Luca Annunziata

Germania, il ministero degli Esteri sarà open

Avviato il passaggio a Linux e software GNU dei computer dei diplomatici. In tutto il mondo. I tedeschi sempre più convinti che libero è bello

Roma - Circa 11mila computer sparsi in tutto il mondo, tra ambasciate e consolati, e ovviamente anche nella madrepatria saranno convertiti a Linux e al software open: lo ha annunciato il Ministero degli Esteri tedesco, che ha spiegato di avere tutta l'intenzione di passare al pinguino e di aver anzi già completato più di metà del lavoro. Tra le motivazioni addotte per questa scelta, prima di tutto i costi.

Rolf Schuster, al seguito dell'ambasciata madrilena della Germania, ha spiegato a margine di una conferenza in terra spagnola quali sono le cifre in ballo: "Il ministero degli esteri ha computer in molti e remoti avamposti. Già oggi il costo di queste postazioni è di circa mille euro all'anno, contro gli oltre 3mila a postazione degli altri ministeri". Con il passaggio a Linux e al software open, come OpenOffice, i costi potrebbero abbattersi ulteriormente.

La Germania non è nuova a questi exploit: il comune di Monaco di Baviera è senz'altro l'esempio più lampante della popolarità di cui gode Linux in terra teutonica, ma non mancano aziende che scelgono il software a sorgenti aperti anche per scopi commerciali. Nel caso del ministero degli esteri, delle circa 230 ambasciate tedesche in tutto il mondo più della metà avrebbero già avviato o completato il passaggio al nuovo corso open.
"Non è una scelta priva di problemi - precisa Schuster, che cita il caso dell'ambasciata nel paese del Sol Levante - I nostri sviluppatori non conoscono il giapponese, e questo fa sì che non capiscano fino in fondi certi problemi: abbiamo dovuto rivolgerci ad uno sviluppatore in Giappone per aiutarci a risolvere alcune questioni che avevamo in sospeso con Open Office". Oggi comunque l'intera infrastruttura dell'ambasciata in terra nipponica è dotata di Linux, così come accaduto anche in Corea e Spagna.

Gli altri ostacoli che il ministero ha dovuto scavalcare non erano di natura tecnica: gli stessi esperti IT, oltre 200, dell'istituzione si erano mostrati all'inizio diffidenti rispetto alla soluzione Linux: "Le loro rimostranze non erano di natura tecnica - conclude Schuster - Solo non sapevano molto di Linux e Open Source, e abbiamo dovuto aiutarli a cambiare prospettiva. Alcuni sono stati avviati ad un corso full immersion sui server Linux e su Apache, così che potessero scoprire che funzionano".

Luca Annunziata
38 Commenti alla Notizia Germania, il ministero degli Esteri sarà open
Ordina
  • Anche in Germania insomma ci sono inefficienze e sprechi (3000 euro a PC/anno) e ignoranza (Linux? cos'è?) nella P.A. paragonabili a quelle italiane.
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: dilbert68
    > Anche in Germania insomma ci sono inefficienze e
    > sprechi (3000 euro a PC/anno) e ignoranza
    > (Linux? cos'è?) nella P.A. paragonabili a quelle
    > italiane.

    Probabilmente è il TCO complessivo del reparto di supporto ICT diviso il numero dei PC. Non mi sembra affatto così elevato, se consideri che si parla di PC sparsi (letteralmente) per cinque continenti.


    Cordiali saluti
  • Scelta politica quindi, bene, buono a sapersi. Vorrei sentire cosa dicono al reparto IT, sicuramente saranno contenti come all'ASL di Ferrara ma giusto per togliermi lo sfizio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    > Scelta politica quindi, bene, buono a sapersi.

    scelta economica

    > Vorrei sentire cosa dicono al reparto IT,

    che conoscono solo m$ e non sanno fare altro; dei costi poi se ne fregano
    non+autenticato
  • - Scritto da: bru
    > - Scritto da: Lemon
    > > Scelta politica quindi, bene, buono a sapersi.
    >
    > scelta economica
    >

    che solo il reparto IT può dare... se non altro nelle statistiche. Noi ad esempio abbiamo implementato un sistema di statistiche per alcuni grossi clienti, anche per vedere per cosa i tecnici intervengono e per quanto tempo.

    > > Vorrei sentire cosa dicono al reparto IT,
    >
    > che conoscono solo m$ e non sanno fare altro; dei
    > costi poi se ne
    > fregano

    Si si, ma tu guarda che strano, sti dipendenti del reparto IT (credo che siano anche molti dei lettori di PI) sono tutti ignoranti quando non fanno quello che vorremmo, ma allora anche quelli dell'ASL di Ferrara? pensa, secondo le leggende popolari quelli dell'ASL dovrebbero essere imparentati con i dirigienti, avere tutto MS, essere dei fannulloni e pure spendaccioni... viva gli Dei scesi in terra che frequentano questi forum!
    non+autenticato
  • Ma l'hai letto l'articolo prima di trollare????
    C'è scritto chiaro e tondo, il reparto IT era diffidente all'inizio, non per motivi tecnici ma:
    "Solo non sapevano molto di Linux e Open Source"

    Beata ignoranza
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ma basta...
    > Ma l'hai letto l'articolo prima di trollare????
    > C'è scritto chiaro e tondo, il reparto IT era
    > diffidente all'inizio, non per motivi tecnici
    > ma:
    > "Solo non sapevano molto di Linux e Open Source"
    >
    > Beata ignoranza

    Beata logica direi!
    Mi sa che l'ho letto meglio di te l'articolo e tu confermi quello che ho detto: visto che la scelta non è stata dell'IT mi piacerebbe sapere come si stanno trovando adesso, vedo che la cosa infastidisce qualcuno, avanti con il paraocchi e via...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    >
    > Beata logica direi!
    > Mi sa che l'ho letto meglio di te l'articolo e tu
    > confermi quello che ho detto: visto che la scelta
    > non è stata dell'IT mi piacerebbe sapere come si
    > stanno trovando adesso, vedo che la cosa
    > infastidisce qualcuno, avanti con il paraocchi e
    > via...

    Dipende se sono capaci di apprendere o meno.
    In ogni caso prova a leggere anche quello che non ti piace, la scelta in Germania non è isolata. Tu dici che sono motivi economici e politici, secondo me si tratta di motivi economici e politici sostenibili, visto anche che (li) la migrazione continua.
    non+autenticato
  • > Dipende se sono capaci di apprendere o meno.
    > In ogni caso prova a leggere anche quello che non
    > ti piace, la scelta in Germania non è isolata. Tu
    > dici che sono motivi economici e politici,
    > secondo me si tratta di motivi economici e
    > politici sostenibili, visto anche che (li) la
    > migrazione
    > continua.

    Io leggo tutto e soprattutto ascolto tutti, mi avete già risposto in tre accusandomi come se fossi contrario a scelte come queste, so bene che ci sono tanti che fanno passi di questo tipo, già venerdì si è parlato dell'ASL di Ferrara ad esempio dove ho postato un dubbio sul sistema di autenticazione (e sul quale non ricevuto risposte), ma mica sono contrario. Non sono neppure favorevole per partito preso però.
    In questo articolo si dice chiaramente che non è stata scelta del reparto IT ed il mio commento vale su questo caso e non su altri. Per me avere la testimonianza del reparto IT sarebbe interessante per CONFRONTARSI, cosa non comune in questi forum. Inoltre è interessante anche perchè è già successo qua in Italia che siano state fatte delle scelte politiche (dove intendo scelte non effettuate dal reparto IT), se non ricordo male la più recente è in Sardegna ma anche in qualche comune, adesso non ricordo.
    Personalmente sento spesso miei colleghi che lavorano in altre realtà per avere scambio di idee, io uso sistemi misti in quasi tutti i clienti che seguo e credo che ogni realtà abbia le sue esigenze.
    non+autenticato
  • Anzitutto non riesco a trovare il dubbio da te espresso nella precedente discussione, ma posso dirti di averti risposto a quest'altra:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2456348&m=246...
    Quello che posso dirti riguardo la discussione attuale è che il discorso è complesso ed articolato.
    Se da una parte è vero che chi si occupa dei costi deve prendere delle decisioni che per ovvii motivi ricadono sui singoli reparti (anche quello IT), ma è anche vero che la professione di chi si occupa di IT avrebbe dovuto far presente allo stesso reparto la carenza di personale specializzato.
    Io non avrei problemi a lavorare su qualsiasi piattaforma, ma solo perchè per scelta personale e professionale mi sono dato diverse opportunità, ma capisco anche la difficoltà di un "sistemista esperto piattaforme Win32".

    A questo punto chi si occupa dei "costi" avrebbe dovuto anche tenere in considerazione l'aasunzione di personale specializzato o la formazione di quello già disponibile.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 novembre 2008 13.41
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 novembre 2008 13.42
    -----------------------------------------------------------
    H5N1
    1641
  • - Scritto da: H5N1
    > Anzitutto non riesco a trovare il dubbio da te
    > espresso nella precedente discussione, ma posso
    > dirti di averti risposto a
    > quest'altra:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2456348&m=246

    Grazie per quella risposta, molto chiara, mi riferivo però al vantaggio di gestione dei client con Active Directory, se non ricordo male nessuno mi ha scritto qualcosa di tecnico a riguardo

    Grazie anche per il resto del tuo post, è difficile parlare con qualcuno in questi forum.
    non+autenticato
  • > Io leggo tutto e soprattutto ascolto tutti, mi
    > avete già risposto in tre accusandomi come se
    > fossi contrario a scelte come queste, so bene che
    > ci sono tanti che fanno passi di questo tipo, già
    > venerdì si è parlato dell'ASL di Ferrara ad
    > esempio dove ho postato un dubbio sul sistema di
    > autenticazione (e sul quale non ricevuto
    > risposte), ma mica sono contrario. Non sono
    > neppure favorevole per partito preso
    > però.

    Bene, per partito preso mai. Analizziamo la cosa, all'IT non l'hanno chiesto, qualcuno ha giustamente detto che e' tutta gente che conosce Windows e basta quindi che parere potevano dare. Se si sono rivolte a ditte terze che conoscono altri sistemi non lo sappiamo. Se hanno fatto una scelta ideologica e non tecnica, beh allora sono scemi. Ma a guardare come funziona la Germania sembrano tutto fuorche' scemi. Forse avevano alle spalle l'esperienza del Bundestag, quella di Monaco di Baviera e di un po' di scuole e quindi e' stata una scelta a ragion veduta e in base a esperienze fatte e non a supposizioni.

    Boh, l'articolo mi sembra troppo generico per dire quanto siano stati oculati, possiamo solo fare supposizioni.

    Comunque a ogni SO il suo ambiente, tendenzialmente parliamo di ambasciate, per dormire un pelo piu' tranquillo io vorrei che i miei tecnici mi compilassero i sorgenti e poi mi installassero gli applicativi. Sono posti abbastanza delicati quelli, mica il pc da salotto di tizio o quello di contabilita' di una salumeria. Tendenzialmente l'open ha ragioni eccellenti che il closed non ha in queste situazioni (e anche nei settori Difesa, Giustizia, Interni, Economia ops direi quasi tutto il settore pubblico dove quello che conviene a me stato alle volte non conviene allo stato vicino, o a quello lontano, ci pensate un po' i documenti dell'unione europea che vogliono imporre un dazio alle bistecche agli ormoni USA? Quelli potrebbero sapere tutto ancor prima che il funzionario abbia scritto la terza riga ... Oppure no, il punto e' che con un closed non sappiamo una mazza di una mazza).

    Questa risposta ti piace di piu'? Spero di si'.

    > In questo articolo si dice chiaramente che non è
    > stata scelta del reparto IT ed il mio commento
    > vale su questo caso e non su altri. Per me avere
    > la testimonianza del reparto IT sarebbe
    > interessante per CONFRONTARSI, cosa non comune in
    > questi forum.

    Ribadisco, mi sembra corretto chi dice che il reparto IT non ha opinioni, se conosce solo Windows cosa ti puo' dire sul fatto che l'alternativa Linux va bene o no? Ti dara' la sua opinione su Windows. Certo che se uno ha sempre visto lamborghini non puoi domandargli un parere su quanto vada bene una ferrari, non ne ha mai vista una.
    non+autenticato
  • > Ribadisco, mi sembra corretto chi dice che il
    > reparto IT non ha opinioni, se conosce solo
    > Windows cosa ti puo' dire sul fatto che
    > l'alternativa Linux va bene o no? Ti dara' la sua
    > opinione su Windows. Certo che se uno ha sempre
    > visto lamborghini non puoi domandargli un parere
    > su quanto vada bene una ferrari, non ne ha mai
    > vista
    > una.

    Scusami, non mi sono spiegato bene forse, a me piacerebbe conoscere la loro opinione ADESSO, nell'articolo c'è scritto che sono a metà strada, quali difficoltà hanno trovato e quali migliorie hanno ottenuto. Immagino anche io che all'inizio siano stati forse un pò contrari (ma anche no, chissà..), credo che sia proprio interessante vedere come da un mondo si possa passare ad un altro.
    non+autenticato
  • gli stessi esperti IT, oltre 200, dell'istituzione si erano mostrati all'inizio diffidenti rispetto alla soluzione Linux: "Le loro rimostranze non erano di natura tecnica - conclude Schuster - Solo non sapevano molto di Linux e Open Source, e abbiamo dovuto aiutarli a cambiare prospettiva. Alcuni sono stati avviati ad un corso full immersion sui server Linux e su Apache, così che potessero scoprire che funzionano".

    Ma dove vivono, in un barattolo? Internet, riviste di informatica, corsi vari di aggiornamento professionale, i figli... hanno scoperto cosi di punto in bianco OpenOffice e GNU/Linux loro che vivono nel paese che ha dato i natali a StarOffice e a SuSE?
    Consolante, anche in Germania le istituzioni hanno le loro difficolta'.
  • Magari, erano "esperti IT" viziati da Microsoft e quindi prevenuti nei confronti di Linux.

    Mi sono capitati di questi personaggi che inorridivano al solo sentir parlare di Linux; per fortuna certe cose succedono principalmente in Italia e molto meno all'estero.
    non+autenticato
  • Mai ovviamente. I nostri politici Italiani NON HANNO NULLA DA GUADAGNARE CON L' OPEN SOURCE, quindi, meglio continuare con microsoft dove se pò magnà.
    non+autenticato
  • Beh, non e' tutto vero. Se scavi in fondo, vedrai che ci sono anche a livello governativo realta' che utilizzano GNU/Linux. Sono che sono delle mosche bianche. Purtroppo qui in italia, si predica bene (per farsi una facciata) e si razzola male (per recuperare voti e non diciamo altro)
    non+autenticato
  • Josif: "Quanti prigionieri tuoi connazionali faccio rimpatriare come encomio alla tua persona?"
    Palmiro: "Meno ne tornano a casa meglio è"

    Troll chiacchieroneTroll di tutti i colori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Den Lord Troll
    > Josif: "Quanti prigionieri tuoi connazionali
    > faccio rimpatriare come encomio alla tua
    > persona?"
    > Palmiro: "Meno ne tornano a casa meglio è"
    >
    > Troll chiacchieroneTroll di tutti i colori


    Infatti tornarono in molti trovandosi le mogli oramai sposate con altri !

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Molti ritornarono allora in Russia !

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: jfk
    > Beh, non e' tutto vero. Se scavi in fondo, vedrai
    > che ci sono anche a livello governativo realta'
    > che utilizzano GNU/Linux. Sono che sono delle
    > mosche bianche. Purtroppo qui in italia, si
    > predica bene (per farsi una facciata) e si
    > razzola male (per recuperare voti e non diciamo
    > altro)

    Anche in Germania lo hanno fatto in due... non è che siano tanto più avanti Sorride
  • - Scritto da: MagnaTecheM agnoIo
    > Mai ovviamente. I nostri politici Italiani NON
    > HANNO NULLA DA GUADAGNARE CON L' OPEN SOURCE,
    > quindi, meglio continuare con microsoft dove se
    > pò
    > magnà.

    http://business.webnews.it/news/leggi/7381/il-mini.../
    non+autenticato