Gaia Bottà

Il Parlamento europeo abbraccia ODF

Gli europarlamentari potranno esprimersi con il formato documentale aperto e non solo con formati proprietari: l'interrogazione di Marco Cappato ha smosso acque stagnanti

Roma - Il Parlamento europeo si schiude ai documenti aperti, i deputati non saranno costretti a comunicare con il Parlamento affidandosi a software proprietario. Il formato open ODF è ora veicolo di comunicazione per i rappresentanti dei cittadini europei.

La decisione di abbracciare ODF maturata dal Parlamento europeo è frutto di un interrogazione presentata dall'europarlamentare radicale Marco Cappato, che in più occasioni si è battuto per instillare in Europa il software open. Cappato, lo scorso aprile, si era rivolto alle istituzioni europee per sondare il terreno e verificare lo stato di apertura ai formati documentali aperti.

Ne era scaturito un quadro frammentato: se la Commissione già poteva dimostrare di accettare e produrre documenti ODF e di sapersi destreggiare agevolmente con formati che fossero standard ISO, il Parlamento europeo non si era rivelato altrettanto reattivo. La situazione del Parlamento rimaneva quella di qualche mese prima: l'adozione di formati documentali diversi da quelli prodotti da software proprietario rimaneva in fase di una cauta sperimentazione che "tiene conto del bisogno di continuità di servizio delle nostre infrastrutture e dei nostri ambienti informatici".
Nel mese di luglio, la risposta ufficiale del presidente Hans-Gert Pöttering: l'ambiente burotico è in evoluzione, l'adozione di soluzioni open e l'apertura alla gestione di formati documentali aperti sta procedendo di pari passo con la strategia di innovazione del Parlamento. "Molto presto - scriveva il presidente dell'assemblea di Strasburgo - saranno adottate le misure necessarie, le quali dovrebbero poter essere applicate alla ripresa dei lavori parlamentari, a fine agosto".

Cappato ha ora accolto con favore la comunicazione dei tecnici dell'istituzione: "I servizi informatici del Parlamento - annuncia Cappato - mi hanno informato che per la prima volta, in seguito alla nostra iniziativa, i deputati potranno inviare le proprie interrogazioni parlamentari utilizzando il formato aperto ODF (Open Document Format) che consente di lavorare con programmi informatici che non costringono ad acquistare licenze proprietarie".

Gaia Bottà
29 Commenti alla Notizia Il Parlamento europeo abbraccia ODF
Ordina
  • finalmente qualcosa si muove ma la strada mi sa che sia ancora lunga!finché il software libero non entrerà nelle scuole col ruolo che gli spetta saranno solo degli esempi isolatiTriste
    non+autenticato
  • Insegno Informatica e sono da tempo sostenitore del software libero. Nella scuola dove insegno sto proponendo corsi per i colleghi basati sulla piattaforma Ubuntu e Debian. I miei strudenti stanno già costruendo applicazioni web in Linux e non trovano alcuna difficoltà nell'utilizzo di Linux. Mi auguro che in Italia si diffonda sempre di èiù l'uso di piattaforme libere. Grazie
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rocco Camera
    > Insegno Informatica e sono da tempo sostenitore
    > del software libero. Nella scuola dove insegno
    > sto proponendo corsi per i colleghi basati sulla
    > piattaforma Ubuntu e Debian. I miei strudenti
    > stanno già costruendo applicazioni web in Linux e
    > non trovano alcuna difficoltà nell'utilizzo di
    > Linux. Mi auguro che in Italia si diffonda sempre
    > di più l'uso di piattaforme libere.
    > Grazie
    non+autenticato
  • grazie ai parlamentari Radicali (leggasi: unici veri liberali d'Italia), un ulteriore obbiettivo contro la corporatocrazia dei BIGS è stato raggiunto.
    non+autenticato
  • Alla faccia dell'ISO standard e' quello che si usa. Speriamo bene.

    In alternativa vada per MS purche' si possa effettivamente avere un sistema interoperabile senza essere costretti ad usare un certo software proprietario.

    Ma mi sa che ODF ha parecchie piu' garanzie su questo lato che non il formato MS.

    Chi vivra' vedra'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Evviva

    > In alternativa vada per MS purche' si possa
    > effettivamente avere un sistema interoperabile
    > senza essere costretti ad usare un certo software
    > proprietario.
    >
    > Ma mi sa che ODF ha parecchie piu' garanzie su
    > questo lato che non il formato MS.

    Appunto, ti sei risposto da solo.
    non+autenticato
  • La maggior parte degli allegati dei clienti mi arrivano in formato M$Word o M$Excel.

    Qualche volta che ho provato a mandare file ODF mi hanno chiesto di mandarlo in qualche altro formato più "digeribile".

    E naturalmente parlo di azienda private che si lamentano del costo delle licenza di M$Office
    non+autenticato
  • e tu rispondigli di adeguarsi e installare l'apposito pulgin Occhiolino
    non+autenticato
  • In questo caso, come faccio io, gli dici: installatevi OpenOffice, è gratuito e funziona benissimo. In alternativa c'è il plug-in della Sun.
    Per difenderti da questi allegati indesiderati leggi:
    http://www.gnu.org/philosophy/no-word-attachments....
    e rispondi loro inviando questo link o utilizzando una delle tante risposte in esso suggerite. I formati proprietari stanno lentamente scomparendo: diamo tutti una mano a scavare la fossa.
  • - Scritto da: advange
    > In questo caso, come faccio io, gli dici:
    > installatevi OpenOffice, è gratuito e funziona
    > benissimo. In alternativa c'è il plug-in della
    > Sun.
    > Per difenderti da questi allegati indesiderati
    > leggi:
    > http://www.gnu.org/philosophy/no-word-attachments.
    > e rispondi loro inviando questo link o
    > utilizzando una delle tante risposte in esso
    > suggerite. I formati proprietari stanno
    > lentamente scomparendo: diamo tutti una mano a
    > scavare la
    > fossa.

    Ragazzi, io sono con voi e spero che presto il formato odf possa soppiantare i formati proprietari di Microsoft, ma purtroppo dire che questi ultimi stanno scomparendo mi sembra molto azzardato.
    A guardare le aziende dove lavoro e con cui ho rapporti, Microsoft continua a farla da padrone, la guerra è ancora molto lunga e la vittoria di odf per nulla scontata ...purtroppo!
    non+autenticato
  • > Ragazzi, io sono con voi e spero che presto il
    > formato odf possa soppiantare i formati
    > proprietari di Microsoft, ma purtroppo dire che
    > questi ultimi stanno scomparendo mi sembra molto
    > azzardato.
    > A guardare le aziende dove lavoro e con cui ho
    > rapporti, Microsoft continua a farla da padrone,
    > la guerra è ancora molto lunga e la vittoria di
    > odf per nulla scontata
    > ...purtroppo!
    Un passo alla volta, non temere: anche da me le aziende con cui lavoro e collaboro usano esclusivamente Office; ma rispetto a due anni fa sono costrette a comunicare verso l'esterno in formati come il pdf.
    Presto si accorgeranno che tra licenze per Office e licenze per software che producono pdf il gioco non varrà più la candela.
    Il numero di allegati nei messaggi di posta elettronica in formato proprietario si è drasticamente ridotto negli ultimi anni; adesso ci sono persino persone che di informatica non capiscono nulla che mi chiedono di mandargli i documenti in pdf o odf.
    E' un processo che può apparire lento: ma che di sicuro è irreversibile.
  • tu insisti!
    magari mettigli in allegato il link al plugin o il plugin stesso...oh se poi non ci arrivano, digli di buttare il modem dalla finestra...non si sa mai che lo fanno davvero!! A bocca aperta
    non+autenticato
  • prova a dirgli che microsoft consiglia ODF lol vedi come cambiano
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darkat
    > prova a dirgli che microsoft consiglia ODF lol
    > vedi come
    > cambiano

    Sorride Questa è bella, ma purtroppo è anche la verità e dimostra quanto sia ancora diffusa l'ignoranza informatica e la dipendenza da Mamma M$
    non+autenticato
  • - Scritto da: iniel
    > La maggior parte degli allegati dei clienti mi
    > arrivano in formato M$Word o
    > M$Excel.

    E io rispondo che la mia personale policy di sicurezza mi impedisce di aprire documenti potenzialmente dannosi.

    >
    > Qualche volta che ho provato a mandare file ODF
    > mi hanno chiesto di mandarlo in qualche altro
    > formato più "digeribile".

    Manda in formato testo! Oppure in pdf, che tanto non devono mica modificarlo il tuo documento, ma solo leggerlo.

    > E naturalmente parlo di azienda private che si
    > lamentano del costo delle licenza di
    > M$Office

    Si vergognassero e basta.
  • - Scritto da: iniel
    > La maggior parte degli allegati dei clienti mi
    > arrivano in formato M$Word o
    > M$Excel.
    >
    > Qualche volta che ho provato a mandare file ODF
    > mi hanno chiesto di mandarlo in qualche altro
    > formato più "digeribile".
    >
    >
    > E naturalmente parlo di azienda private che si
    > lamentano del costo delle licenza di
    > M$Office

    Gli allegati se, non devono essere modificati, andrebbero inviati in formato pdf a mio avviso
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)