Due anni dopo, Debian 5.0

La storica distro giunge ad una nuova major release stabile. Esteso il supporto hardware, cresciuto il parco di applicazioni disponibili. Tenendo sempre fede alla filosofia del progetto

Roma - Dopo quasi due anni di sviluppo, lo scorso fine settimana il Progetto Debian ha rilasciato l'ultima release stabile, la 5.0, della sua storica distribuzione Linux. Come noto, al codice di Debian attingono numerose altre distribuzioni tra le quali Ubuntu, Mepis, Xandros e Knoppix: ciò fa di Debian un punto di riferimento molto importante nell'ecosistema open source.

Nota con il nome in codice Lenny, la versione 5.0 è la release di Debian con il maggior numero di architetture hardware supportate, ben 12, e con il più elevato numero di pacchetti binari, pari a oltre 23mila (quasi 8mila in più di Debian "etch" 4.0).

La nuova distro include gli ambienti desktop KDE 3.5.10, GNOME 2.22.2, Xfce 4.4.2 e LXDE 0.3.2.1, il kernel Linux 2.6.26, X.Org 7.3, OpenOffice 2.4.1, Firefox 3.0.6 e Apache 2.2.9. Fornisce inoltre compatibilità con FHS v2.3 e con i programmi sviluppati per la versione 3.2 di LSB.
La maggior parte del software presente nella precedente distribuzione è stato aggiornato: in totale, si parla di più di 13mila pacchetti software, corrispondenti al 72 per cento di quelli contenuti in etch. Un notevole numero di pacchetti (oltre 3mila) è stato invece rimosso per diversi motivi: tali package sono stati marcati come "obsoleti", e non saranno più aggiornati.

Con l'integrazione di X.Org 7.3, gli sviluppatori di Debian affermano che il server X è in grado di riconoscere tutte le più comuni configurazioni hardware e configurarsi automaticamente. Grazie all'inclusione di nuovi pacchetti, Lenny è poi in grado di fornire pieno supporto in scrittura/lettura al file system NTFS e alla maggior parte dei tasti multimediali presenti nelle tastiere e nei mouse. Il supporto a Flash è disponibile tramite i plugin swfdec o Gnash.

L'integrazione della più recente versione di OpenJDK, che comprende un compilatore GNU per Java, vale a dire un interprete di bytecode e le relative classpath Java, ha permesso al progettone open source di mettere a disposizione applicativi basati su Java direttamente nell'archivio main di Debian.

In linea con quella che è sempre stata la filosofia alla base della distribuzione, che dà massima priorità a stabilità e sicurezza, Lenny non include la versione più recente di alcuni software: tra le assenze più vistose vi sono ad esempio KDE 4 e OpenOffice 3, installabili esclusivamente come pacchetti non stabili o attraverso repository non ufficiali.

Restando in tema di sicurezza, questa è stata rafforzata introducendo la possibilità di aggiornare la distribuzione direttamente in fase di installazione. Oltre a questo, gli sviluppatori si sono sforzati di ridurre ulteriormente la superficie d'attacco, ad esempio minimizzando il numero di porte aperte di default e di programmi eseguiti con bit setuid root attivato. Gli amministratori di sistema possono infine contare sul supporto ufficiale a Debian Volatile, che semplifica l'aggiornamento costante dei software di sicurezza (antivirus, antispam ecc) alle versioni stabili più recenti.

Molte anche le novità relative alla procedura di inizializzazione, quali la possibilità di installare il sistema operativo direttamente da Windows, la già citata funzione di aggiornamento automatico dei pacchetti, il ritorno del supporto per l'installazione da più di un CD o DVD, la possibilità di caricare il firmware richiesto da taluni dispositivi da un supporto rimovibile, e il supporto all'installazione con schermi Braille. ╚ inoltre ora possibile usare un menù grafico per scegliere, in fase di avvio dell'installazione, interfacce e ambienti desktop e le modalità per esperti e di ripristino.

Da segnalare infine come, per la prima volta, questa versione di Debian possa essere scaricata sotto forma di immagine Blu-ray.

I link alle immagini di Debian 5.0, incluse quelle live, sono disponibili qui. Per approfondirne le novità è possibile leggere l'annuncio ufficiale e le note di rilascio, entrambi disponibili in lingua italiana.
243 Commenti alla Notizia Due anni dopo, Debian 5.0
Ordina
  • Io non sono un esperto del mondo Linux, mi barcameno e creco di capirci qualcosa, ma una cosa l'ho imparata Debian non si discute....
    non+autenticato
  • Per tuti gli amanti di linux: in FreeBSD la filosofia ha molti contatti con debian, ma e' piu' evoluto, piu' stabile ha piu' pacchetti software, versioni piu' aggiornate, kernel piu' avanzato, e...
    ...non e' un accrocchio. Non aggiungo altro.
    Provare non costa nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Free BSD
    > Provare non costa nulla.

    E provare a non sparare caxxate costa ancora meno.
    non+autenticato
  • Incredibilmente sei riuscito a contraddirti nelle poche parole che hai scrittoA bocca aperta.

    Rileggi meglio e la prossima volta pensaci 10, o meglio 100 volte prima di scrivere
    non+autenticato
  • Driver wireless ancora da installare, xorg.conf da configurare manualmente. Ridicola.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolini
    > Driver wireless ancora da installare, xorg.conf
    > da configurare manualmente.
    > Ridicola.

    per i niubbi ci sono prodotti da niubbi, con i risultati che ne conseguono.

    D'altronde anche per guidare un'auto bisogna prender euna patente, perchè pretendete di usare il pc senza saperlo fare?
  • Si perché per guidare un'auto devi imparare a configurare il motore il cambio ecc. ecc.
    non+autenticato
  • Se sei un incapace non è colpa degli altri...
    non+autenticato
  • Questa è la trollata + bella della giornata.

    Complimentoni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolini
    > Driver wireless ancora da installare, xorg.conf
    > da configurare manualmente.
    > Ridicola.
    Vediamo...Debian installata dal 2005, cambiato 3 computer completi senza mai formattare, la uso su tutte le macchine che ho, ci lavoro, ci sviluppo software per lavoro, non ho scazzi e mazzi, non ho particolari problemi hw...mhmm...soddisfa i miei targetSorride

    Debian ridicola...beh, è un affermazione *ridicola*, ahaha.
    Per me (ma non solo per me, è risaputa la stabilità, configurabilità e versatilità di Debian) è la migliore distro esistente, ma non sono un utente comune, quindi consiglierei ad un neofita sicuramente ubuntu o simili.
    Sparare a mille, così, su Debian...beh...son ancora che rido, ahaha
  • - Scritto da: zidagar
    > - Scritto da: Paolini
    > > Driver wireless ancora da installare, xorg.conf
    > > da configurare manualmente.
    > > Ridicola.
    > Vediamo...Debian installata dal 2005, cambiato 3
    > computer completi senza mai formattare, la uso su
    > tutte le macchine che ho, ci lavoro, ci sviluppo
    > software per lavoro, non ho scazzi e mazzi, non
    > ho particolari problemi hw...mhmm...soddisfa i
    > miei target
    >Sorride
    >
    > Debian ridicola...beh, è un affermazione
    > *ridicola*,
    > ahaha.
    > Per me (ma non solo per me, è risaputa la
    > stabilità, configurabilità e versatilità di
    > Debian) è la migliore distro esistente, ma non
    > sono un utente comune, quindi consiglierei ad un
    > neofita sicuramente ubuntu o
    > simili.
    > Sparare a mille, così, su Debian...beh...son
    > ancora che rido,
    > ahaha

    NO; UBUNTU NO, non ce lo mandare fra i maroni, che ti abbiamo fatto di male? DelusoIn lacrime Piuttosto diciamogli di porre le sue domande sui newsgroup appropriati e aspettiamo pazientemente che arrivi Thorin a prendersi amorevolmente cura di lui! Idea!GeekAngiolettoA bocca aperta Fan Linux
    non+autenticato
  • in non troppe parole le differenze tra debian e ubuntu? so che ubuntu fa l'occhiolino a debian, ma non ho mai compreso in fondo la differenza: sono solo le scelte per i pacchetti integrati o disponibili nelle ev repo ufficiali?

    grazie
    non+autenticato
  • ...di non scrivere fesserie.

    Io uso la Debian da ormai diverso tempo (un po' meno di 10 anni) e fin dalle prime versioni, e quello che mi è piaciuto è la notevole stabilità.

    Quindi per la Debian "normale" vengono scelti pacchetti fuori da più tempo e testati a fondo, per cui l'intero sistema risulta stabile perchè ha ricevuto più attenzione degli altri.
    Puoi scegliere di installare pacchetti recenti, marcati come "instabili" e che magari non daranno mai problemi.

    Ubuntu e simili invece partono da una Debian recente (quella marcata instabile) e quindi ci trovi tutte le versioni nuove come KDE 4 o OpenOffice 3. Il risultato è che hai un pc aggiornato ma che potrebbe dare problemi ogni tanto (vedi OpenOffice 3, anche anche con le ultime patch ha problemi nella grafica e dei documenti simil-Word). Mi ricordo ancora come per Samba, ad esempio, c'è voluto parecchio tempo per aggiornarla alla versione 3.

    Ovviamente se devi fare un server non ti interessa la grafica e prediligi un programma vecchio e collaudato, mentre se fai un desktop sei più propenso a "rischiare".

    Poi altre distribuzioni, come Fedora, addirittura mettono dei pacchetti in RC (release candidate) nella propria distribuzione (come ad es. la versione 11 uscita qualche settimana fa).

    Io ho appena finito di sistemare 3 server con la versione 4, e credo di aggiornarli alla 5 non prima di gennaio 2010.

    Forse non sono poche parole ma credo di aver spiegato in maniera molto semplice. Comunque se ho scritto delle cavolate vi prego di correggermi!

    Io addirittura rallenterei un attimo, nel senso che userei meglio i numeri delle versioni. Perchè passare dalla 4.0r7 alla 5? Facciamo la 4.1 o 4.2 come vengono numerati i kernel di Linux. C'è fretta e si vuole arrivare alla versione 10 forse?
    non+autenticato
  • sei stato chiarissimo
    grazie
    non+autenticato
  • l'ho installa e sono rimasto deluso, non mi riconosce nemmeno il monitor nel senso che non posso cambiare la risoluzione e la frequenza, le caselline sono vuote e non selezionabile. Un bug così non c'è l'ha nemmeno una alfa version. Non ci siamo proprio, Debian 5 l'ho bocciata!
    non+autenticato
  • Do You Speak English?

    Bugreporta allora, gnagnare non serve a niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: jubbe
    > Do You Speak English?
    >
    > Bugreporta allora, gnagnare non serve a niente.

    sicuramente serve di meno che non configurare opportunamente lo xorg.conf

    Non capisco chi, desiderando la pappa pronta, si installi una Debian.
  • la pappa deve essere pronta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ppp
    > la pappa deve essere pronta
    La pappa può essere pronta, se ti scegli una distro che te la prepara ben bene.
    Non e' obbligatorio installare tutte le distro di questo mondo, basta che ti scegli la distro che fa per te.
    Anzi, non e' neanche obbligatorio installare linux, c'e' xp, vista, MacOS su HW apple.....
  • - Scritto da: BFidus
    > - Scritto da: ppp
    > > la pappa deve essere pronta
    > La pappa può essere pronta, se ti scegli una
    > distro che te la prepara ben
    > bene.


    la mia interpid 8.10 me l'avbeva preparata la pappa pronta, ma in ogni caso ho preferito "corregerla" come piaceva a me.
    D'altronde rifuggo da windows proprio perchè mi piace ocnfigurarmi le cose come voglio io.
    Altrimenti mi montavo il Vista mattone e usavo il pc come voleva Ballmer (cioè male e sprecando risorse)
  • Ma il nuovo X.org non permette di cincischiare con risoluzioni e frequenze se il monitor è LCD.
    Gli LCD hanno risoluzione e frequenza fissa non hanno più il cannone elettronico.

    Dato che gli LCD hanno risoluzione fissa per il loro dot pitch, non si può andare oltre, solo ridurla, in tal caso però l'immagine non è corretta, l'elettronica del monitor usa tecniche di ridimensionamento che perdono in definizione e qualità.

    Col nuovo X.org se vuoi risoluzione più bassa devi editarti il file xorg.conf ad hoc perché lui non te lo configura più, perché genera la configurazione dinamicamente ad ogni boot.
    non+autenticato
  • confermo quanto detto, io ho dovuto editare quel file propio perchè la risoluzione del mio display del portatile non coincideva con il testo scritto di xorg.conf e probabilmente dovrò rimetterci le mani perchè mi da delle strane ombre nel desktop in certe icone.
  • - Scritto da: EnricoG
    > l'ho installa e sono rimasto deluso, non mi
    > riconosce nemmeno il monitor nel senso che non
    > posso cambiare la risoluzione e la frequenza, le
    > caselline sono vuote e non selezionabile. Un bug
    > così non c'è l'ha nemmeno una alfa version. Non
    > ci siamo proprio, Debian 5 l'ho
    > bocciata!

    Magari devi solo installare/configurare i driver corretti per la tua scheda videoOcchiolino
    Debian nasce per chi vuole/deve avere il sistema completamente sotto il proprio controllo. ╚ flessibile ma allo stesso tempo richiede un'adeguata conoscenza dell'OS in questione.
    Insomma, non è un OS adatto a tutti...

    Se ti può interessare, inizia a leggere partendo da qua: http://www.debian.org/doc/manuals/reference/index....
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)