Telecom multata con 145mila euro

Secondo l'Autorità TLC sono sufficienti a rendere giustizia di comportamenti scorretti tenuti nel biennio 2000/2001, comportamenti che hanno pesato sulla concorrenza. Non è la prima sanzione a carico di Telecom Italia

Roma - Il Consiglio dell'Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni ha ieri reso noto la decisione di sanzionare Telecom Italia per 144.607 euro. Una multa che arriva come conseguenza di quelli che sono descritti come comportamenti lesivi della concorrenza e dei consumatori sul mercato TLC.

L'Autorità TLC ritiene che una multa di questa dimensione sia sufficiente a far giustizia, nello specifico, di omessa comunicazione preventiva all'Autorità di offerte commerciali lanciate sul mercato senza le istruttorie necessarie, offerte finite numerose volte tra le molte denunce presentate in quegli anni all'Autorità dai concorrenti di Telecom Italia. Una parte della sanzione si deve inoltre ad un "indebito scambio di informazioni" tra i due principali settori di Telecom Italia: "servizi" e "rete".

Il commissario dell'Autorità Alessandro Luciano, relatore di uno dei provvedimenti con cui si è giunti alla sanzione, ha affermato: "Anche se il comportamento dell'azienda è divenuto più collaborativo nei tempi recenti con l'Autorità e nei confronti della concorrenza, l'Agcom non può abbassare la guardia nella sua attività di vigilanza di pari passo con lo sviluppo del mercato". "Si aprono quindi - ha continuato Luciano - nuovi ambiti di contenzioso: penso ad esempio alla carrier preselection, all'unbundling del local loop e all'xdsl e banda larga". Tutti settori, questi ultimi, sui quali i competitor di Telecom Italia nel 2002 hanno già presentato una serie di denunce.
Quella di ieri non è la prima sanzione che l'Autorità TLC impone a Telecom Italia per comportamenti che hanno danneggiato gli operatori concorrenti e dunque il mercato. Nel maggio del 2001, per esempio, l'Autorità ha sanzionato Telecom Italia con 115 miliardi di lire, una somma allora ritenuta sufficiente a "compensare" quanto accaduto sul mercato del broad band.
TAG: mercato
33 Commenti alla Notizia Telecom multata con 145mila euro
Ordina
  • Coloro che hanno sottoscritto canone zero, il distacco da telecom, quale tutela potranno aspettarsi da questa autorità per Tlc, considerata il comportamento blando tenuto con Telecom nella multa in questione? Es: Infostrada, che non mi risulta abbia una rete di assistenza tenica, sta creando, con il distacco da Telecom, molte aspettative in molti abbonati. Ammesso che Infostrada riesca a evadere tutte le richieste di distacco riuscirà a gestire sul campo tecnicamente la rete dell'ultimo miglio? Quale garanzia viene data agli utenti "puri" attuali e futuri di Infostrada di ritornare di nuovo in Telecom? Nessuna; il ritorno sarà possibile solo pagando le spese di un nuovo impianto in casa che non sarà nuovo in quanto già esiste. Penso che la maxioperazione dei distacchi da Telecom si stia attuando con poco rispetto per gli utenti e con il menefreghismo di chi dovrebbe ( o doveva) controllare.
    La maxioperazione Wind Infostrada è solo commerciale, vale a dire fondata sulle chiacchiere degli operatori del 155: bla bla bla per chiudere contratti; per avere notizie tecniche   (es: navigazione internet) devi accedere a numeri a pagamento; sulla qualità di assistenza che si riceve preferisco non pronunciarmi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Coloro che hanno sottoscritto canone zero,
    > il distacco da telecom, quale tutela
    > potranno aspettarsi da questa autorità per
    > Tlc, considerata il comportamento blando
    > tenuto con Telecom nella multa in
    > questione? Es: Infostrada, che non mi
    > risulta abbia una rete di assistenza tenica,
    > sta creando, con il distacco da Telecom,
    > molte aspettative in molti abbonati. Ammesso
    > che Infostrada riesca a evadere tutte le
    > richieste di distacco riuscirà a gestire sul
    > campo tecnicamente la rete dell'ultimo
    > miglio? Quale garanzia viene data agli
    > utenti "puri" attuali e futuri di
    > Infostrada di ritornare di nuovo in Telecom?
    > Nessuna; il ritorno sarà possibile solo
    > pagando le spese di un nuovo impianto in
    > casa che non sarà nuovo in quanto già
    > esiste. Penso che la maxioperazione dei
    > distacchi da Telecom si stia attuando con
    > poco rispetto per gli utenti e con il
    > menefreghismo di chi dovrebbe ( o doveva)
    > controllare.
    > La maxioperazione Wind Infostrada è solo
    > commerciale, vale a dire fondata sulle
    > chiacchiere degli operatori del 155: bla
    > bla bla per chiudere contratti; per avere
    > notizie tecniche   (es: navigazione
    > internet) devi accedere a numeri a
    > pagamento; sulla qualità di assistenza che
    > si riceve preferisco non pronunciarmi.

    parliamo anche del perchè i contratti devono essere di almeno 18 mesi e delle penali introdotte nel caso di recesso anticipato (135 euro nel caso che tu sia canone zero + adsl)

    non+autenticato
  • Cari amici, al di là di tutte le chiacchiere ed i pensieri, i fatti sono questi:
    Telecom si arroga il permesso di fare ciò che vuole, ma gli altri cosa fanno? O meglio cosa non fanno! L'unico operatore che sta stendendo i propri "fili" è FastWeb ed è l'unico che stimo, ma non posso mai stimare chi vuole fare concorrenza al proprio "padrone di casa", visto che cmq si appoggiano a Telecom e non hanno una proprio rete.
    Del resto chi è abbonato a Telecom cmq riceve è vero tante razzie, ma credo anche tanti buoni servigi.
    Non oso pensare cosa accade ad un utente che ha un problema sulla linea ed ha la "linea diretta" con Tele2, oppure chi ha la sventura di fare un contratto ADSL con Infostrada, che a detta di molti è più lento del 56k!!!
    Faccio solo questi due banali esempi rispondendo che se ho un guasto con Telecom, lo stesso viene risolto nel giro di qualche ora, al max il giorno dopo. Nel secondo caso, personalmente ho un abbo Tin.it ADSL640 e devo dire che anche se non garantiscono banda non ho mai avuto problemi che la stessa subisse cali anche negli orari più caldi, senza considerare il fatto che l'attivazione è fatta in brevissimo tempo, a contrario degli altri che ci mettono mesi, come Atlanet, con la quale avevo cercato di diventare loro cliente prima di Tin.it e dopo tre mesi non sapevano che fine avesse fatto la mia pratica!!!!!
    Signori con questo mio commento non voglio che si creda che sono un fan di Telecom, anzi tutt'altro... proprio ricongiungendomi al discorso dell'ADSL se Alice e Tin.it vengono attivati in 3 giorni e gli altri ben oltre i 30 giorni è perchè al 187 quando ricevono le segnalazioni di attivazione portante ADSL quelle delle concorrenza vengono impunemente sempre messe in fondo e passano avanti quelle loro e tutto questo può essere considerato anche mafia! In tutto ciò cmq gli altri non sono buoni nemmeno a farsi rispettare sotto questi piccoli particolari.
    Concludo come ho inziato: altri gestori muovetevi!!! Fate come FastWeb e non cercate l'elemosina!!!!!!!!
    Saluti.
    AbartH
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Cari amici, al di là di tutte le chiacchiere
    > ed i pensieri, i fatti sono questi:
    > Telecom si arroga il permesso di fare ciò
    > che vuole, ma gli altri cosa fanno? O meglio
    > cosa non fanno! L'unico operatore che sta
    > stendendo i propri "fili" è FastWeb ed è

    C'è una bella differenza tra stendere fibre ottiche che non hanno bisogno di centrali di prossimità rispetto a stendere cavi tradizionali.
    Inoltre le altre compagnie i cavi li possono stendere solo fino alla centrale dell'ultimo miglio, da lì in poi invece si debbono ovviamente appoggiare al doppino Telecom con tutta la stortura del mercato che ciò comporta.

    > l'unico che stimo, ma non posso mai stimare
    > chi vuole fare concorrenza al proprio
    > "padrone di casa", visto che cmq si
    > appoggiano a Telecom e non hanno una proprio
    > rete.

    Wind/Infostrada una propria rete che arriva a quasi tutte le centrali dell'ultimo miglio ce l'ha già, ma il problema dell'affitto dell'ultimo miglio da Telecom rimane sempre con tutti i problemi che questo comporta.

    > Del resto chi è abbonato a Telecom cmq
    > riceve è vero tante razzie, ma credo anche
    > tanti buoni servigi.
    > Non oso pensare cosa accade ad un utente che
    > ha un problema sulla linea ed ha la "linea
    > diretta" con Tele2, oppure chi ha la
    > sventura di fare un contratto ADSL con
    > Infostrada, che a detta di molti è più lento
    > del 56k!!!

    Ripeto, le centrali dell'ultimo miglio (dove viene materialmente installata l'unita' DSLAM per l'ADSL) sono di proprietà Telecom, è ovvio che quest'ultima privilegi se stessa.

    > Faccio solo questi due banali esempi
    > rispondendo che se ho un guasto con Telecom,
    > lo stesso viene risolto nel giro di qualche
    > ora, al max il giorno dopo. Nel secondo
    > caso, personalmente ho un abbo Tin.it
    > ADSL640 e devo dire che anche se non
    > garantiscono banda non ho mai avuto problemi
    > che la stessa subisse cali anche negli orari
    > più caldi, senza considerare il fatto che
    > l'attivazione è fatta in brevissimo tempo, a
    > contrario degli altri che ci mettono mesi,
    > come Atlanet, con la quale avevo cercato di
    > diventare loro cliente prima di Tin.it e
    > dopo tre mesi non sapevano che fine avesse
    > fatto la mia pratica!!!!!

    Sono i vantaggi di possedere una rete già pronta (e pagata da tutti noi attraverso decenni di tasse allo Stato, oneri di urbanizzazione agli Enti Locali e allo Stato e canoni di abbonamento obbligatori a Telecom).

    > Signori con questo mio commento non voglio
    > che si creda che sono un fan di Telecom,
    > anzi tutt'altro... proprio ricongiungendomi
    > al discorso dell'ADSL se Alice e Tin.it
    > vengono attivati in 3 giorni e gli altri ben
    > oltre i 30 giorni è perchè al 187 quando
    > ricevono le segnalazioni di attivazione
    > portante ADSL quelle delle concorrenza
    > vengono impunemente sempre messe in fondo e
    > passano avanti quelle loro e tutto questo
    > può essere considerato anche mafia! In tutto
    > ciò cmq gli altri non sono buoni nemmeno a
    > farsi rispettare sotto questi piccoli
    > particolari.

    Fanno quel che possono, ma se l'autority non vigila o quando vigila prende iniziative veramente risibili come quella dell'articolo, cosa possono fare di più?

    > Concludo come ho inziato: altri gestori
    > muovetevi!!! Fate come FastWeb e non cercate
    > l'elemosina!!!!!!!!

    Ossia devono stendere tutti la fibra ottica?
    Può essere un'idea se l'ultimo miglio continuerà a rimanere nelle mani di Telecom.
    Resta il fatto che così facendo si creerà un oligopolio e non una vera libera concorrenza (visto che le aziende in grado di stendere la fibra ottica per tutt'italia si contano sulle dita di una mano).
    non+autenticato
  • ...ormai serve un nuovo sistema per gestire la concorrenza tra Telecom e le varie società di telecomunicazioni, che secondo me deve essere sviluppato in questo modo:

    una nuova società si ritiene danneggiata dal comportamento del monopolista che le impedisce di offrire nuovi servizi alla clientela visto gli alti costi che deve pagare per l'affitto delle linee,unbundling,ecc.....bene si favorisca il nuovo gestore....però poi il nuovo gestore arrivi davvero!! e non come abbiamo visto finora, tante "lotte" e multe solo per spartirsi Milano o RomaOcchiolino

    Se un operatore vuole "entrare" in una nuova area lo si aiuti....ma se non vuole allora che Telecom faccia ciò che vuole in quell'area e ben venga il monopolio!! così forse si incetivano un po' anche i vari concorrenti ad investire un po' di più e non come hanno fatto fino ad ora, e cioè "pignucolare" per avere dei prezzi più bassi o per danneggiare il monopolista con multe varie senza investire un euro nello sviluppo di linee PROPRIE! e in molte zone d'Italia (non solo Milano)

    Non vorrei che alla fine di tutte queste nuove regole per favorire il mercato mi tolgano pure la linea telefonica perchè Telecom non può fornirmela e nessuno vuole fornire il servizio telefonico nella mia area perchè non c'è guadagno...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...ormai serve un nuovo sistema per gestire
    > la concorrenza tra Telecom e le varie
    > società di telecomunicazioni, che secondo me
    > deve essere sviluppato in questo modo:
    >
    > una nuova società si ritiene danneggiata dal
    > comportamento del monopolista che le
    > impedisce di offrire nuovi servizi alla
    > clientela visto gli alti costi che deve
    > pagare per l'affitto delle
    > linee,unbundling,ecc.....bene si favorisca
    > il nuovo gestore....però poi il nuovo
    > gestore arrivi davvero!! e non come abbiamo
    > visto finora, tante "lotte" e multe solo per
    > spartirsi Milano o RomaOcchiolino
    >
    > Se un operatore vuole "entrare" in una nuova
    > area lo si aiuti....ma se non vuole allora

    Aiuti come?

    > che Telecom faccia ciò che vuole in
    > quell'area e ben venga il monopolio!! così
    > forse si incetivano un po' anche i vari
    > concorrenti ad investire un po' di più e non
    > come hanno fatto fino ad ora, e cioè
    > "pignucolare" per avere dei prezzi più bassi
    > o per danneggiare il monopolista con multe
    > varie senza investire un euro nello sviluppo
    > di linee PROPRIE! e in molte zone d'Italia
    > (non solo Milano)

    Possono avere tutte le linee proprie che vogliono, ma per l'ultimo miglio dovranno sempre appoggiarsi alla rete del concorrente Telecom, e questo è assurdo.
    Esemplificando, che libero mercato ci può essere per altre compagnie di trasporto se una società che fa loro concorrenza è anche proprietaria dei binari?
    E lo stesso esempio si può fare con gli oleodotti, i gasdotti, gli elettrodotti, le autostrade, gli aeroporti ecc. ecc.

    > Non vorrei che alla fine di tutte queste
    > nuove regole per favorire il mercato mi
    > tolgano pure la linea telefonica perchè
    > Telecom non può fornirmela e nessuno vuole
    > fornire il servizio telefonico nella mia
    > area perchè non c'è guadagno...

    Il doppino (purtroppo) è di proprietà Telecom, non ti stupire se te lo staccano solo per il fatto che magari hai stipulato un contratto con un altro gestore.
    non+autenticato
  • Sarei proprio curioso di sapere quanto fattura in un anno la telecom...Dopo quasi dodici anni che il Sirio, nelle bolletta c'è scritto ancora: affitto apparecchio telefonico............?...
  • - Scritto da: Physyko
    > Sarei proprio curioso di sapere quanto
    > fattura in un anno la telecom...Dopo quasi

    Il consolidato del gruppo nell'esercizio 2001 è stato di 31,816 miliardi di Euro.

    > dodici anni che il Sirio, nelle bolletta c'è
    > scritto ancora: affitto apparecchio
    > telefonico............?...

    Per quello devi mandare una comunicazione (meglio una raccomandata A.R.) alla Telecom che intendi restituire il telefono in affitto e che dici loro di venirselo a riprendere (non lo faranno mai Sorride).
    A quel punto non paghi più l'affitto sul telefono.
    Non usare più il telefono che devi restituire e tienilo in un armadio in attesa che se lo vengano a riprendere, mentre per i tuoi usi di casa ti compri un telefono nuovo.
    non+autenticato
  • Si tengono in considerazione solo i danni alla concorrenza
    mai quelli ai consumatori.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)