Impedire agli aerei di decollare. Con un joystick

Si potrÓ o, meglio, potranno farlo le autoritÓ di pubblica sicurezza statunitensi. Che potranno anche redirigere l'aereo dove ritengono opportuno. Ma si parla anche di materiali mutaforma, superadesivi e ragnatele bloccafolla

Roma - Bloccare da remoto un aereo in movimento, impedirne il decollo oppure ridirigere da terra la sua rotta affinché non sorvoli certe aree. Prendere controllo di navi e battelli a distanza e fermarne i motori. ╚ questa possibilità, questo scenario di pubblica sicurezza ciò che hanno deciso di perseguire al Joint Non-Lethal Weapons Directorate, dipartimento del Pentagono che lavora sllo sviluppo di armi considerate non letali.

un aereoSe ne legge in un bando di gara pubblicato nella sezione business opportunities del sito dell'FBI. In particolare si parla di fermare in modo sicuro, o "ostacolare in modo significativo il movimento di vascelli" senza provocare danni collaterali significativi. In particolare il Directorate chiede che vi siano misure di interdizione che possano scattare a non meno di 100 metri di distanza. Misure che devono rivelarsi efficienti a brevi distanze e in scenari come quelli di un inseguimento. Si parla esplicitamente non solo di grossi navigli ma anche di barche piccole e veloci che non devono sfuggire.

A risuonare nell'Internet però è la richiesta del bando di realizzare un sistema che "dirotti in modo sicuro un velivolo in aria o fermi e/o disabiliti un velivolo al suolo".
Lo scopo principale di un dirottamento controllato da remoto, viene detto, è di "controllare lo spazio aereo e garantire le zone di non volo o di volo limitato. Gli effetti dovrebbero essere focalizzati sull'apparecchio e non sul pilota o sul resto del personale.
Per quanto riguarda invece il blocco a terra di un aeroplano si "richiede che il velivolo giunga a totale stop in un momento qualsiasi tra quando inizia il taxing (ossia il movimento all'interno dell'aeroporto, ad esempio per raggiungere la pista di decollo, ndr.) e quando arriva al punto di non ritorno nella fase di decollo (ossia il momento oltre il quale non è più possibile abortire la partenza, ndr.)".

In particolare si richiede la possibilità di impedire l'uso, l'accesso o l'operatività del velivolo a terra". L'idea di fondo, viene sottolineato, è sostanzialmente quella di costringere a terra l'apparecchio. Una volta effettuato l'intervento, il velivolo interessato deve poter "tornare rapidamente ad una condizione operativa, con un tempo minimo di riparazione e costi ridotti di manutenzione".

una reteTra gli altri punti di interesse del bando anche gli studi sui comportamenti delle folle e sul loro controllo, progetti per analizzare l'efficacia e gli effetti di stimoli specifici non letali sul corpo umano. Si parla anche di microonde ad alto potenziale, laser termici, onde millimetriche, materiali avanzati per nuove armi non letali come sistemi anti-trazione, superadesivi, reti che possano essere lanciate o bloccare, nanomateriali intelligenti, materiali mutaforma e via dicendo.

fonte immagine
29 Commenti alla Notizia Impedire agli aerei di decollare. Con un joystick
Ordina
  • quale oggetto? ah si l'aereo!!A bocca aperta
  • sulle fesserie che scrivi.

    Procurati qualche informazione di più di quelle che leggi su luogocomune ...
    non+autenticato
  • Che hai letto il libro di Oddifreddi ?

    Allora sì che hai da meditare, sulle cretinate che hanno scelto di scrivere, 1 h di tempo minima per tracciare il volo di un aereo civile con transponder spento !

    In che film ?

    Quello che faranno sull'11 settembre sicuramente.

    Tu partecipi ?
    non+autenticato
  • Non capisco dov'è la novità... l'11/9 hanno già testato e completato la missione sugli unici 2 aerei in volo dai dirottatori americani che siedevano su un aereo bianco nei pressi del cielo di manhattan...

    Il terrorismo è solo una scusa per privare tutti i cittadini della propria libertà. Ogni volta che c'è una legge sul terrorismo ognuno di noi viene privato dei prorpi diritti, Facciamo ancora finta che non sia così?

    Mi meraviglio come Berlusconi possa ancora ringraziare Bush della sua grande democrazia.... della libertà americana!! Dove??

    Manca solo che ci installino dei chip sotto pelle e poi saremo solo dei semplici burattini..

    Meditate meditate...
    non+autenticato
  • Guarda che i chip sottopelle esistono già da un paio di anni, mai sentito parlare di rfid chip???
    non+autenticato
  • bravo..quello che volevo dire
    non+autenticato
  • > Meditate meditate...

    Dovrei meditare sulle tue paranoie cospirazioniste? No grazie.
  • Meno male che ci sei tu a illuminare noi poveri ignoranti vittime di regimi totalitaristi sul nostro stato di servitù. Tu sì che sei superiore al gregge. Ma farti un calippo al limone piuttosto di 'ste paranoie cospirazioniste no eh?
    non+autenticato
  • D'ora in poi sarà più facile salire sugli aerei. Non più ore ed ore di controlli (inutili) per poi farsi buttare via lo shampoo tenuto erroneamente nella borsa piccola in cabina, oppure la boccettina di profumo comprata dieci minuti prima al duty-free.
    Adesso non faranno più contolli prima di salire, questo perchè un terrorista non farà neanceh più lo sforzo di salire sull'aereo cercando di passare inosservato. Niente più controlli dei passaporti per evitare che personaggi sospetti salgano sull'aereo.
    D'ora in poi si usa direttamente il joystick che abbiamo usato fino a ieri per giocare a Flight Simulator.
    Chissà se avrà anche direttamente implementato il Force Feedback oppure bisogna aspettare la nuova versione dei drivers.

    Già mi immagino, Ahmed, il terrorista morto (famosissimo su internet/youtube con i suoi esileranti show), davanti al suo portatile, seduto nel suo salotto.
    Apre Internet Explorer 6.0. Si collega al sito per gli attentati, ne sceglie uno dalla lista; click. Attende qualche secondo... pagina di errore:
    Spiacente, questo attentato necessità di Internet Explorer 7.0 o superiore. Aggiornare?
    Ahmed preme sul pulsante SI. Purtroppo il poveretto è in Italia, dove si sa, le connessioni veloci sono tutt'altro che veloci, l'aggiornamento dice che richiede 95minuti. Ahmed lascia il PC acceso e si va a fare un giro. Torna dopo due ore, controlla e il ora il PC dice "tempo rimante 12 secondi, 10 secondi, 8 secondi, 5 secondi, 20 minuti, 19 minuti, 21 minuti, 24 minuti, 15 secondi, fatto.
    Per sfruttare completamente le caratteristiche del nuovo software installato occorre riavviare il computer.
    Riavviare ora: Si/No. Il poveretto preme Si.
    Dopo altri 20 minuti il PC è di nuovo pronto, apre explorer, torna sulla pagina precedente:
    Spiacenti l'attentato da lei selezionato è già stato eseguito da un altro utente: selezionare altro attentato.
    Ahmed scorre la lista e ne trova un altro di suo gradimento. Clicca, qualche secondo... login succesfully.
    Evvai. Connessione in corso ... attende qualche minuto (beh, si sa, sta usando una adsl, che pur avendone il nome, non è sicuramente da paese delle meraviglie). Timeout.
    F5 per ricaricare la pagina. Oh, finalmente è tutto a posto. Prende il joystick, pannello di controllo, abilita... il test è OK... torna sulla pagina dell'attentato in corso...
    Spiacente, la sua periferica non è attualmente supportata. Selezonarne una altra...

    E poi noi occidentali ci chiediamo dove trovano tutti questi aspiranti martiri. Fare il terrorista al giorno d'oggi non è più facile come una volta, quando lanciavi una molotov e via a gambe levate!
  • STRA LOL...
    ...Rotola dal ridere Rotola dal ridere .
    splendida
    non+autenticato
  • Geniale!!
    non+autenticato
  • Hehehe... grandeA bocca aperta
    non+autenticato
  • Poveri terroristi ... e tanto cattivi gli Stati Uniti che li perseguitano e che tentano di fermarli, anzi perchè non facciamo una colletta per aiutare questi poveri terroristi a fare qualche attentato serio, perchè quello delle due torri ci sembra un po dilettantesco. Morale: Ma si può essere più ....... di così.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)