 3.1
    > ?
    >
    > Deluso

    Bhe... Vedremo, non e' detto che sara' compatibile al 100%
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    krane
    22544
  • Sei un grande! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Openoffice lo uso per aprire i .doc che fanno andare in crash office 2003 (originale su xp originale, tanto per chiarire). Non mi stupirei che implementi OOXML bene, anche se e' una perdita di tempo perche' probabilmente OOXML non e' implementabile in maniera univoca e se Openoffice scegliera' l'interpretazione "A" Microsoft andra' su "B".
    non+autenticato
  • Office 2007 è stato rilasciato l'anno scorso, nel frattempo l'ISO ha richiesto sostanziali modifiche al formato OOXML, modifiche che la Microsoft ha dovuto fare per far diventare OOXML uno standard.
    Che ora MS Office non aderisca pienamente allo standard è normale: il formato è stato modificato *****dopo***** la commercializzazione del nuovo Office!

    Sicuramente metteranno una patch a breve.

    Cmq mi pare giusto ricordare che nemmeno OpenOffice rispetta pienamente lo standard ODF...
    non+autenticato
  • come dicevo nell'altra risposta, il problema e' che la procedura "fast track" richiede una implementazione gia' presente sul mercato, cosa che di fatto non c'e', visto che mancano tutte le parti modificate...
    non+autenticato
  • Aspetta non è corretto dire che OpenOffice non rispetta tutta la definizione di ODF, semmai non lo implementa nella sua totalità...
    non+autenticato
  • > Sicuramente metteranno una patch a breve.

    fidati

    > Cmq mi pare giusto ricordare che nemmeno
    > OpenOffice rispetta pienamente lo standard
    > ODF...

    Due cose:
    - ODF non è stato approvato via fast track che richiede che il formato sia già presente sul mercato
    - come ben dici tu openoffice non implementa parte dello standard _che è diverso_ dall'implementarlo erroneamente
    non+autenticato
  • - Scritto da: Martello
    > Office 2007 è stato rilasciato l'anno scorso, nel
    > frattempo l'ISO ha richiesto sostanziali
    > modifiche al formato OOXML, modifiche che la
    > Microsoft ha dovuto fare per far diventare OOXML
    > uno
    > standard.

    Il che, forse ti sfugge, significa che il formato originario di office era il solito indegno ammasso di roba offuscata.

    > Che ora MS Office non aderisca pienamente allo
    > standard è normale: il formato è stato modificato
    > *****dopo***** la commercializzazione del nuovo
    > Office!

    12000 warnings? assumi che siano tutti generati dalle modifiche richieste dall'ISO. Fai un'assunzione arbitraria.


    > Sicuramente metteranno una patch a breve.

    LOL certo certo, e funzionera' al primo colpo, come tradizione MS.

    > Cmq mi pare giusto ricordare che nemmeno
    > OpenOffice rispetta pienamente lo standard
    > ODF...

    Qui ti hanno gia' risposto come si deve, comunque... 12000 warnings anche per odf? penso di no. E allora lo standard libero sembra uscito meglio del malloppone.
    non+autenticato
  • Ancora per pochi giorni c'è la possibilità, da parte degli studenti universitari, di avere la versione Ultimate di Office 2007 ad un prezzo accettabile: 52 euro.
    Nonostante qualsiasi cosa possa stare a dire l'ISO su ODF, OOXML, lo standard di fatto per tutti è il software di casa Microsoft. Moltissimi si lamentano perché Office costa caro (300-600 euro), con questa offerta Microsoft si avvicina un po' alle esigenze degli studenti, quindi ritengo giusto fare un po' di pubblicità a questo sito:

    http://www.office30elode.it/

    Aldilà dei fan-boy dei vari schieramenti considero questa una buona offerta: non lavoro per Microsoft, né traggo alcun vantaggio dal "pubblicizzare" un'offerta cui io stesso ho aderito come cliente.

    Per chi cominciasse a porsi mille problemi sulla licenza, questa è la versione Ultimate, è una licenza vitalizia, dà l'accesso ai futuri aggiornamenti ed è valida anche quando non si è più studenti. 52 euro sono per me un buon prezzo.

    E se dobbiamo dirla tutta... l'offerta a 18 euro/anno al contrario mi sembra una gran fregatura. Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • una volta finiti gli studi, continuerai a spendere centinaia di euro per ms office , continuerai ad utilizzare (abusivamente) la licenza studenti o passerai ad un prodotto piu' economico ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: amedeo
    > una volta finiti gli studi, continuerai a
    > spendere centinaia di euro per ms office ,
    > continuerai ad utilizzare (abusivamente) la
    > licenza studenti o passerai ad un prodotto piu'
    > economico ?

    Come ti è stato spiegato la licenza che vendono a 52 euro è quella Ultimate, non quella studenti.
    E' una licenza che permette di usare Office anche quando non si è più studenti.
    Hai guardato il link o ti limiti a porre questioni senza fondamento?

    Posto che servano degli aggiornamenti, chi vuole si paga l'upgrade che di solito costa sui 99 euro, anche meno se si sa cercare.
    non+autenticato
  • In effetti sembra cosi', peccato che come al solito le informazioni su licenza, aggiornamenti ecc. siano praticamente nulle.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Martello
    > Posto che servano degli aggiornamenti, chi vuole
    > si paga l'upgrade che di solito costa sui 99
    > euro, anche meno se si sa
    > cercare.

    Certo, visto che ho le carte da cento che mi escono dalle tasche, di sicuro corro a comprare un software che non gira sui pochi sistemi operativi che mi permettono di fare il mio lavoro.
    non+autenticato
  • uhmmm... sul sito e' specificato solo un generico 'tuo per sempre', non sono riuscito a trovare alcuna informazione su cosa significhi. Sulla pagina delle informazioni sull'offerta e' specificato che l'acquisto del product-key da' una licenza perpetua. Significa che potrai utilizzare a vita la tua copia di Office 2007 ? e a cosa ti servira' quando dovrai passare a Office 2008, Office 2009 e sequenti ? Dubito fortemente che gli aggiornamenti a cui fanno riferimento comprendano le nuove versioni.
    Se decidi di spendere 52 euro per un prodotto che li puo' valere e' un conto ma se ti fai abbagliare dal capace marketing di chi ti vuole legare a quel prodotto, ricorda che tra qualche anno dovrai iniziare a spenderne molti di piu' se vuoi continuare ad utilizzarne le nuove versioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: amedeo
    > uhmmm... sul sito e' specificato solo un generico
    > 'tuo per sempre', non sono riuscito a trovare
    > alcuna informazione su cosa significhi. Sulla
    > pagina delle informazioni sull'offerta e'
    > specificato che l'acquisto del product-key da'
    > una licenza perpetua. Significa che potrai
    > utilizzare a vita la tua copia di Office 2007 ? e
    > a cosa ti servira' quando dovrai passare a Office
    > 2008, Office 2009 e sequenti ?
    Prima cosa Office 2008 per win non esiste.
    Ancora la Microsoft non ha fatto aggiornamenti.
    Per questo non ti possno dire cosa accadrà fra 2-4 anni.
    Puoi però fare riferimento a quel che avviene oggi: chi ha una versione di Office, se vuole aggiornare paga solo l'aggiornamento, di solito intorno ai 100 euro per i non studenti.
    Ma nessuno è obbligato ad aggiornare.
    non+autenticato
  • ah mi permetto di dissentire... si è gia visto l'effetto "segretaria" unito a office 2007: documenti docx a destra e a manca inutilizzabili anche all'interno dell'azienda stessa, da coloro che non avevano l'ultima versione di office.

    Davvero pensi di poterti tenere la tua copia 2008 quando ms offrirà nuove versioni, compresi nuovi formati di file e nuovi sistemi operativi?
    Già ora l'installazione di office 2000 su vista non fila liscia. Se la risposta è "si ma 2000 è di 8 anni fa", non capisco cosa vuoi tenerti stretto: tra la versione precendete e l'attuale sono passati 4 anni, quindi o che la paghi 50€ o 500€ almeno per altri 4 anni di nuove versioni non ne usciranno.

    Come soluzione tampone sembra funzionare: per i prossimi 4+ anni ho office a 50€. Però ha senso se quando alla fine l'abbandonerai per altro, continuerai a comprare ms, se no tutti i file creati difficilmente li aprirai come si deve con altre suite. E qui l'esempio è tra ms office e open office, che ok c'è un po' di compatibilità ma scordati di fare apri e salva più volte da entrambe le suite, mentre lavori a un documento. Non parliamo delle funzioni Esporta.

    Che word sia migliore di openoffice writer e tutti i discorsi vari, mi può star bene, ma non è questo il punto. La questione qui è sempre il formato.
    Mi va più che bene una suite come ms office ti permetta di creare in poco tempo documenti complessi, magari in simultanea con altri utenti, eccetera.. allora ok ne vale il prezzo (50 e 500). In alternativa, gratis, uso una suite che per fare le stesse cose impiego di più o magari alcune funzioni non le ha proprio, però se apro, modifico, salvo, riapro rimodifico risalvo... funziona sempre, qualunque sia la suite!

    Se il formato fosse 100% interoperabile, io apro e modifico tutti i documenti che voglio con tutti i software che voglio, e dove non posso/voglio spendere, uso software gratuito.
    non+autenticato
  • Ah.
    Però nella mia università gli standard sono PDF e LaTeX, forse ora lo diventerà anche ODF, quindi abbiamo la possibilità di produrre tesi, tesine, relazioni e articoli nei formati richiesti anche utilizzando SW che costa meno di 52 euro Idea!Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Categorico
    > Ah.
    > Però nella mia università gli standard sono PDF e
    > LaTeX, forse ora lo diventerà anche ODF, quindi
    > abbiamo la possibilità di produrre tesi, tesine,
    > relazioni e articoli nei formati richiesti anche
    > utilizzando SW che costa meno di 52 euro Idea!
    >Con la lingua fuori
    Prova a fare una tesi da 300 pagine in ODF...
    neanche morto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Felice
    > Ancora per pochi giorni c'è la possibilità, da
    > parte degli studenti universitari, di avere la
    > versione Ultimate di Office 2007 ad un prezzo
    > accettabile: 52
    > euro.
    > Nonostante qualsiasi cosa possa stare a dire
    > l'ISO su ODF, OOXML, lo standard di fatto per
    > tutti è il software di casa Microsoft. Moltissimi
    > si lamentano perché Office costa caro (300-600
    > euro), con questa offerta Microsoft si avvicina
    > un po' alle esigenze degli studenti, quindi
    > ritengo giusto fare un po' di pubblicità a questo
    > sito:
    >
    > http://www.office30elode.it/
    >
    > Aldilà dei fan-boy dei vari schieramenti
    > considero questa una buona offerta: non lavoro
    > per Microsoft, né traggo alcun vantaggio dal
    > "pubblicizzare" un'offerta cui io stesso ho
    > aderito come
    > cliente.
    >
    > Per chi cominciasse a porsi mille problemi sulla
    > licenza, questa è la versione Ultimate, è una
    > licenza vitalizia, dà l'accesso ai futuri
    > aggiornamenti ed è valida anche quando non si è
    > più studenti. 52 euro sono per me un buon
    > prezzo.
    >
    > E se dobbiamo dirla tutta... l'offerta a 18
    > euro/anno al contrario mi sembra una gran
    > fregatura.
    > Rotola dal ridere

    Avete appena assistito alla dimostrazione di un pesce che abbocca all'amo Microsoft. Un domani, quando il pesce sarà nel mondo del lavoro, conoscendo bene Office vorrà usare Office, consiglierà Office o comprerà Office (a seconda di dove si troverà inquadrato).
    O forse credevate ad una Microsoft magnanima con gli studenti? AHHAHAHHA!!!!
    ruppolo
    33147
  • Beh, per essere corretti, c'è da dire che questo vale anche per OpenOffice e altre implementazioni di ODF, rispetto all’IS23600, cioè il cosiddetto ODF 1.0 v.2.

    Anche in questo caso la conformità rispetto allo standard ISO non raggiunge mai il 100%.

    Avevo visto una ricerca che mostrava le implementazioni di ODF, era all'indirizzo http://testsuite.opendocumentfellowship.org/, ma ora è sparita...

    Qualcuno l'aveva vista?
    non+autenticato
  • che c'entra? odf e' stato approvato con la procedura standard, che richiede tempi piu' lunghi ma non necessita di una implementazione...

    la fast track invece e' una procedura piu' rapida, che ha come prerequisito che lo standard sia gia' presente sul mercato in una qualche forma, cosa che di fatto manca (la versione approvata, quella con le modifiche...)
    non+autenticato
  • Guarda che non si sta parlando di QUANTA PARTE di quello standard è già stato implementato, ma bensi che L'IMPLEMENTAZIONE di quello standard in Office 2007 NON E' conforme allo standard.
    Se OpenOffice o chi per esso salvasse dei documenti dicendo che sono OpenDocument ma non salvando dei "veri" OpenDocument, allora si che sarebbe la stessa cosa, ma appunto non è questo il caso.

    Il fatto che un programma implementi una sola parte dello standard va bene, perché il documento ottenuto è comunque conforme allo standard. Ma se il programma genera standard non conforme, cosa importa se lo implementa tutto o meno?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)