Nvidia č pronta a sfidare Atom

Il celebre produttore di processori grafici sta per introdurre sul mercato una linea di system-on-a-chip dedicata ai dispositivi mobili. Basata su un processore ARM e su una GPU GeForce a bassissimo consumo

Roma - In occasione del Computex di Taipei, in programma ad inizio giugno, Nvidia è pronta a lanciare la sua prima famiglia di application processor dedicata ai dispositivi mobili.

Conosciute col nome in codice Tegra, le nuove soluzioni mobili di Nvidia sono system-on-a-chip (SoC) basati su di un core ARM11 che competeranno all'incirca nello stesso spazio di mercato della piattaforma Centrino Atom di Intel. Inizialmente le famiglie di prodotti saranno due: l'APX 2500, progettata per i computer handheld, e la CSK 600/650, indirizzata invece ai dispositivi più grandi, come Internet tablet e UMPC.

L'APX 2500 ha un die di 144 millimetri quadrati in cui si trova, oltre al core ARM, una GPU GeForce ULP (Ultra Low Power) capace di supportare le specifiche grafiche OpenGL ES 2.0 e Direct3D Mobile.
Nonostante il chip sia senza dubbio in grado di fornire buone performance nel comparto della grafica poligonale (considerando ovviamente il suo target), Nvidia preferisce metterne in risalto le capacità video. In particolare, il chipmaker di Sunnyvale afferma che l'APX 2500 è il primo processore della sua categoria capace di codificare e decodificare video HD con definizione 720p nei formati H.264, MPEG4 e VC-1/WMV9 (supportato solo in decodifica). La velocità di decodifica è di 14 Mbps, generalmente più che sufficiente per i dispositivi mobili.

L'APX 2500 è in grado di gestire sensori fotografici con risoluzione fino a 12 megapixel, porta HDMI e S-Video, monitor fino a 1280 x 1024 pixel di risoluzione, e memorie flash. Per il momento l'unico sistema operativo ufficialmente supportato è Windows CE/Mobile. Una sintesi delle specifiche tecniche si trova qui.

Sebbene pensati per device con schermi fino a 10 pollici, i fratelli maggiori dell'APX 2500, il CSX 600 e 650, supportano anch'essi soltanto Windows CE: ciò si spiega con il fatto che questo è attualmente l'unico sistema operativo di Microsoft a girare sulle architetture ARM. Questi chip avranno frequenze di clock comprese fra 700 e 800 MHz e saranno in grado di decodificare video HD con risoluzione 1080p a 24 frame per secondo.

Il thermal design power dei SoC CSX è intorno ai 3 watt: se è vero che il modello di Atom con simile clock, lo Z500, consuma appena 0,65 watt, va considerato che i SoC di Nvidia integrano anche la GPU: è dunque probabile che il TDP della sola CPU Nvidia sia paragonabile a quello dell'Atom Z500.

La principale differenza tra chip Atom e Terga è dato dall'architettura: il primo utilizza infatti le stesse istruzioni x86 delle comuni CPU per PC, rendendolo capace di girare su una più vasta gamma di sistemi operativi, inclusi Windows XP/Vista, le distribuzioni desktop di Linux e Mac OS X.

Presso l'imminente Computex, Nvidia prevede di mostrare anche un dispositivo mobile a basso costo progettato in congiunzione con VIA. Sebbene non siano ancora noti i dettagli, questo sistema dovrebbe utilizzare il nuovo processore VIA Isahia affiancato da un chipset di Nvidia con grafica integrata.
16 Commenti alla Notizia Nvidia č pronta a sfidare Atom
Ordina
  • Ubuntu mobile, maemo, openmoko/openembededOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: R. Daneel Olivaw
    > c'e' poco (o niente) da fare.

    Con Windows CE puoi fare tutto quello che puoi fare con Linux in campo embedded.
  • Premetto che di Linux non ne so una fava, ARM è comunque un processore che è sempre sulla cresta dell'onda da più di 15 anni.
    SIcuri che non c'è neppure una piccola distro che possa supportare 'sto codice?

    Io non ci credo!
  • Si che c'è, basta googlare.
    non+autenticato
  • > Premetto che di Linux non ne so una fava, ARM è
    > comunque un processore che è sempre sulla cresta
    > dell'onda da più di 15
    > anni.
    > SIcuri che non c'è neppure una piccola distro che
    > possa supportare 'sto
    > codice?
    >
    > Io non ci credo!
    Pensa che i figli dello Z80 sono sulla cresta dell'onda dal 76...
    non+autenticato
  • - Scritto da: The Raptus
    > Premetto che di Linux non ne so una fava, ARM è
    > comunque un processore che è sempre sulla cresta
    > dell'onda da più di 15
    > anni.
    > SIcuri che non c'è neppure una piccola distro che
    > possa supportare 'sto
    > codice?
    >
    > Io non ci credo!

    Linux supportava ARM quando Windows era ancora solo per x86
    non+autenticato
  • > Linux supportava ARM quando Windows era ancora
    > solo per
    > x86
    P.S. guarda che windows CE è in giro da molto tempo...
    non+autenticato
  • EH?
    ah quindi linux nel 1989 supportava ARM?
    aspetta, linux non esisteva nell'89...
    aspetta, linux fino al 94 funzionava solo su x86...
    aspetta, NT nel 94 era per MIPS, powerpc, x86, alpha e alpha64

    mi sfugge qualcosa...
    ma perché i linuxari tendono semrpe a riscrivere la storia?
    non+autenticato
  • Sta di fatto che Oggi Linux gira anche su un tostapane, senza modifiche al suo sorgente. Microsoft invece ha man mano tralasciato le altre architetture che hai citato (con motivazioni più che valide).
    Non dimentichiamo inoltre, che anche a far girare Windows su un'altra architettura, avrai comunque bisogno di software (mips, powerpc ecc, non x86-64)...e di certo Gnu/Linux in questo ha il vantaggio di basarsi su programmi open source, che non ti obbligano a supplicare il detentore del sorgente per un porting.
    non+autenticato
  • ma cosa dici?
    attualmente nt gira su x86, ppc, sh4, mips e alpha(32/64), x64 e ia64

    disponibili PER TUTTI, ci sono solo x86, x64 e ia64.
    sul mercato c'è anche quella per powerpc (xbox360, ha un kernel nt, non scordartelo)

    per roba non per il mercato, ci sono le altre architetture, su cui viene ancora sviluppato
    non+autenticato
  • aggiungo che se parliamo di WindowsCE (diverso da NT comunque), le architetture supportate diventano x86, sh4, mips, arm e tante altre più o meno conosciute
    non+autenticato
  • perchè i linari di nuova generazione non sono informatici (alcuni si ma molti sono solo bimbiminkia) ma no-global che, è il caso di dirlo, tifano linux in chiave anti-MS.

    la mia opinione al riguardo è che, con il senno di poi, la scelta (eticamente sbgliata) di MS di accordarsi con intel per supportare solo x86 ha portato allo stradominio di intel ma anche alla stabilizzazione di un mercato che allora era traballante, cosa che ha permesso lo sviluppo dell'IT attuale, ora è il momento di cambiare le regole ed il duo-polio è arrivato alla frutta.
    non+autenticato