Dario Bonacina

L'SMS regna ancora sovrano

Una ricerca di Yankee Group spiega che il messaggino č l'applicazione dati preferita dagli utenti di telefonia mobile

Roma - La popolarità dell'SMS non accenna a diminuire, anzi è l'applicazione di comunicazione maggiormente utilizzata dagli utenti di telefonia mobile: è quanto emerge da una ricerca condotta da Yankee Group. Secondo Patrick Monaghan, analista della società, c'è un numero particolarmente significativo che lo dimostra: su base settimanale, il 45 per cento degli intervistati ha dichiarato di utilizzare i messaggi di testo, preferendoli ad altre applicazioni dati.

L'utilizzo degli SMS supera qualunque offerta di servizio dati: circa il 12% degli utenti dichiara di utilizzare la mail settimanalmente, mentre solo l'11% dichiara di navigare in Internet. Sono pochi coloro che arrivano ad utilizzare altre applicazioni appartenenti a mercati ancora "giovani", come e-banking (3%) e navigazione satellitare (5%).

La crescita anno dopo anno può sembrare impressionante, ma la realtà delle applicazioni dati rispecchia un utilizzo ancora poco diffuso, scrive
TMCnet.com citando Patrick Monaghan. Dallo scorso anno, l'uso della posta elettronica da cellulari è cresciuto del 71%, la navigazione su web del 57%. La fruizione di servizi TV è raddoppiata, passando dal 2 al 4% degli utenti. Ma solamente il 5,7% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare lo smartphone o il cellulare per andare su Internet in mobilità.
Rispetto a dieci anni fa, il bacino di utenza si è allargato e si sono ampliate le fasce d'età: oggi il telefono cellulare non è un tabù neppure per i bambini, tanto che - evidenzia sempre Yankee Group - si evidenzia un 21% di utenza "infantile", che parte dall'età di cinque anni, e l'82% dei figli degli intervistati, con età compresa tra i 16 e i 17 anni, ha dichiarato di possedere un telefonino. Giovani di età compresa tra i 13 e 17 anni hanno rivelato di utilizzare i messaggi di testo più delle chiamate vocali, mentre circa il 63% afferma di inviare almeno un SMS al giorno.

Il mercato dei messaggi di testo rimane sempre fiorente, nonostante la (tecnologicamente) veneranda età degli SMS, che quest'anno compiono 16 anni di apprezzato servizio. E questo spiega perché gli operatori di telefonia mobile hanno molto a cuore il business legato a questa applicazione, che porta nelle loro casse profitti di primissimo rilievo.

Dario Bonacina