Gaia Bottà

Giappone, disintegrate le sale giochi

Subiscono gli affondi delle console e dei centri di intrattenimento domestici. Più del 95 per cento dei bimbi giapponesi possiede console. E non investe la paghetta nei game mangiasoldi

Roma - Curvi sul controller, i giovani giapponesi non hanno smesso di smanettare: si intrattengono devastando i mostri più improbabili, si improvvisano membri di una truppa d'assalto per sgominare il nemico sul campo, affinano le abilità degli alter ego online che popolano i MMORPG. E le sale giochi diventano superflue.

Arcade in GiapponeA tracciare un quadro delle abitudini di gioco dei giovani del Sol Levante è un'indagine condotta dall'associazione nazionale che raccoglie insegnanti e genitori: sono stati intervistati oltre 7mila ragazzini, si sono esplorati i loro gusti videoludici, si sono censiti i dispositivi che impugnano per intrattenersi davanti ad uno schermo.

Fra i piccoli gamer che frequentano il corrispettivo delle scuole elementari italiane, le preferenze sono emerse chiaramente, presso il 30 per cento del campione: i bimbi si lasciano avvincere dai giochi d'azione, smaniano per spappolare nemici e per ingaggiare combattimenti simulati. Ma ad affascinarli sono anche i game che scorrono paralleli alla loro quotidianità: nelle ore libere dagli impegni scolastici si piazzano di fronte allo schermo e si proiettano nei mondi fantastici e fantascientifici dei giochi di ruolo online.
L'indagine scandaglia inoltre i frangenti più discussi delle pratiche videoludiche: il 2,5 per cento dei bimbi intervistati ha dichiarato di giocare spesso con giochi per adulti. Si tratta di game che i comitati di valutazione hanno stabilito possano urtare la loro sensibilità, sono giochi che sono destinati ad un pubblico maturo per la dose di violenza che contengono o per la presenza di contenuti scabrosi. Ma non si tratta di giochi a sfondo sessuale, di avventure pruriginose da vivere in prima persona: solo lo 0,7 per cento dei piccoli ha ammesso di sfuggire all'occhio dei genitori per giocare con questo tipo di videogame classificati come erotici, mentre un imponente 12,4 per cento ha sfuggito la domanda.

Il gaming, indipendentemente dalle preferenze, resta un'attività con cui si intrattiene la stragrande maggioranza dei giovani del Sol Levante: solo il 4,8 per cento degli intervistati ha dichiarato di non avere una console nella propria dotazione di strumenti per ingannare il tempo libero.

Proprio la diffusione di massa delle console ha innescato un fenomeno che farà sobbalzare i nostalgici: anche l'ultima roccaforte dell'arcade gaming sta cedendo, i cassoni da bar restano negletti anche in Giappone. Le sale giochi, colossali centri di intrattenimento distribuiti su moltitudini di piani, sono lande desolate: i colori vivaci degli schermi, le melodie accattivanti dei giochi a monetina hanno ceduto il posto a mangiasoldi meno fantasiosi.

Sono ambienti intrisi di fumo, frequentati da un pubblico adulto attratto dalla possibilità di scommettere e di cimentarsi con il gioco d'azzardo elettronico, dalla promessa di contenuti vietati ai minori. È così che i ragazzini snobbano il mondo arcade a favore dei centri di intrattenimento che hanno installato in casa: non hanno nulla da invidiare alle più recenti innovazioni ospitate dalle sale giochi, innovazioni che affondano le radici nel passato, innovazioni di cui pare non si sentisse il bisogno.



Un'industria da quattro miliardi e mezzo di dollari sta vacillando sotto gli affondi sferrati a colpi di Wiimote, di schermi elefantiaci e di console portatili. Le sale giochi stanno chiudendo una dopo l'altra, ma gli attori del mercato non disperano: il pubblico dei nostalgici è il mercato su cui puntare.

Gaia Bottà

(fonte immagine)
52 Commenti alla Notizia Giappone, disintegrate le sale giochi
Ordina
  • E' normale che un bambino stia a casa con la consolle o col pc! non spende nulla, ha titoli sempre nuovi e nessun problema di bulletti occupagiochi, grafica a 1000 ed interattività con i giochi online. Per conto mio le sale giochi possono anche chiudere, parlando di videogame intendo. L'unica cosa per cui campano ancora sono i giochi ad alta interattività fisica, partendo dal flipper, passando per i vari videogame di auto, spara-zombie e dancing-machine, fino ad arrivare ai "testa la tua forza" , basket game e così via... per non parlare dei vari casino a slot, ma anche in questo caso la WII sta mettendo zizzania!
    Mi mancherà l'idea della sala giochi, da piccolo ci ho passato giorni, ma ora è tutt'altra cosa.
    non+autenticato
  • non è tutto vero !
    le sale stano sicuramente ridimensionandosi
    ma l'ofefrta deve restare per forza di cose ampia e varia
    o si cererebbero solo CASINO' !!!

    Non a caso stà nascendo la prima Piattaforma da Sala Giochi Italiana vedi: www.play-on.it

    ci sono anche dei video:

    non+autenticato
  • - Scritto da: SPINNER
    > non è tutto vero !
    > le sale stano sicuramente ridimensionandosi
    > ma l'ofefrta deve restare per forza di cose ampia
    > e
    > varia
    > o si cererebbero solo CASINO' !!!
    >
    > Non a caso stà nascendo la prima Piattaforma da
    > Sala Giochi Italiana vedi:
    > www.play-on.it
    >
    > ci sono anche dei video:
    >
    > http://www.youtube.com/user/playonit2008
    s ma infatti si parlava del GiapponeSorride
  • ahh bè..
    manco da un pò lì ...
    Sorride
    ma se non vado errato vanno moltissimo i Pacincho una sorta di slot con palline di ferro !
    non+autenticato
  • - Scritto da: SPINNER
    > ahh bè..
    > manco da un pò lì ...
    > Sorride
    > ma se non vado errato vanno moltissimo i Pacincho
    > una sorta di slot con palline di ferro
    > !
    no non sbagli è proprio cosìSorride
  • ...se le partite costassero un po' meno e durassero un po' di più....

    Quand'ero piccolo io con 200 lire (ma anche meno nei giochi più vecchi), se eri bravo giocavi anche mezz'ora o più, e anche se duravi meno c'erano giochi che ti invogliavano a proseguire, magari in gruppo, per scoprire la storia (vogliamo parlare del mitico WonderBoy in Mosterland?)

    Ora le macchinette sono mangiasoldi: ti chiedono magari 2 Euro a partita, e la partita finisce sempre nel giro di qualche minuto...

    Purtroppo è svanita l'originalità, non c'è più fantasia nel creare la storia che sta dietro al gioco, si bada solo alla grafica, la realtà dei modelli fisici (manco si dovesse simulare l'allunaggio per esercitare l'astronauta), e alla violenza gratuita (non sono assolutamente contro la violenza nei videogame, ma se si bada solo a quello il gioco è una fetecchia)

    Dovrebbero imparare dal Wii, che sta ottenendo grande successo grazie al basso costo e ai giochi semplici e divertenti, contro la strapotenza hardware della PS3)
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo
    > ...se le partite costassero un po' meno e
    > durassero un po' di
    > più....
    >
    > Quand'ero piccolo io con 200 lire (ma anche meno
    > nei giochi più vecchi), se eri bravo giocavi
    > anche mezz'ora o più, e anche se duravi meno
    > c'erano giochi che ti invogliavano a proseguire,
    > magari in gruppo, per scoprire la storia
    > (vogliamo parlare del mitico WonderBoy in
    > Mosterland?)
    >
    > Ora le macchinette sono mangiasoldi: ti chiedono
    > magari 2 Euro a partita, e la partita finisce
    > sempre nel giro di qualche minuto...
    Quoto
    > Purtroppo è svanita l'originalità, non c'è più
    > fantasia nel creare la storia che sta dietro al
    > gioco, si bada solo alla grafica, la realtà dei
    > modelli fisici (manco si dovesse simulare
    > l'allunaggio per esercitare l'astronauta), e alla
    > violenza gratuita (non sono assolutamente contro
    > la violenza nei videogame, ma se si bada solo a
    > quello il gioco è una
    > fetecchia)
    >
    > Dovrebbero imparare dal Wii, che sta ottenendo
    > grande successo grazie al basso costo e ai giochi
    > semplici e divertenti, contro la strapotenza
    > hardware della
    > PS3)
    no ti sbagli(o per lo meno in parte)... ci sono tantissimi giochi basati su una storia,xkè se non l'avessero allora il sequel non lo prenderebbe nessuno.
    E poi ti faccio un esempio di gioco che era partito appunto dalle sale giochi ed ora sta per arrivare il quarto capitolo e che definirei il miglior gioco di sempre (IMHO): metal gear solid 4
    ti consiglio di guardarti l'ultimo trailer perchè sembra davvero quello di un film e la cosa bella è ke pure i capitoli precedenti non erano da meno.
    ecco il link
    http://www.gamevideos.com/video/videoListXML%3Fid%...
  • - Scritto da: Manuel88

    > no ti sbagli(o per lo meno in parte)... ci sono
    > tantissimi giochi basati su una storia,xkè se non
    > l'avessero allora il sequel non lo prenderebbe
    > nessuno.

    certo, ma stai aèprlando di console, non di sala-giochi

    > E poi ti faccio un esempio di gioco che era
    > partito appunto dalle sale giochi ed ora sta per
    > arrivare il quarto capitolo e che definirei il
    > miglior gioco di sempre (IMHO): metal gear solid 4

    magari mi sbaglio, ma non mi pare proprio che Metal Gear Solid (che conosco ed ho giocato) sia partito dalla sala giochi, anche perché non avrebbe senso giocare un titolo del genere in sala (nmon so se il 4 sia diverso, io conosco i primi tre)

    > ti consiglio di guardarti l'ultimo trailer perchè
    > sembra davvero quello di un film

    Solo che dovrebbe essere un gioco... come dicevo, stanno tutti lì a curare la grafica, e non si preoccupano della giocabilità, della longevità, della fantasia del gioco...
    se il Wii, con i suoi giochi semplici, sta vincendo la "guerra" delle ultime console a scapito della grafica da film di altri titoli, ci sarà un motivo... (ma se sei molto giovane e non hai visto nascere il videogame, probabilmente ti viene difficile da capire)
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo

    > Solo che dovrebbe essere un gioco... come dicevo,
    > stanno tutti lì a curare la grafica, e non si
    > preoccupano della giocabilità, della longevità,
    > della fantasia del
    > gioco...
    > se il Wii, con i suoi giochi semplici, sta
    > vincendo la "guerra" delle ultime console a
    > scapito della grafica da film di altri titoli, ci
    > sarà un motivo... (ma se sei molto giovane e non
    > hai visto nascere il videogame, probabilmente ti
    > viene difficile da
    > capire)

    Sono d'accordo su ciò che dici dello Wii, un po' meno sul resto.
    Non importa aver visto nascere il VG, basta essere videogiocatori da prima dell'avvento della prima Playstation, del 3D e dalla massificazione del mercato.
    Ho 23 anni, la mia prima console è stato un SeGa mega drive nel '92 (anche se a casa mia si ricordano le lotte per avere un master system con alexx kidd) e ancora nel videogioco cerco quell'immediatezza che c'era nei giochi di quegl'anni.
    Pensa che mio padre (63 anni) si è messo a riparare l'alimentatore del mega drive per giocare a Ayrton Senna Sper Monaco GP2 perchè l'emulatore non gli piaceva.
  • - Scritto da: ricorsivo
    > - Scritto da: Manuel88
    >
    > > no ti sbagli(o per lo meno in parte)... ci sono
    > > tantissimi giochi basati su una storia,xkè se
    > non
    > > l'avessero allora il sequel non lo prenderebbe
    > > nessuno.
    >
    > certo, ma stai aèprlando di console, non di
    > sala-giochi
    >
    ah si è vero... parlo di quelle xke pensavo che quando hai detto "Purtroppo è svanita l'originalità, non c'è più fantasia nel creare la storia che sta dietro al gioco, si bada solo alla grafica, la realtà dei modelli fisici"
    ti riferissi alle console

    > > E poi ti faccio un esempio di gioco che era
    > > partito appunto dalle sale giochi ed ora sta per
    > > arrivare il quarto capitolo e che definirei il
    > > miglior gioco di sempre (IMHO): metal gear
    > solid
    > 4
    >
    > magari mi sbaglio, ma non mi pare proprio che
    > Metal Gear Solid (che conosco ed ho giocato) sia
    > partito dalla sala giochi, anche perché non
    > avrebbe senso giocare un titolo del genere in
    > sala (nmon so se il 4 sia diverso, io conosco i
    > primi
    > tre)
    >
    azz hai ragione ero convinto che fosse partito da li ma a quanto pare è partito da msx2 sorry... cmq ti garantisco che era un gioco simile a quello delle sale giochi e sarebbe stato del tutto giocabile li (si chiamava metal gear senza solid )

    > > ti consiglio di guardarti l'ultimo trailer
    > perchè
    > > sembra davvero quello di un film
    >
    > Solo che dovrebbe essere un gioco... come dicevo,
    > stanno tutti lì a curare la grafica, e non si
    > preoccupano della giocabilità, della longevità,
    > della fantasia del
    > gioco...
    sbagli,la cosa che ha caratterizzato mgs fin dal suo arrivo su ps è sempre stata la sua storia,e il suo game play (per non parlare di alcune funzioni originalissime)
    e dire al team di Kojima "stanno tutti lì a curare la grafica, e non si preoccupano della giocabilità, della longevità,della fantasia del gioco..." beh rappresenterebbe davvero una grande offesa per loro (se non sbagli l'ultimo capitolo sono 4 anni di lavoro)...
    la grafica vabbè... se si può fare bella xkè non farla scusa?
    cmq prova a giocarci se non ci credi e vedrai che non te ne pentiOcchiolino
    > se il Wii, con i suoi giochi semplici, sta
    > vincendo la "guerra" delle ultime console a
    > scapito della grafica da film di altri titoli, ci
    > sarà un motivo... (ma se sei molto giovane e non
    > hai visto nascere il videogame, probabilmente ti
    > viene difficile da
    > capire)
    il wii vince (IMHO) per la sua originalità,perchè è qualcosa di nuovo ed incuriosisce,cmq quando ti ho chiesto di guardare il trailer non era per farti vedere la grafica (infatti io non ho un lcd per giocare e tanto meno lo voglio ... certo se me lo regalassero... xD) ma solo per la questione della storia,se un videogame riesce a farti provare delle emozioni che vanno al di là del semplice divertimento,beh secondo me è veramente degno di esistere.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 maggio 2008 10.49
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Manuel88

    > > certo, ma stai aèprlando di console, non di
    > > sala-giochi
    > >
    > ah si è vero...

    appunto...

    > parlo di quelle xke pensavo che
    > quando hai detto "Purtroppo è svanita
    > l'originalità, non c'è più fantasia nel creare la
    > storia che sta dietro al gioco, si bada solo alla
    > grafica, la realtà dei modelli
    > fisici"
    > ti riferissi alle console

    mi riferisco ai giochi in generale

    > > > miglior gioco di sempre (IMHO): metal gear
    > > solid 4
    > >
    > > magari mi sbaglio, ma non mi pare proprio che
    > > Metal Gear Solid (che conosco ed ho giocato) sia
    > > partito dalla sala giochi, anche perché non
    > > avrebbe senso giocare un titolo del genere in
    > > sala (nmon so se il 4 sia diverso, io conosco i
    > > primi tre)
    > >
    > azz hai ragione

    quindi non mi sbagliavo

    > > Solo che dovrebbe essere un gioco... come dicevo,
    > > stanno tutti lì a curare la grafica, e non si
    > > preoccupano della giocabilità, della longevità,
    > > della fantasia del
    > > gioco...
    > sbagli,la cosa che ha caratterizzato mgs fin dal
    > suo arrivo su ps è sempre stata la sua storia,e
    > il suo game play (per non parlare di alcune
    > funzioni originalissime)

    non puoi prendere *un* gioco a rappresentare tutta una categoria... per inciso, MGS1 era fantastico, ma molto breve (e cmq improponibile per la sala giochi). Il 2 sarà stato bello quanto vuoi come grafica, ma il gameplay era penoso. Col 3 sono tornati in carreggiata, ma anche lì è un titolo da console o da PC, improponibile in sala giochi.

    > la grafica vabbè... se si può fare bella xkè non
    > farla scusa?

    Nessubno dice che si debba farla brutta, quello che sto dicendo è che spesso si bada più a quello che alla giocabilità vera e propria... un po' come certi film pieni zeppi di effetti speciali fantamiliardari, che però hanno una storia, un sceneggiatura e una recitazione penosi.

    > > se il Wii, con i suoi giochi semplici, sta
    > > vincendo la "guerra" delle ultime console a
    > > scapito della grafica da film di altri titoli, ci
    > > sarà un motivo... (ma se sei molto giovane e non
    > > hai visto nascere il videogame, probabilmente ti
    > > viene difficile da
    > > capire)
    > il wii vince (IMHO) per la sua originalità,perchè
    > è qualcosa di nuovo ed incuriosisce,

    il Wii vince per la semplicità e l'immediatezza dei suoi giochi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo
    > - Scritto da: Manuel88

    >
    > > > Solo che dovrebbe essere un gioco... come
    > dicevo,
    > > > stanno tutti lì a curare la grafica, e non si
    > > > preoccupano della giocabilità, della
    > longevità,
    > > > della fantasia del
    > > > gioco...
    > > sbagli,la cosa che ha caratterizzato mgs fin
    > dal
    > > suo arrivo su ps è sempre stata la sua storia,e
    > > il suo game play (per non parlare di alcune
    > > funzioni originalissime)
    >
    > non puoi prendere *un* gioco a rappresentare
    > tutta una categoria... per inciso, MGS1 era
    > fantastico, ma molto breve (e cmq improponibile
    > per la sala giochi). Il 2 sarà stato bello quanto
    > vuoi come grafica, ma il gameplay era penoso. Col
    > 3 sono tornati in carreggiata, ma anche lì è un
    > titolo da console o da PC, improponibile in sala
    > giochi.
    >
    vabbè lo so anke io che non posso fare di tutta l'erba un fascio ma era solo per dimostrarti che c'è ankora fantasia nel creare le storie di alcuni giochiSorride

    > > la grafica vabbè... se si può fare bella xkè non
    > > farla scusa?
    >
    > Nessubno dice che si debba farla brutta, quello
    > che sto dicendo è che spesso si bada più a quello
    > che alla giocabilità vera e propria... un po'
    > come certi film pieni zeppi di effetti speciali
    > fantamiliardari, che però hanno una storia, un
    > sceneggiatura e una recitazione
    > penosi.
    >
    si questo è vero ed avevo risposto solo perchè tu nel tu commento non avevi messo "spesso" come hai messo qui ma avevi un po troppo generalizzato tutto qui...

    > > > se il Wii, con i suoi giochi semplici, sta
    > > > vincendo la "guerra" delle ultime console a
    > > > scapito della grafica da film di altri
    > titoli,
    > ci
    > > > sarà un motivo... (ma se sei molto giovane e
    > non
    > > > hai visto nascere il videogame, probabilmente
    > ti
    > > > viene difficile da
    > > > capire)
    > > il wii vince (IMHO) per la sua
    > originalità,perchè
    > > è qualcosa di nuovo ed incuriosisce,
    >
    > il Wii vince per la semplicità e l'immediatezza
    > dei suoi
    > giochi.
    vabbè su questo si potrebbe discutere all'infinito,la motivazione che ti ho detto si basa solo sul perchè io prenderei il wii quella che hai detto tu è il tuo perchè,probabilmente ce ne stanno ankora di queste motivazioni,quello che è sicuro è che non ne esiste una sola e nemmeno una che supera di molto le altreOcchiolino
  • ' giusto così
    Sinceramente io giocavo solo quando non potevo ancora permettermi una console,ma presto mi accorsi che con tutti i soldi che avevo speso avrei potuto comprarmene 2...
    quindi mi comprai la mia bella ps1 e via!!!

    Sono consapevole che nelle sale giochi sono nati alcuni titoli più famosi di sempre ma alla fine un po tutti hanno cominciato a rendersi conto che il futuro non era li...
  • Le sale giochi giapponesi che ospitano titoli che uno puo' avere a casa ovviamente non possono reggere il mercato, ma questo avviene anche in Italia. Tuttavia le sale giochi giapponesi offrono dei titoli e delle macchine che le persone non hanno in casa.

    In particolare, oltre a veri e propri voluminosi simulatori (di guida, di pilotaggio di robot, di sci) vi sono giochi che leggono le carte dei mazzi da gioco per offrire una versione moderna e interattiva delle sfide a colpi di mostri e poteri magici. I ragazzi si procurano le carte piu' potenti e le usano per scontrarsi davanti ai monitor di macchinette a moneta. Ce ne sono di ogni tipo, perfino per le bambine, che hanno come tema la moda. Sono giochi molto ben fatti, intriganti e sempre affollati.

    Quindi parlare di disintegrazione delle sale giochi e' certamente eccessivo.
    Semplicemente sta cambiando (anzi E' cambiata) l'offerta delle sale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mahji
    > Le sale giochi giapponesi che ospitano titoli che
    > uno puo' avere a casa ovviamente non possono
    > reggere il mercato, ma questo avviene anche in
    > Italia. Tuttavia le sale giochi giapponesi
    > offrono dei titoli e delle macchine che le
    > persone non hanno in
    > casa.
    >
    > In particolare, oltre a veri e propri voluminosi
    > simulatori (di guida, di pilotaggio di robot, di
    > sci) vi sono giochi che leggono le carte dei
    > mazzi da gioco per offrire una versione moderna e
    > interattiva delle sfide a colpi di mostri e
    > poteri magici. I ragazzi si procurano le carte
    > piu' potenti e le usano per scontrarsi davanti ai
    > monitor di macchinette a moneta. Ce ne sono di
    > ogni tipo, perfino per le bambine, che hanno come
    > tema la moda. Sono giochi molto ben fatti,
    > intriganti e sempre
    > affollati.
    >
    > Quindi parlare di disintegrazione delle sale
    > giochi e' certamente eccessivo.
    >
    > Semplicemente sta cambiando (anzi E' cambiata)
    > l'offerta delle
    > sale.

    Una roba tipo Dragon Drive o Yu-Gi-Oh? (parlo degli anime)
  • - Scritto da: Mahji

    > [...] Ce ne sono di
    > ogni tipo, perfino per le bambine, che hanno come
    > tema la moda. Sono giochi molto ben fatti,
    > intriganti [...]

    *intriganti* i giochi di carte? legati alla moda? mapperpiacere!!!
    una partita a bricola o a scopone scientifico può essere intrigante, ma non certo quei giochi creati ad hoc solo per creare il mercato della vendita di figurine
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo

    > una partita a bricola o a scopone scientifico può
    > essere intrigante,



    certo

    > ma non certo quei giochi
    > creati ad hoc solo per creare il mercato della
    > vendita di
    > figurine


    ALCUNI di quei giochi (penso a Yu-Gi-Oh! o a Magic, almeno nei primi anni)

    possono essere davvero intriganti

    (e più costosi di un videopoker)
    SiN
    1120
  • Anche se è vero che l'offerta dei giochi da sala è cambiata, le console stanno diventando sempre più flessibili; il declino dei giochi arcade è in atto già da un bel po' e non sembra mostrare segni di svolta.

    Mi viene in mente Love&Berry, di cui hanno fatto una versione per DS che ha venduto 1 milione di unità: l'arcade originale aveva avuto molto successo, ma la versione portatile è riuscita a replicarlo in qualche misura.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mahji
    > Le sale giochi giapponesi che ospitano titoli che
    > uno puo' avere a casa ovviamente non possono
    > reggere il mercato, ma questo avviene anche in
    > Italia. Tuttavia le sale giochi giapponesi
    > offrono dei titoli e delle macchine che le
    > persone non hanno in
    > casa.
    >
    > In particolare, oltre a veri e propri voluminosi
    > simulatori (di guida, di pilotaggio di robot, di
    > sci) vi sono giochi che leggono le carte dei
    > mazzi da gioco per offrire una versione moderna e
    > interattiva delle sfide a colpi di mostri e
    > poteri magici.

    Guarda... l'anno scorso in Giappone ho visto un po' di sale gioco, che ovviamente offrivano cabinet e accessori che le console da casa non hanno.

    Ma le sale giochi veramente diffuse sono quelle con il PACHINKO, che è la versione giapponese dei videopocher nostrani.

    Solo che loro hanno vere e proprio strutture multipiano piene di queste luminosissime, coloratissime e soprattutto rumorosissime macchinette mangiasoldi.
    GGG
    78
  • e pensare che c'erano anelli do congiunzioni tra console e coni op..... Come il Neo geo e il Dreamcast, che si basavano respettivamente sui loro HW Coni Op (MVS per il neo geo e Naomi per il Dreamcast)
    Sgabbio
    26178
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)