La banda larga in Italia ancora non prospera

Il 37% delle famiglie italiane la utilizza, ma esiste ancora un nutrito numero di nuclei che non ne è ancora dotato. Per non parlare delle famiglie che non hanno neppure un PC

Roma - È in crescita - seppur lenta - il mercato del broad band domestico: in Italia le famiglie che fruiscono di un servizio di connettività in banda larga sono 8,7 milioni (il 37% del totale nazionale), ma esistono oltre 14 milioni di famiglie che non ne usufruiscono e 11 milioni che nemmeno hanno un PC. Sono alcuni dei numeri evidenziati dal rapporto Famiglie italiane e Banda Larga dell'Osservatorio Banda Larga, con dati aggiornati a giugno 2008.

"I driver che spiegano la penetrazione della banda larga - precisa l'Osservatorio - rimangono legati alle principali variabili socio demografiche ed economiche: la presenza di figli in famiglia (il fattore che incide maggiormente), il titolo di studio ed il reddito del capofamiglia". Da sottolineare il fatto che, tra le famiglie italiane connesse con broad band, l'80% ha un abbonamento con canone flat. Questo dato fa emergere, si osserva nel rapporto, un'inversione di tendenza rispetto al passato, quando una parte rilevante degli accessi ad Internet erano tariffati a consumo.

Sul fronte delle attività svolte in rete, i più utilizzati sono i servizi di comunicazione (principalmente email, ma si fa largo anche l'instant messaging) e quelli di informazione (news, enciclopedie online ed informazioni legate ad acquisti di beni e servizi). In aumento i servizi di utilità, quali e-Banking ed aste online (utilizzati, rispettivamente, dal 47% e dal 54% delle famiglie). Il mercato cresce dunque dal punto di vista della qualità e delle esigenze (avvalersi di un servizio a costo fisso implica la ricerca di una soluzione che offra più convenienza per chi genera più traffico dati), ma anche della competizione: l'Osservatorio rileva infatti i progressi di quello che viene definito "il processo di erosione delle quote di mercato dell'incumbent da parte degli operatori alternativi".
Anche l'IPTV ha fatto registrare un aumento significativo, con 650 mila utenti: "L'incremento - spiega una nota - è riferibile all'aumento del numero di player sul mercato (a Fastweb, presente storicamente sul mercato IPTV, si sono aggiunti nell'ultimo anno Telecom Italia, Tiscali e Wind).

Anche il mercato della connettività mobile comincia a far emergere risultati di rilievo: "Appare in consolidamento - si evidenzia - il numero di famiglie che a casa dispongono del solo telefono mobile, con valori prossimi a 6 milioni a giugno 2008. In significativa crescita, invece, le famiglie che utilizzano apparati mobili (cellulari, connect card, ecc.) per connettersi ad Internet. A metà 2008, sono circa 2 milioni le famiglie che utilizzano servizi di connettività mobile (in sostituzione o, più spesso, in aggiunta ai servizi broad band su rete fissa)".

Due le voci citate dagli utenti come i maggiori ostacoli all'adozione dei servizi broad band, una abbastanza prevedibile e un'altra sorprendente. La prima è l'assenza di copertura, un elemento che "appare in via di progressiva risoluzione, in virtù dell'estensione della copertura ADSL". La seconda è l'inutilità, una percezione che "appare strettamente connessa alla ridotta diffusione dei PC nelle case degli italiani e, quindi, ad una condizione più strutturale ed in più lenta evoluzione".

Per quanto riguarda infine la digital prosperity e la valutazione del possibile impatto della banda larga sullo sviluppo economico, l'Osservatorio considera che "nel panorama internazionale, l'Italia appare in ritardo rispetto agli altri Paesi dell'Unione Europea, soprattutto per quanto riguarda il grado di alfabetizzazione informatica della popolazione, fattore che incide negativamente sullo sviluppo del mercato della banda larga".

"I vincoli strutturali che condizionano lo sviluppo del mercato della banda larga in Italia - sottolineano dall'Osservatorio - richiedono un intervento di sistema, con cui consentire all'intero Paese di beneficiare delle condizioni di prosperità economica e sociale, connesse con l'affermazione di nuovo modello di economia digitale".
44 Commenti alla Notizia La banda larga in Italia ancora non prospera
Ordina
  • La vera notizia, ma nessuno ne parla (e non capisco perchè) è che siamo agli ultimi posti per il livello di istruzione.

    Basta cercare "Analfabetismo in Italia" sul solito motore di ricerca e leggere. Se i dati riportati per esempio su Wikipedia sono veri nel nostro bellissimo paese un italiano su tre non ha alcun titolo di studio e gli analfabeti sono numerosissimi.

    Come si fa ad utilizzare l'Adsl o un computer se non si sa leggere o scrivere?
  • - Scritto da: evocco
    >Se i dati
    > riportati per esempio su Wikipedia sono veri nel
    > nostro bellissimo paese un italiano su tre non ha
    > alcun titolo di studio e gli analfabeti sono
    > numerosissimi.
    >

    --->Se i dati riportati su Wikipedia FOSSERO veri.

    Dopo il 'se' quando esprimi un dubbio devi usare il congiuntivo.
    Cosa dicevi degli italiani?
    non+autenticato
  • - Scritto da: denti
    > - Scritto da: evocco
    > >Se i dati
    > > riportati per esempio su Wikipedia sono veri nel
    > > nostro bellissimo paese un italiano su tre non
    > ha
    > > alcun titolo di studio e gli analfabeti sono
    > > numerosissimi.
    > >
    >
    > --->Se i dati riportati su Wikipedia FOSSERO veri.
    >
    > Dopo il 'se' quando esprimi un dubbio devi usare
    > il congiuntivo.
    >
    > Cosa dicevi degli italiani?

    pwned


    http://vistabuntu.worpress.com
    non+autenticato
  • Lo sappiamo tutti ormai che l'Italia è agli ultimi posti in Europa per utilizzo di barda larga. Nonostante il basso numero di "widebander", quasi ogni giorno si verificano blocchi nell'accesso alla Rete. Quindi la domanda da farsi è: "Cosa succederebbe se la percentuale di accessi aumentasse di poco (diciamo fino al 50%) ?"

    L'ADSL dovrebbe essere considerato un servizio fondamentale (come l'acqua), ma se non si investe nelle infrastrutture, egoisticamente dico: "Meglio rimanere arretrati".

    PS: Qualcuno si ricorda delle promesse fatte da questo tizio sotto l'effetto di qualche droga ?
    http://www.repubblica.it/2005/c/sezioni/scienza_e_...
    non+autenticato
  • Io con la mia connessione non ho mai nessun problema. Cmq non è neanche vero che siamo agli ultimi posti. Il fatto è che in Italia leggiamo le statistiche sempre e solo nel modo piagnone style.
    non+autenticato
  • Se la "gente" italiana non si affretta ad andare su internet resterà preda facile di Studio Aperto ed Emilio Fede!

    Del piattume e del qualunquismo, e inizierà a credere che Bin laden e gli albanesi vorranno il loro scalpo pure se vivono a Boccachiavica o Cà de Cessi in prov. di Mantova.
    non+autenticato
  • Non a caso, Testa d'Asfalto per finanziare una serie di iniziative populiste ha tagliato 50 milioni di € destinati alla diffusione della banda larga; meno gggggggggggggente va su Internet, più gggggggggggggggente guarda Emilio Fede e Maria de Filippi ...
    non+autenticato
  • fibre ottiche tirate ma non allacciate, zone industriali con stranamente solo HDSL, zone urbane non fornite di adsl perchè a telecom non conviene, centraline telefoniche vecchie...
    e poi perchè la gente non usa la banda larga?
    per la cronaca, gli altri operatori chimano per l'adsl, ti convincono, confermi, ma poi dicono no perchè la zona non è coperta o comunque il canone telecom lo paghi lo stesso...
    non+autenticato
  • che questa cavolo di banda larga non c'è da tutte le parti.
    Sembra sia disponibile solo per pochi eletti in questo cavolo di paese!
    Modem e solo modem!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vincent
    > che questa cavolo di banda larga non c'è da tutte
    > le
    > parti.
    > Sembra sia disponibile solo per pochi eletti in
    > questo cavolo di
    > paese!
    > Modem e solo modem!!!


    Beh l'alternativa sarebbe la connessione gsm/umts. Peccato che i carrier telefonici, avendo fatto cartello, hanno delle tariffe da brivido.
    non+autenticato
  • > Beh l'alternativa sarebbe la connessione
    > gsm/umts. Peccato che i carrier telefonici,
    > avendo fatto cartello, hanno delle tariffe da
    > brivido.
    UMTS? E che cos'è??? Suvvia, non mi direte che siamo tutti coperti!!!!
  • - Scritto da: carobeppe
    > > Beh l'alternativa sarebbe la connessione
    > > gsm/umts. Peccato che i carrier telefonici,
    > > avendo fatto cartello, hanno delle tariffe da
    > > brivido.
    > UMTS? E che cos'è??? Suvvia, non mi direte che
    > siamo tutti
    > coperti!!!!

    Ho come il sospetto che la copertura UMTS sia migliore di quella ADSL. O forse è solo la visione distorta che ho dal mio punto di vista. Di ADSL nemmeno l'ombra (ovviamente a 300mt in linea d'aria da casa mia sono tranquillamente coperti) ma nella mia zona l'UMTS funziona perfettamente (Ovviamente a macchia di leopardo)
  • - Scritto da: DarkSchneider
    > - Scritto da: carobeppe
    > > > Beh l'alternativa sarebbe la connessione
    > > > gsm/umts. Peccato che i carrier telefonici,
    > > > avendo fatto cartello, hanno delle tariffe da
    > > > brivido.
    > > UMTS? E che cos'è??? Suvvia, non mi direte che
    > > siamo tutti
    > > coperti!!!!
    >
    > Ho come il sospetto che la copertura UMTS sia
    > migliore di quella ADSL. O forse è solo la
    > visione distorta che ho dal mio punto di vista.
    > Di ADSL nemmeno l'ombra (ovviamente a 300mt in
    > linea d'aria da casa mia sono tranquillamente
    > coperti) ma nella mia zona l'UMTS funziona
    > perfettamente (Ovviamente a macchia di
    > leopardo)

    Beh dalle mie parti l'UMTS non esiste da nessuna parte, né se sei coperto da ADSL né se non lo sei!
  • - Scritto da: Vincent
    > che questa cavolo di banda larga non c'è da tutte
    > le
    > parti.
    > Sembra sia disponibile solo per pochi eletti in
    > questo cavolo di
    > paese!
    > Modem e solo modem!!!

    rifletti:
    allo stato (telecom) cosa conviene di piu'?
    farti pagare (incassare) 30 euro al mese per la flat
    oppure
    farti pagare 1,20 euro per ogni ora di connessione?
    (le tariffe a tempo costano quasi come una flat e ti danno solo poche ore di navigazione)

    ecco perche la banda larga fatica ad arrivare..conviene solo ai cittadini, e non allo stato (telecom).

    quando avevo il modem spendevo circa 150/200 euro a bimestre...ora e spendo si e no 60....(per Internet dico eh)

    a me conviene, urca se conviene, a telecom mica lo soA bocca aperta

    ciau
    non+autenticato
  • Per non parlare di quando sfori con i MB.
    Soldi a palate!
    non+autenticato
  • Io ho la naviga 3 ovvero 5120 MB al mese basta controllarli sul sito per me è una semiflat !!
    Costo Euro 19 al mese HSDPA fino a 7,2 MB !!!
    Se aspettavo Telecom potrei fare tranquillamente il 2015 !!
  • - Scritto da: claudio75
    > Io ho la naviga 3 ovvero 5120 MB al mese basta
    > controllarli sul sito per me è una semiflat
    > !!
    > Costo Euro 19 al mese HSDPA fino a 7,2 MB !!!
    > Se aspettavo Telecom potrei fare tranquillamente
    > il 2015
    > !!

    Certo ma una adsl flat da 7mb costa uguale e senza limiti di traffico!
    Avevo sentito in una trasmissione tv persone a cui erano arrivate bollette spaventose da 3 a causa del software che fa i conteggi del traffico che sembra funzioni male. Per non parlare dei dialer e di tutte le problematiche legate alle connessioni a consumo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)