Le major alle aziende: vietate il P2P

Ci sono Hollywood e i grandi produttori discografici dietro un nuovo appello inviato alle mille imprese più importanti d'America. Contro i pirati in ufficio

New York (USA) - Quanti sono i dipendenti delle grandi imprese americane che scaricano attraverso i network aziendali ingenti quantità di musica, film e altri contenuti digitali protetti da copyright? Secondo le associazioni che rappresentano le major dell'intrattenimento, il fenomeno è tanto diffuso da costituire un serio allarme.

Per questo le grandi del cinema e della musica hanno scritto alle mille imprese più quotate d'America, rivolgendo loro un nuovo pressante appello affinché il peer-to-peer o comunque la condivisione di file in azienda venga messa al bando una volta e per tutte.

La lettera, che ricorda da vicino quella che fu mandata dagli stessi soggetti poche settimane fa alle Università statunitensi, suona quasi come un avverimento: "Vi preghiamo di prendere tutti i provvedimenti necessari per assicurarvi che il vostro network non venga utilizzato per violare il copyright. Usare la tecnologia per rubare musica e film non è diverso dall'entrare in un negozio e sottrarre un CD o un DVD".
La "mossa" di inviare questa lettera rientra nella colossale campagna cui le major hanno dato vita di recente per cercare di far passare anche sul piano culturale il principio che condividere certi file equivale a rubare. Gli effetti della campagna si vedranno solo fra un certo tempo, se vi saranno.
TAG: p2p
17 Commenti alla Notizia Le major alle aziende: vietate il P2P
Ordina
  • Se questi simpatici pezzi grassi dell major vendessero i loro cd musicali (tutti) a 5 euro, io credo che la pirateria musicale sarebbe in poco tempo un lontano ricordo. Volete sconfiggere la pirateria ? e` semplice : 5 euro.

    Ma io dubito fortemente che ai bovini di prima interessi nemmeno alla lontana il problema della pirateria. A lor signori interessa solo ed esclusivamente il Dio fatturato. E se il fatturato cala anche di una minuscola ed insignificante frazione allora non va bene.

    Care teste vuote, dovreste averlo capito che 40.000 lire sono troppe per un cd che, probabilmente, interessa solo per uno due o tre canzoni chi lo compra.

    Altra cosa che dovreste aver capito e` che un cd piratato in meno, mai e poi mai sarebbe un cd originale venduto in piu`. La gente non ha tutti quei soldi. Se il cd pirata non lo trova, semplicemente non comprera` nessun cd.

    Per cui, fate i bravi vendete i cd a 5 euro e vedrete che il vostro fatturato` non ne soffrira` e la pirateria sara` sconfitta.

    Io ad esempio, per principio, non comprero` mai un cd originale proprio perche` costa una cifra assurda. Mentre, comprerei molto volentieri almeno 10 cd all'anno se costassero, gli oramai famosi, 5 euro.

    Vi conviene perdere i miei (e di chissa` quanti altri) 50 euro l'anno?
    non+autenticato


  • ricordiamo alle majors che la legge non vale solo per gli altri, quindi facciamo pure anche una campagna promozionale sulle violazioni nei confronti dell'antitrust : dato che (vedi notizia passata di PI ) hanno pagato per aver tenuto un CARTELLO sui prezzi dei cd, ricordiamola questa cosa, facciamone pubblicità, tam tam, casino!!!


    loro fanno tutto quello che possono "tutelare i loro interessi" e allora facciamolo tutti!

    Il prezzo del CD era alto perché VOLEVANO TENERLO ALTO.


    non+autenticato
  • E a far pagare troppo non equivale a rubare?!?!?!?
    non+autenticato
  • ... mettiamogli anche un frigobar per uno.
    In ufficio si lavora, se non sbaglio, non si usano mezzi aziendali per fini propri...
    Al di là di ogni questione sul copyright...
    non+autenticato
  • è diventata oramai opinione generale che p2p è uguale a pirata, anche gente che non sa un benemerito di pc e internet sa questo, che schifo!

    Il p2p non è altro che una libera e potentissima forma di cultura, certo posso esistere anche gli abusi, ma il p2p fondamentalmente è scambio di cultura e conoscenza amici cari. Dire che il p2p è un danno alle aziende e che equivale sempre a piratare significa che non si ha idea di quel che cazzo si sta dicendo, ossia equivale a dire coglionerie!

    Se io mi voglio scaricare l'ultimo gioco uscito, l'ultimo programma rilasciato o l'ultimo album di un'artista non utilizzo di sicuro programmi p2p, ci sono moolte altre vie più veloci e sicure per avere questi file immediatamente fruibili, e chi conosce il mondo dell'underground lo saOcchiolino per cui basta stare sopra alle tecnologie di file sharing, perchè non sono altro che il capro espiatorio di colpe che non ha, affermare il contrario vuol dire non conoscere la rete e non capirne un cazzo del suo funzionamento. Non dico che la gante ha diritto di abusare di questa tecnologia al lavoro, ma credo che sia giusto poterne fare uso anche li, visto che siamo liberi ed oggi abbiamo lo strumento x comunicare!

    No al sindaco pervertito che scarica (nn necessariamente col p2p2Occhiolino ) immagini pedoporno, si ad un uso ragionato del mezzo.
    non+autenticato
  • Mi vene sempre un mezzo sorriso quando leggo queste difese del file sharing il bello è che fanno appello hai più alti valori di liberta e a una presunta utilità del servizio al di fuori del scambio anonimo di materiale “proibito” ma tutti falliscono sullo stesso punto: quale è questo uso legittimo in realtà?
    non+autenticato


  • - Scritto da: il pino
    > materiale ?proibito? ma tutti
    > falliscono sullo stesso punto: quale è
    > questo uso legittimo in realtà?

    Innanzitutto non mi pare che nessuno abbia
    "fallito" alcunche', semmai chi ha fallito
    o sta fallendo sono le Major con le loro
    pretese assurde e fuori dal tempo.

    In secondo luogo un esempio di uso legittimo
    te lo faccio io. Faccio parte di una associazione
    di volontariato, stiamo facendo dei corsi di
    informatica per altre associazioni di volontariato, abbiamo dato dei "compiti a casa"
    agli studenti: devono elaborare testi, disegni
    e immagini per creare un sito web comune, ognuno
    lavora a casa propria. I vari documenti vengono
    resi disponibili a tutti col file sharing.

    In terzo luogo credo che l'utilizzo di
    una "tecnologia" (quale appunto e' quella
    del file sharing) non abbia nulla a che
    vedere con i comportamenti del singolo.
    Perche' se vogliamo vietare il file sharing
    allora possono vietare pure il web (uno
    potrebbe visitare siti che non piacciono
    all'azienda o all'ISP), o il telefono
    (potrei molestarti telefonicamente), o
    la posta (e se T invio un po' di spore
    tossiche in una busta ?).

    E tutto questo solo perche' il P2P
    "non piace" alle Major ? Ma chi si
    credono di essere per dire a me/noi
    che cosa possiamo e che cosa non possiamo
    fare ? E se qualcuno dicesse a loro che
    cosa NON POSSONO fare ? Se ne fregherebbero ?
    Probabile .... E allora io me ne frego di
    quello che dicono loro.

    Zzzz.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Burlone
    > In secondo luogo un esempio di uso legittimo
    > te lo faccio io. Faccio parte di una
    > associazione
    > di volontariato, stiamo facendo dei corsi di
    > informatica per altre associazioni di
    > volontariato, abbiamo dato dei "compiti a
    > casa"
    > agli studenti: devono elaborare testi,
    > disegni
    > e immagini per creare un sito web comune,
    > ognuno
    > lavora a casa propria. I vari documenti
    > vengono
    > resi disponibili a tutti col file sharing.

    Se sono documenti potevi anche usare la posta elettronica...


    > In terzo luogo credo che l'utilizzo di
    > una "tecnologia" (quale appunto e' quella
    > del file sharing) non abbia nulla a che
    > vedere con i comportamenti del singolo.
    Bravissimo, quindi, se non la usi per scopi illegittimi non alterarti tanto.

    > Perche' se vogliamo vietare il file sharing
    > allora possono vietare pure il web (uno
    > potrebbe visitare siti che non piacciono
    > all'azienda o all'ISP), o il telefono
    > (potrei molestarti telefonicamente), o
    > la posta (e se T invio un po' di spore
    > tossiche in una busta ?).

    Nessuno ha mai parlato di vietare il file sharing, solo di bloccare lo scambio di materiale protetto da copyright. Il che, ne convengo, è equivalente al 95% del file sharing...
    D'altra parte nessun chiude i telefoni ma questi vengono intercettati e se fai telefonate oscene è un reato e chi le riceve può chiedere di essere tutelato...
    Per la posta c'è addirittura un articolo del codice penale (spedizione di materia immonda).
    Insomma non è il mezzo ma l'utilizzo che del mezzo si fa...

    >
    > E tutto questo solo perche' il P2P
    > "non piace" alle Major ? Ma chi si
    > credono di essere per dire a me/noi
    > che cosa possiamo e che cosa non possiamo
    > fare ? E se qualcuno dicesse a loro che
    > cosa NON POSSONO fare ? Se ne fregherebbero ?
    > Probabile .... E allora io me ne frego di
    > quello che dicono loro.

    Non è che non piaccia, solo ci sta mandando in rovina... e quindi visto che non abbiamo più niente da perdere.... trai pure le tue conclusioni sui prossimi atteggiamenti delle nostre aziende...



    non+autenticato
  • > Se sono documenti potevi anche usare la
    > posta elettronica...

    e se voleva renderli disponibili a tutti? che faceva, andava via mail i doc a mezzo mondo?

    > Insomma non è il mezzo ma l'utilizzo che del
    > mezzo si fa...

    quindi, perchè le major si scagliano contro il p2p invece che contro i singoli pirati?
    e' come se i magistrati invece che sui mafiosi se la prendessero con la telecom perchè sulle sue linee i mafiosi si telefonano.

    > Non è che non piaccia, solo ci sta mandando
    > in rovina...

    ma se quest'anno le vendite di cd sono aumentate del 6%!!!
    nessun settore ha avuto dei margini simili!
    e vi lamentate ancora, quando molti altri settori stanno andando in malora?
    non+autenticato


  • > Nessuno ha mai parlato di vietare il file
    > sharing, solo di bloccare lo scambio di
    > materiale protetto da copyright. Il che, ne
    > convengo, è equivalente al 95% del file
    > sharing...

    Infatti Napster mica lo hanno chiuso, hanno solo vietato la condivisione di quella parte protetta da (quell'abuso chiamato) copyright giusto? o forse no.

    > Non è che non piaccia, solo ci sta mandando
    > in rovina... e quindi visto che non abbiamo
    > più niente da perdere.... trai pure le tue
    > conclusioni sui prossimi atteggiamenti delle
    > nostre aziende...

    Se sei una piccola etichetta indipendente il file sharing non puo' averti danneggiato + di tanto e cmq hai la mia solidarieta'.

    Se sei una media o grossa etichetta spero vivamente che il tuo business vada in malora.
    Per quanto mi riguarda colleziono vinile x cui del FS non me ne pole frega' di meno.

    Pero' rifletti su questo :

    Nel 1988 un LP costava 15000 lire un CD 25000.
    La novita' si diceva, i costi, la poca diffusione, il vinile era lo standard, il cd la nicchia.

    Oggi il cd e' lo standard, i costi di fabbricazione si sono abbattuti tuttavia i prezzi dei CD sono cresciuti a partire da quelle 25000 lire fino alle 40000.

    Considerando un inflazione del 2% annuo oggi comprare un album di un gruppo dovrebbe costare 10-12 euro invece costa molto di piu' che comprare un album del solito gruppo (un LP di ieri, un CD di oggi) nel 1987. Ci avete mangiato sopra come pochi cari miei, in tempi di vacche grasse ne avete approfittato, mai proponendo un prezzo equo ma pensando sempre al vostro profitto e a spremere il cliente.
    Non avete avuto nessun rispetto per noi perche' adesso dovremmo averne noi per voi?
    Inoltre cercate di limitare il fair use con protezioni che danneggiano il cliente onesto non certo il pirata, e tentate di estendere il copyright all'infinito. Com'e' possibile che si vada in galera per la violazione del copyright (reato PENALE) mentre persino l'emissione di assegni a vuoto (quindi sempre un danno economico) e' depenalizzata?

    Il P2P e' un abuso illegale contro un abuso legalizzato (VOI) quindi siete gli ultimi a poter dire qualcosa. Personalmente se andate in malora non posso che gioirne.

    Ti aspetto nel ghetto. A presto.



    non+autenticato


  • - Scritto da: Disk O'Grafico
    >
    >
    > Nessuno ha mai parlato di vietare il file
    > sharing, solo di bloccare lo scambio di
    > materiale protetto da copyright. Il che, ne
    > convengo, è equivalente al 95% del file
    > sharing...

    Ti sei mai chiesto perchè??
    Hai mai provato ad entrare in un negozio di dischi facendoti due conti in tasca??
    Il prezzo di un CD a te non sembra un furto?

    > Non è che non piaccia, solo ci sta mandando
    > in rovina... e quindi visto che non abbiamo
    > più niente da perdere.... trai pure le tue
    > conclusioni sui prossimi atteggiamenti delle
    > nostre aziende...

    Ma fammi il piacere!!A bocca apertaD
    Ma quale rovina?? Casomai vi sta dando una ridimensionata; meno skifezze strapagate e più buona musica, pagata il giusto.

    non+autenticato
  • Secondo te, tutti quelli che vanno nelle tabaccherie a comprare le cartine si fanno le canne?!?
    non+autenticato
  • No, ma tra quelli che vanno in tabaccheria a compare le cartine ci sono sicuramente quelli che si fanno le canne

    - Scritto da: JP
    > Secondo te, tutti quelli che vanno nelle
    > tabaccherie a comprare le cartine si fanno
    > le canne?!?
    non+autenticato


  • - Scritto da: il pino
    > No, ma tra quelli che vanno in tabaccheria a
    > compare le cartine ci sono sicuramente
    > quelli che si fanno le canne
    >

    quindi che facciamo, chiudiamo tutte le tabaccherie?

    Quasi tutti le auto nella loro esistenza vengono usate per commettere almeno UNA infrazione (velocita', divieto di sosta ecc...) : che dici chiudiamo tutte le fabbriche di auto ?

    Tra gli islamici vi sono dei terroristi. Che dici, sterminiamo un miliardo di musulmani ?

    Ma sparati. E con un calibro grosso.
    non+autenticato

  • > quindi che facciamo, chiudiamo tutte le
    > tabaccherie?
    >
    > Quasi tutti le auto nella loro esistenza
    > vengono usate per commettere almeno UNA
    > infrazione (velocita', divieto di sosta
    > ecc...) : che dici chiudiamo tutte le
    > fabbriche di auto ?
    >
    > Tra gli islamici vi sono dei terroristi. Che
    > dici, sterminiamo un miliardo di musulmani ?
    >
    > Ma sparati. E con un calibro grosso.

    ma sparati tu, anzi spero che ti giustizzi presto un terrorista islamico medina!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)