Alfonso Maruccia

USA, un pirata marcirà in galera?

Uno dei coinvolti nella Apocalypse Production Crew, individuato durante l'Operazione Fastlink, potrebbe finire in prigione per la prima volta per un caso del genere negli USA. Ci spera l'industria tutta

Roma - Tira una brutta aria per le "crew" dedite alla distribuzione online, spesso in anteprima, dei preziosi contenuti multimediali che le organizzazioni dell'industria difendono a spada tratta nella sempre furente guerra del copyright. Barry Gitarts, 25enne di Brooklyn, New York, è stato nei giorni scorsi condannato dallo stato della Virginia per associazione e violazione criminale del diritto d'autore. Sulla sua testa pesa ora una condanna che può prevedere fino a cinque anni di carcere.

il logo della crewGitarts è stato uno dei membri principali del gruppo Apocalypse Production Crew, che tra il 2003 e il 2004 era dedito all'interscambio di musica, rip cinematografici, software e quant'altro in formato digitale. Centinaia di migliaia sarebbero state le copie trasferite in upload e download, stando a quanto ha comunicato il Dipartimento di Giustizia, e al centro dell'infrastruttura di scambio ci sarebbe stato proprio Gitarts, a pagare e amministrare il server della crew localizzato in Texas.

La posizione del ragazzo è aggravata dal fatto che APC era un gruppo di "releaser", volontariamente dediti alla condivisione in anteprima di opere protette dal diritto d'autore. Chuck Rosenberg, legale coinvolto nel caso, ha così commentato la sua conclusione: "La pirateria musicale è un furto e, a meno che non vogliate finire in una prigione federale, non fatelo".
Reazioni analoghe sono arrivate da RIAA, l'organizzazione che funge da testa di ponte del contrasto legale al file sharing non autorizzato sulle opere musicali. Brad Buckles, vice-presidente esecutivo della divisione anti-pirateria del gruppo, ha parlato di "conseguenze severe" per crimini altrettanto gravi.

"Ci congratuliamo e ringraziamo l'ufficio dell'Avvocatura degli Stati Uniti per il suo lavoro su questo caso - ha dichiarato Buckles - è la più larga opera di contrasto contro i circoli responsabili per i leak di musica settimane e a volte mesi prima della distribuzione al dettaglio. Gruppi come APC, che sono specializzati nella diffusione di musica in pre-release, sono all'apice della piramide della pirateria e gli sforzi di contrasto della legge federale hanno portato ad assestare un duro colpo a questo genere di attività".

Gitarts, che oltre alla pena massima di cinque anni di galera rischia tre anni di libertà vigilata e una multa sino a un quarto di milione di dollari, è attualmente uno dei 15 membri della crew APC condannati tra i 56 personaggi coinvolti nell'indagine denominata Operation FastLink, ben nota ai lettori di Punto Informatico, una indagine condotta a livello internazionale alla caccia dei pirati telematici più attivi. L'entità della condanna per il giovane verrà stabilità dal giudice il prossimo 8 agosto.

Alfonso Maruccia
77 Commenti alla Notizia USA, un pirata marcirà in galera?
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)