Luca Annunziata

Indiana Jones e il teschio virtuale

La computer grafica fa passi da gigante. Ed č talmente avanzata da sparire dallo schermo. Ma cambia per sempre l'aspetto di un classico

Roma - Era inevitabile, ma agli appassionati salta subito all'occhio: il quarto capitolo della saga dell'archeologo più famoso del mondo, il professor Henry Walton Jones junior, è pieno, strapieno di effetti speciali digitali. Sono 450 le scene che si giovano dell'aiutino del computer: non un record, ma un valore in assoluto molto alto. Un valore che cambia l'effetto che certe scene avranno sugli spettatori e l'immagine complessiva di una saga che aveva fatto dell'artigianato di scena il suo marchio di fabbrica.

Il poster del filmMa non di solo appeal sul pubblico si tratta. Nel lavorare a quest'ultimo capitolo di Indiana Jones, i tecnici di Industrial Light&Magic (ILM) hanno ancora una volta posto lo stato dell'arte degli effetti speciali un passo avanti alla generazione precedente: niente più blue screen, niente più vaselina spalmata sull'obiettivo per simulare un campo di forza. Ora è il computer a disegnare il set, ma partendo dal normale girato: così diventa possibile trasformare un bosco in una foresta pluviale, senza mettere a rischio gli attori e senza dover inventare nulla.

Č il caso di una lunga scena d'inseguimento che si svolge in quella che dovrebbe essere la foresta amazzonica in territorio peruviano. Una scena complessa, che vede molti veicoli destreggiarsi tra piante, alberi, arbusti e animali: una scena impossibile da girare nella vera foresta pluviale, e che è stata invece girata in un più accessibile bosco con tanto di strada battuta alle Hawaii. Per rimediare alla carenza di flora, spiega il supervisore agli effetti speciali Pablo Helman, si è ricorsi al computer: "Ma - sostiene - l'abbiamo girata come l'avremmo girata 20 anni fa".
Lo stesso Helman è volato nella sua natia Argentina e nel vicino Brasile per raccogliere immagini sulla reale vegetazione amazzonica. Il cast del filmTornato negli studi ILM, assieme ai 300 addetti che si occupavano della computer graphic, ha messo in piedi un vero e proprio set virtuale: il computer acquisisce il girato, gli operatori impartiscono le necessarie istruzioni su gravità, dinamica e affollamento arboricolo della scena, e la macchina pensa a ricostruire la scena automaticamente con tanto di movimento legato al passaggio di veicoli e attori. Niente più composizione un frame alla volta, ma una vera e propria realtà virtuale che integra e completa la realtà fisica.

In un certo senso, Indiana Jones e il Teschio di Cristallo esiste solo nella memoria del computer: liane, insetti giganti, piramidi ed esplosioni avvengono solo grazie ai calcoli del computer, e i tecnici ILM ricoprono un ruolo altrettanto importante di quello svolto dai tecnici al lavoro nelle varie location dove il film viene girato. Con il software Fracture ad esempio, creato per l'occasione, interi pezzi del set vengono polverizzati per esigenze di copione senza che questo debba avvenire nella realtà, migliorando la spettacolarità della scena.

Il risultato è un mega-colossal che è molto diverso dai tre precedenti film. Più spettacolare, più complicato e più movimentato. Un risultato che a quanto pare è molto piaciuto al pubblico: 151 milioni di dollari incassati nei primi cinque giorni di programmazione negli USA, 269 milioni nel primo weekend in giro per il mondo. Per il momento, è saldamente in testa nella classifica dei maggiori successi dell'anno al botteghino.

Luca Annunziata
93 Commenti alla Notizia Indiana Jones e il teschio virtuale
Ordina
  • io il film non l'ho visto ma...
    ...davvero ci sono ufi ed alieni in questa "puntata" di indiana jones?



    A bocca storta wtf?
  • Non vorrei bruciarti il finale... se vuoi su Wikipedia c'è tutta la trama, compresa la fine: decidi tu!Sorride

    Piccole aggiunte:
    1) il link: http://it.wikipedia.org/wiki/Indiana_Jones_e_il_re...

    2) Se avessi visto la puntata di ieri di Voyager su Rai2 sapresti cosa c'entrano gli alieni coi teschi di CristalloA bocca aperta
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 27 maggio 2008 13.13
    -----------------------------------------------------------
  • voyager è noto per la verità di cui è impregnato Sorride
  • Diccela tu, la Verità. Sto fremendo per l'attesa...
  • ogni volta tirano fuori assurdità, raramente si fermano ai fatti.
  • - Scritto da: lellykelly
    > voyager è noto per la verità di cui è impregnato
    > Sorride

    Voyager!?Deluso

    I puffi: fantasia o realtà? Stando alle ultime ricerche c'è chi sostiene che gli ometti blu, alti due mele o poco più, siano stati ripresi dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.

    Nell'antico egitto si giocava con la PlayStation? Un bassorilievo venuto alla luce recentemente sembrerebbe confermare questa teoria.

    Luca Giurato è un esperimento alieno? Gli impianti di natura extra-terrestre trovati casualmente sul corpo del noto giornalista in seguito ad una lastra, portano alla luce nuove, inquietanti ipotesi.

    Svelato il mistero dei cerchi nel grano: secondo i testimoni sarebbero opera di Benedict Brown, consumatore di cocaina e famoso pusher delle zone limitrofe a Silbury Hill.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • E adesso scopriremo la verità sugli gnomi delle montagne e di come hanno fatto estinguere i dinosauri !
  • - Scritto da: Severissimus
    > Non vorrei bruciarti il finale... se vuoi su
    > Wikipedia c'è tutta la trama, compresa la fine:
    > decidi tu!
    >Sorride
    >
    > Piccole aggiunte:
    > 1) il link:
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Indiana_Jones_e_il_re

    grazie Sorride
    ho iniziato a leggere e già alle prime righe

    "Deserto del Nevada, 1957. Un commando di militari sovietici espugna una base segreta americana, l'Hangar 51, conducendovi Indiana Jones e la sua spalla George "Mac" McHale."
    mi cadono le braccia per l'idea ridicola.

    ...sovietici che espugnano(?) una base americana (!) segreta (!!) in mezzo al territorio americano (!!!)...

    che baggianata.

    > 2) Se avessi visto la puntata di ieri di Voyager
    > su Rai2 sapresti cosa c'entrano gli alieni coi
    > teschi di Cristallo
    >A bocca aperta

    se è quello che penso io quel teschio lo conosco da parecchi anni, peraltro è una delle poche OOPART
    http://it.wikipedia.org/wiki/OOPArt
    (pagina appena utile per i riferimenti e poco più) che mi lascia un po' perplesso...

    ah, per quanto riguarda voyager....
    mmm no meglio di no,
    stendiamo un velo pietoso Sorride
  • Attenzione se non hai visto il film non leggere!!!!
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    Impressionante alla fine del film quando si polverizza la piramide e l'acqua riempie tutto dopo che l'ufo va via.

    mai visto nulla di piu realistico!
  • Da grandissimo fan di Indiana Jones devo dire che questo l'ultimo Indy mi ha deluso un pò:
    * il periodo storico in cui è ambientato non lo trovo affascinante come quelli pre seconda guerra mondiale degli altri; (in particolare l'1 ed il 3);
    * la trama con l'alieno non mi è piaciuta, fa troppo X-Files;
    * il fatto che Indy abbia lavorato alla CIA lo trovo un pò deprimente;
    * le musiche sono di minor effetto rispetto al 3 (come dimenticare la musica sacra ogni volta che il Graal viene nominato, la musica d'azione quando scappa dai nazisti, la musica veloce quando è a Venezia, la marcia nazista quando bruciano i libri, ...);
    * i russi come nemici non mi sono piaciuti troppo, preferivo di gran lunga i nazisti, che nella storia sono anche stati interessati realmente ad oggetti esoterici;
    * la scena di Indy che sopravvive ad un'esplosione atomica in un frigorifero (seppur foderato di piombo) mi sembra un pò troppo banale ed esce dalla fisica dei precedenti episodi, in cui tutto appariva realistico, a parte gli effetti dei misteriosi manufatti che si incontrano; in ogni caso per fare dei test nucleari sono veramente necessari dei manichini fatti nei minimi dettagli se poi viene comunque distrutto tutto?
    * l'"amico" di Indy con il suo "triplo gioco" l'ho trovato banale e noioso.

    Non lo so, forse l'attesa è stata troppa, forse i tempi sono cambiati e io sono cresciuto, o forse dovrò rivederlo altre volte per farmelo piacere (mi riguardo spesso quelli della serie precedente, ma, a dire la verità, non mi sento molto motivato ad acquistare il DVD di questo quando uscirà) ma avrei preferito che non l'avessero girato.
    Se deve essere così, spero solo che non facciano un sequel di Ritorno al Futuro (altra mia grande passione).

    Ciao
    non+autenticato
  • Dimenticavo...
    * il finale (col matrimonio) l'ho trovato un pò troppo banale;

    Mi è invece piaciuto moltissimo il gioco Indiana Jones and the Fate of Atlantis [1], molto in linea con i film precedenti (soprattutto l'1 ed il 3); consiglio a tutti gli appassionati di provarlo è un pò vecchio ma con lo ScummVM con lo scaling 3X ha una bella grafica ed è molto divertente. Tempo fa lessi che avrebbero voluto usare la trama del videogioco per il quarto episodio. Peccato non sia stato così.
    [1] Screenshots: http://www.mobygames.com/game/indiana-jones-and-th...
    non+autenticato
  • STRA QUOTO

    Premetto che non ho ancora visot il quarto episodio, ma al tempo quando ho giocato a Fate of Atlantis speravo tanto che ne facessero un film.

    La trama c'è tuttta e sarebbe stata molto articolata e coerente con i precedenti film.

    peccatto -.-
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > Mi è invece piaciuto moltissimo il gioco Indiana
    > Jones and the Fate of Atlantis [1], molto in
    > linea con i film precedenti (soprattutto l'1 ed
    > il 3); consiglio a tutti gli appassionati di
    > provarlo è un pò vecchio ma con lo ScummVM con lo
    > scaling 3X ha una bella grafica ed è molto
    > divertente. Tempo fa lessi che avrebbero voluto
    > usare la trama del videogioco per il quarto
    > episodio. Peccato non sia stato
    > così.
    > [1] Screenshots:
    > http://www.mobygames.com/game/indiana-jones-and-th

    Il primo gioco punta e clicca a cui ho giocato sul primo pc, settembre 1993... ma vedere gli screenshot mi ha fatto venire voglia di rigiocarlo... magari in inglese...

    Jack
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > Da grandissimo fan di Indiana Jones devo dire che
    > questo l'ultimo Indy mi ha deluso un
    > pò:

    purtroppo quoto

    > * il periodo storico in cui è ambientato non lo
    > trovo affascinante come quelli pre seconda guerra
    > mondiale degli altri; (in particolare l'1 ed il
    > 3);

    purtroppo quoto

    > * la trama con l'alieno non mi è piaciuta, fa
    > troppo
    > X-Files;

    qui invece non quoto, a me è piaciuta molto l'idea degli alieni.

    > * il fatto che Indy abbia lavorato alla CIA lo
    > trovo un pò deprimente;

    purtroppo quoto ma non era la cia ma il servizio segreto durante la seconda guerra mondiale
    certro che avrebbero potuto farci un bel film magari 10 anni fa!!!

    > * le musiche sono di minor effetto rispetto al 3
    > (come dimenticare la musica sacra ogni volta che
    > il Graal viene nominato, la musica d'azione
    > quando scappa dai nazisti, la musica veloce
    > quando è a Venezia, la marcia nazista quando
    > bruciano i libri,
    > ...);

    purtroppo quoto

    > * i russi come nemici non mi sono piaciuti
    > troppo, preferivo di gran lunga i nazisti, che
    > nella storia sono anche stati interessati
    > realmente ad oggetti
    > esoterici;

    purtroppo quoto


    > * l'"amico" di Indy con il suo "triplo gioco"
    > l'ho trovato banale e noioso.

    purtroppo quoto



    devo dire che Harrison Ford sembra un po stanco...
    perche non ne hanno fatti altri negli anni 90 e all'inizio del 2000?
  • comunque a me la parte al cimitero è piaciuta molto
  • - Scritto da: MandarX
    > devo dire che Harrison Ford sembra un po stanco...
    > perche non ne hanno fatti altri negli anni 90 e
    > all'inizio del
    > 2000?

    Perchè Harrison Ford si sentiva arrivato all'apice del successo e non voleva essere ricordato solo come Indiana Jones. Per questo per molti anni ha rifiutato le cifre astronomiche che Spielberg e Lucas gli offrivano.

    Poi a 65 anni ha ceduto.. a voler esser cinici direi che gli sono finiti i soldi ed è tornato con i piedi sulla terra, accettando il lauto compenso, ora necessario.
    non+autenticato
  • > * i russi come nemici non mi sono piaciuti
    > troppo, preferivo di gran lunga i nazisti, che
    > nella storia sono anche stati interessati
    > realmente ad oggetti
    > esoterici;

    Da documentazione più o meno varia (e attendibile), è risultata abbastanza evidente che specialmente durante la guerra fredda, la vecchia URSS abbia investito molto nelle ricerce su quello che riguardava la sfera "mentale" (controllo mntale, lettura del pensiero, etc...) piu che l'eseoterico di per se.


    >in ogni caso per fare dei test
    > nucleari sono veramente necessari dei manichini
    > fatti nei minimi dettagli se poi viene comunque
    > distrutto
    > tutto?

    Bhe, non ricordo se limitato al test di Almogordo (il primo   di detonazione di una testata nucleare) ma cmq si, fu realizzato un piccolo villaggio completo di tutto, questo perche fino a quel momento i realizzatori erano rimasti ancora nel campo puramente teorico... quindi non avevano idea di quali sarebbero stati realmente gli effetti finali. Replicare il tutto era una simulazione effettiva dell'efficacia della bomba e dei suoi effetti sugli oggetti comunementi presenti un una città (persone comprese: non viene da xfiles che l'esercito mandasse i militari a fare le esercitazioni in siti radiattivi per verificare gli effetti delle radiazioni sul lungo periodo)

    Bye
    non+autenticato
  • il sequel di ritorno al futuro? la vedo dura... J Fox si e' ammalato nel 1991 del Morbo di Parkinson, nel 2000 si e' ritirato dalle scene e non e' dato sapere quanto reggera' ancora.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Michael_J._Fox
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > il sequel di ritorno al futuro? la vedo dura... J
    > Fox si e' ammalato nel 1991 del Morbo di
    > Parkinson, nel 2000 si e' ritirato dalle scene e
    > non e' dato sapere quanto reggera'
    > ancora.
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Michael_J._Fox

    Se Robert Zemeckis riprenderà il franchising in mano di Back To The Future dovrà per forza di cose cambiare tutto. O farà un remake, o una serie tv ad alto budget. In ogni caso attori diversi, storie nuove.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > il sequel di ritorno al futuro? la vedo dura... J
    > Fox si e' ammalato nel 1991 del Morbo di
    > Parkinson, nel 2000 si e' ritirato dalle scene e
    > non e' dato sapere quanto reggera'
    > ancora.
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Michael_J._Fox

    Be', ci sono due soluzioni, di cui parla anche PI in questi giorni:
    1) MJ Fox virtuale
    2) esoscheletro
    Notare come ambedue le soluzioni siano appropriate al genere di film.
    ...OK, forse ho messo una dose eccessiva di bastardaggine... ImbarazzatoAngiolettoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Davvero ragazzi...

    -= attenzione molti spoilers qui dentro =-

    Un accrocchio...
    Han tirato dentro l'attore giovane per abbassare l'età target...

    Effetti speciali? Si figo...
    Ma la storia?
    Qualcuno l'ha capita? E anche se fosse era così interessante da farci un film? Pensateci bene...
    Negli altri capitoli la storia era molto molto piu' coinvolgente.. Qua invece si tratta di cercare un pazzo partito a causa di un teschio di cristallo alieno.. con 0 pathos... Ho avuto + coinvolgimento giocando a Indiana Jones e il destino di Atlantide... Almeno faceva battute sessiste a Sophia(?)...

    E indy?
    La sporcizia? L'ironia, la freddezza, la decisione, il carisma, l'umanità?

    E il realismo? Cazzo quando Indy si aggrappa con la frusta per andare a salvare il padre e entra dalla finestra... Li' è un figo da paura...
    Qua Marion decide di buttarsi da 200 mt con un mezzo anfibio e l'unica roba che fanno e gridargli dietro...
    Il vero indy le avrebbe dato 2 calci nel sedere e fatta scendere...
    E questo è uno degli innumerevoli esempi in cui gli effetti speciali rovinano il film, perchè creano situazioni impossibili nella realtà e rendono il film una buffonata.

    E poi il figlio... Che prende il controllo della situazione... Ma va caghe' pischello...

    E il matrimonio... Giuro che mi stavo mettendo a piangere a quel punto per come hanno rovinato un'idea, una filosofia.

    Mi è sembrato di vedere superman sfigato travestito da archeologo con problemi familiari...

    Indy4 è solo un videogioco punta e clicca per quel che mi riguarda, il film devono ancora farlo e non lo vedremo mai.
    non+autenticato
  • Molto di quello che dici è vero. Sopratutto il soggetto non è esaltante e hanno ceduto un po' alla tentazione di imbottirlo di effetti speciali. Non quanto altri film, però. Un po' si sono trattenuti che è già qualcosa, con l'andazzo attuale. E comunque c'è sempre quel tono ironico che permea tutti i film della serie e che ti permette di accettare anche cose un po' troppo assurde.

    Ma se non l'hai capito, questa è una conclusione. Una rimpatriata con l'attrice del primo film, unico vero amore, e il figlio imprevisto. Marcus è morto, il padre pure, lui è anziano. Il cerchio si chiude. Quindi logico che alla fine si sposino.
    Non ne faranno più. Era già difficlie fare questo e secondo me lo hanno gestito bene, ambientandolo 15 anni dopo gli altri senza voler far sembrare giovani per forza attori ormai anziani (Karen Allen ha 57 anni, Ford ne ha 65...).
    non+autenticato
  • - Scritto da: asvero panciatici
    > Molto di quello che dici è vero. Sopratutto il
    > soggetto non è esaltante e hanno ceduto un po'
    > alla tentazione di imbottirlo di effetti
    > speciali. Non quanto altri film, però. Un po' si
    > sono trattenuti che è già qualcosa, con l'andazzo
    > attuale. E comunque c'è sempre quel tono ironico
    > che permea tutti i film della serie e che ti
    > permette di accettare anche cose un po' troppo
    > assurde.
    >
    > Ma se non l'hai capito, questa è una conclusione.
    > Una rimpatriata con l'attrice del primo film,
    > unico vero amore, e il figlio imprevisto. Marcus
    > è morto, il padre pure, lui è anziano. Il cerchio
    > si chiude. Quindi logico che alla fine si
    > sposino.
    >
    > Non ne faranno più. Era già difficlie fare questo
    > e secondo me lo hanno gestito bene, ambientandolo
    > 15 anni dopo gli altri senza voler far sembrare
    > giovani per forza attori ormai anziani (Karen
    > Allen ha 57 anni, Ford ne ha
    > 65...).

    Veramente il 5 ed il 6 è probabile siano già in pre-produzione e visto il livello degli incassi un annuncio non tarderà di molte settimane...
    non+autenticato
  • Aah allora non sono l'unico qui..
    Ho avuto le tue stesse impressioni..
    Sentivo gente che all'uscita diceva.."e gli alieni che ce li hanno messi a fare?"
    E' un pò un'accozzaglia di roba in stile indy ma diciamo in versione soap..
    Ecco si IndySoap 4 alla ricerca del matrimonio perduto (e del figlio ritrovato)
    :)
    non+autenticato
  • A dire la verita' il terzo era molto piu' movimentato di questo e sia il secondo che il primo mi sembravano piu' spettacolari.

    Questo non toglie che mi sia piaciuto.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)