Luca Annunziata

iPhone 3G libero ma non troppo

Si formano le prime code per il nuovo melafonino, e si inizia a fare chiarezza sulla piattaforma software messa in campo con il firmware 2.0. Lo spazio per sblocchi e applicazioni non ufficiali sembra svanito

Roma - Circolano da qualche ora le prime fotografie di fanatici di appassionati già in fila davanti all'Apple Store di Manhattan per acquistare, il prossimo venerdì, il nuovo iPhone 3G. Nelle stesse ore, tuttavia, hanno cominciato a fare capolino una serie di indiscrezioni sulle caratteristiche delle ultime beta del nuovo firmware 2.0, che vede un ingresso in pompa magna del Trusted Computing nell'ecosistema. Una prova di più che Apple non intende lasciarsi tentare dalle sirene di un dispositivo totalmente open.

La fila sulla Quinta StradaPer quanto attiene alla manciata di appassionati in attesa sulla Quinta Strada a New York, brutte notizie. A quanto pare, la moda di piazzarsi in fila giorni prima dell'uscita di un gadget Apple è già tramontata ma non manca chi, raccogliendo ironia e sberleffi dalla rete, tenta di sfruttare l'hype dell'evento per promuovere i propri ideali. D'altronde, l'anno scorso non ci fu alcun tipo di problema nell'approvvigionamento di iPhone tale da giustificare l'attesa in fila per giorni, visto che tutti - dal primo all'ultimo - riuscirono a portarsi a casa un melafonino il giorno stesso. Quelli che attesero qualche settimana in più, inoltre, rimediarono anche uno sconto significativo.

Diverso, e più inquietante, quanto gli appassionati stanno scoprendo ravanando all'interno dell'ultima beta - l'ottava - del firmware 2.0, destinato ad equipaggiare iPhone vecchi e nuovi senza dimenticare gli iPod Touch, a partire dalla prossima settimana. Nella beta 7 aveva già fatto capolino il Trusted Computing, grazie alla presenza, sin dal lancio della prima versione del melafonino, di un chip ARM 1176JZF: quest'ultimo, come chiarito sul blog croccobiscotto.it che riprende quanto postato su DarkApples.net e altrove, "ha al suo interno una funzionalità chiamata TrustZone, interamente basata sulle specifiche del Trusted Computing, o Palladium".
La TrustZone altro non è che una modalità di esecuzione del software vincolata ad una chiave di autorizzazione fornita da terze parti. Fino ad oggi a Cupertino si erano astenuti da implementare qualcosa in tal senso, ma a partire dalla beta 7 ogni elemento del firmware ha iniziato a fare riferimento esplicito a questa modalità. L'integrità del sistema è garantita da una coppia di chiavi cifrate RSA da 2048 bit, che possono anche essere revocate dal creatore (Apple in questo caso) rendendo il dispositivo che le incorpora un perfetto soprammobile elettronico.

Questo significa almeno un paio di cose: la prima è che "su iPhone l'unica Certification Authority accreditata è ovviamente Apple, per cui ogni applicazione dovrà essere firmata digitalmente da Apple (via AppStore) per poter essere scaricata, installata ed eseguita su iPhone stesso". La seconda è che, a partire dal firmware 2.0, le operazioni di jailbreak di iPhone e iPod Touch diverranno impossibili - almeno con i metodi utilizzati fino ad ora.

Ma c'è anche un altro fattore, se possibile ancora più centrale: "TrustZone (l'implementazione del trusted computing integrata nel chip ARM, ndr) non è basata e/o conforme alle specifiche TCG. Di conseguenza - spiega Alessandro Bottoni sulla mailing list di no1984.org - non offre nemmeno le più elementari garanzie all'utente". Si tratta, invece, di "una piattaforma proprietaria in cui ARM fa tutto ciò che vuole. In particolare, non prevede nessuna garanzia che l'utente possa accedere alle funzioni di amministrazione grazie ad un apposito certificato digitale".

La questione non si limita soltanto alle applicazioni da installare sul melafonino. In questo scenario, potrebbe essere messo in discussione anche il funzionamento libero con le SIM di qualunque operatore: altro, insomma, rispetto all'iPhone-free da molti sperato. Potenzialmente, invece, anche tutti i dispositivi acquistati negli USA fino a quando il modello 2G è stato disponibile, e mai attivati con un regolare contratto AT&T, sarebbero a rischio blocco se aggiornati al firmware 2.0 prima che sia stata fatta chiarezza su questo punto.

Nel frattempo tuttavia, come viene espressamente chiarito, poiché "il certificato di attivazione del quale si parlava prima - oltre ad essere anch'esso digitalmente firmato da Apple e per questo non trasportabile - rappresenta la carta di identità dell'iPhone stesso, e l'accesso ad AppStore e iTunesStore avverrà SOLO con questa credenziale". Per coloro i quali possiedono un terminale con firmware 1.1.4 crackato, c'è la possibilità che gli possa venire negato "qualsiasi accesso a YouTube, iTunesStore, forse anche ad iTunes stesso". E un iPhone senza musica e video, rischierebbe di perdere parecchio del suo fascino: sempre che acquistarlo si dimostri realmente conveniente.

Luca Annunziata

(fonte immagine)
235 Commenti alla Notizia iPhone 3G libero ma non troppo
Ordina
  • Allora con la UILabel faccio le etichette...
    con la UITextField faccio un'area testuale piccola...
    con la UITextView metto il testo su più righe, ma non funziona più lo scroll, vabbè ripiegherò su altri controlli...
    con le varie UINavogationBar e UITabBar mi gestisco la navigazione delle varie funzionalità....
    con l'UIAccelerometer boh?!? ci devo pensare.... forse un sistema safety che chiama automaticamente l'autoambulanza quando il possessore dell'iPhone si starà per schiantare con la macchina mentre ruota le icone....

    Cavolo, oddio, no, non ci credo, ma c'è qualcuno che ha visto se tra le 2000 e più funzioni dell'SDK (anche 2.0) ci sia qualcosa (una funzione ovviamente) che mi consenta di effettuare una telefonata a fronte di un evento?
    non+autenticato
  • Comincia ad usare google per imparare qualcosa im merito agli argomenti sui quali ti vuoi esprimere, dove esprimere è un eufemismo
    non+autenticato
  • Apple ha cercato e trovato il modo piú sicuro per distribuire applicazioni su un device mobile e lo ha applicato, con 99$ CHIUNQUE puó vendere le sue applicazioni su AppStore senza pagare un cent di hosting, gestione dei pagamenti... ...

    Ora, a me sembra diverso dal Trusted Computing inteso come limitazione della libertá, e infatti lo dimostra che si lamentano solo gli italioti... che sono forse solo dietro ai cinesi in quanto a pirateria e torrents e tarocchi...
    MeX
    16802
  • Infatti è questa la grande innovazione, la distribuzione centralizzata del software dove chiunque può partecipare con una cifra irrisoria.
    Son convinto che nel giro di pochi mesi saranno disponibili più applicazioni di tutte le altre piattaforme messe insieme.
    Venerdì si parte con 6 milioni di clienti potenziali, che diventeranno 10 milioni entro la fine del mese.
    ruppolo
    32150
  • - Scritto da: ruppolo
    > Infatti è questa la grande innovazione, la
    > distribuzione centralizzata del software dove
    > chiunque può partecipare con una cifra
    > irrisoria.
    > Son convinto che nel giro di pochi mesi saranno
    > disponibili più applicazioni di tutte le altre
    > piattaforme messe
    > insieme.
    > Venerdì si parte con 6 milioni di clienti
    > potenziali, che diventeranno 10 milioni entro la
    > fine del
    > mese.

    e dimmi...l'innovazione è quella di far pagare gli sviluppatori per "diffondere" le proprie applicazioni?
    E perche' dovrei "diffonderlo" solo attraverso questo canale e non attraverso ALTRI canali?
    Perche' devo versare questi soldi?
    Se voglio sviluppare un'applicazione FREE perche' devo PAGARE per poterla offrire?

    Insomma... Apple ne fa di cappellate....
    non+autenticato
  • > Insomma... Apple ne fa di cappellate....

    Se ce lo dici tu...

    http://www.intomobile.com/2008/03/19/apples-iphone...
    non+autenticato
  • - Scritto da: PIAF
    > > Insomma... Apple ne fa di cappellate....
    >
    > Se ce lo dici tu...
    >
    > http://www.intomobile.com/2008/03/19/apples-iphone

    Grazie del link, documentandomi, ho notato anche che se magari volessi vendere il mio programma a 20$, dovrei darne il 30% ad Apple oltre i 99$ per l'installazione del certificato sul pc dove sviluppo ( che potrebbe essere solo il mio desktop e non il mio portatile dove sviluppo quando sono fuori casa... quindi altri 99$ ).

    Insomma.... molto meglio sviluppare in ambienti dove "posso far girare le mie applicazioni senza ulteriori costi. Nessuno mi paga per sviluppare un'applicazione che serve solo me, e non vedo perche' dovrei io pagare qualcuno per poterla sviluppare."

    Comunque, se tu pensi che sia meglio come sta facendo Apple, accomodati pure, si vede che i tuoi soldi li guadagni con poca fatica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > - Scritto da: PIAF
    > > > Insomma... Apple ne fa di cappellate....
    > >
    > > Se ce lo dici tu...
    > >
    > >
    > http://www.intomobile.com/2008/03/19/apples-iphone
    >
    > Grazie del link, documentandomi, ho notato anche
    > che se magari volessi vendere il mio programma a
    > 20$, dovrei darne il 30% ad Apple oltre i 99$ per
    > l'installazione del certificato sul pc dove
    > sviluppo ( che potrebbe essere solo il mio
    > desktop e non il mio portatile dove sviluppo
    > quando sono fuori casa... quindi altri 99$
    > ).
    >
    > Insomma.... molto meglio sviluppare in ambienti
    > dove "posso far girare le mie applicazioni senza
    > ulteriori costi. Nessuno mi paga per sviluppare
    > un'applicazione che serve solo me, e non vedo
    > perche' dovrei io pagare qualcuno per poterla
    > sviluppare."
    >

    Evidentemente ce ne son tanti che reputano una piattaforma interessante questo AppStore. Punti di vista.


    > Comunque, se tu pensi che sia meglio come sta
    > facendo Apple, accomodati pure, si vede che i
    > tuoi soldi li guadagni con poca
    > fatica.

    Se tu pensi che non vada bene per tutti perché non va bene a te, pensalo pure, ma almeno evita cadute di stile su come si guadagna i soldi la gente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare

    > Se voglio sviluppare un'applicazione FREE perche'
    > devo PAGARE per poterla
    > offrire?
    >
    > Insomma... Apple ne fa di cappellate....

    Se non ricordo male, per un'applicazione free non e' previsto il pagamento dei 99 dollari.....
    Comunque, a mio parere, Apple con iphone sta blindando il blindabile, e penso non sia la scelta migliore.
  • - Scritto da: BFidus
    > - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    >
    > > Se voglio sviluppare un'applicazione FREE
    > perche'
    > > devo PAGARE per poterla
    > > offrire?
    > >
    > > Insomma... Apple ne fa di cappellate....
    >
    > Se non ricordo male, per un'applicazione free non
    > e' previsto il pagamento dei 99
    > dollari.....
    > Comunque, a mio parere, Apple con iphone sta
    > blindando il blindabile, e penso non sia la
    > scelta
    > migliore.

    A seguire il link del tizio che mi ha risposto poco prima, sembrerebbe che i 99$ servono per farmi installare un certificato che autorizzi le mie applicazioni a girare sull'Iphone.
    In questo senso :
    1) Non sai quanto tempo dura quel certificato
    2) Devi comunque spendere quei soldi anche per applicazioni FREE
    3) Spero che Android e Moko si muovano in fretta per uscire dal guscio...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > - Scritto da: BFidus
    > > - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > >
    > > > Se voglio sviluppare un'applicazione FREE
    > > perche'
    > > > devo PAGARE per poterla
    > > > offrire?
    > > >
    > > > Insomma... Apple ne fa di cappellate....
    > >
    > > Se non ricordo male, per un'applicazione free
    > non
    > > e' previsto il pagamento dei 99
    > > dollari.....
    > > Comunque, a mio parere, Apple con iphone sta
    > > blindando il blindabile, e penso non sia la
    > > scelta
    > > migliore.
    >
    > A seguire il link del tizio che mi ha risposto
    > poco prima,

    Era il mio link, giusto?


    sembrerebbe che i 99$ servono per
    > farmi installare un certificato che autorizzi le
    > mie applicazioni a girare
    > sull'Iphone.
    > In questo senso :
    > 1) Non sai quanto tempo dura quel certificato
    Non lo sai tu o non ti vuoi informare e ti limiti a sollevare tuoi dubbi?


    > 2) Devi comunque spendere quei soldi anche per
    > applicazioni
    > FREE
    Apparentemente è un tuo problema, ma non di tutti.
    Se per quello c'è gente che sviluppa applicazioni gratuite ma si sopporta i costi di gestione del proprio sito internet. Pazzi?


    > 3) Spero che Android e Moko si muovano in fretta
    > per uscire dal
    > guscio...

    La speranza è l'ultima a morire.
    non+autenticato
  • ma l'hai letto il'articolo?! hai capito cosa c'e' scritto?!

    cosa c'e' che non capisci in questo?
    "For example, Danger (of Sidekick fame) charges a 50% cut for applications sold through their application store, which is most similar to Apple's AppStore. Handango, which sells Symbian, Palm, BlackBerry, and Windows Mobile software (and is recommended by Microsoft to WM developers) takes a 40% cut from small developers (which is going to increase to 50% this month) - while larger developers have to fork over a whopping 60-70% of revenues. Then there's Nokia’s Software Market and Motricity’s Smartphone.net which both take a 40% cut, and sometimes take a 50% cut. Nokia pays developers quarterly, compared to Apple's plan to dole out sales revenue every month."

    cosa c'e' che non capisci in questo?
    "Then there's the $99 fee that Apple demands in return for the digital certificate needed to publish these iPhone applications. Seems like a rip, right? Consider this - RIM charges the same $100 fee, but it only applies to a single computer. Every single machine that a developer uses has to have signing rights, has to be connect to the internet during the signing process, and has to communicate with RIM's servers for a successful signature.

    Developers working on Qualcomm's BREW platform (like those apps from Verizon Wireless) have to dole out $500 for a VeriSign certificate that can only be used on 100 application. It costs $895 to sign 500 applications, and 1000 application signatures costs $1295. VeriSign also requires that “you must apply for, pick up, and install your VeriSign Authentic Document ID on the same computer with the same version of Microsoft Internet Explorer.”"

    e tutto il resto a seguire... cosa c'e' che non capisci nell'articolo? vedi le cifre relative ai vari altri sistemi di distribuzione? ti sembra che apple sia fuori mercato? non ti sta bene che nn si possa distribuire il software in maniera diversa... problema tuo... ma nn andare a dire che allo sviluppatore apple fa un torto... o che il sistema appstore sia un modo per rubare soldi ai poveri sviluppatori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > e dimmi...l'innovazione è quella di far pagare
    > gli sviluppatori per "diffondere" le proprie
    > applicazioni?

    Se conosci qualcuno che le diffonde gratis fammi sapere. Mi farebbe proprio comodo vendere le mie applicazioni senza costi di marketing.

    > E perche' dovrei "diffonderlo" solo attraverso
    > questo canale e non attraverso ALTRI
    > canali?
    Fammi pensare... forse perché il cliente trova subito il tuo prodotto e lo acquista con un click?

    > Perche' devo versare questi soldi?
    > Se voglio sviluppare un'applicazione FREE perche'
    > devo PAGARE per poterla
    > offrire?
    Beh, potresti sempre portargliela di persona, così risparmi...
    ruppolo
    32150
  • la fonte reale è www.darkapples.net
    non+autenticato
  • - Scritto da: derlokmerlo
    > la fonte reale è www.darkapples.net

    abbiamo capito che volete un pò di notorietà, non serve postare lo stesso messaggio con identità false
    non+autenticato
  • Visto che continuate a "spammare" sto sito spammo i miei dubbi.

    Mi sapete spiegare perché di questo "trusted" se ne parla ESCLUSIVAMENTE in Italia?


    Non ho idea se sia vero o no, ma generalmente quando le notizie sono internazionali sono più affidabili.

    E poi DarkApple sembra un sito creato apposta in cui annuncia esclusivamente quello....
    Un sito di Hacking che annuncia che non si può fare hacking... è strano no?

    Non sono scettico eh, i ragionamenti sembrano validi e le mie competenze in materia sono limitate.
    Dico che risulta strano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: derlokmerlo
    > la fonte reale è www.darkapples.net

    abbiamo capito.
    di ai tuoi capi di Netforce srl che abbiamo capito e smettetela di spammare.
    non+autenticato
  • > ...le operazioni di jailbrake di iPhone
    > e iPod Touch diverranno impossibili...

    Jailbreak?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mark Knopfler
    > > ...le operazioni di jailbrake di iPhone
    > > e iPod Touch diverranno impossibili...
    >
    > Jailbreak?

    Il jailbreak non è l'unlock. Era questa la domanda?
    non+autenticato
  • no, molto più terra-terra... era sulla ortografia della parola "Jailbreak"
    non+autenticato
  • ROTFL si parla del decreto per l'immunitàA bocca aperta Il freno per andare in galeraSorride
  • Break e' (anche) spezzare. Freno e' brake.
    non+autenticato
  • esatto! Nell'articolo anzichè jailbreak avevano scritto jailbrakeA bocca aperta cioè come ho proposto io, il freno per rallentare l'arrivo in galeraSorride
  • Lo sapevo che Jobb aveva in serbo qualche porcatina delle sue...
    L'articolo di Luca non e' del tutto chiaro,omette un particolare importante:
    Sul sito italiano (che non ricordo) di hacker melafoninici viene riportato chiaro "IPHONE GAME OVER"!
    Li viene spiegato perche' ne adesso ne in futuro sara' mai possibile crakkare quel COSO.
    Viene anche spiegato tutto il resto, blocchi e limiti a 360°.
    Quindi chi compera DOVREBBE SAPERE che ha un COSO che non e' di sua proprieta' ma solo in parte,porta' infilarci SOLO quello che la Apple gli permettera' di infilare...tenendo anche presente che ,in maniera del tutto arbitraria, potranno essere applicate policy di blocco di qualsiasi cosa in esso contenuta.
    Mela...puoi vendere quello che ti pare, se c'e' chi la compera ma la TRASPARENZA non e' un optional...anche se pare proprio di si.
    non+autenticato
  • Su quel sito non vi sono neppure riferimenti a comprova di quanto dicono se per quello.
    Ergo non lo prendo per oro colato dato che nulla è verificabile confrontandolo con altre fonti.



    - Scritto da: Ricky
    > Lo sapevo che Jobb aveva in serbo qualche
    > porcatina delle
    > sue...
    > L'articolo di Luca non e' del tutto chiaro,omette
    > un particolare
    > importante:
    > Sul sito italiano (che non ricordo) di hacker
    > melafoninici viene riportato chiaro "IPHONE GAME
    > OVER"!
    > Li viene spiegato perche' ne adesso ne in futuro
    > sara' mai possibile crakkare quel
    > COSO.
    > Viene anche spiegato tutto il resto, blocchi e
    > limiti a
    > 360°.
    > Quindi chi compera DOVREBBE SAPERE che ha un COSO
    > che non e' di sua proprieta' ma solo in
    > parte,porta' infilarci SOLO quello che la Apple
    > gli permettera' di infilare...tenendo anche
    > presente che ,in maniera del tutto arbitraria,
    > potranno essere applicate policy di blocco di
    > qualsiasi cosa in esso
    > contenuta.
    > Mela...puoi vendere quello che ti pare, se c'e'
    > chi la compera ma la TRASPARENZA non e' un
    > optional...anche se pare proprio di
    > si.
    non+autenticato
  • ma non ho capito una cosa...ma tu compri un MOTOROLA o un NOKIA e non ti lamenti che non ci puoi mettere che ne so il MAME ...ma se il telefonino e' della mela...se vuoi avere 1000 altri programmi lo puoi fare PAGANDO...come e' giusto pagare per il software che le persone producono spendendo tempo e risorse, allora questo non va bene perche e' APPLE...io non capisco proprio certi ragionamenti....
    non+autenticato
  • - Scritto da: maroo
    > ma non ho capito una cosa...ma tu compri un
    > MOTOROLA o un NOKIA e non ti lamenti che non ci
    > puoi mettere che ne so il MAME ...ma se il
    > telefonino e' della mela...se vuoi avere 1000
    > altri programmi lo puoi fare PAGANDO...come e'
    > giusto pagare per il software che le persone
    > producono spendendo tempo e risorse, allora
    > questo non va bene perche e' APPLE...io non
    > capisco proprio certi
    > ragionamenti....
    Nokia e Motorola vendono senza brand e con brand. Solo alcuni band sono limitati in funzionalità. Per Iphone non hai possibilità di goderti ciò che hai pagato, e non puoi scegliere diversamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: PierGiorgio
    > - Scritto da: maroo
    > > ma non ho capito una cosa...ma tu compri un
    > > MOTOROLA o un NOKIA e non ti lamenti che non ci
    > > puoi mettere che ne so il MAME ...ma se il
    > > telefonino e' della mela...se vuoi avere 1000
    > > altri programmi lo puoi fare PAGANDO...come e'
    > > giusto pagare per il software che le persone
    > > producono spendendo tempo e risorse, allora
    > > questo non va bene perche e' APPLE...io non
    > > capisco proprio certi
    > > ragionamenti....
    > Nokia e Motorola vendono senza brand e con brand.
    > Solo alcuni band sono limitati in funzionalità.
    > Per Iphone non hai possibilità di goderti ciò che
    > hai pagato, e non puoi scegliere
    > diversamente.

    E cosa non potremmo goderci visto che fa da telefono, mp3 player, eccc e pure da spessore per il tavolo traballante tenuto conto che il problema maggiore è la fattura del gestore di telecomunicazione?
    non+autenticato
  • Infatti il discorso secondo me e' che si deve avere tutto gratis...quindi tu vuoi goderti quello che vuoi senza pagare...tutto qui...lo facciamo tutti, MP3, programmi...
    Poi che cmq l'iphone sia un telefonino ma che abbia anche tante altre funzionalita in quando e' anche un palmare con tanto di sistema operativo dentro, induce a pensare "bene...allora come esce, in barba a contratti e contrattini e comprare programmi, io lo voglio hackerare, per avere tutto gratis"
    Se invece pensassi che PAGANDO (forse troppo ma non e' questo il punto) tu hai tutto, non vedo perche imbestialirsi in questo modo....leggo anche in altri tread che spendere 500 euro per sentire un po di musica e avere un telefono, invece di spenderne 100 e' stupido, mbe...dipende da cosa vuoi e da cosa ti interessa...non ho mai sentito qualc'uno che desse del cog...one a chi ha comprato un NOKIA N2132138912938 appena uscito e lo ha pagato cosi tanto...oppure a chi ha comprato un blackbarry...
    non+autenticato
  • scusate dimenticavo...
    quindi "godere per una cosa che hai pagato" puoi eccome...te lo compri sbloccato, a 500 euri...COMPRI i programmi che ti piacciono su ITUNES store, e quindi ti godi tutto...senza brand...visto che vodafone e tim hanno dichiarato che i loro telefonini saranno effettivamente sbloccati al 100%...
    non voglio difenere la apple che cmq e' una societa' che deve fare soldi e fa porcate come le altre...ma vedere che si spara a 0 su tutto mi sembra proprio stupido...e molti frequentatori di questo sito parlano a vanvera...e non riesco a capire per quale motivo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: maroo
    > Infatti il discorso secondo me e' che si deve
    > avere tutto gratis...quindi tu vuoi goderti
    > quello che vuoi senza pagare...tutto qui...lo
    > facciamo tutti, MP3,
    > programmi...

    Permettimi la battuta Occhiolino

    Beh allora non avrai nulla in contrario se passo da casa tua a prendere la TV, la lavatrice, l'auto, ecc; sai com'è devo avere tutto gratis e quindi ho deciso di rifornirmi da te perché mi sei simpatico.
    non+autenticato
  • ok...passa pure...ma vivo in una casa in affitto e arredata...QUINDI MIO NON e' NIENTE!!!
    E PRENDO IL BUS TUTTE LE MATTINE!!!!
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: maroo
    > ok...passa pure...ma vivo in una casa in affitto
    > e arredata...QUINDI MIO NON e'
    > NIENTE!!!
    > E PRENDO IL BUS TUTTE LE MATTINE!!!!
    > Occhiolino

    Eh vabbeh ma lasciami almeno in frigo un bicchiere d'acqua o è in leasing pure quella? A bocca aperta
    non+autenticato
  • Perchè non è un ragionamento, è una presa di posizione assoluta volutamente contro l'unica azienda informatica del mondo veramente innovativa.

    Se fosse per questi tizi saremmo ancora al dos, anzi alle schede perforare ed alle cabine telefoniche.

    Da quando è uscito l'iphone, tutto il mondo, TUTTO IL MONDO tecnologico ne parla, TUTTI LO VOGLIONO (guardate anche il gestore 3) ed ancora TUTTI aspettano l'11 luglio manco fosse un trattato di pace mondiale.

    E al tizio della mela fetente, dico anche che se a lui fa ribrezzo quello che decide e produce la Apple, problemi suoi, che vada pure in qualche cabina telefonica open source con una scheda craccata per telefonare se ci tiene, tanto non gliene frega niente a nessuno.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)