I sei core di AMD sulla rampa di lancio

Le nuove CPU del chipmaker, pensate per i server, sono quasi pronte per la commercializzazione. Novità attese entro il secondo semestre: si prevedono mostri da 48 core

Roma - In casa AMD tutto è pronto per il lancio, il prossimo autunno, del primo processore Opteron a 6 core (nome in codice Istanbul). Il chip, mostrato alcuni giorni fa ad un circoscritto numero di giornalisti, si pone come rivale diretto dello Xeon six-core (Dunnington) annunciato da Intel lo scorso settembre: entrambe le CPU si rivolgono al mercato dei server di fascia alta, ed in modo particolare ai sistemi enterprise dedicati alla virtualizzazione.

Come il predecessore Shanghai, anche Istanbul è prodotto con un processo a 45 nanometri, integra 6 MB di cache L3 condivisa e un controller dual channel DDR2-800, e adotta il Socket 1207. Questa CPU conserva la compatibilità con le schede madri per Shanghai, ma necessita di un BIOS aggiornato e di una scheda che supporti linee di alimentazione separate per CPU e controller RAM.

AMD ci tiene a sottolineare come Istanbul, a differenza di Dunnington, supporti configurazioni con oltre 4 socket, aprendo la strada a sistemi contenenti fino a 48 core. L'azienda sostiene inoltre che, pur avendo incrementato il numero di core, il suo Opteron di nuova generazione conserva lo stesso livello di consumi e lo stesso thermal design power di Shanghai.
"Abbiamo riscontrato elevati risultati sulle prestazioni per-watt nei nostri test iniziali effettuati su Istanbul. Ci aspettiamo che sia gli OEM che i Solution Provider comincino la distribuzione dei sistemi basati su Istanbul nella seconda metà dell'anno", ha dichiarato John Fruehe, della divisione server e workstation di AMD.

Nella recente conferenza stampa, il produttore ha mostrato sia un server a quattro socket, per un totale di 24 core, sia un server dual-socket, entrambi con sistema operativo Windows Server 2008 e software di virtualizzazione. Qui sotto si riportano due video relativi ai test condotti dal chipmaker su sistemi con processori Istanbul.



43 Commenti alla Notizia I sei core di AMD sulla rampa di lancio
Ordina
  • Mi sembra di capire che, a parte casi molto speciali, avere più core su una stazione singola ad uso personale serve a pochino (a meno di software ben ottimizzato). Mentre sono ideali per server e per la virtualizzazione (di macchine, s.o., processi, etc.)? Ho capito bene?
    non+autenticato
  • diciamo di sì, infatti son processori da server.. non da utente domesticoSorride
    non+autenticato
  • wow...6 core!A bocca aperta
    non+autenticato
  • Per sfruttare il multicore occorre ottimizzare solo il sistema operativo o tutti i singoli processi che andranno a girare?
    non+autenticato
  • ovviamente solo il SO non basterebbe.. cmq non ho esperienze dirette ma per esempio io programmo in java e credo che per me sia solo la vm a dover gestire il multicore.. magari mi sbaglio ^^
    non+autenticato
  • Se il tuo programma non è scritto appositamente per supportare n processori, è probabile che un core si occupi del GC e un altro del programma vero e proprio. Dipende da quel che deve fare il tuo programma, magari ti va bene cosìOcchiolino
    non+autenticato
  • Beh se devi fare calcolo massivo parallelo è ovvio che il programma deve essere scritto a modo... ossia deve aprire diversi thread (ogni thread si occuperà di una parte dei calcoli) affinché ognuno di questi venga assegnato ad un differente processore. Altrimenti viene assegnato ad n processore unico e ti perdi il vantaggio di avere n core.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano R.
    > Beh se devi fare calcolo massivo parallelo è
    > ovvio che il programma deve essere scritto a
    > modo... ossia deve aprire diversi thread (ogni
    > thread si occuperà di una parte dei calcoli)
    > affinché ognuno di questi venga assegnato ad un
    > differente processore. Altrimenti viene assegnato
    > ad n processore unico e ti perdi il vantaggio di
    > avere n
    > core.

    La cosa difficile non è creare i thread ma scriversi un thread scheduler efficiente per poter gestire i thread stessi e rilocarli sui vari core. Il sistema operativo ha uno scheduler per i processi, non per i thread.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > La cosa difficile non è creare i thread ma
    > scriversi un thread scheduler efficiente per
    > poter gestire i thread stessi e rilocarli sui
    > vari core. Il sistema operativo ha uno scheduler
    > per i processi, non per i
    > thread.

    Beh, no.
    Linux tratta i thread esattamente come i processi, e ha uno scheduler che li supporta.
    Non devi scriverti uno scheduler nella tua applicazione, basta usare una funzione apposita per creare un thread, invece della solita fork() per creare un processo.

    Bye.
    Shu
    1232
  • In generale gli scheduler dei sistemi operativi moderni distribuiscono i thread sui vari processori logici senza problemi (http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threa...).
    Il punto è che per sfruttare tutti questi core ci devono essere effettivamente molti thread in esecuzione contemporanea; per sfruttare al meglio tanti core, quindi, bisogna scrivere applicazioni che facciano uso dei thread in ogni circostanza in cui servano, stando però attenti a non creare colli di bottiglia nei momenti di join tra i thread.
    All'atto pratico comunque macchine di questo genere sono usate solitamente come DB server e soprattutto per virtualizzare più server; i DBMS infatti sanno gestire molto bene l'utilizzo di più processori logici, e i gestori di macchine virtuali possono "distribuire" i core disponibili alle macchine virtualizzate.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 febbraio 2009 13.54
    -----------------------------------------------------------
  • A meno che non abbiano fatto una variante creativa della città, il nome corretto anche in inglese è Istanbul
    non+autenticato
  • Dal video della AMD si legge Istanbul.
    non+autenticato
  • Istanbul... Abbiamo corretto, grazie Occhiolino

    - Scritto da: aemmedi
    > come da oggetto..
  • tempo 5 o 6 anni e arriveremo a 30/60 core... speriamo che il software venga ottimizzato come si deve
    non+autenticato
  • - Scritto da: omissis
    > tempo 5 o 6 anni e arriveremo a 30/60 core...
    > speriamo che il software venga ottimizzato come
    > si
    > deve

    Prima della crisi economica erano usciti articoli in cui si diceva che Intel avrebbe potuto rilasciare il primo 32 core già nel 2010, tuttavia con il rallentamento dell'economia per quest'anno 8-core Nehalem per server 4-way ed il prossimo anno Nehalem 6-core per desktop di fascia alta forse anche 2-way.
    non+autenticato
  • Beh sono 4 core fisici su nehalem, dove ognuno ne gestisce due logici. Non è proprio la stessa cosa che averne 8 fisici, anzi a volte addirittura avere più core logici per ogni core fisico può portare a cali di prestazioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: blackshard
    > Beh sono 4 core fisici su nehalem, dove ognuno ne
    > gestisce due logici. Non è proprio la stessa cosa
    > che averne 8 fisici, anzi a volte addirittura
    > avere più core logici per ogni core fisico può
    > portare a cali di
    > prestazioni.

    -------

    http://www.behardware.com/news/10090/nehalem-ex-8-...
    Nehalem EX: 8 core!
    Posted on 05/02/2009 at 15:19 by Marc - source: Hexus.net
        
    Intel will reportedly unveil its first 8-core processor next week, the Nehalem EX. Designed as part of the forthcoming Xeon “Nehalem” range, it will have, in addition to SMT, 16-threads for a total of 2.3B transistors!

    This is more than 3 times as many transistors as a classic Nehalem, with an L3 cache of 24 MB (as against 16 MB for two of the classic Nehalems). There will also be a four-channel memory controller. We still don’t know when the Nehalem EX will be available, the quad-core, the Nehalem EP (similar to the desktop version) supposed to be available in March.

    -------
    non+autenticato
  • - Scritto da: blackshard
    > Beh sono 4 core fisici su nehalem, dove ognuno ne
    > gestisce due logici. Non è proprio la stessa cosa
    > che averne 8 fisici, anzi a volte addirittura
    > avere più core logici per ogni core fisico può
    > portare a cali di
    > prestazioni.

    L' Hyper-Threading nel 90% dei casi aumenta le prestazioni, con incrementi medi del 20-40%
    non+autenticato
  • Se il codice è ottimizzato come lo è sempre stato con un core solo, ci sarà da ridereA bocca aperta

    48 core per scrivere del testoA bocca aperta ... e si farà fatica
    non+autenticato
  • veramente è dal tempo del C64 che il sofware non viene ottimizzato.
    I softwaristi sono tutti degli scansafatiche che ti fanno comprare un computer ha 60 core e 1Thz per un programma che se scritto bene girerebbe su un cellulare
    VERGOGNA!!!!
    non+autenticato
  • non ci sono piu' le Z80 di una volta...
    non+autenticato
  • ma manco piu' i 6502
    non+autenticato
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    (si lo so che non era il 6502 ma il 6507 ma tantno poco cambiavaTriste

    Fan Atari
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 febbraio 2009 11.59
    -----------------------------------------------------------
  • bei tempi
    non+autenticato