Luca Annunziata

Google spiega il down di Gmail

Il guasto, se così può essere definito, è partito in Europa e si è propagato ovunque. Da Mountain View si scusano e offrono ai clienti paganti un risarcimento

Roma - Un banale errore di programmazione, un intervento di manutenzione programmato da tempo, e il patatrac è dietro l'angolo. Il disservizio, durato poco più di un paio d'ore, che ieri mattina ha paralizzato gli account Gmail di mezzo mondo, è stato causato da un recente aggiornamento al software che gestisce le centinaia di milioni di caselle di posta del servizio. Un guasto che si è propagato a catena in tutti i datacenter di BigG, e che ha messo in seria difficoltà gli utenti e persino i dipendenti di Mountain View: anche questi ultimi lavorano con Gmail via web.

"Un sacco di gente ci chiede cosa sia successo - ha scritto sul blog ufficiale di Gmail Acacio Cruz, responsabile dell'uptime del servizio - così abbiamo pensato avreste gradito una spiegazione". A quanto pare, un intervento di manutenzione previsto da tempo in uno dei datacenter di Google localizzato nel Vecchio Continente ha avuto dei risvolti imprevisti: "Di solito queste operazioni non creano problemi, perché semplicemente il servizio per gli account viene garantito da un altro datacenter".

In questo caso, invece, qualcosa non ha funzionato: "Alcuni effetti collaterali, non previsti, di certo nuovo codice che tenta di tenere i dati di un utente vicini a lui geograficamente, ha causato il sovraccarico di un altro datacenter in Europa. E questo - prosegue Cruz - ha causato problemi a cascata da un datacenter all'altro". Insomma un classico effetto domino che in breve ha messo in ginocchio l'intera infrastruttura: "Ci è voluta circa un'ora per riportare tutto sotto controllo" chiarisce il manager di BigG.
In ogni caso, spiega Cruz, "il bug ora è stato individuato e risolto, e stiamo procedendo ad apportare delle modifiche". A chi è rimasto tagliato fuori per ore dalla propria casella, va tutta la solidarietà del team di Gmail: "Sappiamo quanto possano essere dolorosi questi disservizi, noi stessi confidiamo in Gmail per far funzionare Google: interruzioni di questo tipo ci causano problemi allo stesso modo di come li causano a voi". Per questo, conclude Cruz, "cerchiamo sempre la causa scatenante di questi rari disservizi, così da prevenire eventi simili in futuro".

Uno stop di 2 ore e mezza, questa la cifra ufficiale secondo Google, sfora in ogni caso l'impegno preso nei confronti dei clienti paganti di Gmail (vale a dire soprattutto aziende) di garantire un uptime mensile pari al 99,9 per cento. In questo caso, ci sarebbe una penale da pagare: la cifra esatta si aggirerebbe sui 40 centesimi di dollaro (il servizio costa 50 dollari l'anno), ma da Mountain View hanno già fatto sapere di voler fare di più.

A tutti coloro che possiedono un account premium di Gmail che sono rimasti coinvolti nel disservizio, Google promette 15 giorni di servizio gratuito (per un valore di circa 2 dollari) così da farsi perdonare. Chi preferisse un rimborso può chiederlo entro trenta giorni, e dovrebbe ricevere un assegno entro qualche settimana. Ad agosto 2008, per un disservizio simile di 40 minuti, Google aveva già offerto un rimborso identico ai suoi clienti.

Luca Annunziata
96 Commenti alla Notizia Google spiega il down di Gmail
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)