Domani, 4 luglio, torna online Indymedia Italia

I nodi dell'informazione indipendente e autoprodotta si apprestano a rilanciare lo storico network italiano. La data scelta non č casuale. Parte l'indyaggregator

Roma - Domani, 4 luglio, è IndYpendence Day, è infatti la data scelta dai nodi italiani di Indymedia per il ritorno di Indymedia Italia, il network dell'informazione indipendente e antagonista che per lunghi anni ha tracciato informazione online, proponendosi come un medium fatto da chi "si fa" medium.

lo splashscreenIn una nota che campeggia su italy.indymedia.org si legge come ormai da tempo i nodi italiani di Indymedia siano tornati a lavorare "riportando in contesti locali le pratiche e i principi che sostanziano/animano il lavoro del Network Internazionale di Indymedia". E questo perché la chiusura di Indymedia Italia non ha evidentemente seppellito la necessità di molti di continuare a "diventare il proprio media, attraverso meccanismi di pubblicazione aperta e di tutela della privacy". Questo anche perché - scrivono i promotori di Indymedia Italia - "le limitazioni e i meccanismi dell'informazione mainstream non sono cambiati nel corso di questi anni e lo squilibrio di potere dei processi di comunicazione si è mantenuto intatto, quando non rafforzato".

E dunque la nuova missione, il "compito della comunicazione indipendente", cambia e si evolve: "Non è solo più quello di offrire uno spazio dove consentire la libera pubblicazione di contributi ed una narrazione altra della realtà", scrivono i promotori, perché "oggi diventa fondamentale salvaguardare la peculiarità del metodo di Indymedia e rendere più fruibile e sinergica l'enorme quantità di informazioni che nella rete si distribuiscono, in modo da renderle facilmente reperibili ed efficacemente utilizzabili".
Tutto questo si traduce in un aggregatore di contenuti, "un luogo - si legge nella nota - nel quale convogliare e moltiplicare le energie e i flussi di comunicazione provenienti da luoghi diversi, che si compone delle diverse visioni e pratiche di mediattivismo determinate dai bisogni contingenti e dalle necessità che ogni territorio esprime". "L'aggregatore - spiegano i promotori - può generare una comunità diffusa, risultato della collaborazione di molteplici reti di attivisti, centri sociali e realtà che si occupano di comunicazione, che individuano in italy.indymedia.org il catalizzatore della narrazione dal basso della realtà. A tutt'oggi, percepiamo ancora l'importanza di una piattaforma di riferimento su cui far convergere le specificità dei progetti di informazione indipendente locali in lingua italiana e di offrire un'occasione di produzione, elaborazione e diffusione dei contributi da essi prodotti, legati ad un modo orizzontale di gestione della comunicazione, nel senso più estensivo di questo termine".

Il motivo per cui si è scelto proprio il 4 luglio per il ritorno online di Indymedia Italia non è un caso. "L'IndYpendence Day - si legge su quella pagina - non è solo una data. Č un simbolo.
* Nel 1054 per i cinesi, era l'esplosione della Supernova del Granchio.
* Nel 1865 per gli inglesi era la pubblicazione di Alice nel paese delle meraviglie.
* Nel 1880 per i Pistoiesi era la nascita dell'anarchica scrittrice Leda Rafanelli.
* Ogni anno, per tutti, è l'afelio, il giorno in cui la Terra è alla sua massima distanza dal Sole.
Per noi, nel 2008, significa il ritorno di un progetto collettivo e indipendente di informazione".
55 Commenti alla Notizia Domani, 4 luglio, torna online Indymedia Italia
Ordina
  • Così basterà aspettare qualche mese poi organizzare un bel raid così da mettere le mani sui dati di questi bamboccetti e perseguirli uno alla volta.

    Ah, la soddisfazione nel sapere questi pagliaccetti paralizzati dal terrore sapendo che presto, molto presto, la Polizia verrà a prenderli uno a uno a casa loro.

    Che divertimento mettere loro le manette ai polsi, trascinarli fuori dalle loro case sotto lo sguardo riprovevole dei vicini ("ma sarà un pedofilo? mamma mia!").

    Che risate, sequestrare i loro amati PC che saranno presto smontati, fatti a pezzi, lasciati ad arrugginire per ANNI nei depositi dopo che ovviamente i loro HD saranno stati analizzati con calma allo scopo di acquisire prove con cui inchiodarli, additarli al pubblico ludibrio, distruggerne le vite!

    Ma la parte migliore è sempre l'interrogatorio. Gli insulti, i ceffoni, le botte. Le braccia torte, le umiliazioni, i calci nei genitali!

    E ancora gli sputi, le teste cacciate nella tazza del cesso, le defecazioni facciali.

    E dopo tutto questo, sbatterli in cella con i criminali comuni: "ha molestato dei bambini". Basta questo per segnare la condanna del piccolo brigatista.

    Aaaaah, divertimento. Gran sollazzo.
    non+autenticato
  • Certo che noi italiani ...indymedia è tendezialmente di parte non politica ma ha dei principi "etici" uno dei quali è l'antifascismo.
    Criticare è molto piu facile che mettersi in gioco e fare...e indymedia da questa opportunità,ma il fare costa fatica,impegno,costanza..
    Meglio accendere la tv e vedersi 6 tg uguali,che ci parlano dell'ultimo delitto di nera o dei politicanti intenti a recitare parti degne di oscar,mentre le notizie sono scomparse totalmente .

    se vi va bene cosi', w l'italia, e il calcio al bar sport
    non+autenticato
  • Ma tra i principi etici non dovrebbe anche esserci l'anticomunismo ?
    Alla fine, storicamente, cosa cambiava per una persona comune non essere libera di pensare ed agire sotto mussolini piuttosto che stalin ?
    Se mussolini ti spediva al confino era un demonio, mentre le purghe di stalin erano la benedizione di un santo ?

    Certa gente dovrebbe proprio crescere...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2008 15.45
    -----------------------------------------------------------
  • Giusto ieri sera ho dato un'occhiata al loro sito per capire se qualcosa era cambiato.
    Che dire sono tornati alla grande!!! ideologie comuniste a gogogo... dividono il mondo in padroni e schiavi, se sei uno schiavo sei un cretino, se sei un padrone allora sei da punire... se non sei comunista allora sei un fascista.... ecco queste sono le solite ideologie che emergono ancora, anche in modo molto esplicito dalle loro discussioni.. oltre alle solite offese...
    Bene, si ricomincia con il conto alla rovescia...
    Penosi e tristi, non hanno capito il perché del loro precedente fallimento...vediamo se avverrà il 2 aprile prossimo o quello dopo..

    ciao ciao
  • hai le idee un po' confuse... forse confondi comunismo con stalinismo...
    non+autenticato
  • perché non c'era più?
    (ok, non me n'ero accorto...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: vurvan
    > perché non c'era più?
    > (ok, non me n'ero accorto...)

    Immagino che se vai sul sito domani troverai una lunga e dettagliata spiegazione.
    krane
    22544
  • Ci possiamo subire Fede, che tral'altro trasmette illegalmente, e non possiamo accettare indymedia? Scriveranno minchiate, ma almeno non occupano abusivamente frequenze televisive.
    FDG
    10910
  • Tra i pochi che facevano e fanno un'informazione diretta, sono contento che siete tornati.
    Sempre presenti quando abbiamo manifestato, noi i precariatesia contro la fucina della precarietà Atesia.
  • Contento tu!! cosi avremo un'altro esempio di ipocrisia e quant'altro, di gente che crede che l'anarchia e l'autogestione siano sistemi validi..chissà se avranno imparato dall'ultimo loro fallimento dove a causa delle loro ideologie hanno chiuso perchè il loro sistema era diventato ingestibile.. e questi son quelli che vorrebbero salvare il mondo... ahahahaahh che ridere...
    Bene da oggi parte il nuovo conto alla rovescia per il loro prossimo fallimento...
    non+autenticato
  • - Scritto da: picard12
    > Contento tu!! cosi avremo un'altro esempio di
    > ipocrisia e quant'altro, di gente che crede che
    > l'anarchia e l'autogestione siano sistemi
    > validi..chissà se avranno imparato dall'ultimo
    > loro fallimento dove a causa delle loro ideologie
    > hanno chiuso perchè il loro sistema era diventato
    > ingestibile.. e questi son quelli che vorrebbero
    > salvare il mondo... ahahahaahh che
    > ridere...
    > Bene da oggi parte il nuovo conto alla rovescia
    > per il loro prossimo
    > fallimento...

    loro almeno ci provano, coerentemente con le proprie idee
    e a te non chiedono nulla

    se poi ti piacciono cosi' tanto i fallimenti altrui ....

    mi assomigli un po ad uno sciacallo
    non+autenticato
  • Caro mio non mi pare di essere uno sciacallo!
    Non mi nutro dei loro resti.
    Queste persone che tanto ammiri, in una discussione a cui avevo preso parte, ho ricevuto dal moderatore bestemmie, insulti e minacce!!!!! E pensi che possa avevere considerazione o piangere perchè la loro arroganza li ha destinati al fallimento?
    Ebbene me ne compiaccio perchè simili idelogismi e comportamenti altamente ipocriti è meglio che spariscano nell'oblio.. o vogliamo spacciare dei delinquenti per santi?
    Un simile comportamento non mi era mai capitato nemmeno per strada..
    Quindi caro mio dai dello sciacallo a qualcun altro..
    please..
    Se loro hanno ideologie fallimentari non è certo colpa mia se passano il loro tempo a idolatrasi, a ritenersi giusti a prescindere ma le loro azioni però sono fatte di violenza ed insulti.. alla fine le azioni cattive gli si ritorcono contro.. e di certo anche senza che io faccia nulla..
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)