E ora è guerra sui domini .xxx

L'iniziativa di New.net non è piaciuta alla Domain Name Systems che li vende già da un po' di tempo dopo essere stata bocciata dall'ICANN. Ed è battaglia. Intanto l'ICANN annuncia nuovi ritardi e viene attaccata da Andy Mueller-Maguhn

Web - L'iniziativa di New.net, che ha aperto le registrazioni per venti nuove estensioni di dominio, non è andata giù alla Domain Name Systems che in una nota ha ricordato che i domini.xxx, così come i.sex, già sono in vendita da tempo.

La Domain Name Systems è un'altra delle imprese che avevano proposto l'estensione.xxx all'ICANN nei mesi scorsi, vedendosi però bocciare la proposta. Come si ricorderà, infatti, ICANN decise di approvare sette nuove estensioni di dominio tra le proteste di molte delle imprese che avevano presentato proposte alternative, tra le quali anche le italiane Dada e Register.it.

Lo stesso Vint Cerf, chairman di ICANN, ieri ha definito l'iniziativa di New.net come un "simpatico trucco", riferendosi al fatto che i domini di New.net sono raggiungibili solo attraverso una tecnologia proprietaria che non si integra al DNS gestito dall'ICANN.
La protesta della Domain Name Systems contro l'iniziativa di New.net rischia di innescare una battaglia legale dai confini incerti e al di fuori del sistema tradizionale dei domini.

Con i domini.xxx si intendono "raccogliere" le attività online del mondo a luci rosse e la Domain Name Systems su questi domini e i.sex ha già raggiunto una serie di accordi con numerosi operatori del settore pornografico. Accordi che prevedono la limitazione all'ingresso dei siti.xxx ai soli adulti (con la verifica di un numero di carta di credito) e altre condizioni restrittive.
TAG: domini
7 Commenti alla Notizia E ora è guerra sui domini .xxx
Ordina
  • Mi dispiaccio di non essere competente quanto i normali frequentatori di Punto informatico, e vorrei sapere se i nuovi domini necessitano plug-in con il rischio che qualcuno non li installi a scapito della mia visibilità, e chi mi assicura che un domani vengano soppiantati dagli stessi ma autorizzati.   
    grazie
    firmato da unochevorrebbeildominiomamel'hafottutomarcheonline
    non+autenticato


  • - Scritto da: ave
    > Mi dispiaccio di non essere competente
    > quanto i normali frequentatori di Punto
    > informatico, e vorrei sapere se i nuovi
    > domini necessitano plug-in con il rischio
    > che qualcuno non li installi a scapito della
    > mia visibilità, e chi mi assicura che un
    > domani vengano soppiantati dagli stessi ma
    > autorizzati.   
    > grazie
    > firmato da
    > unochevorrebbeildominiomamel'hafottutomarcheo


    Prima di spendere soldi in questa cosa che potrebbe rivelarsi anche una colossale bufala, perchè non tenti di trovare un dominio che ti interessa in un'altra categoria? Per esempio TV CC, WS (oltre che Com, net, org) ?

    firmato da:
    uno che tiene i piedi su due staffe



    non+autenticato
  • le tecnologie proprietarie, la necessità di un plugin non sono nello spirito di internet...

    qualcuno di voi avrà magari visto anche il fantastico uso di XTTP
    ...

    potete avere il vostro xttp//www.tuonome.com .org .net

    ma... xttp// (nota la mancanza dei 2 punti)
    non è di certo un EXTENTED transfer text protocol ...
    o simili...
    è un trucchetto.
    E infatti non funziona se non hai il plugin...
    un altro esempio di trucchetti.
    Se la gente non accetta o non sa, non capisce che serve il plugin, la tua "portabilità" se ne va a farsi friggere.

    non+autenticato


  • - Scritto da: GLOBAL SALOTION
    > le tecnologie proprietarie, la necessità di
    > un plugin non sono nello spirito di
    > internet...

    ma quale plugin ????????

    la mia macchina linux SULLA QUALE NON HO INSTALLATO NIENTE risolve correttamente un dominio .tech che ho acquistato !

    il plugin (secondo me) e' per IE, per impedirgli di dirti strage se usi domini non "standard" come .com .net .it .fr ecc ecc...

    non+autenticato
  • Non esiste nessun plugin...
    Il browser, fornito l'indirizzo "truccato" contenente xttp//, non fa nient'altro che una ricerca della keyword e lo associa ad un dominio, che potrebbe essere xttp.com e gli passa la directory /www.dominio.com dove troveremo il dominio registrato.

    Fino ad un po' di tempo fa esisteva anche http2// che aveva lo stesso principio, e, mentre su Netscape funzionava da subito, su Explorer c'era bisogno di cambiare un valore nel registro (o scaricare un file .reg dal sito) per attivare la ricerca di keyword.


    - Scritto da: GLOBAL SALOTION
    > le tecnologie proprietarie, la necessità di
    > un plugin non sono nello spirito di
    > internet...
    >
    > qualcuno di voi avrà magari visto anche il
    > fantastico uso di XTTP
    > ...
    >
    > potete avere il vostro xttp//www.tuonome.com
    > .org .net
    >
    > ma... xttp// (nota la mancanza dei 2 punti)
    > non è di certo un EXTENTED transfer text
    > protocol ...
    > o simili...
    > è un trucchetto.
    > E infatti non funziona se non hai il
    > plugin...
    > un altro esempio di trucchetti.
    > Se la gente non accetta o non sa, non
    > capisce che serve il plugin, la tua
    > "portabilità" se ne va a farsi friggere.
    >
    non+autenticato
  • probabilmente e' vero, alcuni storditi stringono troppo il nodo e col passare degli anni soggiunge una dolce morte cerebrale, cosi' dolce che il gonzo in cravatta si accorge dopo decenni di essere morto e marcio dentro..
    non+autenticato
  • ... non è andata giù alla Domain Name Systems che in una nota ha ricordato che i domini.xxx, così come i.sex, già sono in vendita da tempo.

    *****************

    Io ne vorrei alcuni e aspetto l'arrivo da tanto tempo, ma non sapevo che gia' esistevano !
    E chi li venderebbe sti domini .xxx e sex: la domain name systems ?
    I .xxx ho visto che li vende dall'altro ieri la new.net, ma ... prima di loro ?
    Anche a me sta storia storia puzza di brutto.


    non+autenticato