La retorica della pirateria

di Leonardo Maccari - Ma se il mercato della cultura vive dei denari dei contribuenti non Ŕ forse esagerato parlare di pirati, rieducazione e inciviltÓ sociale?

La retorica della pirateriaRoma - ll 28 agosto si è tenuto a Venezia il congresso Lotta alla pirateria e tutela dell'industria culturale italiana, organizzato dalla Direzione Generale per il Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e da Cinecittà Holding. ╚ proprio quest'ultima che dal suo sito ci fa un riassunto dei temi trattati nel convegno, a cui hanno partecipato rappresentanti del governo e di tutte le associazioni di produttori e distributori di cultura.

I temi centrali del dibattito sono stati i danni che la pirateria arreca al mercato (stimati da MPAA in 7 miliardi di dollari in tutto il mondo solo per la pirateria online) e le modalità per combattere questo cancro. In particolare, la ricetta di Giorgio Assumma, presidente SIAE, prevede tra le altre cose di:
investire anche i Prefetti di ampi poteri amministrativi, rivalutando l'antico principio giuridico della colpa in vigilando che colpisce i genitori dei minori sorpresi ad acquistare prodotti contraffatti o abusivamente duplicati o individuati nello scaricamento illegale di opere protette da Internet; gli stessi ragazzi responsabili di illeciti dovrebbero poi svolgere delle prestazioni con finalità sociale, come, ad esempio, ripulire i monumenti da scritte sicuramente poco artistiche o accompagnare un anziano o un disabile nelle proprie attività fuori dalla propria abitazione
ma anche:
istituire corsi obbligatori di educazione civica nelle scuole: non tener conto dei diritti degli autori, lavoratori al pari di altri, rubando le loro opere con la pirateria è infatti un vero e proprio fenomeno di inciviltà sociale da sconfiggere
Insomma, il mercato è in crisi e la colpa, tra gli altri, è dei ragazzi che rubano le opere con la pirateria e dei loro genitori. Immancabile la risposta del governo: Gianni Letta ha già predisposto un tavolo tecnico che partirà ad ottobre, tra i suoi scopi studiare forme nuove di contrasto alla pirateria digitale.

Due parole chiave dunque, mercato e pirati. Il primo potrebbe produrre e distribuire cultura per tutti, ma i secondi glielo impediscono. Viene la curiosità di capire quanto questo sia vero e, fortunatamente, troviamo in rete molti strumenti per aiutarci a capire. Cominciamo dal mercato, e andiamo a vedere dal sito dell'ANICA le statistiche riguardanti il mercato del cinema e dei botteghini. Sorprendentemente, dalle cifre per l'anno 2007 emerge un panorama piuttosto incoraggiante. Nel 2007 in Italia sono stati prodotti con investimenti interamente o parzialmente Italiani 121 film, 5 in più del 2006. L'incasso totale ai botteghini è stato di circa 617 milioni di euro, il 12% in più del 2006, per i soli film italiani l'incasso è aumentato del 44%.
Se si guardano i dati degli anni precedenti, a parte una leggera flessione del 2003, gli incassi dei film italiani sono sempre in crescita, passati da 91 milioni nel 2001 a 195 nel 2007, analogamente la presenza di pubblico aumenta da 16 a 33 milioni.

Lo stesso non si può dire per il mercato della musica, il sito della FIMI ci offre le statistiche per gli ultimi anni. Consideriamo il periodo 2004-2007, il mercato off-line è passato da un fatturato di 280 milioni di euro a 196 milioni, solo in parte compensato dall'aumento del mercato online (singoli, album, suonerie ecc..), di cui non ci sono dati per il 2004 ma che ha prodotto circa 14 milioni nel 2007. La discesa peraltro inizia già dagli anni precedenti ed è trainata soprattutto dalle minori vendite di CD.

L'appello delle associazioni verso lo Stato è chiaro: combattete la pirateria perché frena il mercato e, se il mercato frena, la produzione di cultura in Italia si arresta. C'è un'attenzione specifica al mercato, che secondo i produttori è lo strumento che può portare la cultura nelle nostre case, a patto che lo si difenda dai pirati. Ci sono alcune cose che un liberista, che crede veramente nel mercato, odia profondamente: due tra queste sono le imposte ed i sussidi statali.
Le prime perché limitano i profitti, le seconde perché turbano il mercato e favoriscono un settore al posto di un altro. Certo, su questi temi non si può essere sempre oltranzisti: l'ANICA ci informa che nel 2007 lo Stato ha speso 63 milioni di euro in contributi statali alla produzione di film, ovvero il 20% degli investimenti totali. Una parte di questi soldi dovranno essere restituiti dal produttore allo stato in funzione degli incassi al botteghino, ma questo raramente si verifica, se ne è occupato Report in passato. Lo stato quindi finanzia un quinto delle spese di un mercato in crescita con lo scopo, legittimo, di incentivare la produzione culturale. Non solo, a questi soldi ne vanno aggiunti altri per finanziamenti indiretti, come quelli spesi per i festival. Dal mio punto di vista è giusto che lo stato investa nella cultura, ma si comincia a intravedere qualche scricchiolio nel quadro che ci viene presentato.

Andiamo avanti, un altro tema di cui in passato si è discusso molto è il notorio equo compenso sui supporti vergini. Ogni volta che comprate un supporto vergine, un CD, un DVD, una cassetta di qualsiasi tipo o un apparto per la registrazione, al prezzo dell'oggetto viene aggiunta una quota. La quota dipende dalla natura dell'oggetto e verrà ripartita dalla SIAE tra gli autori. Secondo l'ASMI, la associazione dei produttori di supporti magnetici, l'incremento dell'equo compenso avvenuto nel 2004 ha portato ad un crollo del mercato del 27.5% dei supporti ottici. Basandosi sui dati di vendita per il 2004 pubblicati da ASMI, è facile fare altri due conti: nel 2004 sono stati venduti 132 milioni di CD e 35 di DVD, per un equo compenso di 29 e 58 centesimi (più Iva), fanno circa una sessantina di milioni nelle casse SIAE, all'anno, dal 2004. Ben oltre quello che il mercato dei CD perde ogni anno. A questi soldi dovrebbero essere aggiunti anche i compensi applicati su masterizzatori ed altri apparati di riproduzione, di cui però non ci sono dati pubblici.

Parrebbe quindi che il mercato da difendere sia in realtà molto poco libero, anzi, sia già sorretto da politiche statali (sussidi e compensi) che lo favoriscono anche a costo di mettere in crisi altri settori, come quello dei supporti vergini. Non a caso nel cinema (come nella musica), i dati di mercato mostrano un sistema molto poco concorrenziale, con i primi 4 distributori che occupano il 55% del fatturato e gli ultimi 10 che si spartiscono poco meno del 4%.

Arriviamo adesso al secondo termine, il pirata. Un ragazzo che scarica o condivide un mp3 su Internet dovrebbe essere rieducato, secondo Assumma, perchè non rispetta i diritti degli autori. Fermiamoci un momento a riflettere su quante volte i diritti degli autori vengono rispettati nella catena che porta un film dalla produzione fino ad un negozio di DVD. ╚ interessante capire se effettivamente il ragazzo in questione, che per legge non ha nessun diritto sull'opera, potrebbe idealmente rivendicarne qualcuno.

1. Come abbiamo visto, tutti i contribuenti finanziano la produzione di film, per il 20% del totale degli investimenti.
2. Chi va al cinema, finanzia i produttori con una parte del biglietto.
3. Se il film viene trasmesso dalla RAI, il nostro canone viene in parte speso per pagare i diritti correlati
4. Il DVD sul quale viene stampato, ha un prezzo maggiorato per l'equo compenso. Allo stesso modo, anche tutti gli altri DVD che compriamo hanno lo stesso sovrapprezzo, anche se ci salviamo il video delle nostre vacanze.
5. Infine, il DVD costerà almeno una decina di euro.

Ora, visto che almeno tre di questi passaggi non dipendono dalla volontà dell'utente, viene da pensare che forse un vero mercato della cultura non esiste, ma che la produzione di film, musica, ma anche altri tipi di opere sia in parte consistente caricata sulle spalle di tutti. Se così è, non è anche un po' esagerato parlare di pirati, rieducazione e inciviltà sociale?

Osservando questi dati si può capire che le posizioni dell'industria dell'entertainment non sono veramente collegate ad un interesse generale, quanto al mantenimento delle loro posizioni dominanti nel mercato. Ma come si può rispondere a queste pretese? Un buon punto di partenza sarebbe chiedere che le opere pubblicate e prodotte con una forte quota di finanziamenti statali siano restituite al pubblico in tempi brevi. Avrebbe senso se la pubblica amministrazione distribuisse i contenuti che vengono realizzati con i soldi dei contribuenti con delle licenze che restituiscano ai contribuenti stessi i diritti per usarli con maggiore libertà, ad esempio licenze Creative Commons. Per alcuni contesti questo potrebbe avvenire da subito (ad esempio per i siti istituzionali). Per altri contesti in cui l'aspetto economico assume più rilevanza si potrebbe attendere un lasso di tempo più lungo. Non ci sarebbe bisogno quindi di cambiare nessuna legge sul copyright, semplicemente, un telefilm prodotto dalla RAI con i nostri soldi, potrebbe essere rilasciato con una licenza CC dopo, ad esempio, due anni.

Il posto migliore dove discutere una proposta del genere sarebbe sicuramente il tavolo tecnico indetto dal governo, richiedendo che vi possano partecipare anche delle associazioni di consumatori o altri rappresentanti di interessi più diffusi. Non sarebbe una novità, con il governo Prodi nella commissione Gambino hanno partecipato anche persone dal network di FrontiereDigitali. Perché non fare un tentativo anche con il nuovo tavolo tecnico presieduto da Gianni Letta?

Leonardo Maccari
altre riflessioni su questi temi su leonardo.lilik.it
148 Commenti alla Notizia La retorica della pirateria
Ordina
  • Non dimentichiamo poi le feste ed i concerti di paese dove sempre più sindaci si improvvisano manager ed organizzano eventi con cantanti italiani ed internazionali... ovviamente con i soldi dei loro concittadini.
    non+autenticato
  • A sentire certi discorsi sembra quasi che il pirata sia paragonabile ad un ladro che si intrufola nella casa di uno sconosciuto e porta via la refurtiva...

    facciamoci invece due conti, al netto di considerazioni legali (come la sovratassa sui dvd di cui si parla nell'articolo) che portano dritti in un tunnel di diritti/doveri senza possibilità di sbocco. Limitandoci invece ad una analisi puramente economica, la prima considerazione è che il pirata non ruba a mani nude. Usa un computer, che, probabilmente, non è rubato. Paga un abbonamento ad un provider, presumibilmente una banda larga, e probabilmente con modalità flat. Se scarica musica è ragionevole pensare che abbia anche un impianto audio, 2 o 5 satelliti, hi fi, surround, quale che sia non ha importanza!
    E se la musica la scarica per metterla sul suo supporto mobile? L'ipod non costa mica poco eh...
    tutte cose il cui prezzo supera di parecchio un minimo margine di guadagno da parte del venditore, e per questo più che scontabili. La logica conseguenza è che molti soldi che il pirata spende per dotarsi della necessaria attrezzatura per scaricare è grasso che cola, e cola dritto nelle tasche di enti o aziende che non solo non hanno alcun interesse nella questione della pirateria, quanto se ne avvantaggiano pure.

    E allora, fatte da un lato queste considerazioni, e affiancando ad esse dall'altro tutte quelle fatte sui costi troppo alti dei cd. dvd, libri originali è evidente che ci troviamo di fronte ad una forbice troppo ampia e pericolosamente affilata, e che trasforma un potenziale consumatore in un temibile pirata.

    Ridurre i costi delle copie originali e destinare parte dei costi fissi o mensili (tutt'altro che bassi) che il pirata affronta per l'equipaggiamento ai consorzi che tutelano i diritti d'autore (siae?) accontenterebbero gli uni e gli altri restringendo la forbice e trasformando il pirata in un downloader regolare e probabilmente rinverdendo anche i fasti del mercato off-line!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco
    > A sentire certi discorsi sembra quasi che il
    > pirata sia paragonabile ad un ladro che si
    > intrufola nella casa di uno sconosciuto e porta
    > via la refurtiva...
    >
    >
    > facciamoci invece due conti, al netto di
    > considerazioni legali (come la sovratassa sui dvd
    > di cui si parla nell'articolo) che portano dritti
    > in un tunnel di diritti/doveri senza possibilità
    > di sbocco.

    No, le considerazioni che hai fatto successivamente esulano dall'argomento principale e dovrebbero essere affrontate in una sede a parte.
    Una delle questioni sollevate è che il pirata di 10 CD/DVD è considerato alla stregua di quello da 100.000 CD/DVD.
    E questo è indice di profonda ignoranza che genera solo aria fritta.
    non+autenticato
  • Gli stessi artisti, che sono insider profondi delle major, una volta scoperti i loro tranelli e se hanno la coscienza pulita dicono "scaricate il mio album!". C'è un motivo. E trent reznor è solo l'ultimo che ho sentito dire così.

    Non è una scusa per scaricare (ho un centinaio di cd originali), ma in ogni caso la pirateria DIFFONDE la cultura, perchè spendendo 15€ a cd non puoi permetterti di studiare più artisti, e avere una più ampia visione sul genere.

    Nel mio caso, per fortuna o purtroppo, la pirateria ha alimentato i guadagni delle major. Un disco mi piaceva molto? Lo compravo. Un disco faceva cagare? Non lo prendevo. E i sample di 1 minuto non bastano.

    Il problema è alla radice, non alla pirateria.
    non+autenticato
  • Ogni giorno a qualsiasi ora si svolge da qualche parte una festa.

    Durante ogni festa vengono suonati brani coperti da diritti d'autore, in un bizzarro modello per cui la replica di un'opera già pagata porta incassi vita natural durante e oltre ad autore e soprattutto editori.

    Questo vuol dire che senza far nulla anche in questo istante autori ed editori stanno incassando soldi.

    Quando si parla di "rieducare" i giovani al copyright cosa si intende? Gli si andrà a raccontare di quante e quali fonti di guadagno giovano gli artisti e soprattutto la FILIERA (case discografiche, editori, ecc)?

    E quando il giovane farà il confronto col padre che lavora 8 ore al giorno 48 settimane l'anno pensate che deciderà di pagare i CD 40 euro l'uno sapendo che anche non facendolo gli artisti e le case discografiche continueranno a incassare soldi per ogni passaggio radio, passaggio tv, esibizione, esecuzione a una festa, ecc?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Daniel Jackson
    > Ogni giorno a qualsiasi ora si svolge da qualche
    > parte una festa.
    >
    > Durante ogni festa vengono suonati brani coperti
    > da diritti d'autore, in un bizzarro modello per
    > cui la replica di un'opera già pagata porta
    > incassi vita natural durante e oltre ad autore e
    > soprattutto editori.
    >
    > Questo vuol dire che senza far nulla anche in
    > questo istante autori ed editori stanno
    > incassando soldi.

    Ecco dove sta la "magia": la tecnologia e le leggi sul diritto d'autore, permettono di amplificare i guadagni e campare di rendita, a vita e anche dopo.
    Certe leggi, palesemente inique, forniscono le migliori scuse a chi vuole scaricare e basta.

    E poi di questi tempi, la vita dorata dei vari vip dello spettacolo, stride parecchio con quella di tutto il resto degli italiani che arranca.

    > Quando si parla di "rieducare" i giovani al
    > copyright cosa si intende? Gli si andrà a
    > raccontare di quante e quali fonti di guadagno
    > giovano gli artisti e soprattutto la FILIERA
    > (case discografiche, editori, ecc)?

    Si dovrebbe prima rieducare la gente di quel mondo ad una vita senza sfregi, e poi magari, il loro buon esempio porterà la moralità che tanti auspicano, fino a fare breccia nei cuori degli scaricatori del p2p.
  • "nel 2007 lo Stato ha speso 63 milioni di euro in contributi statali alla produzione di film"
    VERGOGNA!!! con tutte le difficoltà economiche che deve affrontare l'Italia in questi anni vanno a dare contributi statali alla produzione di film? e poi come stabilire a chi darli e a chi no? con che criterio? se avessero usato gli stessi soldi per diminuire le tasse alla popolazione, magari ora gli italiani spenderebbero di più in film e musica, premiando in modo diretto i film o le canzoni che piacciono di più: la democrazia è anche questo, ogni acquisto dovrebbe essere visto come un voto.

    "istituire corsi obbligatori di educazione civica nelle scuole: non tener conto dei diritti degli autori, lavoratori al pari di altri, rubando le loro opere con la pirateria è infatti un vero e proprio fenomeno di inciviltà sociale da sconfiggere"
    rubare, che paroloni! e che squallore al solo pensiero che vengano istituiti nelle scuole corsi obbligatori antipirateria! la SIAE è una associazione a delinquere, è lei la prima a rubare agli italiani! è una truffa, una società privata che detiene il monopolio su un servizio pubblico, la gestione dei diritti d'autore, grazie alle leggi. semmai si dovrebbe insegnare nelle scuole a come scaricare gratis gli mp3 da emule. non c'è niente di illegale: è solo uno scambio naturale tra persone.
    senza poi dimenticare che è ancora da dimostrare che il p2p faccia veramente diminuire le vendite. ok è vero, loro contano i danni in questo modo: se tutto quello che la gente ha scaricato lo avesse comprato, noi avremmo guadagnato x, quindi il p2p ci danneggia l'industria di x, ma questo non è vero, perchè non è assolutamente detto che tutto quello che uno scarica lo avrebbe comprato se non avesse potuto scaricarlo. inoltre spesso, e confermo spesso, uno scarica un album perchè è curioso di ascoltarlo tutto, e poi se gli piace è ben contento di comprarlo originale, quindi non è vero che il p2p danneggia sempre il mercato, anzi, spesso lo promuove.
    se le vendite calano non bisogna puntare il dito solo contro la pirateria: sicuramente qualcosa influirà, ma non credo così tanto come vogliono farci credere. le vendite calano perchè il rapporto qualità prezzo cala, e il rapporto qualità prezzo cala perchè la qualità cala e il prezzo aumenta.
    se si vuole contribuire veramente alla cultura occorre agire su questo: non serve fornire contributi statali a tizio o a caio perchè amici di questo o quel membro della commissione che si occupa della ripartizione dei contributi statali, ma occorrono provvedimenti che lascino la scelta direttamente nelle mani dei consumatori.
    invece di istituire contributi statali, diminuiamo l'iva, o togliamola del tutto, indistintamente su tutti i cd e i film, così come già avviene per i libri, diminuiamo il potere della siae, facciamo in modo che non sia una associazione a delinquere monopolista legalizzata, anzi, proprio sostenuta dalle leggi, facciamo in modo che ci sia una quota massima congrua su quello che la siae e le case discografiche possono prendersi su ogni cd venduto... sono convinto che molti artisti sarebbero molto più contenti se le loro opere fossero più diffuse. molti artisti guardano con simpatia al p2p, perchè se non esistesse la situazione del mercato di oggi fa tutt'altro che favorire la diffusione delle opere... o comunque se gli artisti che guardano con simpatia al p2p sono pochi, sicuramente tutti sono d'accordo a ridurre il prezzo dei cd, agendo su una riduzione dellle trattenute da parte dello stato, della siae, e dei discografici, in modo tale che a una diminuzione del prezzo corrisponda un'aumento della domanda, e a una maggiore diffusione della cultura
    non+autenticato
  • - Scritto da: bill

    > "istituire corsi obbligatori di educazione civica
    > nelle scuole: non tener conto dei diritti degli
    > autori, lavoratori al pari di altri, rubando le
    > loro opere con la pirateria è infatti un vero e
    > proprio fenomeno di inciviltà sociale da
    > sconfiggere"

    Anche la falsa cultura e l'impoverimento della medesima sono fenomeni se non da sconfiggere, perlomeno da analizzare seriamente.

    > rubare, che paroloni! e che squallore al solo
    > pensiero che vengano istituiti nelle scuole corsi
    > obbligatori antipirateria!

    Cominciano ad avariarti il cervello fin dalla scuola.

    la SIAE è una
    > associazione a delinquere, è lei la prima a
    > rubare agli italiani! è una truffa, una società
    > privata che detiene il monopolio su un servizio
    > pubblico, la gestione dei diritti d'autore,
    > grazie alle leggi. semmai si dovrebbe insegnare
    > nelle scuole a come scaricare gratis gli mp3 da
    > emule. non c'è niente di illegale: è solo uno
    > scambio naturale tra
    > persone.

    Questo no. Insegnare a rispettare il prossimo in tutti i sensi AVENDO l'esempio di autorità che non si nascondono e non cambiano il significato delle parole per proprio tornaconto.

    > senza poi dimenticare che è ancora da dimostrare
    > che il p2p faccia veramente diminuire le vendite.
    > ok è vero, loro contano i danni in questo modo:
    > se tutto quello che la gente ha scaricato lo
    > avesse comprato, noi avremmo guadagnato x, quindi
    > il p2p ci danneggia l'industria di x, ma questo
    > non è vero, perchè non è assolutamente detto che
    > tutto quello che uno scarica lo avrebbe comprato
    > se non avesse potuto scaricarlo. inoltre spesso,
    > e confermo spesso, uno scarica un album perchè è
    > curioso di ascoltarlo tutto, e poi se gli piace è
    > ben contento di comprarlo originale, quindi non è
    > vero che il p2p danneggia sempre il mercato,
    > anzi, spesso lo
    > promuove.

    Sbagliato anche qui: esiste il preascolto di 30 secondi: da Amazon, iTunes, fino a mp3sparks. E' poi da vedere se in Italia lo si trova.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)