WD lancia un nuovo disco da 1 TB

Il produttore presenta una nuova famiglia di drive desktop, con capacità fino ad 1 terabyte, indirizzata agli utenti più esigenti. Con l'occasione WD rimarchia anche le sue altre famiglie di HDD desktop

Lake Forest (USA) - In occasione del lancio di una nuova famiglia di hard disk di fascia alta, Western Digital (WD) ha rimarchiato la sua intera linea di drive desktop da 3,5 pollici. Le famiglie di prodotti sono ora tre, chiamate Blue, Green e Black, con quest'ultima che rappresenta l'offerta top di gamma del produttore.

La famiglia Blue è composta da tradizionali modelli mainstream, rivolti al mercato consumer ed a quello dei piccoli uffici. Questi drive vengono tipicamente installati dagli OEM sui PC desktop con prezzo sotto i 1000 dollari. Green è invece il nuovo nome assegnato da WD ai propri drive a basso consumo, che generalmente sacrificano un po' di performance per contenere i consumi energetici e il rumore.

Totalmente nuova la famiglia Black, di cui fanno parte dischi destinati ai PC desktop di fascia alta, alle workstation ed ai sistemi di storage RAID per ufficio. Questa famiglia è attualmente formata da un modello da 750 GB (WD7501AALS) e da uno da 1 TB (WD1001FALS), rispettivamente venduti al prezzo di 199 e 249 dollari.
Gli hard disk "in Black" di WD hanno in comune un doppio controller, che promette di spingere le performance e minimizzare l'occupazione di CPU, e una cache piuttosto generosa, con dimensione pari a 32 MB. Questi dischi implementano poi alcune tecnologie che, secondo WD, riducono sensibilmente vibrazioni, rumore e rischio di contatto tra testina di registrazione e superficie del piatto magnetico. La garanzia che li accompagna è di 5 anni.

Tutti i drive Blue e Black sono accomunati da una velocità di rotazione di 7200 RPM e dall'impiego dell'interfaccia SATA da 3 Gbps.
22 Commenti alla Notizia WD lancia un nuovo disco da 1 TB
Ordina
  • mi pare che in commercio a cifre di circa 120 euro (su Ebay) ci siano già HD da 1 Tb. L'unica cosa diversa è che non hanno un doppio controller (bisogna vedere poi l'impatto prestazionale di questa soluzione) e la memoria on board è più limitata (credo 16 Mb). Anche per questi prodotti la rotazione è di 7200 Giri/minuto.
    Come mai nessuno tira fuori soluzioni ibride Stato solido/HD che in linea teorica dovrebbero ridurre di molto i tempi di accesso?
    Oggi 1Gb di flashram si trova a meno di 6 euro, se venisse impiegata per memorizzare la tavola delle partizioni/directory/S.O. di un HD si otterrebbe un incremento prestazionale a costi molto contenuti!
    Va bene che nel giro di 3/5 anni gli HD saranno probabilmente un ricordo, ma almeno i produttori potrebbero cercare di gestire meglio la transizione!
  • Non è necessaria una rivoluzione per una notizia... anzi informare del lancio di nuovi prodotti e della riorganizzazione delle linee prodotto del miglior produttore di hard disk mi sembra una news degna di nota.
  • Il mio Sistema Operativo al momento sta tenendo in RAM 900 e rotti mega di cache del disco... non è necessario integrarla negli hd per utilizzo quotidiano, se parliamo di boot dei portatili se ne può discutereA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alex
    > Il mio Sistema Operativo al momento sta tenendo
    > in RAM 900 e rotti mega di cache del disco... non
    > è necessario integrarla negli hd per utilizzo
    > quotidiano, se parliamo di boot dei portatili se
    > ne può discutere
    >A bocca aperta

    Non è esatto. La cache e lo scheduler non sono banali cache dei file.
    non+autenticato
  • Augh,

    i Dischi allo Stato Solido sono il presente ma sopratutto il FUTURO.

    Questi annunci di "nuovi HD" della WD assomigliano ai rantoli del moribondo.

    Cercare di recuperare il massimo dei profitti dell'ingegnerizzazione di un prodotto, NON rallenterà l'avvento del futuro: gli Hard Disk allo stato solido!

    Ho parlato

    Nilok
    Nilok
    1925
  • sei il mio eroe
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Nilok
    > futuro: gli Hard Disk
    > allo stato
    > solido!

    che bello! Peccato che ad oggi gli HD siano la forma di memorizzazione più longeva mentre le memorie flash... le butti dopo poco.
    Ma come diceva quel tale il futuro è nel riscaricare (e riacquistare) in continuazione.
    non+autenticato
  • Saranno anche il futuro, ma con gli attuali prezzi e soprattutto le attuali capacità i dischi SSD non sono ancora il presente. Per cui fa bene WD a produrre nuovi dischi più capienti, anche se forse saranno gli ultimi commercialmente competitivi prima del passaggio su larga scala ai SSD.
    Non vedo poi perchè questo dovrebbero voler "rallentare il futuro"...si limitano a cercare di vendere quello che producono. Anche loro tengono famiglia dopotutto
    non+autenticato
  • Che palle, ma sei ovunque...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nilok
    > Augh,
    >
    > i Dischi allo Stato Solido sono il presente ma
    > sopratutto il
    > FUTURO.
    >
    > Questi annunci di "nuovi HD" della WD
    > assomigliano ai rantoli del
    > moribondo.
    >
    > Cercare di recuperare il massimo dei profitti
    > dell'ingegnerizzazione di un prodotto, NON
    > rallenterà l'avvento del futuro: gli Hard Disk
    > allo stato
    > solido!
    >
    > Ho parlato
    >
    > Nilok

    Non sai di che parli.
    Gli HDU da 300,000GB sono attesi entro il 2010-2011.. anche fosse il 2012 dice poco.
    Dall'inizio del prossimo anno dovrebbero iniziare a commercializzare HDU da 10TB o oltre.
    non+autenticato
  • > Non sai di che parli.
    > Gli HDU da 300,000GB sono attesi entro il
    > 2010-2011.. anche fosse il 2012 dice poco.
    >
    > Dall'inizio del prossimo anno dovrebbero iniziare
    > a commercializzare HDU da 10TB o
    > oltre.

    suvvia,annke se tecnologicamente fattibili10tb di hard disk nel 2010 a livello commerciale e' tanto(forse si arriva a 5)...e fra 2 anni dischi da300TB...lol...facciamo prima a vedere un iphone che fa il caffe'(quello vero)


    imho l'evoluzione degli hd piu' che sul storage,si sviluppera in prestazioni e dimensioni ridotte.....gia 10 tb,se non sei un professionista,che ti servono prorprio per determinate cose,sono inutilizzabili,anche fra 3 anni e piu'...corrisponderebbe ad avere una vastissima libreria di musica foto e video(hd) che ci vorrebbero mesi per ascoltare/vedere una sola volta.....cm quando su itunes vedi che hai 8 giorni e 18 ore di ascolto......capirai...
    non+autenticato
  • Sui depliant viene riportata l'indicazione 5400-7200 rpm come se la velocita' del disco fosse variabile ma in realta' si tratta del classico escamotage commerciale;
    Tutti i dischi della serie GP che poi sono solo 3 , da 500-740-1000 hanno un regime di rotazione fisso a 5400 come si puo' anche misurare durante l'uso mentre la notazione 5400-7200rpm viene messa poiche il trasferimento continuo (si chiama sustained?) e' comunque di poco inferiore e talvolta superiore ai concorrenti da 7200rpm, personalmente ho misurato 80mb/s in lettura all'inizio del modello da 500gb. e tempi di accesso che sono di poco superiori agli altri dischi;
    essenzialmente si tratta di perdite di prestazioni non percebibili se non cronometrando pero' con la differenza che questi dischi non scaldano, non vibrano e se le testine non lavorano e' difficile capire se sono accesi o spenti; il consumo e' estremamente basso tanto da renderli interessanti per l'uso ovunque non siano obbligatorie le prestazioni di punta o ove le situazioni di rumore o consumi lo richiese (pero' se le prestazioni sono necessarie suggerisco di passare ai dischi sms).
    non+autenticato
  • Mi sembra strano che fra 5400 e 7200 ci sia cosí poca differenza di prestazioni...OK, per navigare su Internet non si vede ma per montare un video?!
    non+autenticato
  • Ai tempi dei montaggi video che richiedevano dischi veloci era richiesto che i dischi fossero in grado di leggere e scrivere contemporaneamente a 2-3mb/s per ognuno dei due flussi e un problema effettivamente c'era con le prestazioni dei dischi di allora che facevano meno di 10mb/s e avevano una cache onboard inferiore al megabyte.
    Adesso si trovano server da 24 canali che usano batterie di comunissimi dischi commerciali, da tenere presente inoltre che certe richieste rappresentano in mercato ristretto mentre abbiamo un serio problema di consumi con il costo dell'energia che va aumentando.
    A limitare le prestazioni dei dischi allo stato attuale sono essenzalmente i tempi di accesso, infatti quando le testine "frullano" parecchio le prestazioni cadono brutalmente, quindi diventa essenziale l'efficenza del filesystem de delle metodiche che usa il sistema per leggere i dati sul disco, un problema tuttora frequente sugli SO di Microsoft che ha comportamenti molto variabili.
    non+autenticato
  • Io ho provato i dischi... e i dischi a risparmio son veloci quasi quanto i 7200... girano a quel tanto solo quando sono a pieno carico. Diversamente normalmente girano molto più lenti per risparmiare energia e cmq son velocissimi se si usa un sata2 sono rimasto impallidito da quanto!
  • OK, li prendo per il prox PC cosí spero di non sentire molto rumore. In questo ho solo la ventola di processore e alimentatore ma i dischi (Hitachi) si sentono altroché frullare...
    non+autenticato
  • per il prossimo Pc se aspetti un paio di anni magari ci monti memorie a stato solido! Quanto meno per programmi e SO!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > per il prossimo Pc se aspetti un paio di anni
    > magari ci monti memorie a stato solido! Quanto
    > meno per programmi e
    > SO!

    Ma che razza di ragionamento... magari il prossimo PC gli serve adesso e non fra due anni... poi questa smania dei dischi a stato solido (condita da totale astio verso gli HD tradizinali) è davvero la forma di fanboysmo più ridicola che abbia visto...

    In ogni caso, quando arriveranno dischi allo stato solido veloci, capienti e affidabili ad un prezzo accettabile sarò il primo a comprarmene uno... ma per ora fanno davvero ridere i polli.
  • - Scritto da: CHKDSK
    > Io ho provato i dischi... e i dischi a risparmio
    > son veloci quasi quanto i 7200... girano a quel
    > tanto solo quando sono a pieno carico.
    > Diversamente normalmente girano molto più lenti
    > per risparmiare energia e cmq son velocissimi se
    > si usa un sata2 sono rimasto impallidito da
    > quanto!

    NO, assolutamente NO! Nessun hard disk in commercio supporta una "velocità variabile", sarebbe davvero complessa da gestire!
    Ciò nonostante, la serie GP di Western Digital è ottima, infatti ho sostituito i due dischi WD da 500 GB RE2 del mio PC con due GP da 1 TB, e la differenza di prestazione è davvero marginale, ma le temperature di esercizio (e il rumore) sono molto più bassi. Ovviamente i programmi li tengo su un WD Raptor 150 da 10000 RPM.
  • Io i programmi li tengo in RAM quando li uso ed in un sacco quando non li uso in quanto non passo il tempo ad aprire e chiudere programmi, ma ad utilizzarli quindi non mi accorgo del tempo di caricamentoA bocca aperta
    non+autenticato