mafe de baggis

NoLogo/ Fornire un servizio su web

di Mafe de Baggis - Qualcuno ricorda ancora quanto fosse riposante la home page di Google nel 1999, nel marasma dell'eccitazione da portale?

Roma - Se la socialità è la parte divertente di Internet, i servizi ne costituiscono l'ossatura: possiamo anche snobbare i blog, i social network o le chat, ma quando si tratta di home banking o e-commerce la comodità dell'uso della rete è indiscutibile. Quando funziona. Quando capiamo come funziona senza impazzire. Quando capiamo a cosa serve.

A luglio scrivevo che "l'originalità non è molto apprezzata quando si tratta di eseguire delle transazioni." Se il rispetto degli standard e dell'usabilità sono un dovere per qualsiasi interfaccia, quando si tratta di cercare un numero di telefono, fare un bonifico o prenotare un treno diventa una questione di sopravvivenza. Del servizio, se cerca di trovare un mercato; dell'utente, se non ha scelta.

Il sito di CartaSì, che permette di consultare online i movimenti della propria carta di credito, dopo il login presenta questo incredibile menu di navigazione: Cambia Colori - www.cartasi.it - Privacy - Home - Esci. Ora, a me i servizi offerti sono utili e comodi e quindi sorvolo su questo delirio, ma quando hanno rifatto l'home page del sito precedente il login, diciamo il sito istituzionale, ero tutta contenta che finalmente avrebbero eliminato anche il Cambia Colori, che invece è ancora lì. Il piccolo sovraccarico cognitivo di dover ogni volta skipparlo e capire la differenza tra www.cartasi.it e Home è quello che fa la differenza tra la gratitudine e la sopportazione.
Anche qui la lezione è una sola, ed è molto semplice: individuate il servizio di base e progettatelo e realizzatelo molto bene. Avete presente Google? Vi ricordate com'era riposante Google quando è uscito nel 1999, in mezzo al marasma dell'eccitazione da portale?

Vendete libri? Prima preoccupatevi di farli trovare facilmente e di arrivare al checkout senza stress, poi aggiungete le stelline e le recensioni (non che non siano importanti, sia chiaro). Volete che mi iscriva alla vostra newsletter? Fate il form di registrazione esattamente identico a tutti gli altri. Siete Trenitalia? Perché mettete un tetto di spesa mensile? Non volete che io prenda troppi treni?

L'unico colore che vorrei cambiare quando sto impallidendo alla vista di quanto ho speso, è quello del mio conto in banca. Internet è fatta per fornire servizi senza la noia delle code, dei contanti, delle interruzioni, delle distrazioni: ricordatevene quando vi ritrovate a pensare cose tipo "ma un'alternativa al solito carrello?".

Mafe de Baggis
Maestrini per Caso

Tutti i NoLogo di MdB sono disponibili a questo indirizzo
17 Commenti alla Notizia NoLogo/ Fornire un servizio su web
Ordina
  • io odio in particolare siti coi flash sia video sia animazioni da tutte le parti che si caricano da soli sembra di essere bombardati. ricordate anni fa c'era chi metteva gif animate dappertutto o chi metteva i midi che si caricavano da soli..grave errore.
    non+autenticato
  • Io ho problemi di vista e il cambio di colori mi aiuta a usare meglio il sito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pedina
    > Io ho problemi di vista e il cambio di colori mi
    > aiuta a usare meglio il
    > sito.

    quello è un altro discorso e non c'è bisogno del "servizio" fornito dal sito.. nei browser migliori è smepre possibile vedere il sito in bianco e nero, è possibile ingrandire, è possibile applicare persino il proprio css (non necessariamente proprio.. magari fornito da qualche associazione che si occupa di fare css ad hoc per ipovedenti.

    Ad ogni modo se proprio il sito ci tiene al giochino del cambio colore, può anche evitare di metterlo come voce nel menu' principale..
  • - Scritto da: guidoz
    > - Scritto da: Pedina
    > > Io ho problemi di vista e il cambio di colori mi
    > > aiuta a usare meglio il
    > > sito.
    >
    > quello è un altro discorso e non c'è bisogno del
    > "servizio" fornito dal sito.. nei browser
    > migliori è smepre possibile vedere il sito in
    > bianco e nero, è possibile ingrandire, è
    > possibile applicare persino il proprio css (non
    > necessariamente proprio.. magari fornito da
    > qualche associazione che si occupa di fare css ad
    > hoc per
    > ipovedenti.
    >
    > Ad ogni modo se proprio il sito ci tiene al
    > giochino del cambio colore, può anche evitare di
    > metterlo come voce nel menu'
    > principale..

    Io mi sento preso più in considerazione quando il menu che mi riguarda è subito disponibile, ma forse se non mi servisse lo troverei anche io fastidioso: una voce in più al giorno d'oggi causa stress e perdite di tempo inimmaginabili, suppongo.
    non+autenticato
  • li usa.....

    a proposito di Trenitalia, perche' ci devono essere schermate differenti (come struttura, non come contenuti ovviamente !!!) se stai acquistando un Intercity oppure un Regionale ?

    differenziare solo cio' che e' differente, e lasciare allo stesso posto i comandi comuni (prosegui, acquista ecc.) ?

    e nella scelta delle stazioni e orari di partenza, memorizzare cio' che si e' scritto, in modo che se vuoi vedere un orario o una destinazione differente dando "back" non devi riscrivere daccapo data, ora e quant'altro ?

    per non parlare dei siti di aeroporti e linee aeree, sfido chiunque a programmare un viaggio con cambio aereo senza sprecare un pomeriggio...

    Mauro
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 ottobre 2008 13.00
    -----------------------------------------------------------
  • Consiglio: cambia la tua foto. Ma come, non lo sai che una presa dal basso ti pone "sul piedistallo"? Sto parlando di meccanismi inconsci ovviamente, ma non per questo meno potenti. La reazione indotta è la diffidenza, quanto meno, se non la chiusura verso una percepita tua assertiva presupponenza.
    Scendi e mischiati con la tua odience, saranno i tuoi argomenti ad elevarti o a livellarti, non certo la tua foto in abito togato cinta di alloro .
    Seghe mentali ?
    Tzè ... piccoli ingenui manipolati.
    non+autenticato
  • Veramente a me ricorda un'inquadratura della sigla iniziale di Six feet under. E (putroppo) ho detto tutto...
  • - Scritto da: Sigmund
    > Consiglio: cambia la tua foto. Ma come, non lo
    > sai che una presa dal basso ti pone "sul
    > piedistallo"? Sto parlando di meccanismi inconsci
    > ovviamente, ma non per questo meno potenti. La
    > reazione indotta è la diffidenza, quanto meno, se
    > non la chiusura verso una percepita tua assertiva
    > presupponenza.

    ma è una femmina alphaSorride
    cos'altro dovrebbe fare?Occhiolino

    e poi quella è una foto fica, con il collo tirato, dove eventualmente è impossibile vedere se ha la pappagorgia

    guarda lontano, vede lontano

    c'è il cielo

    è luminosa, visionariaSorride


    > Scendi e mischiati con la tua odience, saranno i
    > tuoi argomenti ad elevarti o a livellarti, non
    > certo la tua foto in abito togato cinta di alloro
    > .
    > Seghe mentali ?

    abbastanza, ma non del tutto

    > Tzè ... piccoli ingenui manipolati.

    sei tra noi, mischiati
    non+autenticato
  • … che quando ci sono in alcuni casi sbagliano ad assegnare gli specialisti.
    Così ci si ritrova un web designer estroso per disegnare un servizio che avrebbe richiesto un esperto di ergonomia cognitiva.
    Quando non è colpa dei project manager di solito la colpa ricade sul manager o cumunque su chi caccia i soldi Indiavolato
    Teo_
    2365
  • Secondo me, idea che mi sto facendo da anni, è che per fare bene un software ci vogliono almeno 4 persone: il programmatore, un sistemista pc esperto in installazioni su diverse piattaforme, un esperto di reti e un esperto di usabilità.
    Per fare un sito web ci vuole anche un esperto in grafica web con tanta fantasia.
    E, ciliegina sopra la torta, un BUON project manager che faccia arrivare alla fine il lavoro.
    Considerando il budget investito nei siti web di servizio (spesso inferiore a quello pubblicitario), chi li ha i soldi per pagare 5 persone e fare un buon prodotto ?
  • i soldi spesi in qualità ritornano..
    i progetti improvvisati difficilmente rendono l'investimento dato.

    Sono in linea con te riguardo le competenze necessarie per sviluppare sul web con qualità.

    Molti lo fanno...

    tanti altri devono ancora farlo!

    A tale proposito tempo fa scrissi un post in merito
    http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/04/01/trov.../
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)