Gabriele Niola

WebTheatre/ In Italia la prima grossa vera webserie

di Gabriele Niola - Nuove idee e nuovi formati per un pubblico, quello italiano, tutt'altro che vivace quando si parla di video. Ecco come celebri produttori web sperano di ammaliare gli utenti della penisola


Roma - La prima webserie di alto profilo e alto budget (sempre relativamente alle medie delle produzioni per la rete) girata in italiano non sarà italiana, a produrla infatti ci sarà la EQAL, società inglese messa in piedi dal duo creativo dietro Lonelygirl15 (successo cardine nella brevissima storia della produzione video online) che commissionerà l'esecuzione all'italiana M.A.D. Entertainment.

i protagonisti della serieFin dalla nascita di EQAL, quando cioè i due ragazzi sono passati da una produzione di tipo amatoriale ad una struttura produttiva più professionale, l'idea è stata di produrre diverse tipologie di serie da esportare in paesi differenti, una sorta di "serie sorelle" come le chiamano loro.
Il primo esperimento in questo senso è stato KateModern, una variazione sui temi di Lonelygirl15 (anche se totalmente svincolato a livello di trama) girata e ambientata in Inghilterra. Il successo non è stato certo il medesimo dell'originale (impensabile replicarne l'effetto virale e la sorpresa) ma ugualmente l'esperimento ha saputo essere interessante.

Ora per la prima serie non in lingua inglese hanno scelto l'Italia. Scelta audace, dato che non c'è da noi un pubblico forte per questo tipo di contenuti, ma anche indicativa di come vogliano porsi per primi in un territorio vergine. Non sono stati rilasciati dettagli sulla storia o i personaggi, si sa solo che verrà distribuita online nel prossimo inverno, ma è noto che in quanto "serie sorella", anche quella italiana non si discosterà troppo dal format base: una protagonista femminile e giovane, tempestata di problemi esistenziali che parla alla videocamera e vive in un contesto assolutamente ordinario con delle variazioni soprannaturali comandate da una setta o un ordine maligno.
Altra novità per il modus operandi che fino ad ora ha caratterizzato la EQAL è che questa volta sarà lasciata molta più libertà del solito a chi deve materialmente fare la serie in loco: la M.A.D. infatti non dovrà rendere conto di ogni cosa come è stato per chi si è occupato di KateModern. In quel caso addirittura Greg Goodfried, uno dei due fondatori della EQAL, si era trasferito a Londra per poter seguire da vicino ogni passo della produzione e fare il training iniziale alla troupe.

Non sarà così invece per l'Italia, probabilmente perché M.A.D. è una società già esperta nella produzione video di stampo televisivo (tra le loro esperienze figurano CD:Live, la versione internazionale di Sanremo e il gioco Alta Tensione) e perché il contesto del nostro paese si differenzia molto da quello britannico o americano e un'interferenza troppo pesante di elementi esterni potrebbe non essere d'aiuto. Ad ogni modo EQAL avrà la parola finale su tutto e opererà la supervisione generale anche per garantire la coerenza con le sorelle.

Nonostante a metà Aprile EQAL abbia ricevuto una forte sovvenzione di 5 milioni di dollari da Venture Capitalist, viene lo stesso da chiedersi quali strumenti di rientro economico abbiano in mente. Una serie in lingua italiana non ha la medesima risonanza mondiale di una in lingua inglese (o una eventuale in spagnolo) e come già detto il pubblico nostrano per simili contenuti, almeno inizialmente, non potrà che essere esiguo. Non è ancora dato sapere se sarà applicata la struttura "social", cioè quella che prevede la creazione di un social network proprietario nel quale sono distribuiti e contenuti i singoli episodi, che consenta a chi ne fruisce di andare anche più in là del solo commento al margine di ogni video. Un simile sistema moltiplica gli accessi e le pagine viste ma forse ha bisogno di una massa critica molto alta e molto attenta che potremmo non essere in grado di generare alla nostra prima webserie di alto profilo.
Di certo non può che fare piacere l'idea che il nostro paese sia stato scelto come target primario per la produzione in video per la rete; dopo l'approdo di Current Tv ancora una volta l'Italia è posta come il terzo paese dopo Stati Uniti e Gran Bretagna dove poter sperimentare format nuovi che coinvolgano internet.

LonelyGirl15 - IL RIASSUNTO DELLE PRIME DUE STAGIONI


KateModern - IL RIASSUNTO DELLA PRIMA STAGIONE


Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo
2 Commenti alla Notizia WebTheatre/ In Italia la prima grossa vera webserie
Ordina