Appello alle Università contro le major

EPIC reagisce all'offensiva mediatica della RIAA e rivolge una lettera agli atenei americani: monitorare il traffico danneggia i principi formativi delle università USA

New York (USA) - Non ci sta l'Electronic Privacy Information Center (EPIC) all'offensiva mediatica e politica dei discografici americani, un'offensiva rivolta anche verso le Università a cui di recente le major hanno chiesto di bloccare i network peer-to-peer e monitorare le attività online dei propri studenti.

Rivolgendosi proprio agli atenei americani, vale a dire a quell'ambiente che ha rappresentato la culla e la base di lancio del file-sharing e delle tecnologie di condivisione online, EPIC ha avvertito: posizionare sui network didattici sistemi di controllo delle informazioni che vi circolano mina alla base il senso stesso della formazione universitaria e le promesse della cultura liberale che negli atenei viene insegnata.

"Monitorare i contenuti delle comunicazioni - scrive EPIC nella sua lettera alle Università - è fondamentalmente incompatibile con la missione delle istituzioni educative che è quella di sviluppare senso critico e voglia di esplorare. Il monitoraggio congela i comportamenti e può abbattere la creatività che, invece, deve baluginare negli ambienti formativi".
Con la loro iniziativa, le major hanno recentemente invitato le Università a fare il massimo per fermare la pirateria del peer-to-peer e già da tempo gli atenei americani se la vedono con denunce e altri guai giudiziari a causa della "liberalità" nella gestione dei network e della banda messi a disposizione dei propri studenti.

Secondo EPIC, le preoccupazioni dell'industria possono essere comprese ma è grave che si voglia "spostare sulle Università e sui college l'onere di devolvere le già scarse risorse al monitoraggio delle comunicazioni online e all'identificazione nonché persecuzione legale di individui sospettati di utilizzare reti p2p per commettere violazioni al copyright".
4 Commenti alla Notizia Appello alle Università contro le major
Ordina

  • seguite un po' l'esempio!

    volantini, magliette, adesivi ... giornalini scolastici, catene di san gervasio!
    non+autenticato
  • faccio l'insegnante...mi sa che tra un po' qualcuno si accorgera` che quello che ho in testa, e che racconto, non e` originale e purtroppo non lo e` in misura maggiore del 15%.
    Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino SIAE in fronte ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: maxman
    > faccio l'insegnante...mi sa che tra un po'
    > qualcuno si accorgera` che quello che ho in
    > testa, e che racconto, non e` originale e
    > purtroppo non lo e` in misura maggiore del
    > 15%.
    > Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino
    > SIAE in fronte ?

    ahahhahahahah! sei un grande troppissimo!

    senti io penso che il copyright sia una grande coglionata, e l'ho capito alle medie a cosa serve:

    mentre i miei amici pasticciavano tutti i loro libri tranquillamente(acquistati pure usati), io i miei libri nuovi li conservavo gelosamente con onesta convinzione che sarebbero stati utili a mia sorella (di tre anni + piccola).

    e i libri di scuola sono cambiati tutti (senza significativi miglioramenti di contenuto). con grande piacere delle case editrici venditrici di carta.

    _________


    sei un insegnante? io ho avuto questa piccola idea, che proporrò al preside della mia scuola.

    che si digitalizzino gli appunti degli studenti (dietro ricompensa di chi lo farà bene).
    che li si organizzino in un ordine coerente, in modo da farne un libro. un e-book.

    che la scuola aquisti tanti ebook da prestare (sotto cauzione) a tutti gli iscritti.

    e gli studenti non spenderanno più una cifra in libri.


    avvelenato
    ***ovviamente questo post come tutti i miei altri sono sotto licenza gnu/gpl, purchè non rimuoviate queste righe.***
    non+autenticato

  • Interessante ma...
    tutto questo ha un costo... anche se, usando gli strumenti pubblici della stessa scuola e un po' di buona volonta', piu' ridotti; poi gli e-book vorrai leggerli anche a PC spento no? bene vanno stampati con costi di toner e carta.
    OK pero' mi pare in linea di massima comunque una cosa fattibile...

    - Scritto da: avvelenato
    >
    >
    > - Scritto da: maxman
    > > faccio l'insegnante...mi sa che tra un po'
    > > qualcuno si accorgera` che quello che ho
    > in
    > > testa, e che racconto, non e` originale e
    > > purtroppo non lo e` in misura maggiore del
    > > 15%.
    > > Pensate che dovro` appiccicarmi un bollino
    > > SIAE in fronte ?
    >
    > ahahhahahahah! sei un grande troppissimo!
    >
    > senti io penso che il copyright sia una
    > grande coglionata, e l'ho capito alle medie
    > a cosa serve:
    >
    > mentre i miei amici pasticciavano tutti i
    > loro libri tranquillamente(acquistati pure
    > usati), io i miei libri nuovi li conservavo
    > gelosamente con onesta convinzione che
    > sarebbero stati utili a mia sorella (di tre
    > anni + piccola).
    >
    > e i libri di scuola sono cambiati tutti
    > (senza significativi miglioramenti di
    > contenuto). con grande piacere delle case
    > editrici venditrici di carta.
    >
    > _________
    >
    >
    > sei un insegnante? io ho avuto questa
    > piccola idea, che proporrò al preside della
    > mia scuola.
    >
    > che si digitalizzino gli appunti degli
    > studenti (dietro ricompensa di chi lo farà
    > bene).
    > che li si organizzino in un ordine coerente,
    > in modo da farne un libro. un e-book.
    >
    > che la scuola aquisti tanti ebook da
    > prestare (sotto cauzione) a tutti gli
    > iscritti.
    >
    > e gli studenti non spenderanno più una cifra
    > in libri.
    >
    >
    > avvelenato
    > ***ovviamente questo post come tutti i miei
    > altri sono sotto licenza gnu/gpl, purchè non
    > rimuoviate queste righe.***
    non+autenticato