P2P, Mininova se la rischia?

La societÓ olandese che gestisce i diritti dell'industria dei contenuti mette in mora il celebre portale di file sharing

Roma - Se Mininova non sarà in grado a breve termine di dimostrare che ha messo in atto tecnologie che impediscano la condivisione di file protetti da diritto d'autore tra propri utenti allora verrà formalmente perseguita dalle major.

Ha l'aria di un vero e proprio avvertimento quello trasmesso da BREIN a Mininova.org, uno dei più noti siti di riferimento per la comunità peer-to-peer.

Come ricorderanno i lettori di Punto Informatico, Mininova venne alla luce dopo la morte di Suprnova.org. Come quest'ultimo, Mininova ha rapidamente acquisito una enorme popolarità: il numero di utenti e link pubblicati è tale che fino ad oggi gli amministratori non hanno rimosso i link come richiesto da BREIN, asserendo che sono troppi per poter agire singolarmente.
Ed è proprio per questo che BREIN ritiene di poter chiedere in tribunale di bloccare l'intera attività del sito se non cambierà atteggiamento. Dinanzi alle minacce di BREIN, però, Mininova si limita a far sapere che le sue policy non cambieranno.
15 Commenti alla Notizia P2P, Mininova se la rischia?
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)