Luca Annunziata

Jerry Yang, mattatore della rete

Le azioni sono in discesa, i rumor sugli accordi aumentano. Ma lui Ŕ sparito. E nel frattempo fioccano leggende e prontuari per lettere di dimissioni

Roma - Che fine abbia fatto Jerry Yang, il capo di Yahoo!, è un mistero per parecchi. Il primo a sollevare il problema è stato il New York Times, seguito a ruota da molti altri compreso Michael Arrington su TechCrunch.

Se questo sia o meno un problema per Yahoo!, resta da vedere. Nell'attesa che i dubbi siano sciolti dai fatti, in rete si è già scatenata la corsa alla facile ironia nei confronti di Yang e della sua azienda.

╚ il caso, ad esempio, di Fake Steve Jobs, che da giorni si firma Fake Jerry Yang e pubblica interventi al vetriolo sul suo blog prendendo di mira i top manager di Yahoo!, i suoi investitori, i suoi partner e tutti gli addetti ai lavori del settore.
L'ultimo, almeno per il momento, riguarda un sarcastico prontuario per la creazione di una lettera di dimissioni da spedire direttamente all'indirizzo email di Jerry Yang. Si può usare per comporre una missiva dai toni gentili o per virare decisamente su un approccio più arrabbiato.

La finta lettera di dimissioni per Yahoo!


Una volta completata non resta che spedirla, in attesa che Yang dia di nuovo un'occhiata alla sua casella di posta. Sulla strada del ritorno da Disneyland, ovviamente. (L.A.)
1 Commenti alla Notizia Jerry Yang, mattatore della rete
Ordina