markvp

RepRap, e (auto)replicazione fu

No, non è sci-fi. Ci lavorano dal 2004 e finalmente ecco i primi consistenti risultati, tra cui una stampante che si autoreplica. Del tutto? Quasi

Roma - RepRap potrebbe sembrare il titolo di un esagitato brano musicale, ma non è così. Si tratta dell'acronimo di Replicating Rapid-prototyper, in buona sostanza il concetto di Star Wars II fatto realtà: un vero e proprio strumento per l'autoreplicazione.

La stampanteSono più di 100 i ricercatori di tutto il mondo che ci si dedicano: l'avventura è iniziata nel 2004 al Cheltenham Science Festival in Gran Bretagna, dove il team ha ora esibito la sua creatura: la prima stampante 3D del mondo che può stampare pezzi assemblabili a mano con il risultato di produrre persino copia della stampante di origine. Naturalmente, anche la stampante riprodotta può autoriprodursi.

Al momento c'è un limite: solo le parti in plastica possono replicarsi, niente metalli, niente elettronica. E ci vuole qualche ora di lavoro umano di assemblaggio per completare l'opera. Ma è solo l'inizio.
Ciò nonostante, è la prima volta che una stampante può riprodurre almeno parte dei suoi stessi componenti. Costa solo 600 dollari, contrariamente ad altre stampanti tridimensionali che invece superano i 50 mila dollari, e il software è open source. Inutile dire che, oltre a sé stessa, la stampante può stampare molti altri oggetti 3D.

Al di là dell'autoreplicazione, la speranza del team è infatti che questa novità possa tornare utile per riprodurre oggetti in plastica di qualsiasi tipo e forma, per esempio parti per gli hobbysti o strumenti e attrezzi per le comunità dei paesi in via di sviluppo.

"Le persone già hanno i propri masterizzatori di CD, stampano le proprie etichette e hanno il proprio laboratorio fotografico", dice Adrian Bowyer, l'ingegnere che ha avviato il progetto: "Non c'è motivo per non far fare alla gente la stessa cosa per altri oggetti".

I più curiosi potranno consultare RepRap.org, il sito dedicato al progetto dove non solo ci sono altri dettagli, ma anche le istruzioni per costruire la propria stampante RepRap e una a dir poco nutrita serie di filmati.

Marco Valerio Principato

(fonte immagine)
25 Commenti alla Notizia RepRap, e (auto)replicazione fu
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)