Enrico Giancipoli

Foldit, fai il ricercatore per gioco

Un puzzle game per indovinare la struttura delle proteine potrebbe aiutare la ricerca contro AIDS, cancro ed altre malattie. E c'è già chi lo candida al Premio Nobel

Roma - Non fatevi ingannare dal dominio: in www.fold.it, it non indica l'Italia, ha il solo valore di pronome personale. Si tratta di un ambizioso progetto di ricerca made in USA il cui fine è "Cambiare il modo in cui la scienza viene fatta, oltre che da chi", come sostiene Zoran Popovic - leader del progetto - che non nasconde l'entusiasmo, arrivando persino a proporre la candidatura dell'idea al Premio Nobel per la Medicina.

Che cos'è una proteina?
Le proteine sono le api lavoratrici di ogni cellula di ogni organismo vivente. Il corpo umano è fatto di migliaia di miliardi di cellule: muscolari, sanguigne, cerebrali, eccetera. In queste cellule, sono le proteine a permettere all'organismo di fare quel che fa: spezzettare il cibo per dare forza ai muscoli, inviare segnali al cervello per il controllo del corpo, trasportare i nutrimenti attraverso il sangue. Esistono centinaia di varietà diverse di proteine, ma hanno tutte qualcosa in comune: sono tutte composte da catene di amminoacidi.

Senza portarla per le lunghe, ogni proteina è composta da una sequenza di amminoacidi diversa per numero, posizione e struttura. Per avere un'idea di quante diverse combinazioni di amminoacidi sia possibile ottenere, citiamo Wikipedia: una sequenza di 100 aminoacidi in teoria può codificare 20^100 proteine diverse, un numero circa pari ad uno seguito da 130 zeri (..); si comprende così quanto grande possa essere il numero delle diverse possibili proteine che sono state generate dai processi evolutivi che hanno coinvolto (e coinvolgono) tutte le specie viventi esistenti in natura.
Il numero di combinazioni diverse di amminoacidi è così astronomico da aver reso, secondo gli sviluppatori del gioco, la ricerca delle migliori potenziali strutture delle proteine il problema più arduo per la biologia contemporanea, in termini di tempo e di denaro. Fold it è stato sviluppato per andare incontro a questo problema: ai giocatori viene chiesto di risolvere la struttura di una proteina attraverso un sistema di risoluzione a puzzle che sfrutta l'intuito delle persone.

il gioco


Secondo gli sviluppatori di Fold it, quante più strutture di proteine verranno identificate, tanto più sarà facile sviluppare farmaci per combattere malattie croniche come AIDS, cancro ed Alzheimer. Si tratta di un progetto parallelo a Rosetta@Home che si propone lo stesso fine con la differenza di utilizzare 150.000 computer invece che utenti. Strano a dirsi, sembra proprio che le macchine non possano fare a meno dell'uomo.

Enrico "Fr4nk" Giancipoli
34 Commenti alla Notizia Foldit, fai il ricercatore per gioco
Ordina
  • Un altro progetto di ricerca per la lotta contro all'HIV è: http://fightaidsathome.scripps.edu/

    Bye
    non+autenticato
  • Gentili colleghi, Saremo lieti di collaborare con www.fold.it per rinnovare la scienza in epoca contemporanea. Vedi in : www.egocreanet.it

    paolo manzelli pmanzelli@gmail.com 08/Mag/08 Firenze
    non+autenticato
  • Se volete donare un po' di potenza di calcolo del vostro pc andate qui: http://folding.stanford.edu/ e scaricate il software.
    non+autenticato
  • A volte mi chiedo se le varie Sun che vendono l'uso a tempo delle loro cpu partecipano mai a queste iniziative...
  • Se vi va, potete unirvi a chi scaccola con Rosetta@home e gli altri progetti.
    non+autenticato
  • Difficile ricordarsi di software e servers peggiori.

    Dopo un'ora di perdita di tempo con questa ciofeca mi sembra giusto sfogarsi come si conviene, ragion per cui via al CAPS LOCK ed a una vita di commenti da fare da tanto tempo.

    A) MISCHIARE MICROSOFT E ADOBE INSIEME?? SONO DUE ELEFANTI DEL SOFTWARE E PRODURRANNO ELEPHANTWARE, PERCHE` IL BLOATWARE DI QUALCHE ANNO FA ERA UN PARADISO RISPETTO A QUEL CHE GIRA OGGI;

    B) PER L'APPUNTO, 50 MEGABYTES DI DOWNLOAD! MA COSA CACCHIO C'E` DENTRO? TUTTA LA PARTE INVISIBILE GRAVITAZIONALMENTE RILEVANTE DELL'UNIVERSO??

    C) AH GIA`, NON CONTENTO, HA BEN VISTO DI VOLER SCARICARE ANCHE AGGIORNAMENTI MASSICCI AL PRIMO LANCIO: CACCHIO, E NELL'INSTALLATORE COSA C'ERA? ARIA FRITTA?

    PATETICO!
    Disgustoso.
    E credo che qualcuno, che mi capisce, ci sara` pur rimasto in giro.

    Ah, il server ha dato timeout un paio di volte, poi ho rinunciato al login. Ah, e poi dopo vari episodi di lag tremendo, non ha risposto neanche al logout.

    Oddio, che orrore.
    Sconcertante, disarmante, da mani nei capelli...
  • poscritto:

    meno male che non e` italiano, per una volta son contento di saperlo...
  • a me no è partito neanche la prima volta...
    non+autenticato
  • Be', fosse successo a me, avrei risparmiato tempo.

    Ieri ho scaricato un gioco open che si autodefiniva il successore di Elite: oddio, magari non nell'ordine di grandezza dei suoi componenti, perche` Elite stava su tre floppy, mentre questo era... 493 MB. Stamani questo coso da 50 MB. Praticamente una nuova specie di software.

    Piuttosto che disinstallati entrambi, ho preferito tornare all'ultima ISO della partizione di sistema: faccio prima cosi`...
  • Sono d'accordo con te per quanto riguarda il lato tecnico.

    Però per il lato umano mi sento comunque di appoggiare l'iniziativa, si tratta di un'idea interessante e la filosofia che c'è dietro è lodevole. Insomma se è davvero capace di portare a qualcosa di buono, ben venga.
  • Ma infatti anch'io ero rimasto molto attratto dall'idea di base: interessante e lodevole, ho voluto subito dare un'occhiata, con l'idea di partecipare anch'io. Poi boh... fra ritardi del server e terrore reverenziale per il volume del download e degli "aggiornamenti", sono rimasto veramente sconvolto. Con piu` calma magari ne avrei parlato in toni meno aspri. Forse mi ha dato fastidio appunto vedere che, nella mia ottica personale, l'idea carina e originale era stata rovinata da un'implementazione penosa.

    Comunque, chi vuol provare provi... sorvolando su tutto quel che ho detto sopra, il programma e` usabile.
  • Scusate, non posso ancora scaricare nulla,qui dove lavoro certe cose non sono permesseSorride
    Vorrei pero' capire se alla fine sto prodotto fa quello che dice e serve allo scopo.
    Se la risposta e' affermativa, lo utilizzero' anche se brutto , anche se macchinoso, anche se potevano farlo meglio.
    Daltronde loro almeno lo hanno fatto...Sorride
    Saluti.
    non+autenticato
  • Non posso dire che faccia quel che dice al 100% perche` al momento in cui l'ho usato il server era il piu` delle volte irresponsivo alle richieste del client (cioe` il programma). Il programma di per se` funziona, o almeno ha funzionato sul mio PC: i lamenti disperati non riguardavano la nuda e cruda funzionalita`, ma una questione di forma.
  • sinceramente ha più senso un progetto come FOLDING@HOME ot simili hostati su BOINC...

    quelli i calcoli li fanno utilizzando sistemi ben più precisi dell'uomo.

    credo che il sito sia solo un ennesimo modo per poter scrivere "questo sito è ecologista" piuttosto che (come in questo caso) "gioca con noi e fai del bene".

    perché in fondo se posso scegliere se fare un gioco stupido o un gioco che fa del bene mi convinco che il secondo sia meglio.

    la verità è che il "bene" non si fa stando seduti comodamente a casa propria con un mouse e un giochino.

    lo può fare il computer eseguendo calcoli decisi da altri e lo possiamo fare noi mentre lui lavora uscendo e andando in una associazione di volontariato.
    cominciamo a fare qualcosa davvero.
    non+autenticato
  • - Scritto da: hitTHEroadJ ACK
    > sinceramente ha più senso un progetto come
    > FOLDING@HOME ot simili hostati su
    > BOINC...
    >

    Servito:
    www.boincitaly.org
    non+autenticato
  • - Scritto da: hitTHEroadJ ACK
    > sinceramente ha più senso un progetto come
    > FOLDING@HOME ot simili hostati su
    > BOINC...
    >
    > quelli i calcoli li fanno utilizzando sistemi ben
    > più precisi
    > dell'uomo.
    >
    > credo che il sito sia solo un ennesimo modo per
    > poter scrivere "questo sito è ecologista"
    > piuttosto che (come in questo caso) "gioca con
    > noi e fai del
    > bene".
    >
    > perché in fondo se posso scegliere se fare un
    > gioco stupido o un gioco che fa del bene mi
    > convinco che il secondo sia
    > meglio.
    >
    > la verità è che il "bene" non si fa stando seduti
    > comodamente a casa propria con un mouse e un
    > giochino.
    >
    > lo può fare il computer eseguendo calcoli decisi
    > da altri e lo possiamo fare noi mentre lui lavora
    > uscendo e andando in una associazione di
    > volontariato.
    > cominciamo a fare qualcosa davvero.

    SOLO 2 COSE:
    1 - il concetto di bene è relativo

    esempio: salvare preziose e vite umane su un pianeta ormai colmo e pieno dirifiuti fatti dagli umani è bene o male o una via di mezzo? Se poi salvi qualche simil-psiconano riusciresti a convivere con la tua conscienza?

    2 - non dirci quello che dobbiamo o non dobbiamo fare

    ok questa frase è solo perchè suonava troppo bene
    per il resto concordo con teOcchiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)