Luca Annunziata

Rimborso Windows, ma in silenzio

Il produttore asiatico Lenovo chiede la firma di un accordo di riservatezza per liquidare. L'utente rifiuta e non se ne fa niente. Ma in suo soccorso giunge una community

Roma - Richiedere il rimborso del sistema operativo preinstallato sul proprio PC si può, ma solo se il cliente accetta di tenere tutto segreto. Questo è quanto afferma di essersi visto proporre Kamil Pral, consumatore della Repubblica Ceca, dalla filiale locale di Lenovo: acquistato un laptop del produttore asiatico, non ha gradito la versione di Windows Vista che vi ha trovato a bordo, e ha chiesto di poterla rimuovere. La trattativa sarebbe saltata per il suo diniego di firmare un NDA (non-disclosure agreement), vale a dire un accordo che implica la riservatezza.

La saga di Kamil inizia lo scorso maggio, quando acquista un Lenovo ThinkPad R61: un portatile molto ben carrozzato, con processore fino a 2,2GHz e scheda grafica Nvidia Quadro. A bordo, oltre a RAM e masterizzatore DVD, c'è anche Windows Vista Business: Kamil è un utente Linux e, sfruttando le condizioni mostrate dalla licenza EULA che bisogna accettare per iniziare ad usare il laptop, opta per il rimborso offerto, contando di non utilizzare il sistema operativo prodotto da Microsoft.

Si tratta di una procedura non sempre nota agli acquirenti di PC e notebook, che in alcuni casi tendono a considerare la fornitura di un sistema operativo Windows come una dotazione standard del proprio computer. Eppure, oltre alla licenza che invita espressamente a rivolgersi al rivenditore per ottenere un rimborso, all'estero esistono sentenze giudiziarie che chiariscono l'assoluta liceità di questa pratica. Non avviene lo stesso in Italia, dove si tratta invece ancora di una questione dibattuta.
Lo stesso dicasi, evidentemente, per la Repubblica Ceca. L'intera procedura, piuttosto lunga e complessa a giudicare dalle parole di Kamil, ha richiesto quasi 10 settimane per giungere a una conclusione: all'utente è stato chiesto di firmare un modulo di non divulgazione dei termini dell'accordo in cambio di un rimborso pari a 1.950 corone ceche (poco meno di 80 euro). Condizioni che Kamil non ha accettato, preferendo invece raccontare online la sua versione dell'accaduto.

La sua vicenda è stata pubblicata sul sito ceco AbcLinuxu.cz, che si è anche offerto di compensare lo sforzo di Kamil con un pagamento di 1.950 corone ceche in virtù dell'articolo da lui prodotto.

Luca Annunziata
313 Commenti alla Notizia Rimborso Windows, ma in silenzio
Ordina
  • Tra i produttori hw e la MS e altri produttori sw vi sono degli accordi commerciali che portano guadagno ad entrambi con il meccanismo delle commissioni: ovvero più mi fai vendere più io ti pago una % sul venduto.
    Questo fatto fa si che si crei un circolo vizioso che spinge i vari soggetti a massimizzare gli incassi spesso anche ostacolando procedure come il rimborso o ponendo contratti non esattamente "onesti" vedi NDA.
    Tutte queste azioni sono pensate per ostacolare l'utente finale nell'avvalersi dei propri diritti.
    Alcuni in questa discussione hanno fatto notare le sentenze in ambito internazionale contro la M$ per atteggiamento "monopolistico", oltre alla legge francese che chiarisce bene la differenza tra sw e hw.
    Inoltre vi sono sentenze italiane che provano senza dubbio che i produttori hw fanno i furbetti propria iniziativa senza che la M$ ne sia ( apparente) conivolta direttamente.
    Purtroppo alcuni amici che lavorano nel settore Informatico con cui ho spesso contatti,   mi hanno reso partecipe di azioni definiamole vessatorie per non favorire il rimborso di Windows. Se ciò sia vero o no fino in fondo faccio fatica sinceramente a capirlo, dal momento che in io stesso in un centro commerciale avevo chiesto chiarimenti in merito alle procedure di rimborso del sistema operativo.Mi avevano risposto che già si erano informati da M$ italia per avere loro stessi delucidazioni la quale però aveva espressamente vietato loro tale pratica. Ora mi chiedo:
    A chi devo credere, al centro commerciale il quale dubito percepisca delle commissioni sui sistemi preinstallati o a chi difende M$ a spada tratta? Spesso a pensare male ci si becca.
    Di fatto la M$ ha interesse a compiere questo tipo di azioni in modo " più o meno ufficiale" e le varie cause nei suoi confronti penso lo testimoniano, perchè in Italia dove nessuno vigila su ste cose dovrebbe avere un atteggiamento diverso?
    La M$ ha sempre definito l'opensource un cancro per il sw proprietario però poi ne finanzia alcuni progetti come Apache. Rimodula le licenze di Xp modificando le speciche hw su cui è permesso ( dico permesso e non si parla di hw minino) installare Xp per far fronte al crescente diffondersi di Linux.
    In tutte queste notizie, ed in altre penso che si possa vedere chiaramente un'azione commerciale di un monopolista ( vedi sempre le varie cause antithrust) che trovandosi a competere con altri soggetti pericolosi commercialmente, si comporta più o meno correttamente.
    Secondo voi ho visto proprio male?
    Il fatto è che al giorno d'oggi a causa sempre di questi nuovi sistemi operativi Linux-based vengono a galla delle falle economico-legali che in una situazione di mercato praticamente monotematico-monopolistica degli anni precedenti non si erano mai evidenziate. Ora gli utenti stanno capendo che hanno dei diritti e delle alternative e vogliono poter scegliere.

    Una soluzione già indicata in questa discussione potrebbe essere:
    Vendere a parte la licenza di Win (come optional come si fa con le macchine NDR) con tanto di codice di attivazione o cd(dvd) autoinstallanti e con tutti i vari sw in demo/attivabili che però decidi tu se installare o meno. Questo darebbe un'oretta in più di lavoro agli utenti finali che comunque si tratterebbe solo di inserire un cd e lasciarlo fare...tipo per il ripristino di sistema.Difficile? non penso..tanto gli utenti Win sono addestrati in quest'opera.. O siamo diventati tutti delle amebe? tanto ci hanno abituato a far di peggio!!

    Questo la M$ e gli altri produttori di sw non lo vogliono assolutamente perchè vedrebbero 3 cose:
    1: la drastica diminuzione delle copie vendute con i pc preinstallate
    2: essere costretti ad abbassare il costo del singolo prodotto.
    3: cambiare il proprio sistema di business basato quasi solo sul prodotto..
    5: l'apparizione di altri soggetti minori che hanno il mercato bloccato dai colossi perchè si potrebbero inserire più demo ad es di antivirus diversi.
    4: altre ed eventuali che non mi vengono in mente ora..
    Quello che verrebbe naturalmente in un mercato aperto e concorrenziale e non in un mercato monopolistico.
    Sono forse troppo allucinato in questa mia lettura?
    Forse però questo è il motivo che molte cause volte a ristabilire un equilibrio in un settore come quello informatico hanno spesso esito positivo nei confronti dei soggetti accusatori, vedi le cause citate sopra..
    Che ci aspetta il futuro?
    Io penso e spero un riequilibrio della situazione, però la cosa sarà lunga e contrassegnata da numerose altre cause anti monopolio.
    ciao
    non+autenticato
  • sopratutto quando costa windows OEM a quesi grossisti che penso che ne comprino a migliaia a botto.

    Io un windows OEM lo trovo ( licenza singola ) a circa 85 euro ( Vista Home Premium ) .
  • a loro la MS gliela passa 20-25 $...che al cambio sono una cifra GIUSTA. è al singolo user che poi calano il palo...

    Una OEM a em non la danno se non con un pc completo..mentre per la retail vogliono sangue ed occhi...

    Li ho mandati a cagher con vista ultimate stra-piratato con tanto di validazione del WGA...LOL (che uso solo per giocare quando ne ho voglia) e per il resto LINUX
  • Io vi firmo un assegno in bianco e voi mi vendete quello che vi pare al prezzo che + vi piace.

    E' il risultato del libero mercato.
  • Vorrei cambiare portatile ma non lo faccio. ASPETTO, piuttosto che chiedere il rimborso.

    Questo è il vero gesto da compiersi se non si è soddisfatti, non fare andare avanti un mercato azzoppato grazie al rimborso. NON SI ACQUISTA ... STOP !!!

    Ho un portatile del 1999 e me lo tengo con su Linux.
    Appena avrò libera scelta di S.O. finalmente mi recherò nuovamente presso un rivenditore e valuterò il prodotto migliore.

    Ma è mai possibile che nel mercato delle automobili tutte le marche vendono auto con ruote solo della Pirelli ?
  • - Scritto da: Aktarus
    > Vorrei cambiare portatile ma non lo faccio.
    > ASPETTO, piuttosto che chiedere il
    > rimborso.
    >
    > Questo è il vero gesto da compiersi se non si è
    > soddisfatti, non fare andare avanti un mercato
    > azzoppato grazie al rimborso. NON SI ACQUISTA ...
    > STOP
    > !!!
    >
    > Ho un portatile del 1999 e me lo tengo con su
    > Linux.
    > Appena avrò libera scelta di S.O. finalmente mi
    > recherò nuovamente presso un rivenditore e
    > valuterò il prodotto
    > migliore.
    >
    > Ma è mai possibile che nel mercato delle
    > automobili tutte le marche vendono auto con ruote
    > solo della Pirelli
    > ?

    Quoto abbestia: sono 3 anni che rinvio l'acquisto per questi motivi.
  • poi si dice ke nn c'è "religione" o "moda" o "tendenze" dietro certi atteggiamenti... si mette da parte il senso pratico e la realtà per seguire "ideali"
    non+autenticato
  • Messa così, sembra che per te un ideale sia una moda o una tendenza.

    Io ho l'ideale dell'onestaà, l'ideale di non dare mai soldi ai ladri agli sfruttatori ai monopolisti e agli aguzzini.
    E mi comporto di conseguenza.

    Ah ma per te questa è una "moda"...
  • - Scritto da: Senbee
    > Messa così, sembra che per te un ideale sia una
    > moda o una
    > tendenza.
    >
    > Io ho l'ideale dell'onestaà, l'ideale di non dare
    > mai soldi ai ladri agli sfruttatori ai
    > monopolisti e agli
    > aguzzini.
    > E mi comporto di conseguenza.
    >
    > Ah ma per te questa è una "moda"...

    Allora immagino che per non dare soldi agli sfruttatori e ai monopolisti abiti in una capanna nel bosco, senza corrente elettrica e con vestiti che produci con la lana delle tue pecore e ti nutri dei cibi che produci autonomamente, ecc

    mah
    non+autenticato
  • oh ma che risposta intelligente... "visto che non posso fare almeno un po' di bene, tanto vale che non lo faccia per niente": ottimo modo di pensare, eh...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fabio
    > oh ma che risposta intelligente...
    "visto che non
    > posso fare almeno un po' di bene, tanto vale che
    > non lo faccia per niente": ottimo modo di
    > pensare,
    > eh...

    Adesso abbiamo capito che il tuo è il top.

    maddai.
    non+autenticato
  • Se ho un'alternativa onesta, non scelgo quella disonesta per moda. In questi termini ti è più chiaro il concetto?

    Un fisso con su Linux + un subnotebook Linux per i momenti in cui ho bisogno di mobilità. Costo identico a un singolo notebook con Vista.
    Se l'alternativa onesta c'è, viva l'onestà.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 settembre 2008 13.20
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Senbee
    > Se ho un'alternativa onesta, non scelgo quella
    > disonesta per moda. In questi termini ti è più
    > chiaro il
    > concetto?
    >

    Che non è proprio la stessa cosa che scrivere "l'ideale di non dare mai soldi ai ladri agli sfruttatori ai monopolisti e agli aguzzini."..dato che non hai certezze di quello che sta dietro ad un prodotto.

    mah


    > Un fisso con su Linux + un subnotebook Linux per
    > i momenti in cui ho bisogno di mobilità. Costo
    > identico a un singolo notebook con Vista.
    >
    > Se l'alternativa onesta c'è, viva l'onestà.

    Vedi sopra.

    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 03 settembre 2008 13.20
    > --------------------------------------------------

    Oppure si vede che passi il tempo a verificare l'azionariato delle società che producono i vari beni prima di procedere all'acquisto.

    bah 2
    non+autenticato
  • Non ci vuole un commercialista per leggere su un giornale delle multe che Microsoft si prende dall'antitrust.
  • - Scritto da: Senbee
    > Non ci vuole un commercialista per leggere su un
    > giornale delle multe che Microsoft si prende
    > dall'antitrust.

    Risposta sempliciotta che accontenta solo te.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)