Alfonso Maruccia

Los Alamos, la vera bomba Ŕ la sicurezza

Quando si tratta di non far sparire i PC governativi, il cuore della ricerca nucleare statunitense fa acqua da tutte le parti. Nessun rischio per la nazione, ma i controllori drizzano le orecchie

Roma - ╚ il luogo dove è nata la bomba atomica, centro di eccellenza della ricerca statunitense tra supercomputer, nanotech e reattori nucleari mignon. Ma quando si tratta della semplice custodia di PC, laptop e compagnia, anche il Los Alamos National Laboratory soffre della stessa patologica mancanza di sicurezza già endemica nel resto delle istituzioni nazionali. Nel New Mexico mancano all'appello un totale di 80 computer, e i labs si beccano una mezza strigliata dalla National Nuclear Security Administration.

Nel 2008 l'emorragia di sistemi informatici ha contato 13 vittime, computer "smarriti" o rubati di cui non si sa nulla, e in un caso tre PC sono spariti dall'abitazione privata di un impiegato del laboratorio senza che i responsabili abbiano saputo dire alcunché sul perché quel dipendente avesse ricevuto l'autorizzazione di "portarsi il lavoro a casa" con tanto di computer al seguito.

In un quadro che appare quantomeno preoccupante, le buone notizie parlano di 11 PC recuperati e soprattutto del fatto che, assicurano le autorità, su quei sistemi finiti inghiottiti nel buco nero non era presente alcuna informazione classificata o, peggio ancora, di rilevanza per la sicurezza nazionale.
In un memorandum pubblicato dal gruppo Project on Government Oversight, NNSA cerca di tirare le somme della vicenda stabilendo che "la magnitudine dell'esposizione e del rischio corso dal laboratorio è nella migliore delle ipotesi incerta, perché sono state raccolte poche informazioni su queste perdite". Viene ordinato inoltre all'istituto di "trattare ogni perdita di attrezzatura informatica in grado di registrare informazioni come un pericolo di cyber-sicurezza".

La NNSA fa poi i complimenti a Los Alamos per aver lavorato "diligentemente" nell'anno passato per soddisfare i requisiti di sicurezza richiesti dall'organizzazione: ma rimangono sul piatto i trascorsi dei laboratori del New Mexico, che hanno fatto fuoriuscire informazioni classificate sulla tecnologia nucleare, sono stati vittima di attacchi informatici e hanno spedito e-mail confidenziali (ancora, con dati "nucleari") usando un network non protetto. Non proprio una situazione di cui vantarsi.

Alfonso Maruccia
62 Commenti alla Notizia Los Alamos, la vera bomba Ŕ la sicurezza
Ordina
  • A sembrate tutti dei gran fessi, se fate un flame fatelo bene, questo è un flame.

    State a discutere sull'utilizzo di bombe atomiche? ma siete scemi o ci fate?

    Il problema iniziale che non si deve mai fare la guerra, ma se si è attaccati ci si deve difendere, quindi facciamo un calcolo probalistico di una guerra atomica adesso.

    Risultato = fine del mondo

    Come ci sono arrivato?

    Usando la testa, cosa che dovreste fare anche voi!!!

    La zona irradiata rimane inabitabile per 1000/10000 anni salvo pazzia del popolo con cancri e degenerazioni genetiche.

    I sistemi difensivi delle nazioni Atomiche funzionano in automatico in caso di attacco nucleare, quindi anche se li ammazzate tutti, i missili contro di voi arriverebbero lo stesso, calcolate che ogni nazione ha alcuni nemici comuni e altri alleati, quindi israele ed america, iran e russia e cina, se partisse un solo missile su una di queste nazioni "usa, russia o cina" partirebbero in automatico tutti gli altri con uno scenario simulato di 300 bombe atomiche sul nostro pianetino, "simulazione minimale o ottimistica", la più piccola delle nuove bombe è 40 volte più potente di quelle usate nella scorsa guerra,cosa causerebbero? un innalzamento nell'atmosfera di polveri radioattive che farebbero 2 volte il giro del mondo in pochi ore.

    Quindi anche se Voi foste in una grotta sotto Lampedusa morireste o per fame o per radiazioni, non potreaste nemmeno figliare,e se per sfiga succeddesse nascerebbe una cosa abnorme, dopo questo pensate ancora che le atomiche ci proteggano?

    Le guerre ci saranno sempre, si spera che tutti siano così saggi da non utilizzarle, ma aimè se lo facessero, non sparibbe solo israele o L'iraq, ma anche i pinguini del polo morirebbero come topi dopo un lauto pasto di pesticida!!!

    La atomica è troppo distruttiva per essere usata, per nessun motivo si dovrà ripetere l'o/errore, se non capite questo siete solo dei poverini intellettualmente parlando!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Beppe
    ...
    > Il problema iniziale che non si deve mai fare la
    > guerra, ma se si è attaccati ci si deve
    > difendere, quindi facciamo un calcolo
    > probalistico di una guerra atomica
    > adesso.
    >
    > Risultato = fine del mondo
    >
    > Come ci sono arrivato?
    >
    > Usando la testa, cosa che dovreste fare anche
    > voi!!!

    l'altro sistema per arrivarci, è far giocare il supercomputer a Tic Tac Toe contro se stesso.Occhiolino
  • - Scritto da: Beppe
    > A sembrate tutti dei gran fessi, se fate un flame
    > fatelo bene, questo è un
    > flame.
    >

    grazie del consiglio

    > State a discutere sull'utilizzo di bombe
    > atomiche? ma siete scemi o ci
    > fate?
    >

    illuminaci d'immenso

    > Il problema iniziale che non si deve mai fare la
    > guerra, ma se si è attaccati ci si deve
    > difendere, quindi facciamo un calcolo
    > probalistico di una guerra atomica
    > adesso.
    >

    hai scoperto l'acqua calda


    > Risultato = fine del mondo
    >

    un fine matematico

    > Come ci sono arrivato?
    >

    troppe canne????

    > Usando la testa, cosa che dovreste fare anche
    > voi!!!
    >

    la testa di .....???

    > La zona irradiata rimane inabitabile per
    > 1000/10000 anni salvo pazzia del popolo con
    > cancri e degenerazioni
    > genetiche.
    >

    A hiroshima ci sono 1.162.215 abitanti. Tutti amanti del rischio? Tutti coglXXni???


    > I sistemi difensivi delle nazioni Atomiche
    > funzionano in automatico in caso di attacco
    > nucleare, quindi anche se li ammazzate tutti, i
    > missili contro di voi arriverebbero lo stesso,
    > calcolate che ogni nazione ha alcuni nemici
    > comuni e altri alleati, quindi israele ed
    > america, iran e russia e cina, se partisse un
    > solo missile su una di queste nazioni "usa,
    > russia o cina" partirebbero in automatico tutti
    > gli altri con uno scenario simulato di 300 bombe
    > atomiche sul nostro pianetino, "simulazione
    > minimale o ottimistica", la più piccola delle
    > nuove bombe è 40 volte più potente di quelle
    > usate nella scorsa guerra,cosa causerebbero? un
    > innalzamento nell'atmosfera di polveri
    > radioattive che farebbero 2 volte il giro del
    > mondo in pochi
    > ore.
    >

    magari uscire prendere un po' d'aria fresca no, eh??? Ossigenazione dei polmoni e delle idee...

    > Quindi anche se Voi foste in una grotta sotto
    > Lampedusa morireste o per fame o per radiazioni,
    > non potreaste nemmeno figliare,e se per sfiga
    > succeddesse nascerebbe una cosa abnorme, dopo
    > questo pensate ancora che le atomiche ci
    > proteggano?
    >

    ma a Lampedusa, non erano arrivati i missili di Gheddafi??? brrrrrr... paura...

    > Le guerre ci saranno sempre, si spera che tutti
    > siano così saggi da non utilizzarle, ma aimè se
    > lo facessero, non sparibbe solo israele o L'iraq,
    > ma anche i pinguini del polo morirebbero come
    > topi dopo un lauto pasto di
    > pesticida!!!
    >

    e tu, sei cosi' saggio da utilizzare un dizionario d'italiano???

    > La atomica è troppo distruttiva per essere usata,
    > per nessun motivo si dovrà ripetere l'o/errore,
    > se non capite questo siete solo dei poverini
    > intellettualmente
    > parlando!!!

    scusa la domanda, ma c'è ancora un posto libero al CEPU???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Beppe
    > A sembrate tutti dei gran fessi, se fate un flame
    > fatelo bene, questo è un
    > flame.
    >
    > State a discutere sull'utilizzo di bombe
    > atomiche? ma siete scemi o ci
    > fate?
    >

    Non offendiamo l'amico me_medesimo, lui ha delle ragioni inoppugnabili dalla sua parte, le informazioni tecniche e quelle di filosofia morale le ha ricevute direttamente da sua nonna, come graziosamente ci informa sopra, e con questo e' il massimo esperto nel settore.

    E a proposito, cosa direbbe tua nonna me_medesimo di fronte a queste foto?

    http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/...

    http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/...

    http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/...

    Affermerebbe in 5 minuti con bella sicumera che in fondo in fondo e' stato il male peggiore? Oppure ti direbbe che prima di giudicare qualcuno o qualcosa e' meglio fare qualche kilometro nelle sue scarpe?
    non+autenticato
  • > Affermerebbe in 5 minuti con bella sicumera che
    > in fondo in fondo e' stato il male peggiore?

    Ops minore ovviamente, male minore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Primo
    > > Affermerebbe in 5 minuti con bella sicumera che
    > > in fondo in fondo e' stato il male peggiore?
    >
    > Ops minore ovviamente, male minore.

    ubi major, minor cessat.

    ma che te lo dico a fare???
    Salutami tuo zio Ciano...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Primo
    > - Scritto da: Beppe
    > > A sembrate tutti dei gran fessi, se fate un
    > flame
    > > fatelo bene, questo è un
    > > flame.
    > >
    > > State a discutere sull'utilizzo di bombe
    > > atomiche? ma siete scemi o ci
    > > fate?
    > >
    >
    > Non offendiamo l'amico me_medesimo, lui ha delle
    > ragioni inoppugnabili dalla sua parte, le
    > informazioni tecniche e quelle di filosofia
    > morale le ha ricevute direttamente da sua nonna,
    > come graziosamente ci informa sopra, e con questo
    > e' il massimo esperto nel
    > settore.
    >
    > E a proposito, cosa direbbe tua nonna me_medesimo
    > di fronte a queste
    > foto?
    >
    > http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/
    >
    > http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/
    >
    > http://photos1.blogger.com/x/blogger/7114/258/400/
    >
    > Affermerebbe in 5 minuti con bella sicumera che
    > in fondo in fondo e' stato il male peggiore?
    > Oppure ti direbbe che prima di giudicare qualcuno
    > o qualcosa e' meglio fare qualche kilometro nelle
    > sue
    > scarpe?

    visto che la metti sul personale, magari i tuoi nonni non avevao problemi, perchè essendo amici del regime avevano trovato il modo di far esonerare i loro figli dall'andare al fronte.

    magari mi sbaglio, ma come dice Andreotti: "a pensar male si fa peccato, ma spesso si ha ragione..."

    vergogna
    non+autenticato
  • > visto che la metti sul personale, magari i tuoi
    > nonni non avevao problemi, perchè essendo amici
    > del regime avevano trovato il modo di far
    > esonerare i loro figli dall'andare al
    > fronte.
    >

    C'entra poco, sai io non ergo i miei antenati a misura di tutta la storia umana. Piu' modestamente preferisco scindere storia famigliare dalla Storia Mondiale e usare fonti un po' piu' oggettive che non i ricordi del prozio se devo capirci qualcosa su di un argomento.

    > magari mi sbaglio, ma come dice Andreotti: "a
    > pensar male si fa peccato, ma spesso si ha
    > ragione..."
    >

    Hai proprio ragione, in questo momento sto pensando che tu sei un Troll galattico, comunque bene cosi' si da il caso che ho del tempo da perdere.
    non+autenticato
  • Mi piaci, sembri uno di quei predicatori pazzoidi e infervorati che ho visto a Londra nei parchi Sorride
    non+autenticato
  • ...aveva dimostrato la mancanza di sicurezza nei centri di ricerca militare. Le sue osservazioni non portarono ad un miglioramento, anzi venne isolato dai colleghi (cfr. "Sta scherzando, mr Feynman", ISBN: 9788808037183)

    http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Feynman#The_M...

    Due to the top secret nature of the work, Los Alamos was isolated. In Feynman's own words, "There wasn't anything to do there". Bored, he indulged his curiosity by learning to pick the combination locks on cabinets and desks used to secure papers. Feynman played many jokes on colleagues. In one case he found the combination to a locked filing cabinet by trying the numbers a physicist would use (it proved to be 27-18-28 after the base of natural logarithms, e = 2.71828...), and found that the three filing cabinets where a colleague kept a set of atomic bomb research notes all had the same combination. He left a series of notes as a prank, which initially spooked his colleague, Frederic de Hoffman, into thinking a spy or saboteur had gained access to atomic bomb secrets. On several occasions Feynman drove to Albuquerque to see his ailing wife in a car borrowed from Klaus Fuchs, who was later discovered to be transporting nuclear secrets in his car to Albuquerque for the Soviets.
    non+autenticato
  • Diciamo che sono un po' del settore, almeno più di tanti altri.

    Innanzi tutto confermo e ribadisco che bisognerebbe stare più attenti a trattare certi dati, dall'altra parte non posso fare a meno di far notare che bisognerebbe essere anche dei bravi informatici per fare certi lavori.
    Non c'è niente da fare, la cultura informatica è carente a tutti i livelli e questo è un problema ENORME.

    Tornando ai dati... non è per dire, ma sulle tecnologie nucleari ci sono decine e decine di siti con tutte le informazioni più disparate, nonché decine e decine di libri.
    Un fisico/ingegnere nucleare è come un chimico: certe cose le sa perché le ha studiate e ovviamente perché non erano nascoste!

    Oltre a questo vorrei ricordare che sarebbe un errore l'equazione LANA = bomba, perché le tecnologie nucleari rivestono n-mila altri aspetti della nostra vita quotidiana (chi non si è rotto un braccio? chi ha bevuto un succo di frutta? ecc.)

    P.S. per i "paurosi": la sorgente radioattiva si usa per capire quando il brick del succo è pieno... non c'è nulla dentro Sorride
    non+autenticato
  • > ... chi ha bevuto un succo di
    > frutta?
    > ecc.)
    >
    > P.S. per i "paurosi": la sorgente radioattiva si
    > usa per capire quando il brick del succo è
    > pieno... non c'è nulla dentro
    > Sorride

    Uhm, questa mi è nuova.. Mi ha incuriosito: spiegamela un pò meglio sta cosa, pls ^_^
    non+autenticato
  • - Scritto da: Daniel F
    >> P.S. per i "paurosi": la sorgente radioattiva si
    >> usa per capire quando il brick del succo è
    >> pieno... non c'è nulla dentro Sorride
    > Uhm, questa mi è nuova.. Mi ha incuriosito:
    > spiegamela un pò meglio sta cosa, pls
    > ^_^

    Beh, è semplice.
    Il problema è: come faccio a capire quando ho raggiunto il giusto livello nel brick di succo di frutta, immaginando di doverlo riempire da un recipiente molto più grande?
    Fra i tanti modi possibili uno molto semplice usa una piccola sorgente radioattiva ad una estremità del recipiente ed un detector dall'altra parte.
    Più liquido c'è, maggiore sarà l'attenuazione dei raggi gamma, quindi ad un certo momento il detector segnalerà di essere sceso sotto una certa intensità di radiazione (il brick è pieno) e il sistema di controllo fermerà l'erogazione del succo.
    Semplice no?

    Sistema analogo è la sterilizzazione con radiazioni delle patate, ma in questo caso si usa una sorgente molto intensa, quindi è bene che solo persone con la testa vadano a toccare i macchinari.

    Il problema della contaminazione non esiste, visto che si usano sorgenti gamma e non neutroni.
    Al massimo massimo uccidi tutti i batteri (effetto voluto), ma non lasci contaminazione, visto che la sorgente resta sigillata e mai entra in contatto con il sistema.
    non+autenticato
  • la bomba atomica fa paura, certo. è un'arma orribile, nessuno vorrebbe che esistesse.

    eppure, grazie alla bomba atomica la seconda guerra mondiale è finita prima. Quanti morti ha risparmiato la bomba atomica?

    Provocazione (ma non troppo): siamo sicuri che una bomba atomica sull'Iran o su Gaza non potrebbe essere, un giorno, un rimedio estremo contro un male estremo (come disse il presidente USA ai tempi di Hiroshima)?

    Troll, estremisti e politicizzati ASTENERSI, prego!!!
    non+autenticato
  • > Troll, estremisti e politicizzati ASTENERSI,
    > prego!!!

    Veramente ci vorrebbe lo psichiatra
    guast
    1319
  • - Scritto da: guast
    > > Troll, estremisti e politicizzati ASTENERSI,
    > > prego!!!
    >
    > Veramente ci vorrebbe lo psichiatra

    Non solo lo psichiatra, ma neppure la bomba atomica avrebbe effetto sul cervello di chi scrive cose simili ...
    non+autenticato
  • Le risposte precedenti Sono dei Troll....anche se loro negano
    Lo sai che queste cose non si possono dire....altrimenti non è corretto....
    Nel contesto in cui viviamo l'atomica non avrebbe senso...siamo cresciuti e diamo più importanza alla vita rispetto all'agosto del 45.

    Penserei più a una atomica tattica....con danni meno significativi rispetto a un ordigno strategico.

    Senza estremisimi e senza essere politicizzati
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pilerus
    > Le risposte precedenti Sono dei Troll....anche se
    > loro
    > negano
    > Lo sai che queste cose non si possono
    > dire....altrimenti non è
    > corretto....
    > Nel contesto in cui viviamo l'atomica non avrebbe
    > senso...siamo cresciuti e diamo più importanza
    > alla vita rispetto all'agosto del
    > 45.
    >
    > Penserei più a una atomica tattica....con danni
    > meno significativi rispetto a un ordigno
    > strategico.
    >
    > Senza estremisimi e senza essere politicizzati

    Alleluja! Finalmente una risposta sensata, grazieOcchiolino

    effettivamente, è vero che il concetto di rispetto della vita ha subito una stupenda evoluzione, grazie a Dio.

    Il fatto è che la nostra generazione non ha subito sulla pelle il peso della bomba guerra, a differenza dei nostri nonni.

    Parlando con mia nonna, lei mi diceva che si ricorda dell'orrore che aveva provato quando la bomba atomica era scoppiata. Era a casa con sua mamma e piangeva. Sua mamma (mia bisnonna, nata nell'800 e totalmente analfabeta) le disse: "è una cosa brutta tutti questi morti, ma magari adesso i tuoi fratelli tornano a casa dal fronte".

    Cinismo o semplice "saggezza atavica"?
    Se QUATTRO dei miei figli fossero al fronte, che cosa preferirei? che tornassero a casa sani e salvi, ovviamente. A qualsiasi costo. Anche se il prezzo fosse una seconda Hiroshima.

    Ma hai ragione tu, queste cose non si possono dire, soltanto pensare...

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: me_medesimo
    > - Scritto da: Pilerus
    > > Le risposte precedenti Sono dei Troll....anche
    > se
    > > loro
    > > negano
    > > Lo sai che queste cose non si possono
    > > dire....altrimenti non è
    > > corretto....

    chissà perchè ? te lo sei mai chiesto ?

    > > Nel contesto in cui viviamo l'atomica non
    > avrebbe
    > > senso
    e chissà xchè gli statunitensi si prodigano per non farne costruire + ...

    ...siamo cresciuti e diamo più importanza
    > > alla vita rispetto all'agosto del
    > > 45.

    sembri sicuro, io invece non lo sarei ... con i discorsi che fai ...

    > >
    > > Penserei più a una atomica tattica....con danni
    > > meno significativi rispetto a un ordigno
    > > strategico.
    > >
    > > Senza estremisimi e senza essere politicizzati
    >
    > Alleluja! Finalmente una risposta sensata, grazie
    >Occhiolino
    >
    > effettivamente, è vero che il concetto di
    > rispetto della vita ha subito una stupenda
    > evoluzione, grazie a Dio.

    ...magari non proprio grazie a Dio, se ti riferisci agli ultimi 50 anni

    >
    >
    > Il fatto è che la nostra generazione non ha
    > subito sulla pelle il peso della bomba guerra, a
    > differenza dei nostri nonni.
    >
    >
    > Parlando con mia nonna, lei mi diceva che si
    > ricorda dell'orrore che aveva provato quando la
    > bomba atomica era scoppiata. Era a casa con sua
    > mamma e piangeva. Sua mamma (mia bisnonna, nata
    > nell'800 e totalmente analfabeta) le disse: "è
    > una cosa brutta tutti questi morti, ma magari
    > adesso i tuoi fratelli tornano a casa dal
    > fronte".

    lo diceva anche la mia, ma in realtà ogni volta che gli arrivava una notizia brutta pensava potesse essere una buona scusa per tornare dal fronte...

    >
    > Cinismo o semplice "saggezza atavica"?

    disperazione, come dici tu : la nostra generazione non ha
    subito sulla pelle (non la bomaba ma la guerra)

    > Se QUATTRO dei miei figli fossero al fronte, che
    > cosa preferirei? che tornassero a casa sani e
    > salvi, ovviamente. A qualsiasi costo. Anche se il
    > prezzo fosse una seconda
    > Hiroshima.

    ... io avrei preferito che non ce li avessero mandati a forza a combattere con le scarpe di cartone, ma forse è questo che per te non si può dire... mi sbaglio ?

    >
    > Ma hai ragione tu, queste cose non si possono
    > dire, soltanto
    > pensare...

    ...ma magari ci avessi pensato prima di scriverle...bastavono 5 min di ricerche su google...

    >
    > ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: blix
    > - Scritto da: me_medesimo
    > > - Scritto da: Pilerus
    > > > Le risposte precedenti Sono dei Troll....anche
    > > se
    > > > loro
    > > > negano
    > > > Lo sai che queste cose non si possono
    > > > dire....altrimenti non è
    > > > corretto....
    >
    > chissà perchè ? te lo sei mai chiesto ?

    perchè nella società "asettica" in cui viviamo è considerato "politically uncorrect" anche solo farsi delle domande?

    >
    > > > Nel contesto in cui viviamo l'atomica non
    > > avrebbe
    > > > senso
    > e chissà xchè gli statunitensi si prodigano per
    > non farne costruire +
    > ...
    >

    come scusa? gli americani si prodigano a fare cosa? Guarda che negli USA esiste un'industria che *VENDE* tecnologia per costruire armi nucleari, soltanto ai paesi considerati *AMICI*. Tutto alla luce del sole, eh?

    > ...siamo cresciuti e diamo più importanza
    > > > alla vita rispetto all'agosto del
    > > > 45.
    >
    > sembri sicuro, io invece non lo sarei ... con i
    > discorsi che fai
    > ...

    in quei tempi simpatici, se soltanto eri omosessuale, potevi dichiararlo pubblicamente?

    se volevi divorziare, potevi farlo?

    se eri marxista (come mio padre), potevi trovare lavoro facilmente?

    se eri una donna, potevi denunciare delle molestie sessuali?

    se eri una bambina, non eri fors tu che avevi "aizzato" l'adulto a darti una "semplice toccatina"?

    se eri una donna, non era colpa tua se eri vestita troppo succintamente e avevi provocato il tuo stupratore?

    Ma perfavore, non cambiamo la Storia a nostro piacimento, eh?

    >
    > > >
    > > > Penserei più a una atomica tattica....con
    > danni
    > > > meno significativi rispetto a un ordigno
    > > > strategico.
    > > >
    > > > Senza estremisimi e senza essere politicizzati
    > >
    > > Alleluja! Finalmente una risposta sensata,
    > grazie
    > >Occhiolino
    > >
    > > effettivamente, è vero che il concetto di
    > > rispetto della vita ha subito una stupenda
    > > evoluzione, grazie a Dio.
    >
    > ...magari non proprio grazie a Dio, se ti
    > riferisci agli ultimi 50
    > anni
    >

    grazie a Dio è un'espressione della lingua italiana.

    > >
    > >
    > > Il fatto è che la nostra generazione non ha
    > > subito sulla pelle il peso della bomba guerra, a
    > > differenza dei nostri nonni.

    verissimo

    > >
    > >
    > > Parlando con mia nonna, lei mi diceva che si
    > > ricorda dell'orrore che aveva provato quando la
    > > bomba atomica era scoppiata. Era a casa con sua
    > > mamma e piangeva. Sua mamma (mia bisnonna, nata
    > > nell'800 e totalmente analfabeta) le disse: "è
    > > una cosa brutta tutti questi morti, ma magari
    > > adesso i tuoi fratelli tornano a casa dal
    > > fronte".
    >
    > lo diceva anche la mia, ma in realtà ogni volta
    > che gli arrivava una notizia brutta pensava
    > potesse essere una buona scusa per tornare dal
    > fronte...
    >

    il famoso "meglio storpio che morto" che dicevano le mamme dei soldati in un film di kusturica... tristissimo ma vero.

    > >
    > > Cinismo o semplice "saggezza atavica"?
    >
    > disperazione, come dici tu : la nostra
    > generazione non
    > ha
    > subito sulla pelle (non la bomaba ma la guerra)
    >

    appunto, se non hai scelta, scegli il meno peggio, per quanto orribile sia.

    > > Se QUATTRO dei miei figli fossero al fronte, che
    > > cosa preferirei? che tornassero a casa sani e
    > > salvi, ovviamente. A qualsiasi costo. Anche se
    > il
    > > prezzo fosse una seconda
    > > Hiroshima.
    >
    > ... io avrei preferito che non ce li avessero
    > mandati a forza a combattere con le scarpe di
    > cartone, ma forse è questo che per te non si può
    > dire... mi sbaglio
    > ?

    Scusami? perchè non se ne potrebbe parlare? Se proprio proprio vuoi sapere la mia opinione, Benito Mussolini non avrebbe dovuto essere ucciso sommariamente, ma processato per crimini contro l'umanità, condannato a morte da un tribunale "equo" e appeso in pubblica piazza.
    Ma non c'entra ASSOLUTAMENTE NULLA con il nostro discorso.

    Se tu fossi la mamma di un soldato, non avresti alcuna scelta, alcun potere sulle scelte militari del tuo paese. OVVIAMENTE molto meglio non andarci neppure, al fronte.

    Potresti rispondere alla mia domanda di prima? Se tuo figlio è al fronte, lo preferisci vedere tornare a casa vivo o morto? Anche a costo di veder esplodere una bomba atomica?
    Questa è la domanda "terribile".

    Attenzione, io non so darti una risposta definitiva. Pensa ai genitori dei soldati USA: ovviamente pazzi di gioia per aver visto ritornare i loro figli, ma che cosa avranno sentito nello stomaco ogni volta che le immagini di Hiroshima e Nagasaki passavano alla televisione? Male necessario? Ubi major, minor cessat???

    > > Ma hai ragione tu, queste cose non si possono
    > > dire, soltanto
    > > pensare...
    >
    > ...ma magari ci avessi pensato prima di
    > scriverle...bastavono 5 min di ricerche su
    > google...
    >

    mi sembra di averti fornito qualche argomentazione che mi a occupato per ben più di 5 minuti

    > >
    > > ciao

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: me_medesimo

    > mi sembra di averti fornito qualche
    > argomentazione che mi a occupato per ben più di 5
    > minuti

    A quanto pare non ti ha "occupato" a sufficienza per dire che forse al fronte è meglio non andarci che tornare o tornare "storpi"...

    Questo è il tuo problemino!

    Vedi se riesci a impiegarci il tempo sufficiente a evitare di tornarci a tediare col tuo "male minore" da 4 palanche!
    non+autenticato
  • Azzz...pure la nonna "giapponese"
    non+autenticato
  • 1░ Le atomiche di Hirosyma e Nagasaki furono sganciate essenzialmente per stabilire da subito il primato dell'America sul resto del mondo (sopratutto all'URSS) e solo consequenzialmente per far finire una guerra che ormai il Giappone AVEVA GIA' PERSO. Hyroshima e Nagasaky sancirono l'inizio della guerra fredda tra URSS e America (studiati Yalta).
    2░ Negli attuali scenari delle varie guerre (esportate dai soliti noti) in giro per il mondo, il vero obbiettivo è la crescita del PIL delle nazioni industrializzate (America in testa a molti altri). Tutto questo, naturalmente, sulle spalle di civili inermi che muoiono quotidianamente senza nemmeno capire il vero perchè.
    Oggi la guerra si fa solo se economicamente redditizia: una volta messa in piedi, deve continuare fintanto che serve.
    3░ I tuoi ragionamenti sono (sotto il profilo storico) estremamente ingenui e quindi non condivisibili.
    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mastro Ciliegia
    > 1░ Le atomiche di Hirosyma e Nagasaki furono
    > sganciate essenzialmente per stabilire da subito
    > il primato dell'America sul resto del mondo
    > (sopratutto all'URSS) e solo consequenzialmente
    > per far finire una guerra che ormai il Giappone
    > AVEVA GIA' PERSO. Hyroshima e Nagasaky sancirono
    > l'inizio della guerra fredda tra URSS e America
    > (studiati
    > Yalta).

    immagino che tu abbia tonnellate di link da postare a sostegno di questa tesi

    > 2░ Negli attuali scenari delle varie guerre
    > (esportate dai soliti noti) in giro per il mondo,
    > il vero obbiettivo è la crescita del PIL delle
    > nazioni industrializzate (America in testa a
    > molti altri). Tutto questo, naturalmente, sulle
    > spalle di civili inermi che muoiono
    > quotidianamente senza nemmeno capire il vero
    > perchè.
    > Oggi la guerra si fa solo se economicamente
    > redditizia: una volta messa in piedi, deve
    > continuare fintanto che
    > serve.

    immagino che tu abbia tonnellate di link da postare a sostegno di questa tesi


    > 3░ I tuoi ragionamenti sono (sotto il profilo
    > storico) estremamente ingenui e quindi non
    > condivisibili.
    > Ciao

    immagino che tu abbia tonnellate di link da postare a sostegno di questa tesi
    non+autenticato