Luca Annunziata

Wikipedia e l'arte di collaborare

Ci si scontra su gare di automobilismo e politica, e il risultato sono pagine su pagine di enciclopedia libera. Con un occhio al presente e uno al futuro. Perché il web 2.0 è solo l'inizio

Roma - Tanto vale partire da un fatto di attualità: 2 novembre 2008, Gran Premio del Brasile di F1. All'ultimo giro la vettura di Timo Glock si scompone e il pilota tedesco finisce per essere sopravanzato da Lewis Hamilton, che grazie al sorpasso si laurea campione del mondo. In 20 minuti sulla pagina della versione italiana di Wikipedia dedicata al driver teutonico si scatena la bagarre: 21 contributi spontanei, quasi tutti smaccatamente di parte, che vandalizzano (come si dice in gergo) il testo in questione. Fino a quando alle 20:16, 1200 secondi dopo la prima modifica, un admin non interviene per bloccare tutto e riportare la pagina al suo stato iniziale.

Come spiega a Punto Informatico Frieda Brioschi, presidente di Wikimedia Italia e admin di Wikipedia, esistono dei semplici strumenti per tenere sotto controllo la situazione sull'enciclopedia libera: innanzi tutto il log delle ultime modifiche apportate sulle pagine, che è in grado di rivelare strane manovre in corso come continue modifiche alla stessa pagina da parte di molti autori. E poi, conta molto "l'esperienza: la fine rocambolesca di un gran premio è di per sé una notizia che scalda gli animi... e gli utenti di 'pedia, o almeno parte di essi, non ne è immune".

Basti pensare a quanto accaduto poche settimane fa sulla pagina della versione inglese dell'enciclopedia libera dedicata all'attuale candidata repubblicana alla vicepresidenza degli Stati Uniti Sarah Palin: tante modifiche in pochi giorni, che hanno allargato la vastità e garantito la completezza della voce, ma che hanno anche suscitato perplessità riguardo l'autorevolezza delle modifiche stesse. Al contrario di quanto accaduto ieri, lampante esempio della voglia di tifosi delusi di sfogarsi, con l'interessante condimento della community che interviene per arginare il fenomeno e correggere in corsa la rotta.
È stato lo stesso Jimmy Wales (co-fondatore di Wikipedia) a sottolineare nel corso di una recente conferenza stampa che, in ogni caso, l'evoluzione di questo tipo di meccanismi di collaborazione online è solo all'inizio. "Siamo realmente solo ai primordi di questi sforzi" spiega, argomentando le sue affermazioni con tutti i possibili sbocchi immaginabili per le collaborazione nel web 2.0 rispetto a quanto accaduto fino ad oggi: "Nei video - prosegue - in molti sensi siamo ancora nell'era del web 1.0".

L'esempio citato da Wales è YouTube: "Se guardate a quasi tutto quello che c'è pubblicato, sono individui che fanno video: sembra che quelli coi gatti o le ragazze - ironizza - siano particolarmente popolari". Per Jimbo si tratta solo di un campo della cultura e del sapere che non ha ancora testato l'approccio collaborativo che invece sembra funzionare su Wikipedia. Certo, ammette lui stesso, magari il risultato di un film girato con la collaborazione di migliaia di persone potrebbe non riuscire perfettamente: ma, conclude, "per quanto riguarda l'informazione credo che tenere un dialogo pubblico, un dibattito, un processo democratico, siano tutti strumenti molto potenti".

Luca Annunziata
60 Commenti alla Notizia Wikipedia e l'arte di collaborare
Ordina
  • Ma voi pensate davvero che una fonte, una sola fonte basti?

    Wikipedia non e' LA fonte, e' UNA fonte e ha un sacco di buon materiale. E' estramente sciocco trovare 1, 10, 100 articoli e dire che sono sbagliati, molto, poco o tanto. Ma voi pensante che nella Britannica o nella Treccani le cavolate non ci siano? Errori di stampa, errori materiali, visioni parziali ecc.

    Ci sono fatti e ci sono opinioni, e anche la scelta dei fatti e' in fondo un opinione. Molte volte qualcuno semplicemente non capisce una mazza di un argomento e comunque ne vuole parlare (e' pieno il mondo di gente cosi', anche qui, basta leggere i post), altri ci capiscono ma gli conviene dire che le cose stanno in una certa maniera, interessi economici, politici, personali.

    Per chiunque abbia scritto una tesi sa che c'e' sempre la bibliografia, non serve a garantire "questa cosa e' scritta li ed e' vera", ma semplicemente "questa cosa e' scritta li' ed e' vero che e' scritta li'". Si confrontano tesi diverse (note bibliografiche diverse) su uno stesso punto/fatto ecc. Questo fa un lavoro buono, riportare fonti diverse, compararle e farne una sintesi credibile (che diventa un'altra fonte e un'altro punto di vista).

    Prendiamo un terreno relativamente neutro, non la storia, non l'economia, ma la scienza, un fisico con regolare laurea, dottorato, esperienza dira' che il nucleare e' una vaccata, un'altro dira' che e' una cosa eccellente e sicura. Le teste umane funzionano ognuna a modo suo e dagli stessi fatti traggono conclusioni diverse. Non esiste UNA versione, neanche di una spiegazione tecnica. Ne esistono molte.

    Wikipedia non e' un punto di arrivo ma un punto di partenza, una fonte e basta, tra i milioni di quelle disponibili e, lo ripeto, contiene ottimo materiale. Anzi e' eccezionale e non ha pari rispetto a altre forme di raccolta della conoscenza, cambia ogni minuto come il mondo che cambia ogni minuto, nessuna enciclopedia cartacea si puo' permettere lo stesso. Ne consiglio l'uso, con senso critico ovviamente, necessario per tutto anche se si legge la Bibbia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bibliofilo
    > Ma voi pensate davvero che una fonte, una sola
    > fonte
    > basti?
    >
    > Wikipedia non e' LA fonte, e' UNA fonte e ha un
    > sacco di buon materiale.

    Pienamente d'accordo, ma non è questo il punto.
    E' wiki stessa ad autodefinirsi e celebrarsi come LA fonte, definindosi "neutrale" e "libera".
    Quindi chiediamoci:
    E' libera? It.wiki no, perché dominata da cricche di admin incompetenti sugli argomenti che dovrebbero controllare e che pure pretendono di far passare le loro pure opinioni e conoscenze superficiali come fatti unicamente per soddisfare le loro piccine manie di onnipotenza.
    E' neutrale? Vedi sopra. No. It.wiki è spesso un ammasso di opinioni degli admin.

    E' come la Chiesa Cattolica. Sappiamo tutti che la Chiesa non è LA verità.
    Però nel momento in cui si arroga di esserlo, allora abbiamo il pieno diritto di smontare criticamente questa sua pretesa.
    Questo è un VERO servizio alla neutralità e alla libertà.
    E nel momento in cui all'interno di it.wiki non è possibile farlo, perché ogni tentativo/proposta di miglioramento viene bloccato dagli admin con motivazioni tautologiche ("non è enciclopedico", "non è POV", che significano solo "non piace a me che sono admin"), l'unica cosa da fare è esporre in altri luoghi (come qui) tutti gli enormi limiti e la pessima situazione di it.wiki.
    Chiaro?
    non+autenticato
  • > Chiaro?

    Chiarissimo, mi sta bene che venga lanciato il grido "attenzione non e' tutto oro". Pero' mi sembra che per ruggine personale alcuni risolvano la cosa con "e' tutta puppu", il che e' una evidente falsificazione e fa un pessimo servizio al pubblico che magari ci credo in pieno e evita una utile fonte di informazioni.

    Benone quindi avvertire un utente ignaro che ha i suoi difetti ma per essere seri e onesti va anche sottolineato il buono che c'e'.

    Mi sembra molto piu' corretto dire: "attenzione, e' solo UNA fonte, se volete un quadro definito di qualcosa consultatene molte, wikipedia compresa". E' comoda, e' disponibile, e' gratuita, un buon punto di partenza, non e' comunque il vangelo ovvio. Neanche il vangelo e' vangelo a considerare gli enormi dibattiti tra teologi.
    non+autenticato
  • Wikipedia si propone come fonte secondaria, tanto che le ricerche originali non vanno inserite.

    Se ci fosse completa libertà, sarebbe pieno di testi come il seguente:

    "***** NASCE NEL 2006 DOPO UN’ESPERIENZA DECENNALE DELLA TITOLARE, *** ****, NEL CAMPO DELL’ESTETICA, NELLO SPECIFICO .."

    (ho asteriscato alcune parti). I parchi pubblici sono ad accesso libero solo che la libertà non dovrebbe significare che un giorni si e l'altro anche le attrezzature possano essere divelte. Quando succedono queste cose, un po' di libertà viene tolta ed a volte anche chi ha buone intenzioni si scontra con queste limitazioni... Come tutto, è questione di misura, se si potesse fare in altro modo lo si farebbe.
  • più che ottimo materiale direi che contiene ottimi complotti grazie ai tanti complottisti che la gestiscono e ci scrivono
    non+autenticato
  • - Scritto da: olio
    > più che ottimo materiale direi che contiene
    > ottimi complotti grazie ai tanti complottisti che
    > la gestiscono e ci
    > scrivono

    Mi sembra una posizione troppo riduttiva. Io ci ho trovato dell'ottimo materiale. Ha i suoi difetti, tu sei perfetto? Io no e niente di quello che conosco lo e', persone, cose, animali. Pero' se la moglie e' maniaca della pulizia pero' cucina bene, se il mio computer ogni tanto ha problemi pero' ci posso fare un sacco di cose, se il mio cane ogni tanto abbaia e fa incavolare i vicini e' molto affettuoso e giocherellone.

    Ci siamo capiti? Non e' utile e produttivo vedere solo il nero o il bianco. Detto questo le critiche sono sintomo di liberta' e possono essere utili, ma quando sono eccessive finiscono per autoscreditarsi. Se ritieni che certe voci non vadano bene o che qualcuno degli admin non sia granche' argomenta, ma non dimenticare di dare atto quanto di buono c'e'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: olio
    > più che ottimo materiale direi che contiene
    > ottimi complotti grazie ai tanti complottisti che
    > la gestiscono e ci
    > scrivono

    Esagerato!
    Wikipedia italiana ha oltre 500.000 voci quante saranno quelle inquinate dai sostenitori di ipotesi di cospirazione ?
    non+autenticato
  • ecco alcuni esempi con prove inoppugnabili:

    http://complottismo.blogspot.com/search/label/Wiki...
    non+autenticato
  • mi pare ovvio che qualcuno dall'alto possa imporre certe scelte... se così non fosse ognuno potrebbe scrivere le razzate che vuole e regnerebbe il caos.

    il problema casomai è decidere "chi" possa avere questo potere e "quanto" potere possa avere...

    la libertà non si ha con l'anarchia, ma con la democrazia, scegliendo i rappresentanti in modo opportuno (votazioni)
    non+autenticato
  • - Scritto da: onoff
    > mi pare ovvio che qualcuno dall'alto possa
    > imporre certe scelte... se così non fosse ognuno
    > potrebbe scrivere le razzate che vuole e
    > regnerebbe il
    > caos.
    >
    > il problema casomai è decidere "chi" possa avere
    > questo potere e "quanto" potere possa
    > avere...
    >
    > la libertà non si ha con l'anarchia, ma con la
    > democrazia, scegliendo i rappresentanti in modo
    > opportuno
    > (votazioni)


    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Si, wikipedia italia e i suoi "illuminati" admin ne sono la riprova!
    non+autenticato
  • si veda come prova il post qui sopra di lol
    non+autenticato
  • cit: <<il problema casomai è decidere "chi" possa avere questo potere e "quanto" potere possa avere...>>
    non+autenticato
  • Qualche prova scientifica dell'arte di disinformare di wikipedia:

    http://complottismo.blogspot.com/search/label/Wiki...
    non+autenticato
  • sono casi clamorosi, supportati da prove schiaccianti
    non+autenticato
  • Carini quei tizi: strillano solo per quello che gli fa comodo.

    Occhio a dar troppo peso alla manica di ciurloni, occhio però ad affidarsi troppo a quelli che "li smascherano", non sono poi così diversi.

    Chi va con lo zoppo ... [etc etc]
    non+autenticato
  • l'importante è valutare oggettivamente le prove portate
    non+autenticato
  • concordo, infatti i libici in realtà i 2 missili volevano farli explodere vicino quanto basta all'isola x essere avvertiti dagli strumenti militari come avvertimento. Sostenere che abbiano mancato il bersaglio fa sorridere per l'ingenuità ... se volevano centravano e non ne mandavano solo 2. Comunque visto che c'è libertà di parola...
    non+autenticato
  • - Scritto da: lol
    > Qualche prova scientifica dell'arte di
    > disinformare di
    > wikipedia:
    >
    > http://complottismo.blogspot.com/search/label/Wiki
    La difinformazione e' informazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lol
    > Qualche prova scientifica dell'arte di
    > disinformare di
    > wikipedia:
    >
    > http://complottismo.blogspot.com/search/label/Wiki

    l'arte di disinformare semmai è di questo sito spazzatura.
    non+autenticato
  • Ecco,
    siamo arrivati al punto che è necessario fare pubblicita a wikky wikky visto che non se la fila più nessuno....

    Troppe MENZOGNE non fanno bene a nessuno e sopratutto fanno stare alla larga la gente per bene!

    wikky wikky è finita da lungo tempo....ed i primi segnali espliciti, come vediamo dall'articolo, cominciano a "trapelare".

    Il WEB 2.0 NON E' wikky wikky....e meno male!!!!

    A presto
    Nilok
    Nilok
    1925
  • A me Wiki piace, la consulto spesso e la qualità delle informazioni è molto alta. Basta non consultare troppo e non prendere troppo sul serio le voci nelle quali si può sfogare la voglia di essere di parte degli utenti (politica, sport ecc.).
    non+autenticato
  • Non sono un grande fan di Wikipedia ma non capisco proprio perchè la odi.. c'è sotto qualcosa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Universiade
    > Non sono un grande fan di Wikipedia ma non
    > capisco proprio perchè la odi.. c'è sotto
    > qualcosa?

    Nilok è un fan/adepto/seguace di scientology, probabilmente Wikipedia ne parla maleCon la lingua fuori
    Uby
    893
  • > Nilok è un fan/adepto/seguace di scientology,
    > probabilmente Wikipedia ne parla male
    >Con la lingua fuori

    Traduci: troll
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nilok
    > Ecco,
    > siamo arrivati al punto che è necessario fare
    > pubblicita a wikky wikky visto che non se la fila
    > più
    > nessuno....
    >

    Ecco, non hai capito un tubo.
    Non me ne meraviglio.

    > Troppe MENZOGNE non fanno bene a nessuno e
    > sopratutto fanno stare alla larga la gente per
    > bene!

    Tra le tipiche MENZOGNE possiamo includere ALIENI IN DC9 e le famose misurazioni corporee a base di ohmetri?


    > wikky wikky è finita da lungo tempo....ed i primi
    > segnali espliciti, come vediamo dall'articolo,
    > cominciano a
    > "trapelare".

    wikkywikky è un altra cosa:


    qui si parla di Wikipedia, scentologo a base di rum!

    > Il WEB 2.0 NON E' wikky wikky....e meno male!!!!

    Infatti il web2.0 è tutt'altro.
    Usare le parole a caso è un tuo hobby o è una professione?

    > A presto

    spero proprio di no,
    che xenu ti porti via!
    non+autenticato
  • Si chiama Lewis Hamilton e non Luis !!
    non+autenticato
  • Errore mio, grazie della segnalazione!Occhiolino
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)