VMware Fusion 2.0 mostra le sue novitÓ

Rilasciata la prima beta pubblica della nuova versione di un giovane software di virtualizzazione capace di far girare Windows sotto Mac OS X x86. Ecco le principali novitÓ

Palo Alto (USA) - Sono trascorsi ormai sette mesi dal rilascio dell'ultima versione di VMware Fusion, la 1.1, e per il giovane software di virtualizzazione per Mac è ora giunto il momento di mostrare al pubblico le novità della prossima major release.

La prima beta pubblica di Fusion 2.0, scaricabile da qui previa registrazione gratuita, migliora ulteriormente il supporto alla grafica 3D e alle librerie DirectX 9.0, che ora è in grado di utilizzare in accoppiata alla specifica Shader Model 2. L'attuale versione 1.1 manca invece del supporto ai pixel shader, una caratteristica che limita pesantemente la compatibilità di Fusion con i giochi basati su DirectX 9.

VMware avverte tuttavia che il supporto agli shader è ancora sperimentale, e potrebbe fornire performance piuttosto scarse, spesso con hardware non al top.
Una novità senz'altro apprezzata da grafici, progettisti e power user è il supporto di Fusion 2.0 a più display: ora è infatti possibile gestire da una macchina virtuale tutti i monitor connessi ad un Mac (fino a 10), consentendo di trascinare le finestre da uno schermo all'altro o di visualizzare la macchina virtuale in modalità full screen su entrambi i monitor.



Fusion 2.0 permette anche di importare le macchine virtuali create con Parallels Desktop e Microsoft Virtual PC nonché le partizioni di Boot Camp, che il software è in grado di convertire in vere e proprie macchine virtuali.

La nuova release di Fusion migliora infine la stampa da Windows (è infatti in grado di rilevare e configurare tutte le stampanti connesse al Mac), il supporto alle periferiche USB, il networking, la gestione di mouse e tastiera, e l'interfaccia grafica del software, ora maggiormente integrata con quella di Mac OS X. Per i dettagli si vedano le note di rilascio.

VMware ha fatto sapere che la versione finale di Fusion 2.0, prevista per il prossimo autunno, potrà essere scaricata come aggiornamento gratuito da tutti gli attuali possessori della versione 1.x.
49 Commenti alla Notizia VMware Fusion 2.0 mostra le sue novitÓ
Ordina
  • Perchè su una versione nuova implementano le 9 e non le 10? Non partono già in ritardo così facendo?
    Chiedo...non ne capisco molto, lo so solo usare ^_^
    non+autenticato
  • non è così facile implementare delle directx complete su una macchina virtuale; direi che è già un buon risultato se sono riusciti a fare le 9 Sorride
  • - Scritto da: pentolino
    > non è così facile implementare delle directx
    > complete su una macchina virtuale; direi che è
    > già un buon risultato se sono riusciti a fare le
    > 9
    > Sorride

    quoto in pieno anche se francamente non ne vedo tantissimo l'utilità visto che per un uso professionale tutti i software 3d usano opengl mentre per un uso ludico le prestazioni non sono poi tutto questo granchè, anche se devo dire che la 2.0beta non l'ho ancora provata mi sono fermato alla 1.qualcosa
    mura
    1743
  • sì, concordo, tanto vale lanciare windows nativo e buona notte.
    Nel mio caso l' unico gioco per cui uso windows è talmente vecchio (nello specifico Alpha Centauri, che mito!) che le prestazioni non sono un problema, usa una % di CPU bassissima e gira in una VM da 192 MB (windows xp compreso... andrebbe bene anche il 98 ma per vbox non ci sono i guest additions, quindi...)
  • alpha centauri, con tanto di espansione, lo gioco ancora anche io. ma nativo su mac.
    non+autenticato
  • non lo metto in dubbio, peccato che io abbia un macintel con leopard... da quello che ho capito per farlo funzionare si fa prima con una virtual machine con windows Sorride
  • Non penso che chi si installa wmware lo faccia per giocare all'ultimo videogme supersbrilluccicoso uscito sul mercato pochi mesi fa. Di solito lo si usa per un target + "professionale".
    Per i giochi al massimo ti fati la tua partizione bootcamp e giochi con le prestazioni "native" della macchina (fino a che i produttori di giochi non si accorgeranno che l'installato di mac aumenta costantemente e ci sarebbe businness da fare, anche contantdo che tra i mac users c'e' meno propensione alla pirateria).
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippo lacoca
    > Per i giochi al massimo ti fati la tua partizione
    > bootcamp e giochi con le prestazioni "native"
    > della macchina (fino a che i produttori di giochi
    > non si accorgeranno che l'installato di mac
    > aumenta costantemente e ci sarebbe businness da
    > fare, anche contantdo che tra i mac users c'e'
    > meno propensione alla
    > pirateria).

    in un certo senso ti quoto ma non completamente.
    Mi spiego: è vero, in questo momento gli utenti mac sono sicuramente una categoria di persone che è disposta a spendere dei soldi per il software (basta vedere la quantità di programmini da 20-30$ o meno che ci sono per il mac). Tuttavia nel momento in cui il mac dovesse raggiungere le "masse" penso che i tassi di pirateria si allineerebbero a quelli del PC; non c'è nulla da fare, una grande quantità di persone vuole i giochi gratis, che siano su PC, mac, PS3, Wii o quello che ti pare.
    Poi è chiaro che il discorso dei giochi si può estendere tranquillamente al software/materiale multimediale in generale, ma andiamo off topic...
  • Ma non è stata rilasciata un mese abbondante fa?!? Sono sicuro di utilizzare questa beta almeno da maggio...
    non+autenticato
  • Quoto pienamente. Anch'io credo di usarla già da parecchio almeno che non abbiano rilasciato un nuovo aggiornamento (Beta 2) e qui a PI se no sono accorti solo ora...Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Brk
    > Ma non è stata rilasciata un mese abbondante
    > fa?!? Sono sicuro di utilizzare questa beta
    > almeno da
    > maggio...

    si è uscita da almeno un mesetto ma non l'ho ancora installata per evitare eventuali blocchi (è comunque una beta)

    a questo punto se tu l'hai provata sono curioso di sapere come si comporta con questo sbandieratissimo supporto DX9 in qualche gioco anche non nuovissimo
    mura
    1743
  • ovvero, le risorse hardware del MAC sono *pienamente* disponibili alle macchine virtuali che girano WinXP (o Vista) ?
    non+autenticato
  • da quello che ho visto se inserisci un cd DOPO aver avviato windows, te lo vede, altrimenti rimane nella scrivania del mac.
  • ovvero non si può decidere se "attaccarlo" al host o al guest come in virtualbox? Non è per fare polemica, è giusto per capire se varrebbe la pena per me passare a fusion...
  • - Scritto da: pentolino
    > ovvero non si può decidere se "attaccarlo" al
    > host o al guest come in virtualbox? Non è per
    > fare polemica, è giusto per capire se varrebbe la
    > pena per me passare a
    > fusion...

    tieniti virtualbox, va che è una meraviglia! l'unico problema che abbia mai avuto è che non mi collegava una chiavetta usb, sebbene fosse presente nell'elenco dei device usb
    non+autenticato
  • una cosa che mi da fastidio di VB è che (per quanto ne dicano) non riesco a fare funzionare decentemente gli shared folders tra host mac (leopard 10.5.3) e guest linux (ubuntu 8.04); di fatto riesco ad usarle solo se l' utente linux è root (o fa sudo)... finchè non risolvono questa per me è un po' una scocciatura...
    Inoltre la portabilità delle immagini disco tra le varie piattaforme è piuttosto bassa (di sicuro le immagini create sotto linux non funzionano su mac e vice versa).
    A parte queste cose per il resto non posso che dare giudizio più che positivo nel complesso a vbox Sorride
  • io mi ci trovo piuttosto bene, a parte che secondo me la mancanza del d'n'd si fa sentire, e che appunto ho qualche problema con le periferiche usb, ma nel complesso è veramente buona!
    ecco un'altra cosa che manca alla vb è un driver grafico decente, non dico che deve supportare lo shader model 2 ma almeno un minimo di "accelerazione" sul 3d/dx/ogl non sarebbe male...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pentolino
    > ovvero non si può decidere se "attaccarlo" al
    > host o al guest come in virtualbox? Non è per
    > fare polemica, è giusto per capire se varrebbe la
    > pena per me passare a
    > fusion...

    Ma certo che si può fare. Con tutti i device compresi webcam, audio, schede audio/video esterne, ipod, ecc.
    non+autenticato
  • certo che puoi decidere se attaccarli basta avere la VM configurata per utilizzare un cd/dvd e tutto funge anzi puoi anche emularlo passandogli una iso anzichè un dispositivo fisico, in quest'ultimo caso poi per tutto il tempo in cui tieni in piedi la vm il lettore cd/dvd è bloccato per il sistema host e utilizzabile solo dal guest

    non so in virtualbox ma in fusion tutti i dispositivi collegati tramite usb mi vengono elencati in apposite icone per poterle virtualmente "attaccare" o "staccare" in qualsiasi momento
    mura
    1743
  • ok da quello che scriveva lellykelly mi era sembrato che lo cosa fosse limitata Sorride
    Anche a me sembra normale che un virtualizzatore decente permetta di fare ciò, ci mancherebbe!
  • Dall'interno della virtual machine si ha una bar in basso da cui, tramite tasto DX si può fare connect [unità desiderata].
    Vale sia per i CD/DVD che per unità usb.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pizza margherita
    > ovvero, le risorse hardware del MAC sono
    > *pienamente* disponibili alle macchine virtuali
    > che girano WinXP (o Vista)
    > ?

    Si, io uso Nero e funziona perfettamente con il masterizzatore integrato nel Mac Mini.
    non+autenticato
  • ...ma se uno ha il mac ed è felice di usarlo ed è convinto che sia la cosa migliore, perché mai deve perdere il suo tempo ad usare windows in un emulatore? lo trovo ridicolo, come una persona che conosco che ha recentemente comprato un macbook perché "è mac e quindi è il meglio, io windows non so usarlo e fa schifo" e poi passa il suo tempo con parallels aperto e la sua buona copia di xp emulata, con cui usa live messenger, media player et similia.
    ha senso tutto questo?
    non ditemi "eh ma wlm/wmp/... non c'è sul mac" perché mi viene da ridere, in certi (molti) campi ci sono alternative native mac oppure open! e lo dico da persona che ha una stima relativa del mondo apple (ma pure degli altri, eh... solo che sono troppo pigro per scrivermi un so da zero come piacerebbe a meSorride )
    non+autenticato
  • Esistono 1001 motivi per utilizzare un software di virtualizzazione. Sono uno sviluppatore di applicazioni sia desktop sia web, e i vantaggi che ne traggo sono molti:
    - posso effettuare i test delle mie applicazioni su win-mac-linux (e relative versioni dei sistemi operativi) utilizzando lo stesso pc
    - se ho bisogno di un programma win o linux basta che avvio il software di virtualizzazione
    - se voglio testare un programma senza "sporcare" la mia installazione attuale basta che creo uno snapshot e posso tornare al sistema prima delle modifiche
    - etc etc etc

    Quello che dici è giusto, ma si riferisce solo agli utenti di basso livello, i cosiddetti newbie. Purtroppo in Italia avere un oggetto Apple, sia esso MacBook o iPod, è diventato solo una questione di moda.
  • - Scritto da: Riccardo Bartoli
    > Esistono 1001 motivi per utilizzare un software
    > di virtualizzazione. Sono uno sviluppatore di
    > applicazioni sia desktop sia web, e i vantaggi
    > che ne traggo sono
    > molti:
    > - posso effettuare i test delle mie applicazioni
    > su win-mac-linux (e relative versioni dei sistemi
    > operativi) utilizzando lo stesso
    > pc
    > - se ho bisogno di un programma win o linux
    > basta che avvio il software di
    > virtualizzazione
    > - se voglio testare un programma senza
    > "sporcare" la mia installazione attuale basta che
    > creo uno snapshot e posso tornare al sistema
    > prima delle
    > modifiche
    > - etc etc etc
    >
    > Quello che dici è giusto, ma si riferisce solo
    > agli utenti di basso livello, i cosiddetti
    > newbie. Purtroppo in Italia avere un oggetto
    > Apple, sia esso MacBook o iPod, è diventato solo
    > una questione di
    > moda.

    Confermo! Il poter testare il proprio lavoro (applicazioni, app. web, di tutto...) su sistemi diversi in virtualizzazione è di una comodità impressionante...
    non+autenticato
  • si quello del testing è però un problema solo degli sviluppatori, io parlo degli utenti comuni, quel 70-80% degli utenti mac che non sanno nemmeno che cosa sia un ide!
    qualcuno mi spieghi che senso ha spendere così tanto per un pc che magari poi non è nemmeno il top perché escono i nuovi modelli di lì ad un mese e pagare (tanto) il nome quando poi lo usi come un qualunque altro pc windows, e l'unica cosa che usi del macos sono iphoto e safari (e anche qui dipende)
    non+autenticato
  • 10 teste 10 opinioni. Anche per me non ha molto senso, ma se qualcuno vuole usare la sua macchina in questo modo faccia pure, a me non tange.
    non+autenticato
  • si si non voglio costringere nessuno a fare nulla solo mi sembra quantomeno sconveniente
    non+autenticato
  • Se hai comprato Photoshop nella versione per Windows e cambi sistema operativo, usando il Mac, avere un sistema di virtualizzazione ti permette di usare Photoshop senza doverlo riacquistare. Questo è un esempio. La stessa cosa avviene con il pacchetto Office e con tanti altri programmi. Esistono le versioni per Mac, ma se hai acquistato la versione per Windows devi poterlo usare.. WMVare anche a questo serve, non è una comodità che riguarda solo gli sviluppatoriSorride
    non+autenticato
  • Dimenticavo.. Photoshop, sempre per restare nell'esempio di prima, è molto più avanzato nella versione per Windows che in quella per Mac, la stessa cosa avviene anche per altri software. Quindi hai la comodità di lavorare nel tuo ambiente preferito e di usare l'applicazione per te migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Dimenticavo.. Photoshop, sempre per restare
    > nell'esempio di prima, è molto più avanzato nella
    > versione per Windows che in quella per Mac, la
    > stessa cosa avviene anche per altri software.
    > Quindi hai la comodità di lavorare nel tuo
    > ambiente preferito e di usare l'applicazione per
    > te
    > migliore.

    Questo quando te lo sei sognato?
    La CS3 è esattamente uguale tra le due piattaforme.
    Poi magari ci sono dei moduli di terze parti che sono sviluppati per la versione Windows e non per quella Mac (ad esempio alcuni tool per l'analisi e la manipolazione forense), ma non c'entra nulla col prodotto in sé.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pico
    > - Scritto da: ...
    > > Dimenticavo.. Photoshop, sempre per restare
    > > nell'esempio di prima, è molto più avanzato
    > nella
    > > versione per Windows che in quella per Mac, la
    > > stessa cosa avviene anche per altri software.
    > > Quindi hai la comodità di lavorare nel tuo
    > > ambiente preferito e di usare l'applicazione per
    > > te
    > > migliore.
    >
    > Questo quando te lo sei sognato?
    > La CS3 è esattamente uguale tra le due
    > piattaforme.
    > Poi magari ci sono dei moduli di terze parti che
    > sono sviluppati per la versione Windows e non per
    > quella Mac (ad esempio alcuni tool per l'analisi
    > e la manipolazione forense), ma non c'entra nulla
    > col prodotto in
    > sé.

    verissimo. e se ... avesse letto meglio quel che ho scritto saprebbe che sto parlando dell'utente medio che usa *messenger* e *media player* oppure altri sw.
    non+autenticato
  • Quoto e aggiungo:

    - testare i siti internet su diversi browser e piattaforme
    - testare i video su diversi player e piattaforme
    - programmare in taluni ambienti
    - progettare circuiti stampati
    - un gestionale specifico (p.e. uno studio medico)
    - tante altre cose per le quali su Wincrost c'è il sw e su Mac no oppure, più semplicemente, un software su cui si ha investito tempo e risorse, magari indispensabile per lavorare.

    Quanto alla questione "solo di moda", come dici tu, se la passione pe le griffe si sposta dall'abbigliamento all'informatica, a livello spiritual-antropologico mi pare una cosa buona. Poco importa verso quale brand. Sorride


    - Scritto da: Riccardo Bartoli
    > Esistono 1001 motivi per utilizzare un software
    > di virtualizzazione. Sono uno sviluppatore di
    > applicazioni sia desktop sia web, e i vantaggi
    > che ne traggo sono
    > molti:
    > - posso effettuare i test delle mie applicazioni
    > su win-mac-linux (e relative versioni dei sistemi
    > operativi) utilizzando lo stesso
    > pc
    > - se ho bisogno di un programma win o linux
    > basta che avvio il software di
    > virtualizzazione
    > - se voglio testare un programma senza
    > "sporcare" la mia installazione attuale basta che
    > creo uno snapshot e posso tornare al sistema
    > prima delle
    > modifiche
    > - etc etc etc
    >
    > Quello che dici è giusto, ma si riferisce solo
    > agli utenti di basso livello, i cosiddetti
    > newbie. Purtroppo in Italia avere un oggetto
    > Apple, sia esso MacBook o iPod, è diventato solo
    > una questione di
    > moda.
    non+autenticato