Chip flash, dal Giappone un elisir di lunga vita

Un team di scienziati giapponesi ha progettato una memoria NAND flash di nuova generazione capace di funzionare per decine di anni, consumare meno energia e fornire capacità più elevate. Il Santo Graal degli SSD?

Tokyo - È noto come le memorie NAND flash attualmente sul mercato, utilizzate sulle memory card e i dischi a stato solido, abbiano una vita relativamente breve, che generalmente non supera i 10 anni. Sebbene l'industria stia mettendo a punto chip NAND Flash sempre più longevi, dal Giappone arriva l'annuncio di una tecnologia che, se attuabile, potrebbe rappresentare una vera svolta per le memorie flash.

Un gruppo di scienziati del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology (AIST) sostiene di aver messo a punto, con la collaborazione dell'Università di Tokyo, chip di memoria NAND flash in grado di sopportare oltre 100 milioni di riscritture, con una vita media stimata di 100 anni. Dulcis in fundo, questi chip assorbono oltre tre volte meno energia di quelli tradizionali, contribuendo così a migliorare l'autonomia dei dispositivi mobili, e possono essere prodotti con densità assai superiori.

Come noto, le celle di una memoria NAND flash (costituite da un array di transistor) supportano un numero finito di riscritture, dopodiché cessano di funzionare: nelle economiche Flash MLC (Multi-Level Cell) questo limite è tipicamente di 10mila cicli di cancellazione/scrittura. Gli scienziati giapponesi affermano di essere riusciti ad abbattere questa limitazione grazie all'utilizzo di transistor FeFET (Ferroelectric Gate Field-Effect), che garantiscono una vita utile fino a 10mila volte superiore a quella dei transistor utilizzati nelle memorie flash convenzionali.
I ricercatori hanno poi spiegato che le celle di memoria basate su transistor FeFET possono essere programmate con tensioni di 6 V, contro i 20 V normalmente richiesti dalle odierne memorie NAND flash, e possono essere costruite con tecnologie di processo di 10-20 nanometri, contro i 30 nm dei normali chip flash.

Il team giapponese dell'AIST ritiene che i vantaggi forniti dai transistor FeFET possano finalmente colmare il gap che oggi separa le memorie flash dagli hard disk, e decretare una volta per tutte la fine dei dischi magnetici.

Ora non resta che stare a vedere se i chip flash con transistor FeFET possano tradursi in prodotti commerciali, e quanto tempo ci vorrà perché ciò accada.

(fonte immagine)
13 Commenti alla Notizia Chip flash, dal Giappone un elisir di lunga vita
Ordina
  • quanto costano?? o se le potrà usare solo la nasa e il laptop di gheddafi...?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ilmassi
    > quanto costano?? o se le potrà usare solo la nasa
    > e il laptop di
    > gheddafi...?

    la tecnologia produttiva è la stessa delle normali flash, per il costo è ovvio che più la domanda aumenta, più il costo diminuisce

    pure gli SSD l'anno scorso costavano uno sproposito oggi si sono più che dimezzati e in un altro anno arriveranno ai prezzi degli HD magnetici
    non+autenticato
  • Per non parlare del dettaglio della velocità di scrittura, che non è così irrilevante
    non+autenticato
  • Speculate sull'ignoto...
    Quando usciranno vedremo, non e' detto che una innovazione introduca PER FORZA deicosti aggiuntivi,non e' nemmeno detto che il materiale di cui sono composte sia piu' costoso e cosi' anche la semplice creazione.
    A volte si trova roba migliore,con medesimi processi produttivi e a costi inferiori.
    L'idea di possedere un pc con ram ultraveloce e hd con caratteristiche simili a me non dispiace...certo non voglio vandere casa per averloSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: qwerty
    > Per non parlare del dettaglio della velocità di
    > scrittura, che non è così
    > irrilevante

    già certo... ecco i soliti ingegneroni del forum di PI... così immagino che quando uscirono i primi hard disk voi avreste detti: "eh, ma costano troppo!" oppure "eh ma se cadono si rompono"... per fortuna che non tutti ragionano a questo modo...
    non+autenticato
  • Di promesse mirabolanti se ne sentono tutti i giorni o quasi:
    1. memorie olografiche
    2. Memorie magnetiche
    3. Altre evoluzioni delle Nand

    Tutte tecnologie che promettono Terabyte di memoria, velocissime e dai consumi limitati, tutto molto bello, ma finchè non sono disponibili realmente lasciano il tempo che trovano.
    L'unica cosa certa è che gli HD tradizionali hanno veramente i giorni contati, quanti siano questi giorni però per ora nessuno lo sa!
  • Di solito il porting di nuove tecnologie da laboratorio a "catena di montaggio" non è semplice: soliti conti di costi di produzione e miglioramento di essi per abbattere i costi applicati al cliente....

    >L'unica cosa certa è che gli HD tradizionali hanno >veramente i giorni contati, quanti siano questi giorni però >per ora nessuno lo sa!
    Quoto
  • Se ho letto bene la pubblicazione linkata dovrebbe esser in grado di sostituire anche la RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se fosse vero il sistema operativo avrebbe a disposizione molta più memoria e non dovrebbe decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una bella semplificazione e un bel guadagno di prestazioni.
    Vediamo quando arriverà su mercato sono molto curioso
    guast
    1319
  • - Scritto da: guast
    > Se ho letto bene la pubblicazione linkata
    > dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
    > RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se
    > fosse vero il sistema operativo avrebbe a
    > disposizione molta più memoria e non dovrebbe
    > decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
    > bella semplificazione e un bel guadagno di
    > prestazioni.
    >
    > Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
    > curioso

    La MRAM magnetica esiste già in prototipi avanzati e fa la stessa cosa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > - Scritto da: guast
    > > Se ho letto bene la pubblicazione linkata
    > > dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
    > > RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente.
    > Se
    > > fosse vero il sistema operativo avrebbe a
    > > disposizione molta più memoria e non dovrebbe
    > > decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
    > > bella semplificazione e un bel guadagno di
    > > prestazioni.
    > >
    > > Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
    > > curioso
    >
    > La MRAM magnetica esiste già in prototipi
    > avanzati e fa la stessa
    > cosa.


    http://www.mram-info.com/


    MRAM: new memory technology, based on electron spin. MRAM promises to bring non-volatile, low-power, high speed memory, and at a low cost, too. MRAM is called "the holy grail" of memory, and has the potential to replace FLASH, DRAM and even hard-discs.
    non+autenticato
  • - Scritto da: guast
    > Se ho letto bene la pubblicazione linkata
    > dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
    > RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se
    > fosse vero il sistema operativo avrebbe a
    > disposizione molta più memoria e non dovrebbe
    > decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
    > bella semplificazione e un bel guadagno di
    > prestazioni.
    >
    > Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
    > curioso

    E con questa tecnolgia sarà sancita la morte definitiva delle brutture opensorcie.
    Solo i prodotti delle aziende serie, come Microsoft, sarà in grado di utilizzarla.
    Windows rulez!!!

    Andrea Win Fan WindowsFan WindowsFan Windows
    non+autenticato
  • Su un punto non hai tutti i torti.
    Vista la schifosa gestione della memoria virtuale Windows avrebbe molto da guadagnare
    guast
    1319
  • - Scritto da: Andrea Win
    > - Scritto da: guast
    > > Se ho letto bene la pubblicazione linkata
    > > dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
    > > RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente.
    > Se
    > > fosse vero il sistema operativo avrebbe a
    > > disposizione molta più memoria e non dovrebbe
    > > decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
    > > bella semplificazione e un bel guadagno di
    > > prestazioni.
    > >
    > > Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
    > > curioso
    >
    > E con questa tecnolgia sarà sancita la morte
    > definitiva delle brutture
    > opensorcie.
    > Solo i prodotti delle aziende serie, come
    > Microsoft, sarà in grado di
    > utilizzarla.
    > Windows rulez!!!

    L'argomento mi sembra abbastanza serio.
    Ritengo alquanto fuori luogo la tua provocazione.
    Non mi sembra che qualcuno abbia tirato in ballo in tipo di O.S. da te osannato.
    non+autenticato