markvp

I campi magnetici svelati all'occhio umano

La ricostruzione di alcuni ricercatori mescola in un filmato scienza e finzione. Rivela come appaiono forze che muovono l'Universo

Roma - Vedere i campi magnetici è qualcosa che in natura è impossibile per l'occhio umano. Ora, però, grazie ad una nuova simulazione creata dallo Space Sciences Laboratory dell'Università di Berkeley, si è fatto un passo avanti.

Un estratto del filmatoIn Magnetic Movie - questo il nome di un filmato prodotto da Semiconductor Films, che illustra il fenomeno in studio - si sono prese a riferimento le osservazioni scientifiche del Sole e dei venti solari, condotte dallo Space Sciences Laboratory presso la NASA.

Con la collaborazione della casa di produzione - specializzata in realizzazioni di questo tipo - Ruth Jarman e Joe Gerhardt, due artisti-scienziati che lavorano presso il laboratorio, hanno combinato la loro preparazione tecnica e il loro istinto artistico, che hanno sfruttato programmando suono e animazione.
Ne è derivato un filmato per molti versi sorprendente: è persino difficile di primo acchito stabilire se si tratti di fiction o di un fenomeno inatteso. Il risultato è però spettacolare: i campi magnetici, a detta degli scienziati, sono mostrati come se fossero visibili a occhio nudo.

Va precisato che l'audio che si ascolta non è casuale: si tratta di registrazioni effettuate in VLF, che contengono la ricezione radio dei segnali elettromagnetici naturalmente generati dalla ionosfera e dalla magnetosfera. Il loro defluire è stato sfruttato per condizionare le animazioni che, di conseguenza, ne seguono l'alternarsi e le variazioni. Dove queste sono improvvise, ad esempio sotto forma di crepitio, l'animazione "guizza" di conseguenza.

Molto intenso il tam-tam in rete per la particolare spettacolarità del filmato, grazie al quale il gruppo ha reso visibile all'occhio umano - sia pure in ambiente simulato e con campi magnetici non reali - il comportamento del fluire delle forze.

Qui di seguito il filmato, visibile anche a risoluzione più alta a questo indirizzo.

Marco Valerio Principato

68 Commenti alla Notizia I campi magnetici svelati all'occhio umano
Ordina
  • ...ma la luce visibile non e` gia` un fenomeno elettromagnetico? Lo chiedo per curiosita`: dal poco che ho sentito in giro, i fotoni mediano l'interazione elettromagnetica, ma che differenza c'e` fra la luce visibile emessa da una lampadina e un campo magnetico? La luce della lampadina e` composta di fotoni che viaggiano in linea retta in tutte le direzioni, e si riflettono sugli oggetti oppure vegono assorbiti, eccetera, mentre il campo magnetico di una bobina ha fotoni che viaggiano lungo linee chiuse? Newbie, inesperto
  • - Scritto da: alex.tg
    > ...ma la luce visibile non e` gia` un fenomeno
    > elettromagnetico? Lo chiedo per curiosita`: dal
    > poco che ho sentito in giro, i fotoni mediano
    > l'interazione elettromagnetica, ma che differenza
    > c'e` fra la luce visibile emessa da una lampadina
    > e un campo magnetico? La luce della lampadina e`
    > composta di fotoni che viaggiano in linea retta
    > in tutte le direzioni, e si riflettono sugli
    > oggetti oppure vegono assorbiti, eccetera, mentre
    > il campo magnetico di una bobina ha fotoni che
    > viaggiano lungo linee chiuse?
    > Newbie, inesperto

    La luce visibile è una radiazione elettromagnetica come le altre, ciò che cambia è la frequenza. Anche i raggi infrarossi sono radiazioni elettromagnetiche ma non fanno male come le microonde (ordine dei GHz).
    non+autenticato
  • cambia solo la lunghezza d'onda, il resto è identico
    il discorso cambia radicalmente nel caso dei laser, perché li si tratta di radiazione coerente, con proprietà diverse dalla luce classica

    il campo magnetico è sempre portato dai fotoni, che sono i mediatori dell'interazione elettromagnetica, semplicemente un campo magnetico è il manifestarsi del campo elettromagnetico in un particolare sistema di riferimento

    infatti, grazie alle trasformazioni di Lorentz, cambiando sistema di riferimento, un campo "solo elettrico" si può trasformare in uno "solo magnetico" e viceversa, dipende solo dal sistema di riferimento

    NON ESISTE il concetto assoluto di campo elettrico o campo magnetico, esiste il campo elettromagnetico

    infatti nella realtà le equazioni del campo non sono semplici espressioni vettoriali, ma sono relazioni tensoriali, cioè INDIPENDENTI dal sistema di riferimento utilizzato

    inoltre scendendo nella fisica quantistica, le cose si complicano parecchio, perché si perde il concetto di "campo elettromagnetico", ma vengono introdotti i concetti di campo del fotone, campo dell'elettrone, interazioni tra i campi (del fotone e dell'elettrone), ecc.., con complicazioni paurose...

    tornando con i piedi per terra, tu vedi un oggetto perché la luce che si diffonde da una lampadina colpisce l'oggetto, viene assorbita e riemessa solo su determinate lunghezze d'onda, da qui il colore dell'oggetto

    con le onde a bassa/media/alta frequenza usade nelle trasmissioni, succede la stessa cosa, solo che l'assorbimento e riemissione su frequenza diversa, ovviamente, non sono effetti desiderati e si cerca di evitarli (oppure si sfruttano per fare gli aerei invisibili ai radar, vedi vernice dell'f117, che assorbe le onde em di un radar e le riemette su frequenze diverse, cambiando intensità, fase, ecc...)

    la cosa fondamentale è che non bisogna mai pensare che campo magnetico ed elettrico siano due cose diverse, sono ESATTAMENTE la stessa cosa, vista da due punti di vista diversi
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    Sentiti ringraziamenti per la paziente risposta, che non riesco a decodificare del tutto. Ma non e` colpa tua... d'altronde avevo le idee gia` confuse quando smisi di leggere un vecchio testo di fisica arrivato al capitolo che introduceva l'elettromagnetismoSorride

    > infatti nella realtà le equazioni del campo non
    > sono semplici espressioni vettoriali, ma sono
    > relazioni tensoriali, cioè INDIPENDENTI dal
    > sistema di riferimento
    > utilizzato

    Ecco, prima o poi devo ricordarmi di leggere qualcosa sui tensori... mi sa che siano fondamentali per capirci qualcosa.
  • il campo magnetico ed elettro-magnetico non sono la stessa cosa. la luce è un tipo di radiazione elettro-magnetica.
    non+autenticato
  • Ouch! Maxwell is not amused...
    non+autenticato
  • certo come no, l'hai letto su wikipedia?
    mammamia, hai sputato sopra 110 anni di scoperte co sta cosa!

    l'entità FISICA è una sola, il campo elettromagnetico, campo elettrico e magnetico sono la STESSA IDENTICA COSA

    magari ti chiedi perché la luce non attira gli oggetti mentre una calamita attira il ferro, ma daltronde per rispondere a questa domanda serve studiare, cosa che non piace agli itaGliani di oggi
    non+autenticato
  • > essendo fake (i campi sono simulati e non
    > effettivi) non ha davvero alcun
    > senso.

    purtroppo non l'ho ancora potuto vedere, ma non riesco a capire tutto questo scetticismo.
    simulare non vuol dire inventare di "sana pianta", o almeno non in campo scientifico dato che serve anche a prevenire le catastrofi o, banalmente, il meteo.

    Certo non hanno ripreso le onde con una speciale camera, ma dato che non è possibile hanno cercato di ricrearle al computer.
    Akiro
    1904
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Akiro
    > > essendo fake (i campi sono simulati e non
    > > effettivi) non ha davvero alcun
    > > senso.
    >
    > purtroppo non l'ho ancora potuto vedere, ma non
    > riesco a capire tutto questo
    > scetticismo.
    > simulare non vuol dire inventare di "sana
    > pianta", o almeno non in campo scientifico dato
    > che serve anche a prevenire le catastrofi o,
    > banalmente, il
    > meteo.
    >
    > Certo non hanno ripreso le onde con una speciale
    > camera, ma dato che non è possibile hanno cercato
    > di ricrearle al
    > computer.

    quando lo vedrai capirai: sembra uno spot televisivo A bocca storta
  • ...speciali!
    Chissa' quando faranno degli occhiali in grado di rendere visibili ad occhio umano le lunghezze d'onda dei vari campi elettromagnetici.
    Sai il terrore dei soliti VERDI quando si vendono guizzare contro qualche radiazione elettromagnetica?
    Fa niente se dopo trenta e piu' anni di studi e osservazioni nessuno sia ancora riuscito a dimostrare la dannosita' dei campi elettromagnetici, esistono e quindi sono dannosi!
  • non avere le prove che fanno male non significa che sono innocui xD
  • Certo ma ti rendi conto che con simili argomentazioni non si puo' essere certi neanche dell'acqua distillata?
    Dimostrare l'assoluta non nocivita' di un qualcosa e' un'impresa praticamente impossibile.
    Il sapere tuttavia che fenomeni studiati da alcune decine di anni per ora non hanno rivelato effetti dannosi apprezzabili si avvicina molto al concetto di innocuita', infatti se gli effetti dannosi fossero `consistenti` in 30 anni di studio qualche evento dannoso documentato ci sarebbe, invece fino ad ora nulla!
  • no, invece non conviene a nessuno fare degli studi del genere

    come al solito il dio denaro detta legge...

    ci sono troppi interessi

    poi la cosa che fa male non è il campo magnetico in se, ma la variazione a determinate frequenze del campo magnetico,
    (un po come succede nel forno a microonde...)
  • Non penso comunque che i campi magnetici, facciano male, però bisogna contare che il 97% delle ricerche che dicono che sono innocui sono stati finanziati dalle aziende di telecomunicazione mobile.
    non+autenticato
  • > Sai il terrore dei soliti VERDI quando si vendono
    > guizzare contro qualche radiazione
    > elettromagnetica?

    mmh... penso che i "guizzi" siano stati introdotti con licenza artistica per seguire il crepitio delle registrazioni. Non ho idea se le linee che descrivono un campo, e che penso siano simili alle "isobare" delle cartine con le previsioni del tempo, "guizzino" in realta`, ma sospetto fortemente che il campo sia piu` o meno stabile: l'intensita` dovrebbe dipendere da quella della corrente che lo genera e dai materiali che attraversa. D'altronde le licenze artistiche nel video devono essere parecchie: se le linee di un campo magnetico sono un artificio geometrico per descriverne la forma paragonabili alle isobare, allora dovrebbero anche essere sempre chiuse, e non serpeggiare per le stanze con estremita` aperte e puntuteA bocca aperta
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ...speciali!
    > Chissa' quando faranno degli occhiali in grado di
    > rendere visibili ad occhio umano le lunghezze
    > d'onda dei vari campi
    > elettromagnetici.
    > Sai il terrore dei soliti VERDI quando si vendono
    > guizzare contro qualche radiazione
    > elettromagnetica?
    > Fa niente se dopo trenta e piu' anni di studi e
    > osservazioni nessuno sia ancora riuscito a
    > dimostrare la dannosita' dei campi
    > elettromagnetici, esistono e quindi sono
    > dannosi!

    A dire il vero è CERTO che un campo magnetico di elevata intensità sia dannoso per le cellule dei viventi, nel senso che rompe le catene di DNA presenti nel nucleo ed RNA che vengono "copiate" dal nucleo della cellula perché facciano il loro lavoro nel corpo della cellula stessa.
    Quindi è possibile, a secondo di quale catena viene rotta, che causino modifiche che non vengono riassorbite dalle cellule e che quindi, a loro volta, causano i tumori.
    Tennete conto che capita spessisimo che catene di RNA vengano alterate o rotte da agenti esogeni (puà anche bastare la febbre alta od un virus qualunque od un po' di acidità di stomaco), ma la struttura stessa del DNA è capace di rigenerarsi (nel caso di RNA invece se la catena viene modificata nella maggior parte dei casi la versione "modificata" non è più stabile e si, letteralmente, scioglie)

    SE l'intensità dei campi che generiamo noi (cellulari e co.) sia tale da causare rotture delle catene di DNA/RNA è ancora da dimostrare, anche perché è impossibile osservare il DNA/RNA mentre è viene esposto ai campi magnetici, si può solo osservare l'effetto che dovrebbe avere una rottura usando i marker chimici noti che ne derivano.

    NON è nppure dimostrato che l'esposizione continua a campi di bassissima intensità ma di frequenze "particolari", magari non presenti in natura, abbia degli effetti differenti.

    Quindi che i campi magnetici siano dannosi è certo, se lo siano i nostri è al momento difficilissimo, se non impossibile, dimostrarlo perché non ci sono macchinari che ci permettano di osservare il DNA mentre viene esposto ai campi magnetici.

    Se considerassimo i campi magnetici come un pupo che gioca a palla vicino a dei palazzi ed i tumori come le finestre rotte è come se noi non potessimo vedere la palla né il pupo in questione ma solo le finestre rotte ed il rumore che fanno quando si rompono, quindi se le finestre siano state rotte dall'interno o dalla palla del bambino nessuno può dimostrarlo finchè non piazziamo una telecamera nel piazzale dove gioca.

    Okkio che è la stessa cosa che è successa per le molecole cancerogene! negli anni '50 conoscevano i tumori ma non riuscivano a metterli in relazione alle molecole cancerogene (anche quelle agiscono rompendo le catene di DNA/RNA, ma si tratta di reazioni chimiche a livello molecolare) perché non avevano i microscopi a scansione, appena sono stati inventati è si è osservato ad occhio nudo l'effetto delle molecole cancerogene sulle cellule si è potuto dimostrarne la pericolosità.
    non+autenticato
  • Mi dispiace contraddirti ma non esistono prove certe della dannosita' di campi elettromagnetici anche elevatissimi.

    Hai mai fatto una RMN? Si basa sull'uso di campi magnetici di svariati Tesla, tanto potenti da trasformare in proiettili pericolosi qualsiasi oggetto metallico sensibile all'elettromagnetismo di pochi grammi.
    Bene a tutt'oggi non esiste alcuna prova che determini danni ai pazienti o agli operatori che vi sono esposti professionalmente, al contrario della Tc che fa uso di radiazioni ionizzanti (nella fattispecie raggi X) la cui pericolosita' e' invece nota, tanto che gli operatori sono tenuti ad indossare sempre un radioesposimetro.
  • Non hanno trovato il modo di rendere i campi veri visibili, li hanno simulati e basta.

    O ho capito male io?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)